Nissan Z Proto, in attesa del debutto un nuovo teaser della sportiva

08 Settembre 2020 0

Nissan si sta preparando a presentare ufficialmente la nuova sportiva Z Proto, erede della 370Z. Il lancio si terrà in forma totalmente digitale il prossimo 16 di settembre. Nell'attesa del debutto, il costruttore giapponese ha condiviso un nuovo video teaser da cui emerge che le linee dell'auto riprenderanno quelle di alcuni modelli "Z" del passato. Per esempio, dal breve filmato si capisce che i fari anteriori sono chiaramente ispirati a quelli della Fairlady Z e i fanali posteriori a quelli della 300ZX.

L'auto dovrebbe essere una coupé a trazione posteriore e visto il nome si potrebbe trattare di un prototipo e non di un modello pronto alla commercializzazione. Non sarebbe la prima volta che Nissan segue una strada simile. Nel 2005, infatti, fece la medesima cosa con la GT-R Proto. Sfortunatamente, al momento, non si sa molto di più di questa sportiva. Le sue specifiche tecniche non sono note. Piccola curiosità. Alla fine, il video si concentra per un istante sulla zona del cambio. Un dettaglio che potrebbe far pensare alla presenza di una trasmissione manuale.

Dunque, bisognerà attendere ancora circa una settimana per saperne di più e capire i piani di Nissan nel settore delle sportive. Fortunatamente, nonostante il nuovo piano industriale del marchio giapponese abbia rivisto in maniera importante la strategia sui nuovi modelli, le sportive non sono state toccate.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Elettriche

Recensione Xiaomi Mi Scooter Essential: piccolo, economico e meno stradale

HDBlog.it

Amazon sorprende: Telecamera drone, Fire TV, nuovi Echo, Ring Car e Eero 6

Economia e mercato

Nikola Motor contro Hindenburg tra ipotesi di frode e crollo in borsa | Video

Speciale

Benzina o Ibrido plug-in? Consumi, costi ed emissioni. La mia esperienza