Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Rapporto ACI-ISTAT, nel 2022 in Italia aumentano incidenti e morti

25 Luglio 2023 75

ACI e ISTAT hanno pubblicato il nuovo rapporto sugli incidenti stradali per l'anno 2022. L'analisi mette in evidenza una crescita degli incidenti, dei morti e dei feriti rispetto al 2021. Ma andiamo con ordine. Lo scorso anno c'è stata un'importante ripresa della mobilità dovuta al fatto che si è esaurita la fase acuta della pandemia.

Con l'aumento della mobilità sono cresciuti anche gli incidenti. Complessivamente ci sono stati 165.889 sinistri pari ad un incremento del 9,2% sul 2021. Aumentano, di conseguenza, i morti (3.159 morti +9,9%) e i feriti (223.475 +9,2%). Tuttavia, i dati del 2022 sono ancora inferiori nel confronto con il 2019 per incidenti e feriti (rispettivamente -3,7% e -7,4%) e pressoché stabili per le vittime (-0,4%).

454 INCIDENTI AL GIORNO

Dunque, stando ai dati del rapporto, mediamente ogni giorno si verificano 454 incidenti (18,9 ogni ora) con 8,7 morti (1 ogni 3 ore) e 612 feriti (25,5 ogni ora). L'analisi ACI-ISTAT quantifica anche il costo sociale degli incidenti del 2022 che è pari a 18 miliardi di euro (0,9 % del Pil nazionale). Si tratta di un aumento del 9,8% rispetto ai 16,4 miliardi di euro del 2021.

Nel 2022, il tasso di mortalità in Italia, cioè il numero di morti per 100 mila abitanti, è stato pari a 5,4. Lo studio racconta che questo tasso risulta essere più alto della media nazionale in 14 regioni tra le quali citiamo Basilicata (8,5), Valle d’Aosta (8,1), Emilia Romagna (7,0), Umbria e Piemonte, entrambe a 5,7. In 7 regioni, invece, il tasso è stato inferiore alla media nazionale: Liguria (3,8), Lombardia, Calabria (4,0 entrambe), Campania (4,1), Abruzzo (4,6), Sicilia (4,7) e Molise (4,8).

Per quanto riguarda, invece, l'indice di mortalità, cioè il numero di decessi ogni 100 incidenti, il rapporto evidenzia che questo valore è in crescita, in tutti gli ambiti stradali. Resta più elevato sulle strade extraurbane (4,3 decessi ogni 100 incidenti), si attesta a 3,5 sulle autostrade mentre è pari a 1,1 sulle strade urbane (rispettivamente 4,1, 3,2 e 1,1 nel 2021). La media nazionale è pari a 1,9.


Sono in aumento le vittime tra occupanti di autovetture (1.375; +15,4%), motociclisti (781, +12,4%), utilizzatori di ciclomotori (70, +4,5%) e pedoni (485, +3,2%); in diminuzione, invece, tra ciclisti (205, - 6,8%) e occupanti di autocarri (166, -1,8%). Se guardiamo i dati delle morti dal punto di vista delle fasce d'età, scopriamo un aumento delle vittime tra i giovani ed i giovanissimi.

Più nel dettaglio, le vittime risultano concentrate soprattutto nelle fasce d'età 45-59 anni e 20-29 anni per gli uomini, tra i 75 e gli 84 anni e 20-24 anni per le donne. Incremento significativo nella fascia 60-64 anni (+35,5%). Purtroppo, in forte crescita anche le vittime tra giovanissimi (15-19 anni: +21,2%) e giovani (25-29enni: +10,4%). Lo studio mette in evidenza che nel 2022 ci sono stati 39 decessi per incidente stradale tra i bambini, nella fascia 0-14 anni. Di questi, 27 avevano tra 5 e 14 anni, in aumento (+17,4%) rispetto ai 23 del 2021. Il valore risulta più alto persino di quello registrato nel 2019; i bambini 0-14 deceduti erano infatti 28 nel 2021, 37 nel 2020 e 35 nel 2019.

LE CAUSE

Il rapporto ACI-ISTAT fornisce anche un quadro delle principali cause degli incidenti. Al primo posto troviamo la distrazione o l'andamento indeciso con 32.701 incidenti pari al 15% del totale. A seguire troviamo la velocità troppo elevata (20.316: 9,3%), manovre irregolari (16.788 casi: 7,7%), mancato rispetto della distanza di sicurezza (15.233 casi: 7,0%), mancata precedenza al pedone (7.185: 3,3%) e comportamento scorretto del pedone (5.899: 2,7%).

Dai dati fornti risulta che su un totale di 56.284 incidenti con lesioni, in 5.577 casi almeno uno dei conducenti dei veicoli coinvolti era in stato di ebbrezza mentre in 1.671 casi era sotto l’effetto di stupefacenti. Il 9,9% e il 3,0% degli incidenti rilevati da Carabinieri e Polizia Stradale nel complesso è correlato quindi ad alcol e droga, proporzioni in aumento rispetto al 2021 per lo stato di ebbrezza alla guida e in lieve diminuzione per la droga (9,7% e 3,2%).

Per la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, la percentuale di conducenti con stato alterato a causa di uso di droghe è risultata pari al 9,2%, mentre i positivi all’etilometro sono risultati il 10,8%.

Copyright immagine: kadmy


75

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luca Zanotti

il 99% della gente guida col naso sul cellulare e fregandosene di tutto, quindi il risultato non stupisce

Walter

dei casi con lesioni ma che rapporto è?
io guardo gli incidenti totali cosa vuol dire lesioni?
possono essere 5577 colpi della strega contro 1600 amputazioni...

ilariovs

Vorrei vedere. Se i risultati ottenuti a Bruxells li ottengono anche in altre città vorrei pure vedere che lasciano 50 Km/h

charlyt1d

E comminare le giuste sanzioni, già presenti nei vari codici, con assoluta regolarità.

charlyt1d

Anche in alcune città italiane mi pare stiano cercando di implementare questa soluzione (30 km/h nel centro città).

charlyt1d

"Maresciallo, colpa del babà che ho mangiato a pranzo!"

charlyt1d

GOMBLOTTO!1!!1!1!!!!11!!!!!1

ilariovs

Mi stai dando due notizie:
A) i look down non sono stati solo in Italia dunque. Li hanno fatti pure in Belgio, perchè da certa narrativa pareva che solo noi li avessimo.

B) a Bruxells hanno iniziato con a zona 30Km/h il 1Gen 2021 quindi 6 medi dopo era tutto aperto. Se lo era in Italia figurarsi in Beelgio e tutto il 2022 era stra aperto.

ilariovs

E no a 70 Kmh ti sospendono la patente se il limite è 30km/h

Quindi qualcuno la domanda se la porrà quando l'amico gi dirà che va a lavoro in bici in inverno perchè la macchina non può prenderla.

É quello che nel marketing chiamano referral

T. P.

ti costa meno imbottirla di Adidas!!!! :)

ACTARUS
Alessandro De Filippo
Gark121

Mi fa piacere che tu sia riuscito a leggere 8 righe e travisarne 10.
Se gli incidenti sono nella quasi totalità dovuti al non rispetto delle regole, la soluzione non è cambiare le regole, ma cercare di farle rispettare.
Invece quello che i tuoi 30km/h otterranno è che nessuno rispetterà la nuova regola, riusciranno a far qualche multa in più, e la sicurezza non cambierà una mazza.

Gark121
Gark121

Mi fa piacere che tu sia riuscito a leggere 8 righe e travisarne 10.
Se gli incidenti sono nella quasi totalità dovuti al non rispetto delle regole, la soluzione non è cambiare le regole, ma cercare di farle rispettare.
Invece quello che i tuoi 30km/h otterranno è che nessuno rispetterà la nuova regola, riusciranno a far qualche multa in più, e la sicurezza non cambierà una mazza.

ilariovs

Ho visto i risultati che hanno avuto a Bruxells.

Se a Londra, Madrid, Parigi replicheranno quei risultati ossia che con un misero 9% di diminuzione della velocità (da 37 a 28 Km/h di media) hanno tagliato del 22% gli incidenti, del 50% i morti e del 50% il rumore del traffico.

É meglio prepararsi che da qui a 5 anni cambieranno il codice della strada imponendo, GOUSTAMENTE, i 30Km/h in area urbana.
Non lasceranno manco più la decisione ai sindaci, tanto andare a 28 o a 37Km/h per il tempo impiegato è lo stesso mentre a livello di incidenti e danni siamo su un altro pianeta.

Luca Bonora

E allora pari trattamento per entrambi

ilariovs

Primo allora leva il codice della strada e fai a chi piaccia meglio ha ragione, tanto se nessuno controlla e passo col rosso?

Se passi col rosso ed uno ti viene addosso HAI TORTO, ti levano 10pt di patente solo per questo e forse te la sospendono pure.

Se invece non c'era la regola toccava decidere con la Colt a mezzogiorno.

Se passi a 90 in un centro abitato e metti sotto qualcuno rischi l'omicidio stradale ossia la galera.
Se invece il limite era 90 allora nessuno poteva dirti niente.

Quindi intanto facciamo i limiti i controlli li puoi fare facilmente bastano DUE righe di legge e qualche soldo da investire in monitoraggio del traffico

Giulio Tempesta

non mi sorprende, e sono del parere che una buona percentuale sia tra auto dove almeno una ha dispositivi di aiuto alla guida

Gark121

"a Parigi, Madrid e Barcellona hanno seguito l'esempio e sono tutti vivi, le città son più silenziose e sicure"...
Peccato che ogni singolo studio scientifico dimostri l'esatto contrario: non è cambiata una mazza di niente.
I primi studi arrivano dall'Inghilterra, dove son passati a 20mph (32km/h) dai 30 (48km/h) e la differenza misurata è zero. Zero. Stesso numero di vittime, stesso numero di incidenti, stesso tutto.

Andredory

La garante: https://uploads.disquscdn.c...

Gark121

Al netto del fatto che i velox e i t red servono fino ad un certo punto, ripeto, il 90% (o forse dovrei dire 100%) degli incidenti avviene proprio per il non rispetto delle regole esistenti, non perché le regole son troppo lasche.
Se uno viaggia a 90km/h col limite dei 50, oppure passa col rosso, brucia uno stop, guida alterato da alcol e sostanze, guida stando al cellulare o roba del genere, mi spieghi in che modo abbassare i limiti a chi le regole vorrebbe rispettarle dovrebbe aiutare?

Markk

Potete chiedere ad ACI statistiche su incidenti in base all'alimentazione dei veicoli (e rapportati al numero di veicoli con quella alimentazione)?

Jinno

La garante della privacy preferisce la morte

Jinno

Si accoppiano anche durante la guida e nasce così un caso umano

Foffolo

Dato statistico senza senso, andrebbe rapportato al periodo pre pandemia.... nel 2021 per buona parte dell"anno in giro c"erano drasticamente meno auto

papau

E poi come le fanno le multe? Prima viene le entrate comunali poi la vita delle persone.

ilariovs

Il fatto che i limiti non vengono rispettati è un problema secondario.

Basta mettere i totem a 30Km/h e vai a 30 Km/h.
Basta mettere i velox col laser e li rispetti.
Inoltre in caso di incidente se forati i limiti, dalle frenate e entità degli impatti si desume subito se era in eccesso di velocità.

Quando cominciano ad arrivare multe e a sospendere patenti i limiti li rispettano tutti.

Il radical chic

Tranquillo Salvini, il VERO problema della sicurezza stradale sono le targhe sui monopattini.

Gark121

I 30km/h in città non servono a nulla, perché nessuno rispetta manco i 50. Puoi anche mettere i 6km/h, ma la realtà è che più metti limiti assurdi, meno la gente li rispetterà. Ovviamente mi sta bene mettere i dossi e i 30km/h vicino a scuole e giardini pubblici o cose del genere (che per inciso ci sono già), ma mettere i 30km/h su un corso a 2 corsie per senso di marcia significa che semplicemente nessuno lo rispetterà mai e basta.
Abito in città da molti anni, ho visto e sentito raccontare ogni sorta di incidente, e uno in cui entrambe le parti coinvolte stessero rispettando il codice della strada ancora non l'ho sentito.

ACTARUS
Alessandro De Filippo

Se fai la patente sei tu che devi guidare l auto..e non viceversa!

Alessandro De Filippo

Anche senza tutti gli Adas a quei tempi c'erano rincoglioniti e ci sono tutt'ora!

sk0rpi0n

Ha stato il clima...ah no, pooteen!

Zetec

Va be' si paragona al 2021 quando ancora c'era il lockdown...

Ritornoalfuturo

e tutto l'insieme

Ritornoalfuturo

io vedo passare gente che mentre guida, mangia il gelato, il panino, fuma beve, gomme liscie, non tengono le distanze , sorpassi isterici.. il bello che molti riescono a fare tutto questo contemporaneamente.

Cpt. Obvious

Hanno già tutti quegli obblighi ed anche dì più.
Ora persino quella porcata di Isa

c1p8HD
Doggo (background)

Eh ma il buon vino italiano, eh il bel paese

Doggo (background)

Tranquilli ora Salvene metterà che se passi a miglior vita in un incidente ti toglieranno la patente così risolve tutto

losteagle

io, da pendolare, ho riscontrato un uso smodato del cellulare in auto tenuto in mano per mandare vocali WhatsApp o peggio ancora per scrivere/rispondere a messaggi! Figuriamoci l'attenzione alla strada ed al traffico.

Watta

non fare troppe domande e considerazioni!

ilariovs

A giudicare dai risultati che hanno ottenuto a Graz o a Bruxells direi che la città può solo ringraziare dei 30 Km/h.

A Parigi, Madrid, Barcellona hanno seguito l'esempio. E sono tutti vivi a Parigi dopo i 30 Km/h come lo sono a Bruxells, a Madrid o a Barcellona. Sono città più silenziose e sicure.

Basterebbe fare un banale upgrade alle auto, ed inserire una posizione 30 Km/h sul cruise.
Tipo una funzione "city" e tutto sarebbe semplice, puoi premere l'acceleratore quanto vuoi ma più di 30 Km/h la macchina non va.
Risolto il problema.

Andredory

Te ne fai ben poco di adas obbligatori ecc se la maggior parte degli italiani tiene l'auto per più di 10 anni.
30km in città? Vieta le auto e fai prima allora.

Andredory

Anziani e guidatori della domenica.

Andredory

Meglio la privacy o la morte? Mah...

ilariovs

Quello sarebbe meglio ma resta il fatto che ci sono oltre 3000 morti e 220.000 feriti.

Oltre ai danni ai mezzi.

Quindi bisogna pre dere provvedimenti, il circolante OK ma due righe di legge per le nuove immatricolazioni.

LeoX

E magari una cosa di soldi in più nelle nostre tasche per potercele permettere.
La mia auto a stento ha l'ABS XD

ACTARUS

Infotainment

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video