Nissan Leaf e+ da 62 kWh: prova autonomia e capacità batterie dopo 10 anni

19 Gennaio 2020 477

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Nissan Leaf e+ è la versione con un'autonomia dichiarata di 385 chilometri con una carica nel ciclo WLTP. Abbiamo messo alla prova la Leaf più potente e con la batteria più capiente in un contest (poi vinto) dove non contava solamente la guida al risparmio ma anche i tempi di percorrenza, così da evitare andature da lumaca.

La prova si è svolta infatti nel mondo reale, partendo dall'aeroporto di Roma e affrontando un percorso misto che non si è fatto mancare tratti collinari pieni di curve ed extra-urbano, con la prima tappa al Castello di Santa Severa, la seconda al Museo Storico dell'Aeronautica Militare e la terza nel centro storico di Roma, a Casina Valadier, alle prese con il traffico della capitale.


e+: COME VA LA LEAF PIÙ POTENTE

Con Leaf e+ da 62 kWh non si è lavorato solo sull'aumento della capacità della batteria ma anche sulle prestazioni. Il nuovo motore elettrico AC sincrono da 160 kW (217 CV) è in grado di raggiungere 340 Nm di coppia istantanea e, nella prova su strada, questo si traduce in una facilità maggiore nell'affrontare le salite a pieno carico, oltre ad un incremento della ripresa quando si deve effettuare un sorpasso in extra-urbano.

Fresco di un ripasso con la Leaf 40 kWh (protagonista del live batteria d'inverno con prova di ricarica rapida) ho apprezzato la maggior potenza principalmente nei sorpassi. Il motore della versione base è già in grado di rispondere a tutte le esigenze del mondo reale ma quello spunto in più della 62 kWh farà la gioia di chi cerca la massima tranquillità in ogni situazione. La velocità massima cresce a 157 km/h (144 km/h per la 40 kWh).


Dopo 141,6 chilometri percorsi, Leaf e+ ha fatto registrare una carica residua del 64% (66,5% il dato reale tramite OBD) con il computer di bordo che segnava un'autonomia residua di 287 chilometri, dato che si è adattato all'ultimo tratto cittadino dove i consumi si sono ridotti di molto. Stando a questi risultati, proseguendo con la guida in città l'autonomia totale sarebbe stata di 428 chilometri, realistici nelle condizioni segnalate.

Nissan Leaf utilizza una batteria agli ioni di litio Nichel-Manganese-Cobalto con 288 celle in 16 moduli

Tirando le somme, però, si può indicare in 387 chilometri l'autonomia nell'utilizzo misto (città con tanto extra-urbano) con una guida da chi è abitato all'elettrico e sa come e quando rigenerare al meglio: consumo medio di 16 kWh / 100 chilometri. La batteria realmente utilizzabile dall'utente è di 57 kWh, Nissan tiene un cuscinetto di 5 kWh che si può notare collegandosi alla OBD e osservando il dato reale comunicato tramite app come Leaf Spy.

PROPILOT, COME VA?

ProPilot è un buon sistema di guida autonoma di Livello 2 (qui il nostro speciale ADAS) che gestisce autonomamente acceleratore, sterzo e freno. L'auto è in grado di ripartire automaticamente nel traffico a tira-molla grazie al Traffic Jam Pilot. Durante la prova abbiamo fatto un utilizzo massiccio di questo sistema che consente un efficace risparmio nei consumi, prevedendo il traffico al posto dell'uomo e adattando quindi frenata e accelerazione tramite Cruise Control adattivo (varia in base alla modalità selezionata).

Anche il sistema che centra l'auto in corsia si è dimostrato efficace nella maggior parte delle situazioni autostradali e in molte situazioni extra-urbane, aiutando il conducente a rilassarsi grazie all'aiuto nella gestione automatica dello sterzo.

RICARICA

Nissan Leaf e+ da 62 kWh si ricarica con connettore Tipo 2 per la ricarica in corrente alternata tramite caricatore di bordo da massimo 6,6 kW monofase per wallbox o colonnine pubbliche. In Modo 3 il cavo di ricarica supporta massimo 32 A, in Modo 2 (con Schuko) si arriva a massimo 10 A.

L'auto non supporta il trifase ma supporta la ricarica rapida in DC (corrente continua) tramite CHAdeMO a 50 kW.

DIMENSIONI E BAGAGLIAIO

Nissan Leaf e+ mantiene le stesse dimensioni del modello da 40 kWh: 4.490 mm lunghezza x 2.030 mm larghezza (specchietti inclusi) x 1.530 mm altezza. Il passo è di 2,7 m e la capacità del bagagliaio è di 435 litri.

PREZZO E INCENTIVI

Se guardiamo al listino Nissan Leaf e+ N-Connecta parte da 44.775 euro, una cifra che va decurtata dall'EcoBonus rinnovato anche per il 2020. Il prezzo di partenza, usufruendo del massimo eco-incentivo (6.000€ con rottamazione) e accompagnato dallo sconto proposto da Nissan è di 35.000 euro netti.

In caso di acquisto rateale si può approfittare della proposta Intelligent Buy da 24 rate da 199€ al mese con un anticipo di 8.017€. Il valore residuo garantito è di 25.970 euro.

Leaf e+, partendo da N-Connecta, ha di serie cerchi in lega da 17", pacchetto ProPilot (Cruise Adattivo, freno elettrico, mantenimento corsia e Traffic Jam Pilot), fari a LED automatici, specchietti elettrici, volante e sedili (anche dietro) riscaldabili, keyless, vetri oscurati, retrocamera e videocamere a 360 gradi, sensori anteriori e posteriori e Nissan Connect da 8" con Apple CarPlay e Android Auto.

Configuratore online Nissan Leaf e+ (62 kWh)

BATTERIE ESAUSTE NISSAN LEAF (GEN 1)

Sono passati 10 anni dal debutto della prima generazione di Nissan Leaf con le batterie da 24 kWh, modello che è stato protagonista della guerra delle auto elettriche raccontata in QUESTO video. Oggi, negli stessi ingombri grazie ad una maggior densità energetica e ad un pacco batterie ottimizzato, la capacità è quasi triplicata ma i vecchi accumulatori, ritirati dal mercato dove la vita media di un'auto è di una decina d'anni (11 in Italia) diventano fondamentali per capire cosa succede alle batterie delle auto elettriche a fine vita.

Nissan ha vari programmi tra cui xStorage e, misurata tra il 60% e il 70% la capacità residua delle batterie di Leaf GEN1 dopo dieci anni (tra i 14,4 e 16.8 kWh), impiega le celle delle batterie per trasformarle in sistemi di accumulo casalinghi o industriali. Le batterie, in questo modo, continuano a vivere per altri dieci anni, rinnovando quindi l'appuntamento con lo smaltimento e il riciclo alla fine della prossima decade. Le celle vengono assemblate in pacchi di dimensioni variabili, da quelli più compatti per l'utilizzo casalingo insieme ad un fotovoltaico da tetto, agli accumulatori di maggiori dimensioni per l'utilizzo industriale o per stabilizzare un impianto di produzione da rinnovabile (parchi eolici, solar farm e via dicendo).

VIDEO


477

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giuseppe Geraci

L'ignoranza nel tuo commento pervade ancora nell'aria dopo un anno...

andrea

PS non hai letto bene la risposta precedente, non parlavo di costo puro di energia, ma di tutto il complesso dei costi a consumo (materia, dispacciamento ecc)

andrea

Ma cosa c'entra? Per ora i costi fissi sono indipendenti dal fatto che possiedi o meno una auto elettrica.

Allora chi non ha auto elettrica quei costi fissi non li paga? Li paga lo stesso.

Le tasse a consumo sono tutt'altra cosa, ma per ora si ragiona con i costi attuali. Se domani metteranno 10 cent al kWh di tassa, allora domani si rifaranno i conti. Ma per ora è così.

È semplice matematica, se voglio sapere quanto pago ogni kWh aggiuntivo devo togliere qualsiasi costo fisso (a meno di contatore dedicato alla sola ricarica, oppure aumento di potenza: se si passa da 3 a 6 kW, è giusto che quei 70€ annui aggiuntivi siano addebitati esclusivamente alla macchina elettrica, anche se avessi prelevato solamente 100 KWh perché magari si è trovata colonnina gratis vicino. Ma in ogni caso addebitati alla macchina elettrica ma a parte, non nel computo del costo al kWh).

Cristiano Grigio

Anche alla colonnina pubblica pagherò sempre una quota di manutenzione, costi di distribuzione, costi servizio etc.
Non si può ragionare solo di costo puro energia. Soprattutto perchè progressivamente le accise saliranno, al diminuire dei consumi di carburanti fossili, lo Stato non può rinunciare alle entrate....

andrea

Appunto quel calcolo è incompleto.

Ci sono delle spese fisse ogni mese, superano il centinaio di euro annuo sul 3 kW (non ricordo di preciso avevo fatto i calcoli).

Queste quote come il canone vanno scorporate.

Perché se su 2000 kWh annui incidono ad esempio per 5 cent al kWh, su 4000 kWh incidono per 2,5 cent al kWh (e il prezzo medio non sarebbe quindi più 21 cent ma scenderebbe.
Paradossalmente, prelevando 100 kWh annui, il costo al kWh supererebbe l'euro.

Cristiano Grigio

21 cent è il prezzo FINITO, non della componente energia.
Per la precisione io pago ogni kWh 20,31 centesimi e per dire questo ho preso le bollette di un anno, gli ho tolto il canone RAI e ho diviso per il numero dei kWh consumati.
Il costo della sola componente energia è inferiore ai 7 centesimi nella fascia più cara. Ma si vive anche di accise e di noleggio contatore e di costi di distribuzione...

andrea

Certo a volte li prendo, solo quando mi sposto nei viaggi lunghi in pratica.
ma ovviamente per un minimo di igiene butto tutti i vestiti a lavare dopo, arrivo a destinazione e mi cambio.

Dovessi farlo tutti i giorni per andare a lavorare o faccio lo zozzone e tengo gli stessi vestiti oppure spenderei più per la lavatrice che per l'auto.

Klaus Giulio

Quindi tu non prendi mai autobus, nave, tram, treno, aereo, giusto?

andrea

Energia costa meno di 21 cent al kWh... al massimo 18.

andrea

Sai che schifo sederti sopra auto usata da tutti...

andrea

Qua tutti che percorrono 400 km al giorno.

Poi vai dal demolitore e scopri che gran parte delle auto demolite e vecchie di 20 anni non ha 150000 km....

Vae Victis

Tu hai scritto che il mild hybrid:
"E' una invenzione per abbasssare artificialmente i consumi durante i test. Nel mondo reale la sua utilitá rasenta lo zero."

Io ti ho fatto l'esempio che dimostra esattamente il contrario. Ho anche spiegato che oggi i test europei per verificare i consumi seguono il nuovo protocollo WLTP, che è estremamente realistico. Tu invece continui a parlare di test truccati come se si usasse ancora il vecchio protocollo NEDC.
Così si capisce?

I taxisti guidino ciò che vogliono, a me serve un auto piccola esattamente come a loro ne serve una grande. Non mi sembra un motivo per denigrare il mild-hibrid.

mail9000it

tra 10 anni leggendo le caratteristiche di queste auto, ci chiederemo :
Ma veramente al tempo, abbiamo anche solo pensato per 2 secondi di comprare questi cessi di macchine.

mail9000it

Ammetto di non aver capito il tuo intervento.
Di taxi con delle Toyota Prius ne ho visti parecchi negli ultimi 15 anni e come modello non mi é sembrato un fallimento.

E' chiaro che vuoi promuovere l'ibrido Fiat mentre io ho scritto un post parlando di tipologia di ibrido (mild Hybrid) e di autonomia in relazione alle mie esigenze senza parlare di marche e modelli.
Boh!
Non capisco.

Claudio Barbano

che consigli?

Claudio Barbano

il problema del mondo sono le emissioni di CO2, il problema delle polveri sottili e' molto meno importante

Claudio Barbano

il futuro e' la guida autonoma: nessuno, o pochissimo, avranno l'auto di proprieta' e ci sara' un gigantesco car shariing. Praticamente un Uber senza conducente con passeggeri multipli

3nr1c0

almeno 1 volta al mese, 400 km me li sparo in giornata senza problemi giusto sosta per caffe o sgranchirmi le gambe

Claudio Barbano

Costi, costi, costi ... ma quanto ci costa il cambiamento climatico non lo calcoli?

Claudio Barbano

il tutto per combattere il cambiamento climatico: Italiani per lo piu' popolo egoista e ignorante

Claudio Barbano

e nel frattempo in Italia avremo 50 gradi a maggio

Claudio Barbano

la media italiana e' sotto i 25km al giorno

Claudio Barbano

quante volte hai usato la tua macchina per 400km , senza fermarti , nell'ultimi 10 anni?

Claudio Barbano

Il SUV (a diesel o benzina) ammazza il pianeta. Fai tu

Phonenet da Gio

Troppo difficile da capire per certa gente. Hai perfettamente ragione.

Phonenet da Gio

Io le colonnine in giro le vedo e sono oltretutto gratis se vuoi restare un fossile usa la benzina, quando finirà ci metterai piu di 5 min per caricarla

Diabolik82

il problema è che la ricarica notturna è possibile solo se hai un tuo garage dove poter ricaricare l'auto di notte. Oppure, ma credo siano veramente realtà minori, se hai un posto auto con postazione di ricarica in strada...

Cristiano Grigio

Le Ionity passano a 0,79€/kWh per chi non ha un contratto o un accordo con loro, cioè sostanzialmente nessuno, CHIUNQUE ha una macchina elettrica si preoccupa di procurarsi le tesserine per le varie colonnine, a quel punto i prezzi della Ionity variano tra i 29 e i 45 centesimi... costano comunque meno dei tipici 50 centesimi generici.

E non è l'unico gestore, CRIBBIO!!! Se è caro, vai da un altro.

Sarebbe come parlare di quanto costa fare una telefonata verso la Francia da un Bar che funge da posto telefonico, quando dal proprio cellulare costa o niente o come chiamare l'Italia, suvvia.

A me caricare in casa costa 21 centesimi al Kw e se faccio anche 100 km al giorno (che NON faccio) me la carico in una notte usando 2,3 Kw del mio normalissimo impianto con una comunissima spina (dalle 8 di sera alle 8 di mattina sono 12 ore, ci carico quasi 30 Kwh, SVEGLIA!!!!)

Developer

rimango dell'idea che l'ibrido sia la soluzione per i prossimi 10anni. poi si vedrá cosa esce a livello di alternative.
la direttiva euro6d rimane proprio a limite per le auto citycar senza contare le gabbole per pagare di meno le sanzioni...cmq tutto questo in europa, nel resto del mondo che fanno?

StephanieThompson34
MelissaSanchez36

Hello) I'm simply looking for a man who is romantic, loving, and gentle. I also want a man who is interested in traveling, and I hope to travel with him someday. Most of all, I want his love for me to be pure. In return, as a partner and lover, I will give my full love and care to him forever. I'm willing to take care of household responsibilities. For more info come to my profile.

PamelaWilliams20

Hey ) I want to find a real man with a strong character who will act for our meeting, love, passion. Only one criterion that should be in my choice its emotional maturity. Before I come to this site, I for a long time analyzed and I understood that here I can acquire what I want so long. Please contact me.

CarolVillarreal36
SallyHernandez29

Hello) I do not have an image of my future man. Yes, true. I'm sure I will recognize him. In his eyes, in the way he will speak. I believe in true deep connection between soulmates. I believe that people feel this in the first sounds of a voice, at first sight and first touch. I want my future man to think in the same way. I want him to believe in soulmates and true unconditional love. See my profile.

CaseyRoberts38
3nr1c0

Quindi dovrei dormire una notte strada facendo per ricaricare? poi vorrei vedere ad installare colonnine di ricarica in box condominiali, oltretutto magari in estate con tutti i condizionatori la corrente salta ed il giorno dopo non vai in ufficio xche a secco. Ad oggi questa soluzione è ancora per pochi, quando ci saranno infrastrutture capillari e tutti i posti auto / parcheggi dotati di ricarica allora sara una scelta sensata ma ora non troppo

Enrico Garro

E tu fai 800 km tutti i giorni? La stragrande maggioranza delle persone fa meno di 50 km al giorno, ergo ben al di sotto dell'autonomia delle elettriche che ho citato. Un viaggio di 500 km lo fai una/due volte se va bene

3nr1c0

permettimi, oggi con la mia vettura ho un autonomia di 800Km ed il pieno lo faccio in 5 minuti, quando arriveranno ad avere un autonomia di 500km ed il pieno in 30minuti sicuramente saranno ok ma ora come ora personalmente no

Andrea M.

e perchè il trend dovrebbe continuare? Miliardi di investimenti a 360° su vetture, infrastrutture, rinnovabili, ricerca e sviluppo di nuove soluzioni, perchè dovrebbe?

Enrico Garro

Che i prezzi siano ancora molto alti è un dato di fatto. Ma autonomie ridicole direi di no; le elettriche migliori (telsa, kia soul/niro, id3) hanno tutte oltre 400 km di autonomia nel misto.

3nr1c0

Sicuramente tra 10 anni sara come dici tu e lo spero fortemente, ma oggi ci propinano autonomie ridicole a prezzi da top di gamma, è questo il problema

GinoGinoPilotino

Grande grazie

Tony Musone

Purtroppo i dati Lombardi sono fermi al 2014 ma col metano i PM sono ridotti all'osso, i problemi riguardo al gas, sono altri.

Emissioni di PM10 totali annue (t/a) ripartite per macrosettore e combustibile in Lombardia – dati finali 2014
https://www.arpalombardia.it/Pages/Indicatori/2018/Aria/Emissioni-materiale-particolato-2018.aspx

Inventario - Risultati Provincia di Milano 2014
http://www.inemar.eu/xwiki/bin/view/InemarDatiWeb/Milano

Inventario - Risultati Regionali 2014
http://www.inemar.eu/xwiki/bin/view/InemarDatiWeb/Risultati+Regionali

PadreMaronno

Giorni fa entrai in una concessionaria renault, ebbene mi proponevano una piccolissima utilitaria (più piccola della panda) a 39 mila euro... Difronte a me c'era un suv di tutto rispetto a 42 grande quanto un range rover.
E ho detto tutto.
Ah, io mi spaventerei ad accendere aria condizionata/aria calda + fari + stereo. Ogni cosa che fai si ste macchine ti diminuisce la durata della batteria e la ricarica della stessa non è così semplice e veloce

GinoGinoPilotino

Son interessato a vedere i dati di emissione, col metano si hanno zero polveri sottili ?

valmorci

..ho uno smartphone che può condividere la carica della batteria....se lo appoggio su una macchina elettrica con batteria scarica me la può ricaricare?.....popoli schiavi (anche se senza catene)....la loro esistenza è necessaria...inconsapevoli (più o meno) vacche da mungere. L'ignoranza sarà di moda...... https://media3.giphy.com/me...

L'ignoranza è forte dentro di te.

Tony Musone

Veramente a Milano più del 90% dei riscaldamenti è a metano, sono stati stanziati (negli anni) più di 40 milioni di euro come contributo alla sostituzione di vecchi impianti e da ottobre 2023 tutti quelli rimasti a gasolio saranno vietati

andrea

Vedi forum elettrico, li tutti quelli che hanno le auto dicono i pro i contro...poi parlano dei prezzi e delle caratteristiche delle nuove (ad esempio la corsa elettrica la prendi a 20000€ con incentivi rottamazione...ma ha interni non un gran che...la citigo stai sotto i 15000€ e se come dimensioni ti va bene...
Se spendi 45000€ certamente la model3, la Kona è valida ma troppo poca la differenza di prezzo col model3...mentre se vuoi spendere meno... comunque se apri un post li e spieghi esigenze sicuramente ti rispondono

DESMOSTE

E quale sarebbe?

Auto

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Curiosità

Apple Car, una storia infinita: cosa sappiamo finora | VIDEO

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video