Guida autonoma: BMW e Mercedes mettono in pausa la collaborazione

20 Giugno 2020 22

BMW e Mercedes hanno fatto sapere di aver deciso di mettere in pausa la loro collaborazione nel settore della guida autonoma. Come noto, lo scorso anno i due Gruppi avevano comunicato la volontà di voler lavorare assieme allo sviluppo di questa tecnologia ed in particolare sui sistemi di assistenza alla guida avanzati con livello di automazione 4. (Qui la guida sui livelli di guida autonoma)

L'obiettivo finale era quello di portare sulle auto entro il 2024 questa tecnologia. Si trattava, quindi, di un modo di sfruttare le sinergie di entrambi i costruttori per accelerare lo sviluppo di una piattaforma che richiede ingenti investimenti. Ma dopo un'attenta analisi da entrambe le parti, è stato deciso di sospendere la collaborazione. Tuttavia, non si tratta di una rottura. Il lavoro comune, infatti, potrebbe riprendere in futuro.

I due Gruppi andranno avanti per la loro strada in questo settore, ma non necessariamente da soli in quanto non sono escluse collaborazioni con nuovi partner. Mercedes, per esempio, guarderà anche al di fuori del settore automotive. Il motivo che avrebbe portato allo stop dei rapporti tra le due aziende sarebbe per lo più di natura economica.

Alla luce delle spese connesse alla creazione di una piattaforma tecnologica condivisa, nonché delle attuali condizioni economiche e commerciali, i tempi non sono giusti per un'attuazione efficace della cooperazione.

Del resto, il momento per il mondo dell'auto è molto difficile, soprattutto dopo lo scoppio della grave crisi sanitaria. Non per nulla, molti costruttori hanno dovuto rivedere alcuni piani di sviluppo di modelli e tecnologie. Per il momento, dunque, i due Gruppi correranno da soli. Questa decisione, comunque, riguarda solo il settore della guida autonoma. Nessun cambiamento è stato comunicato, infatti, su tutte le altre attività portate avanti in comune.


22

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fabrizio

Di certo è un periodo difficile, ma in US continua ad andare fortissimo e le auto che progetta e costruisce in Europa si sono dimostrate essere spesso superiori alla concorrenza (vedi Fiesta e Focus vs Polo e Golf) soprattutto su elementi come la dinamica di guida.
VW ha già mille modi di ricarrozzare le proprie auto e spero Ford non scenda così in basso, perderebbe il vantaggio competitivo.
Ma ci sta che condividano i costi di sviluppo / test su progetti costosi come l'autonomuous driving, avendo già l'accordo per usare la piattaforma MEB per le elettriche (in quel caso è stata anche VW a puntare alla collaborazione per dividere i costi fissi su un numero maggiore di veicoli).

Vae Victis

Per come la vedo io Ford+VW non è una alleanza, è quasi una acquisizione.
Ford ha gravissime difficoltà economiche sia in Europa che in Brasile, dove già prima del virus perdeva miliardi. E' in declino anche in Cina.
Ha abbandonato il segmento A. Ha dismesso la Fiesta in Brasile. Ha chiuso una fabbrica di camion. Ha chiuso le fabbriche in in Russia.
Sostanzialmente basterebbe un temporale negli USA per mandarla in bancarotta.
Non ha più abbastanza soldi per sviluppare i modelli europei/sudamenricani.

Per questo motivo comincierà a vendere delle VW ricarrozzate.

Fabrizio

Però stanno nascendo varie alleanze proprio per condividere i costi, vedi Ford con VW.
A Trento c'è una delle due sedi del centro ricerche FCA (l'altra ovviamente è a Torino), sono particolarmente attivi anche sul lato C-V2X avendo anche dimostrato lo scorso novembre degli use case con la 5GAA

Paolo C.

Mica si parla di un solo sensore. Ci sono diverse teorie su quanti e quali sensori usare. Più telecamere sono in grado di dare una visione stereoscopica, e percepire bene la profondità. Il problema é che servono altri sensori come gli infrarossi o un lidar in grado di mappare in 3d il mondo anche in condizioni di scarsa luminositá, nebbia, acqua e via dicendo. Si parla di processare real time molti input e filtrare i rumori e riconoscere gli oggetti realmente a livello semantico.

Fabrizio

Non penso sia la stessa, ma BMW e FCA hanno collaborato ad un progetto di guida autonoma in modo ufficiale, ci sono stati anche articoli a riguardo.
Poi immagino ci sia un certo grado di confidenzialità sui dettagli. magari stanno proseguendo ancora ma semplicemente non ci sono notizie ufficiali perchè aspetteranno di avere qualcosa da annunciare

Vae Victis

Non lo so. Ricordo che avevano valutato di comprare una quota di quella JV, ma poi non credo lo abbiano fatto. O meglio, non ne ho più avuto notizia. Magari lo hanno fatto senza annunciarlo.
Però mi sembrerebbe strano. Se ci fosse stata anche FCA in quella JV la avrebbero menzionata in questo articolo.

Fabrizio

FCA era partner di BMW anche su questo tema

Fabrizio

Veramente FCA si era alleata proprio con BMW, erano uscite notizie anche qui.

Vae Victis

Rispetto a VW sono tutti superiori. VW ha iniziato solo 8 mesi fa a lavorare sulla guida autonoma. Inoltre a livello di SW non hanno buona fama. Dal dieselgate alla ID3 che non funziona...

Il problema di fondo però è che quando scrivono "guida autonoma" in realtà si riferiscono a sistemi di assistenza alla guida. Sono 2 cose totalmente diverse che non possono essere progettate insieme.
In termini di assistenza alla guida Tesla è messa meglio, ma quel sw non potrà essere riutilizzato per la guida autonoma.

Chi sta lavorando sulla guida autonoma VERA è partito direttamente puntando a quella, con tutti i sensori che servono. Non è fattibile creare un SW a tappe intermedie. Quindi quello di Tesla rimarrà per sempre un sistema di assistenza alla guida, che VW vuole imitare.

Altri costruttori invece si riforniuscono dell'assistenza alla guida presso terzi e concentrano i propri sviluppi sulla guida autonoma vera.

Vae Victis

Waymo e Aurora, certamente, ma FCA ha anche un centro di ricerca congiunto con l'università di Trento che sta mettendo a punto la guida autonoma, quella vera, non le assistenze alla guida di vario livello.
Gli altri costruttori li vedo tutti arrancare. Tanti annunci ma poi risultati scadenti.

Vae Victis

La tipologia del sensore è di fondamentale importanza. La telecamera legge una una immagine piatta, non recepisce l'informazione della profondità. Inoltre è molto sensibile allo sporco e alle intemperie.

Dove non c'è il sensore non c'è nemmeno il pezzo di software. Basta guardare i risultati, non gli funziona la frenata automatica nemmeno di fronte a ostacoli enormi....
E' chiaro che con quel sistema la guida autonoma non si potrà mai avere. Mancano proprio i presupposti.

Paolo C.

Il radar é solo uno dei sensori, in realtà puoi utilizzare anche altri sensori e ottenere gli stessi risultati. Quello che in realtà fa la differenza é il software. Non é un caso che Tesla sia in silicon valley, chiediti perché.

Paolo C.

Non è FCA ad essere avanti ma Google, che é ben diverso. FCA é solo un partner tecnico ma il know how é Google-Waymo

Paolo C.

Questi non hanno i soldi. Per sviluppare un progetto di questi tipo serve un know how mostruoso nella gestione di di sistemi complessi e investimenti di miliardi e miliardi in infrastrutture e personale. Marchionne lo aveva capito fin da subito e si era accordato con Google. I crucchi arroganti si sono squagliati dopo tanti proclami. Dinamica simile anche per i veicoli elettrici. Popolo di buffoni.

Madfranck

sei il solito blablaaro di turno. tutti gli incidenti verificatisi con le tesla sono stai causati da imperizia del guidatore. solo 1 e' colpa della tesla. Ma essendo la prima ad offrire un livello di guida autonoma superiore a tutti, ci sta. nessuno nasce perfetto.

Madfranck

fca molto avanti? ma se per avere un'auto elettrica sono dovuti andare in francia per fondersi con un'altra azienda, come fanno ad essere avanti? e' gia' tanto se le auto prenano poco prima di andare a sbattere.. (da ferme)

Vae Victis

Sono informato. Tesla non ha le basi tecnologiche minime per poter fare la guida autonoma. Il suo software è rudimentale e pericoloso, basato su telecamerine inaffidabili. Ha lo stesso livello di sicurezza di un videogame.

Quindi non è assolutamente avanti, persino il suo livello 2 risulta molto inferiore agli altri costruttori.

La differenza è che a Telsa non gliene importa nulla se la gente si ammazza, esattamente come a Facebook non gliene importa nulla della privacy. Alcune aziende si fanno spazio non per bravura, ma perché si fanno meno scrupoli nel violare i limiti che gli altri rispettano.

Andrea Bernardo

Mi dispiace informarti che Tesla già oggi offre una guida autonoma di livello 3 di ottimo livello e attualmente non ha rivali su auto di serie... Non capisco questa moda di andare contro Tesla per partito preso... Probabilmente entro 1 anno ci saranno grandi aggiornamenti, se non addirittura già un livello 4 di autonomia... Musk ha spiegato più volte come l'assenza di sensori Lidar potrebbe non essere un problema, sono correnti di pensiero diverse... È presto per giudicare... Resta il fatto che Tesla alla data odierna resta senza dubbio la casa più avanti in tema di guida autonoma...

Dajant

Che senso ha mettere dei sensori per la guida autonoma se ancora non è regolamentata e non potresti girare per strada? Ci vorranno ancora un po' di anni perché diventi realtà, intanto si fanno le ossa con la guida assistita

Vae Victis

Tesla non ha nemmeno i radar di base che servono per fare una guida autonoma.

La guida autonoma è quella di livello 5. Tutto il resto è assistenza alla guida.

Vae Victis

Probabilmente i risultati ottenuti finora erano insoddisfacenti, e siccome hanno bisogno di tagliare i costi hanno deciso di farlo. Compreranno la guida autonoma da fornitori esterni.

Una azienda che invece sembra essere molto avanti con gli studi è FCA. Penso che in pochi anni arriverà la sorpresina.

Salvatore Provino

TSLA stocks https://uploads.disquscdn.c...

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren