Volkswagen: l'auto elettrica ve la ricaricherà un robot | Video

27 Dicembre 2019 77

Ricaricare l'auto elettrica sarà semplice come ricaricare uno smartphone. Così termina l'articolo con il quale Volkswagen presenta il robot dedicato alla ricarica dei veicoli elettrici. Sarà ancor più semplice rispetto a caricare uno smartphone si potrebbe dire visto che, in base alla visione del futuro a cui punta la casa automobilistica tedesca, non sarà nemmeno necessario che il proprietario del veicolo di preoccupi di collegarlo alla stazione di ricarica: a prendersi carico di tutto sarà un robot capace di muoversi in completa autonomia.

Il sistema prevede l'impiego di una serie di accumulatori (quando sono completamente carichi possono contenere sino a 25 kWh), uno o più robot e un'app per smartphone. Quando il guidatore arriva nella stazione di rifornimento si limita ad impartire tramite app il comando per dare il via alle operazioni di ricarica: il robot si attiva, si aggancia all'accumulatore, lo trasporta, lo collega al veicolo, ed avvia la ricarica in corrente continua (sino a 50 kW); al termine effettua l'operazione inversa riposizionando l'accumulatore e nell'apposita ''docking station".


In breve, è come recarsi al benzinaio, con la differenza che un robot sostituisce l'uomo, l'energia elettrica il carburante e accumulatori trasportabili le pompe di benzina fisse. In questo ultimo dettaglio sta uno dei vantaggi del sistema: il guidatore non deve parcheggiare in un punto preciso, né attendere che la postazione si liberi: sarà il robot a raggiungere la vettura e, se le dimensioni del parcheggio lo consentono, sarà possibile impiegare più robot che potranno effettuare più ricariche contemporaneamente.

Vantaggi per l'utente finale, ma anche per i gestori di parcheggi che possono essere 'elettrificati' facilmente ed a costi relativamente contenuti - non è infatti necessario eseguire grandi interventi infrastrutturali per creare postazioni di ricarica fisse, né disporre di ampie superfici, visto che l'ingombro di robot e accumulatori è contenuto. Anche gli aspetti della sicurezza sono curati: il robot è dotato di telecamere, scanner laser e sensori ad ultrasuoni che gli permettono di spostarsi nel parcheggio evitando collisioni con i veicoli in marcia.

Il robot di ricarica 'trasportabile' per il momento è un prototipo sviluppato da Volkswagen Group Components; non è stata ancora fissata una data di lancio sul mercato.


77

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro_Ax

Ma non è il garage di casa :). Si parla di garage di centri commerciali etc

Aristarco

Perche una selva? Ne basta uno calato dall'alto quando serve

Aristarco

La ricarica rapida in garage non serve a nulla

Alessandro_Ax

Qua si parla di ricarica veloce. Non hai una spina da 50kw in garage :). Altro che fili da 4 e mezzo :D

Alessandro_Ax

A parte per il robot, ricaricare da batteria verso batteria potrebbe avere un enorme vantaggio: la batteria del distributore può caricare lentamente, diciamo a 10/15kw per esempio, e quando un auto ha la necessità può essere ricaricata con la fast charge a 50kw o più. Così anche laddove non ci siano infrastrutture per la ricarica veloce, essa sarebbe comunque possibile. Unico neo è che comunque è una batteria in più da costruire e smaltire

Fabio Cialdella

É una soluzione a cui hanno giá pensato! L'ape piaggio appena presentata funziona cosí. Il problema é creare uno standard per le batterie ma dato che ognuno pensa a svilupparle autonomamente la vedo dura.

Account Anniversario

Li schiaccerò con il pullman sti cosi mi sa...

sgarbateLLo

una selva di cavi volanti non mi sembra ottimale per la sicurezza

Stefano Ferri

Usare una batteria per caricare una batteria è L' apoteosi della stron2@ta . Pazienza su un telefono o tablet in caso di emergenza ma crearne uno standard è folle.
Ma è ovvio che sia così alla fine le cose benfatte per i bevendoti rendono meno .

MatitaNera

Io?

DeeoK

Sì, probabilmente sì. Anche perché comunque si tratterebbe di fare le tracce a terra e montare colonnine che in genere durano parecchio. Certamente una spesa iniziale maggiore, ma molto più sensata anche solo sul medio termine.

Unit-01

Ovvio ,duravano troppo..

dicolamiasisi

io non mi fido...meglio fca

PassPar2_

Ma io volevo la macchina a benzina!

PassPar2_

In realtà è molto più semplice, si.

Aristarco

Pessimo...

Aristarco

Sono già cablati dove sta il problema?

MatitaNera

Infatti sono spariti.

sgarbateLLo

Per ogni posto auto? La vedo difficile

sgarbateLLo
GianlucaA

Molto piu semplice cablare ogni singolo posto auto di un parcheggio magari da 500 o più posti.

DeeoK

Mi sembra una gran boiata che non offre vantaggi reali ma complica le cose con robot che se ne vanno a giro per i parcheggi.

Unit-01

Non devi fare il paragone con quello ,ma con i vecchi smartphone normali che avevano la sola batteria estraibile...

Unit-01

Con i nuovi telai modulari non dovrebbe essere un grosso problema ,male che va si potrebbero introdurre due o tre standard per le batterie (per auto grandi ,medie e compatte)... Ecco semmai il problema più grande è la proprio la collaborazione tra i produttori...

Ma basta con questa storia. La condanna l'ha avuta, ora sono in regola fino a prova contraria

MatitaNera

Non mi piace molto.

Aristarco

TorinoXD

MatitaNera

Ma dicevo, di che città

Aristarco

All'inizio di via po vicino ai murazzi , cmq era come esempio, anche quello di piazza San carlo é cosi

MatitaNera

Mi pare un'idea fallimentare come lo smartphone modulare

MatitaNera

Dov'è piazza Vittorio?

MatitaNera

E la AI dove la metti? Il tuo progetto non è smart.

TurboCobra11

Si, però dovrebbe esserci comunque una certa collaborazione, perchè comunque puoi farle in 3-4-5 moduli, non più di tanto e comunque sarebbe impossibile sfruttare bene tutto lo spazio senza che ci sia un accordo su dimensioni standard fra tutte le case automobilistiche. Secondo me è molto difficile, perchè comunque il loro posizionamento è in zone complicate per abbassare il baricentro, per il bilanciamento dei pesi, per la stabilità del mezzo, sarebbe una cosa complicatissima da fare, vorrebbe dire far si che si sviluppino i pianali partendo da un presupposto comune a tutti quale la dimensione dei moduli batteria, e vai a mettere d'accordo dalla FCA con la 500 alla Porsche Taycan che hanno esigenze e spazi completamente diversi difficile da mettere d'accordo seppur con la modularità.

Aristarco

Per i parcheggi coperti basta un cavo che arriva dall'alto e sei a posto

Aristarco

Hanno pile atomiche come le sonde della nasa?

Aristarco

Tutti i garage sono elettrificati, mai visto uno senza una spina elettrica o una luce

Aristarco

Immagina poi l'aggiunta della manutenzione del robot ed il rischio di danneggiamento mentre sono in movimento

Aristarco

Diciamo che é una soluzione macchinosa e costosa per risolvere un problema molto semplice, faccio un esempio, nel parcheggio sotterraneo in piazza Vittorio a torino ogni parcheggia a sensore e luce per far vedere se é occupato o meno, quindi é già dotato di canalina per poter far arrivare il cavo della ricarica, che costa un centesimo di questa soluzione e ha una manutenzione pressoché uguale a zero

Aristarco

Più che altro taroccava le emissioni

Felipo

Già vedo i poveri robot investit da guidatori distratti, presi sotto in retromarcia mentre stanno ancora finendo la ricarica, etc :)
Però interessante l'idea di non dover dotare ogni parcheggio di una colonnina, bensì "portare" la colonnina laddove serva.
Le considerazioni su perdite di efficienza, numero di batterie aumentato, etc lasciano il tempo che trovano visto che la data di lancio sul mercato sarà molto diversa da "dopodomani". Quando questi robot inizieranno a girare nei parcheggi, l'evoluzione dell'elettrico sarà ben lontana da dove siamo ora.

TurboCobra11

Il problema dei costi delle materie prime relativamente alle macchine elettriche sono le batterie, non tutto il resto, quindi non si spiega il perché avere sistemi con più batterie senza motivo, oltre al fatto che sono anche l'elemento più sottoposto ad usura. Basterebbe creare delle aree dedicate alle elettriche per la sosta e il parcheggio, via via più grandi pian piano che le elettriche prenderanno piede e servizio sarà richiesto, rendendo il costo molto più leggero e spalmabile nel tempo, e per agevolare la ricarica basterebbe sviluppare la ricarica wireless con delle piastre sotto il veicolo, così da non dover smanettare con cavi e altro. Arrivo parcheggio e con lo smartphone (Nfc e/o qrcode si avvia la ricarica, se non direttamente dal sistema multimediale dell'auto. Senza Robot e senza accumulatori, venitemi a spiegare come farebbe ad avere costi maggiori. Poi certo la ricarica è più lenta, ma vorrei sapere quanto reggerebbero le reti elettriche se cominciano ad esserci decine se non centinaia di auto in ricarica a150kw se non oltre tutte insieme, quando in estate ci sono dei cali con i soli climatizzatori e le normali abitazioni con potenza disponibile 3 o magari 4,5kw. Vedremo, ma secondo me ci saranno grossi problemi se l'elettrico prenderà piede, cosa non scontata, visto che la soluzione alla capacità e costo delle batterie non è dietro l'angolo.

Ale Jordan

Io non ci credo

Unit-01

Modulari.

TurboCobra11

Che comunque sarebbero necessarie più di una per auto perché dovrebbero esserci sempre quelle pronte da mettere su e quelle scariche devono avere il tempo di caricarsi, e già a costi siamo andati oltre la decenza, senza contare che ogni telaio ha i suoi spazi e i relativi pacchi batteria, oltre al rischio che smonta e rimonta si danneggi qualche cella e poi prenda fuoco il pacco batteria.

Unit-01

In che senso nuove?

Davide Zhang

Cioè quello che intendo io è che comunque la batteria che porta il robot deve essere comunque ricaricata dopo che è stata utilizzata per "rifornire" una macchina, esempio tra caricare direttamente l'auto tramite la colonnina c'è un 10% di dispersione (numeri a caso), ma se metti in mezzo che comunque devi ricaricare il pacco batterie e poi dal pacco batterie ricaricare la macchina hai un 20% di dispersione. (numeri sempre a caso)

Zlatan10

Il costo delle nuove batterie chi lo deve sostenere?

Zlatan10

L'idea è interessante.
Bisognerà capire se il sistema è funzionale ed efficiente davvero.

Unit-01

La butto li , idea mia...: invece di fare da robo-powerbank che ricaricano le batterie interne nelle auto non sarebbe meglio fare auto con batterie modulari in modo da essere sostituite in brevissimo tempo?

dicolamiasisi

ma vw non era quella che taroccava i consumi?...io guarderei altri brand

Honda e: prova su strada, autonomia e prezzo dell'elettrica tecnologica | Video

Auto elettriche più vendute: la top 10 in Italia nel 2018

Salone di Francoforte 2017: le novità dalla A alla Z

Nissan LEAF: ecco l'elettrica da 378 km di autonomia