Lucid Air, in arrivo la variante ad alte prestazioni della berlina elettrica?

13 Agosto 2022 34

Lucid Motors si sta preparando a lanciare una nuova versione della berlina elettrica Lucid Air che sarà presentata il 19 agosto all’evento The Quail che fa parte della Monterey Car Week. Le prime consegne di questo nuovo modello sarebbero attese per il 2023.

La casa automobilistica non ha voluto fornire indicazioni precise su questo nuovo modello. Il costruttore si è limitato a condividere un teaser che mostra il semaforo che si trova sui circuiti. Per molti, questo teaser potrebbe essere l'indizio che è in arrivo la più volte chiacchierata versione ad alte prestazione della Lucid Air.

Di questo modello sportivo ne abbiamo parlato diverse volte in passato. Secondo vecchie indiscrezioni dovrebbe essere dotato di un powertrain con 3 motori elettrici. Sulla carta una vettura pensata per entrare in diretta concorrenza con la Tesla Model S Plaid. Si tratta, ovviamente, solo di speculazioni visto che la casa automobilistica non ha ancora detto nulla su questo modello.

Tuttavia, che si tratti di una presentazione importante lo si capisce dal fatto che saranno presenti molti dei principali dirigenti di Lucid Motors. Fortunatamente, non ci sarà bisogno di attendere molto per scoprire cosa il costruttore intende presentare. Questa vettura, dopo l'evento di lancio, sarà presente il 21 agosto anche alla Concept Car Lawn all’interno del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach.

ACCELERARE LA PRODUZIONE

Il 19 agosto scopriremo, dunque, questa novità da parte di Lucid Motors. Tuttavia, la società ha bisogno, prima di tutto, di aumentare rapidamente la produzione della sua berlina elettrica Lucid Air. Come abbiamo visto di recente, il costruttore ha tagliato ancora una volta le stime di produzione per il 2022 della sua vettura. Se all'inizio dell'anno puntava a 20 mila vetture nel 2022, l'obiettivo, adesso, è sceso a 6-7 mila unità. Addirittura, nel primo semestre sono state costruite appena 1.405 auto.

Lucid Motors ha dunque bisogno di risolvere rapidamente tutte le problematiche che stanno rallentando la costruzione delle sue auto per poter soddisfare le prenotazioni dei suoi clienti, prima di lanciare nuove varianti della sua auto elettrica.


34

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ikaro

??

TheAlabek

Considerando che non bruci il motore...sottinteso che io non debba essere obbligato a tali sbattimenti, se sono un proprietario forzato

Giorgio

Se uno non vuol capire o proprio non ci arriva è inutile stare a discutere, saluti

Ikaro
TheAlabek

Certo, non pupi fare danni, eccetto aspettare 300h per completare la ricarica invece di 30m

DangerNet

Va bene, ok, allora non facciamo nulla, ok? Così poi ci ritroviamo Milano col mare e mezza penisola sommersa a 45 gradi all'ombra. Ottimo ragionamento

Giorgio

Se si vuole rivoluzionare il mondo per il 2% mettiamoci pure a svuotare il mare coi cucchiaini, se ci fa sentire a posto allora ok

DangerNet

Ne ho avute due e una a metano. Quindi si. Oltre al fatto che non sono così diffusi come distributori e la pianificazione serve anche lì. Quasi ci sono più colonnine che distributori metano/gpl

DangerNet

Dipende dall'auto, dalla colonnina e dalla tecnologia di ricarica: ci sono veicolo che in 30 minuti ricaricano all'80 per cento che è sufficiente per il 95% degli usi degli utenti. Non tutti fanno 900km al giorno con l'auto.

DangerNet

Ok, quindi? Se trascuriamo il 2% li, il 3% qui, alla fine sono numeri e su grandi numeri come la CO2 prodotta da miliardi di veicoli, il 2% è tantissimo!

piail

Che business l elettrico… la lucid è in mano agli arabi che possono mettere carburante a 0.01 cent al litro per loro una fonte di energia quasi gratis e finanziano la lucid per rimpinguare le tasche già piene! W le auto elettriche e gli arabi w maometto

Ikaro

Sbaglia tra diesel e benzina perché lo standard è uguale, non c'è alcun impedimento fisico che impedisce di usare una pompa benzina su una diesel, qui anche se sbagli non puoi fare danni

muchoman

Una volta nel Lazio ho rifornito GPL al self come si fa con gli altri carburanti. Però a dirla tutta non credo sia una opzione idonei per chiunque perché non priva di difficoltà

TheAlabek

Gente che sbaglia tra diesel e benzina e tu vuoi fargli usare 300 standard di ricarica?

Sagitt

Molte AC hanno il cavo già in colonna

Moet Donn

Ci ho provato ma la Golf ha la schuko e non ci entra.

Aristarco

Io ci attaccherei la tua golf...giusti per vedere che succede

Aristarco

Occhio che per metterci 5 minuti il distributore deve essere aperto...riusciremo mai a fare il self per il gpl?

Giorgio

Ho una bifuel e ce ne mette forse 6

Giorgio

15 Min se nn hai una macchina che li ciuccia e non trovi una fast nn servono a nulla.
E si, se pensiamo che le auto che producono si e no il 2% dell'inquinamento presente siano la soluzione meritiamo di estinguerci

Teomondo@Scrofalo

15 minuti nei tuoi sogni bagnati di F A G elettrico. Per ricaricare da 0 a 100% ci voglio dalle 2 alle 3 ore. Dipende dall'auto e dalla colonnina. mentre un pieno a GPL si fa in 3 massimo 5 minuti. Tempi presi da me quando vado a ricaricare.

Teomondo@Scrofalo

Si che si riforniscono in 5 minuti, ma l'hai mai avuta un auto a GPL o parli a vanvera?

1.9L F8Q

Puoi sempre andare a benzina con quelle eh, anche con le monovalenti

ACTARUS

Sig. Rossi Ricordami che modello di auto hai ?

Rettore Università di Disqus

Daje che ho comprato le azioni fateme volá!

DangerNet

Aggiungo: meritiamo di estinguerci se non vogliamo spendere 15 minuti per ricaricarla il necessario rispetto a continuare ad inquinare come dei dannati.

DangerNet

Ma neanche quelle a metano/GPL si riforniscono in 5 min, quindi? Non le compra/va nessuno?

Giorgio

Bene bene, si ricarica al 100% in 5 minuti? No? a ok allora ci vediamo tra 10 anni

Carlito
Tempo fa Tesla aveva proposto di fornire la tecnologia delle colonnine ed il software gratuitamente a tutti ... ebbene questi hanno rifiutato

Prima di tutto Tesla non fornisce gratis niente, devi leggere anche i footnote, secondo, e ne abbiamo discusso da poco, Tesla non usa l'ISO.
Poi che sia i costruttori di HPC sia quelli delle auto devono migliorare e non poco è un altro discorso.
infatti le Tesla sono molto più affidabili anche su HPC non SuC.

Oogway

Sempre più elettriche ormai hanno il "plug and charge", cioè arrivi, attacchi il cavo e ricarica in automatico, stile Tesla.

Moet Donn

Nel mio paesello c'è una sola colonnina di ricarica.
E' sempre vuota.
Mai vista usare una sola volta.

Signor Rossi
Filippo Vendrame

Dipende se ricarichi da una colonnina in corrente alternata o in corrente continua. Nel primo caso devi prendere il cavo che hai in auto per collegare il veicolo alla colonnina. Tra questa operazione e l'attivazione della ricarica, per mia diretta esperienza, passa poco meno di un minuto. Fai prima se usi la tessera invece che l'app. Nel secondo caso il cavo è integrato direttamente nella colonnina. Quindi basta prenderlo e collegarlo all'auto. Compresa l'attivazione 30 secondi bastano, sempre per mia esperienza. Questo in media. Poi se la colonnina è posizionata male o se ci sono altri problemi (la ricarica non parte al primo colpo, il cavo è corto e bisogna spostare l'auto...), i tempi possono dilatarsi.

DjMarvel

quanti secondi passano di media dal parcheggio alla ricarica ?
quindi quanto ci si mette tra scendere dalla macchina, andare davanti alla colonnina, attivarla, e collegare la presa?
ho l'impressione che solo l'attivazione della colonnina sia particolarmente laboriosa se non si ha una tesla, o sbaglio?
a patto di non avere abbonamenti di ogni tipo.

Auto elettrica fa rima con casa e indipendenza energetica | Un caffè con Silla

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video

Vita Vera con l'auto elettrica: ritorno al passato, in Umbria a Miataland con le MX-5