Gogoro porta il suo servizio di battery swap per scooter elettrici in Cina

11 Ottobre 2021 2

Gogoro, azienda di Taiwan nota soprattutto per i suoi scooter elettrici e il servizio di battery swap, aveva più volte sottolineato di avere importanti piani di espansione per sbarcare in altri Paesi. In particolare, aveva fatto sapere di voler entrare anche sul mercato cinese. La società ha appena annunciato di aver effettuato questo importante passo. Tuttavia, non entrerà in tale complesso ed ampio mercato da sola.

Infatti, Gogoro lavorerà con due aziende cinesi con cui aveva già stretto un accordo di collaborazione lo scorso maggio. Si tratta di Yadea, uno dei più grandi produttori di scooter elettrici e DJC, altra realtà specializzata nella produzione di scooter. Queste tre aziende andranno a creare una nuova società chiamata Huan Huan che fornirà il servizio di battery swap prima a Hangzhou (80 stazioni entro la fine del 2021) e poi in altre città della Cina a partire dal 2022.


La tecnologia del sistema di battery swap è ovviamente sempre la stessa utilizzata da Gogoro a Taiwan. Dunque, avremo una stazione attraverso la quale gli utenti potranno estrarre una batteria carica da inserire al posto di quella scarica del loro veicolo. L'accumulatore scaricato prenderà il posto di quello appena estratto e sarà poi ricaricato per essere utilizzato da altri utenti. L'intero processo di scambio della batteria avviene in tempi rapidissimi (circa un minuto).

Il servizio di battery swap sarà utilizzabile con i modelli appositamente creati dai due partner di Gogoro. Yadea ha già presentato due nuovi scooter compatibili con il sistema dell'azienda di Taiwan, mentre DCJ ha realizzato un prototipo di scooter elettrico con batterie di Gogoro che sarà pronto per entrare in commercio nel 2022.

La Cina sta spingendo molto sull'adozione dei veicoli elettrici per ridurre le emissioni inquinanti. Gli scooter elettrici, in particolare, sono considerati perfetti per la mobilità nelle grandi città cinesi sempre più oberate dalle auto. Per Gogoro, dunque, arriva la ghiotta opportunità di espandere le sue attività in un mercato enorme che potrebbe fungere anche da test per il futuro sbarco in altri Paesi. Al riguardo, si ricorda che Gogoro punta anche al Vecchio Continente. Per sostenere i suoi piani di crescita, la società ha anche stretto un'importante collaborazione con Foxconn.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Surak 2.04

Poi sbarcheranno in Italia e ci sarà chi dice che ci invadono, dopo che per decenni questa soluzione ovvia (ma finalmente applicata bene) avrà accumulato vantaggio tecnico e di numeri in Cina. Eh, ma vuoi mica metterti contro le lobby dello Status Quo e interessi consolidati.
Da notare poi il tempismo... un'azienda dell'isola ribelle cinese che si accorda con aziende del resto della Cina mentre chi gestisce il territorio vuol farsi la guerra o terzi lo sperano

dxdanny

Gli scooter sono orrendi, ma l'idea del battery swap è quella giusta per far decollare il mercato elettrico. La stessa cosa fa Nio nel settore delle auto elettriche con il suo servizio Battery as a service. Ti fermi al rifornimento e ti cambiano il pianale batterie (opportunamente predisposto) sostituendolo con uno carico. Fai il pieno in meno tempo che con il gasolio. Solo con una rete distributiva di questo tipo si può pensare alla mobilità elettrica per fare viaggi altrimenti è illusorio pensare che ci si fermi per 2-3 ore a ricaricare le batterie durante un viaggio.

In viaggio con la Zero SR/F: la sfida elettrica su due ruote

Horwin EK3: ecco come va lo scooter elettrico da 95 km/h | Recensione

Recensione NIU N-Series: è arrivata l'ora dello scooter elettrico

Zero SR: recensione della naked elettrica di Zero Motorcycles