La crisi dei chip ferma lo stabilimento di Melfi sino al 10 maggio

03 Maggio 2021 3

La crisi dei chip sta causando pesanti ripercussioni al settore automotive con diverse case automobilistiche che devono rallentare la produzione delle loro auto o addirittura arrivare ad interromperla per alcuni periodi. Un problema che sta colpendo ovviamente anche il Gruppo Stellantis e tutti i suoi marchi.

SI FERMA MELFI

Il Gruppo automobilistico ha annunciato un nuovo fermo produttivo a Melfi che partirà da oggi sino al prossimo 10 di maggio. Durante questo periodo, i circa 7 mila dipendenti saranno messi in cassa integrazione. Il Gruppo, dunque, non avrebbe un numero sufficiente di semiconduttori per portare avanti la produzione dei suoi modelli all'interno di questo stabilimento. A complicare le attività del sito anche un calo della domanda dovuta alla crisi attuale del settore.

All'interno della fabbrica sono costruiti i modelli Fiat 500X, Jeep Renegade e Jeep Compass. Non è la prima volta che questo sito produttivo si ferma nel 2021. E il problema della carenza dei chip potrebbe durare ancora a lungo portando la produzione delle auto a singhiozzo. Non si parla ovviamente solo del Gruppo Stellantis ma pure della maggior parte dei costruttori. Per esempio, a livello europeo sempre più case automobilistiche stanno lanciando allarmi sulla carenza dei semiconduttori che potrebbe condizionare la produzione dei veicoli nel corso dei prossimi mesi.

La soluzione al problema, infatti, non sembra dietro l'angolo. Addirittura, di recente, Volkswagen aveva affermato che il secondo trimestre del 2021 potrebbe essere peggio del primo. Proprio a casa dell'incertezza sulla fornitura di chip, la casa automobilistica tedesca non riuscirebbe ad avere una chiara visione delle prospettive di produzione per l'intero anno. C'è anche chi, però, ha trovato una soluzione "creativa" per poter riprendere la costruzione delle auto.

Peugeot, per esempio, per continuare la produzione dell'attuale generazione della sua 308, ha deciso di offrire ai clienti modelli privi del cruscotto digitale. Al suo posto, una "tradizionale" soluzione analogica.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vae Victis

I francesi hanno le pezze al cu.o

luca bandini

la crisi dei cip c'è sicuramente ma scommetto qualsiasi cosa che si sarebbero fermati comunque come ogni anno...

Audi-TT-MK1-180cv
Auto

Kia XCeed Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi, risparmio e costi

Auto

Hyundai IONIQ 5: quanto costa e quando arriva in Italia | Video anteprima

Suv

Opel Grandland X Hybrid4, in pista da cross con un SUV Plug-in 4WD | Video

Auto

Volkswagen ID.4: consumi reali, autonomia, prezzo e prova su strada | Video