Incentivi auto elettriche e Plug-in: i bonus non dureranno a lungo

15 Settembre 2021 152

Dalla giornata del 14 settembre sono tornati disponibili gli incentivi per le elettriche e le Plug-in grazie allo storno del fondo dell'Extrabonus in quello dell'Ecobonus. Una misura necessaria visto che con l'esaurimento delle risorse dell'Ecobonus a fine agosto, per legge l'Extrabonus non era più utilizzabile. Per questo, il Governo, attraverso il decreto infrastrutture, è intervenuto per sportare le risorse, per poter ripristinare gli incentivi per queste vetture.

Un intervento necessario che però non guarda al futuro come hanno evidenziato diverse associazioni di categoria. Una misura che UNRAE aveva definito "tampone" che "non riesce a superare la logica emergenziale e che rivela la mancanza di una visione strategica sul tema della riconversione dell’auto e della mobilità, allontanando l’obiettivo di favorire il rinnovo del parco circolante".

Visto il fondo a disposizione, gli incentivi non dureranno molto a lungo. Effettivamente, i 57 milioni che sono stati stornati si stanno consumando rapidamente. Mentre scriviamo, sono rimasti circa 32 milioni di euro a disposizione. In poco più di 24 ore c'è stato, dunque, un calo sensibile delle risorse a disposizione, probabilmente dovuto al fatto che molte concessionarie stavano attendendo il ripristino degli incentivi per prenotarli e avevano accumulato diversi ordini.


Questo non cambia il fatto che il fondo residuo sia risicato e che nel giro di poco tempo arriverà nuovamente ad esaurirsi. A quel punto si avrà nuovamente uno stop agli incentivi per le elettriche e le Plug-in con la conseguenza che le vendite potrebbero rallentare in maniera importante visto l'alto costo di queste vetture. Il tutto in un momento in cui il mercato auto si trova in forte difficoltà.

Ecco perché già da tempo, le associazioni di categoria stavano chiedendo al Governo un piano strutturale di lungo periodo per sostenere il settore auto, abbandonando interventi che erano definiti "stop and go". All'inizio di settembre, per esempio, Michele Crisci, presidente UNRAE, commentando la decisione di spostare le risorse dall'Extrabonus all'Ecobonus, aveva dichiarato:

L’UNRAE chiede alle Istituzioni una visione strategica e di lungo periodo, per sostenere la transizione ecologica della mobilità. Servono un orizzonte lungo e un quadro organico: un settore fondamentale per l’economia e l’occupazione come l’automotive ha bisogno di misure chiare e strutturali che consentano un’adeguata e sostenibile programmazione delle attività e allo stesso tempo infondano certezze e garanzie nei consumatori.


152

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Rick Deckard®

L'importante è che ora sai che se vuoi mettere dei pannelli nessuno te lo può impedire.

Maicol.Mar

Tu sei informato esattamente nella misura in cui un cerebroleso conosce la matematica quantistica!

Maicol.Mar

RISPONDI ALLA DOMANDA TROLL!
1) Mi hai o no accusato di aver riportato articoli vecchi?
2) Erano vecchi o sono attuali?

Rick Deckard®

Oppure uno informato che ti fa notare che se vuoi fare il fotovoltaico a casa tua lo fai e basta per legge

Maicol.Mar

Io non ho nessun problema ad ammettere di sbagliare quando capita; capita a me come a tutti.

Ma perchè tu non rispondi ignobile cosa viscida?
Dove sarebbero gli errori negli articoli del diritto civile da me postati che tu hai definito non attuali?

Sei solo un trollettino 12/13enne che cerca di fare il furbo risultando, ogni volta che scrive, un perfetto 1d1ota!

Rick Deckard®

Non ti piace proprio aver torto?

Maicol.Mar

Sei un essere viscido! Gli articoli del codice civile da me postati sono assolutamente attuali, te lo ho fatto presente già più volte e questa è l'ennesima minch1at@ che scrivi.
A questo punto è evidente che bassezza raggiungi in ciò che dici, in gran maggioranza dovuta alla tua estrema ignoranza ed incapacità di ragionamento. Vai a studiare sciocco bamboccio.

Rick Deckard®

Semplicemente sostieni una tesi totalmente errata basata su vecchie leggi ..
È inutile che ti arrabbi

Maicol.Mar

Ti sei comportato in modo spregevole eccome, e mi limito molto perchè ti meriteresti a mio avviso ben di peggio.
Scrivi una frase che presuppone che io abbia fornito informazioni vecchie e superate invece non è così e non dici nulla al riguardo.
Ci sarebbe di che vergognarsi bambinetto!

Come dicevo spregevole è un complimento per come ti comporti, e vedendo che il tuo modo di ragionare su un bene comune ad altre persone è "se lo vuoi fare lo fai" ti confermi tale, non solo qui online ma pure nella vita reale.

Rick Deckard®

Eh va beh.. sicurezza assicurazione e via.. alla fine se li vuoi fare li fai.
Non sono io spregevole, ma è così

Maicol.Mar

Non rispondi sull'illazione che hai fatto! Sei moralmente una persona spregevole!
Tutto e sottolineo assolutamente tutto quello che ho scritto è attuale. E il tuo modo di condurre una discussione meriterebbe altro che offese visto la tua ignoranza accompagnata da immaturità.

Immagino tu non sappia proprio cosa sia la gerarchia delle fonti del diritto.
E' comunque vero che il condominio non puo negare l'installazione (mai io ho detto ciò) ma di fatto puo impedirlo poichè l’assemblea ha la facoltà di:
– imporre modalità alternative di esecuzione dei lavori;
– prescrivere adeguate cautele;
– subordinare l’esecuzione dei lavori alla prestazione di una garanzia;
– ripartire l’uso del bene comune salvaguardando le diverse forme di utilizzo.

Quindi di fatto, se il condominio non è favorevole, il lavoro non puo essere eseguito come dovrebbe diventando molto più costoso, meno efficiente e di fatto non percorribile per il singolo condomino.

Ma nelle favole tutti possiamo installare almeno 3Kw di pannelli solari...

Rick Deckard®

Offendi pure. Peccato tu abbia torto art. 1122-bis

È consentita l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità del condominio sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell'interessato(5).

Qualora si rendano necessarie modificazioni delle parti comuni, l'interessato ne dà comunicazione all'amministratore indicando il contenuto specifico e le modalità di esecuzione degli interventi. L'assemblea può prescrivere, con la maggioranza di cui al quinto comma dell’art. 1136, adeguate modalità alternative di esecuzione o imporre cautele a salvaguardia della stabilità, della sicurezza o del decoro architettonico dell'edificio e, ai fini dell'installazione degli impianti di cui al secondo comma, provvede, a richiesta degli interessati, a ripartire l'uso del lastrico solare e delle altre superfici comuni, salvaguardando le diverse forme di utilizzo previste dal regolamento di condominio o comunque in atto. L'assemblea, con la medesima maggioranza, può altresì subordinare l'esecuzione alla prestazione, da parte dell'interessato, di idonea garanzia per i danni eventuali.

L'accesso alle unità immobiliari di proprietà individuale deve essere consentito ove necessario per la progettazione e per l'esecuzione delle opere. Non sono soggetti ad autorizzazione gli impianti destinati alle singole unità abitative.

Maicol.Mar

Non rispondi più su questa inutile e priva di fondamento illazione?
Spero almeno che ti vergognerai per l'ennesima stupidagine che hai detto e per il fatto che ti sei dimostrato oltretutto un vile senza più dare risposta.

Gradirei non leggere più questo tipo di commenti, la libertà di parola non va confusa con la libertà di dimostrarsi inabili alla ragione usando goffi e stup1d1 modi per cercar di screditare le parole del proprio interlocutore.

Maicol.Mar

Leggerti è sempre un dispiacere per la logica.

mattbra

Che Repubblica delle banane!!!!!
Basterebbe copiare invece che inventare soluzioni assurde.
Iva 0 sulle EV (invece del 22%) e il mercato decollerebbe subito.

Rick Deckard®

Si ci sono le soluzioni ma la gente non è pronta. Molti semplicemente potrebbero ma si inventano scuse che non esistono.
Poi obbligheranno tutti perché la società si dà delle priorità

Maicol.Mar

Ci risiamo... Ti meriteresti veramente delle offese. Dimmi cosa cambia in ciò che ho riportato se ne prendi uno nuovo.

Fai sciocche illazioni e scrivi baggianate dimostrando di essere di una profonda ignoranza e non in grado di capire probabilmente nulla.
Ti qualifichi con le tue uscite come un inutile troll, un inutile interlocutore ed un inutile utente incapace di dire qualcosa che risulti sensato.

Fatti un esame di coscienza, ammetti a te stesso la tua ignoranza e tenta di uscirne, fatti un piacere invece di continuare a farti compatire!

Maicol.Mar

Secondo R_mzz invece pare proprio così, i problemi non paiono esistere e se si sollevano secondo lui esistono già oggi le soluzioni ed in effetti se le inventa sparando per lo più balle e/o inesattezze.

Maicol.Mar

Da noi si dice: chi vive sperando muore c@g@ndo

Rick Deckard®

Dico solo che le auto elettriche non sono per tutti e mediamente è più per chi una casa la ha.
Il problema per chi non sa dove caricare c'è e quando sarà obbligatorio gli altri avranno sicuramente un problema da gestire...
In 10 anni si spera che arrivino colonnine di pari passo

Rick Deckard®

Nessuno ha detto che è per tutti

Rick Deckard®

Si ma prendilo nuovo .. non del 2000

Simone

bisogna comunque partire da un punto altrimenti si passa la vita a scrivere commenti come questi

Maicol.Mar

Leggi sotto e magari studiati il codice civile. Potresti capire alcune cose in più.
Proprio poichè è una legge va rispettata e il mondo non va nella direzione che a noi ci sembra più ovvia, a volte purtroppo.

Maicol.Mar

Cose condivisibili quelle dette. Ma qual'è la realtà dei fatti? Se è il tuo campo dovresti sapere che percentuale degli italiani vive in affitto.
Che facciano bene o che facciano male esula dalla questione.
Scusami se te lo ripeto, ma a mio avviso difficilmente cogli il punto di una discussione e quindi come ho già detto altrettanto difficilmente apporti qualcosa alla stessa.
Non voglio che tu vedi ciò come una offesa, ma questa è, a mio avviso, la realtà.

Rick Deckard®

Forse non è il suo settore e nemmeno il tuo e non ha dati statistici...
In città non tutti hanno un garage, soprattutto in zone centrali... E ok.

Oggi però chi non ha una casa di proprietà è uno sfruttato... La stessa casa ha un costo d'affitto dal 40%al 100% in più rispetto a una rata di mutuo...

Ci sono anche agevolazioni per i giovani e in questo caso compresa agenzia con 8-10.000 euro di risparmi la casa la compri... Se non hai quelli difficilmente puoi permetterti un'auto elettrica visto che parliamo di circa il doppio.

Ci sono dei casi speciali dove uno ha bisogno di un pied a tere o simili per cui non vive nella casa di proprietà però generalmente sono persone che necessitano di un garage e parliamo di piccole percentuali.

Ti dico che ho un appuntamento a reddito e guadagno circa il 10% lordo, solo perché ho ristrutturato per avere inquilini decenti, altrimenti lo affittavo lo stesso, con più rischio sui pagamenti prendendoci il 14%
Con un mutuo avrei avuto una rata di 300/350€/mese e invece ne entrano circa il triplo. Per indenderci non è un appartamento di lusso, non ha il garage, ma con i lavori deliberati al 110% metteranno 6 colonnine, più la ricarica per chi ha i garage (circa 30 condomini)

Rick Deckard®

Va beh è una legge... Mi sembra ci sia poco da discutere..

Sarcasmo distratto

Son felice per te, ma la tua esperienza, le tue esigenze, le infrastrutture attorno a te, rappresentano il quotidiano del 90% della popolazione? Molto probabilmente saranno il futuro,ne sono certo, ma dubito che le tecnologie attuali siano valide. Stanno tutti sperimentando soluzioni, più o meno valide, ma non vedo nulla di concreto all'orizzonte

Maicol.Mar

Inutile discutere con te.
Sei il pappagallo di r_mzz ancora un po' più ignorante (sempre inteso come una persona che non conosce ciò di cui parla) e non in grado di apportare nulla ad un discorso se non appunto ripetere quello che un altro ignorante ha detto.

Maicol.Mar

Quando non ribatte neppure @R_mzz non rispondere tu, è un consiglio. Se non lo fa lui è perchè si è accorto di aver detto una vaccata che non puo proprio rigirare più in nessuna maniera.
Vai a fare una figura che non è più neppure giustificabile con l'ignoranza ma meriterebbe epiteti più severi.

Maicol.Mar

No, mi piace scrivere cose dopo aver verificato, poichè spesso i titoli sono specchietti per allodole e facili creduloni:
sul sito ikea non parlano di dimensioni ma solo di potenza, sul sito wolmann pure. Spluciando ecco cosa ho trovato:
https://www.wolmann.com/blog/pannelli-fotovoltaici-dimensioni-per-una-famiglia-media
cito testualmente dal sito del produttore dei pannelli che tu hai menzionato:
Per raggiungere la completa autonomia energetica in casa è fondamentale installare un impianto per la produzione di energia elettrica della giusta misura. Da un punto di vista prettamente tecnologico le dimensioni pannelli fotovoltaici sono abbastanza standard: un modulo policristallino misura circa 1,64 x 0,99 m e ha una potenza media di 250 watt.

Sul sito di Enel X (pannelli più potenti) c'è scritto che su tetto a falda la superficie per 3 Kw è > 20 Mq. Forse non sai i simboli matematici, ma significa che servono più di 20mq di superficie non 15... (balle, balle ed ancora balle. Sempre quello tu fai per cercare di aver ragione... Non va mistificata la realtà, specie quando non serve. Quando diavolo capirai che ti dai la zappa sui piedi oltre ad apparire come uno sciocco?)

Mi sa che chi continua a scrivere caxxate sei tu mio caro radical_chic_eco_green... Ma continuiamo:

Non è necessaria l'approvazione in maggioranza? Quindi tu pensi che in un condominio domani uno si alza e fa sul tetto di tutti quello che più lo aggrada?
Ho davvero oramai finito la voglia di discutere con un ignorante come te.
Ignorante perchè ignori gli articoli del codice civile che ti si prospettano e continui ad insistere con le tue parole senza portare dati a sostegno di esse. (oppure quando li riporti, come prima sui pannelli e superfici necessarie, tendono a confermare quello che ho detto io, non quello che hai detto te. Fa davvero ridere questa cosa!)
Riporto solo per l'ultima volta alcuni articoli del LIBRO III della proprietà (che ti consiglio di studiare prima di aprire ulteriormente bocca) https://www.ipsoa.it/codici/cc/l3 :

Art. 1102 - Uso della cosa comune.
Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa.
Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

Art. 1105 - Amministrazione.
Tutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune.
Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente .
Per la validità delle deliberazioni della maggioranza si richiede che tutti i partecipanti siano stati preventivamente informati dell'oggetto della deliberazione.
Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere all'autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore .

Art. 1108 - Innovazioni e altri atti eccedenti l'ordinaria amministrazione.
Con deliberazione della maggioranza dei partecipanti che rappresenti almeno due terzi del valore complessivo della cosa comune, si possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento della cosa o a renderne più comodo o redditizio il godimento, purché esse non pregiudichino il godimento di alcuno dei partecipanti e non importino una spesa eccessivamente gravosa.
...

Art. 1109 - Impugnazione delle deliberazioni
Ciascuno dei componenti la minoranza dissenziente può impugnare davanti all'autorità giudiziaria le deliberazioni della maggioranza:
1) nel caso previsto dal secondo comma dell'articolo 1105, se la deliberazione è gravemente pregiudizievole alla cosa comune;
2) se non è stata osservata la disposizione del terzo comma dell'articolo 1105;
3) se la deliberazione relativa a innovazioni o ad altri atti eccedenti l'ordinaria amministrazione è in contrasto con le norme del primo e del secondo comma dell'articolo 1108.
L'impugnazione deve essere proposta, sotto pena di decadenza, entro trenta giorni dalla deliberazione. Per gli assenti il termine decorre dal giorno in cui è stata loro comunicata la deliberazione. In pendenza del giudizio, l'autorità giudiziaria può ordinare la sospensione del provvedimento deliberato.

Art. 1120 - Innovazioni.
I condomini, con la maggioranza indicata dal quinto comma dell'articolo 1136,(NDR: Ti invito caldamente a leggerti l'articolo 1136) possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento o all'uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni .
I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma dell'articolo 1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto:
1) le opere e gli interventi volti a migliorare la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti;
2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere architettoniche, per il contenimento del consumo energetico degli edifici e per realizzare parcheggi destinati a servizio delle unità immobiliari o dell'edificio, nonché per la produzione di energia mediante l'utilizzo di impianti di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinnovabili da parte del condominio o di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune
(1)
...

Tu purtroppo vivi in un tuo mondo parallelo fatto di fiorellini e belle idee. Ma qui fuori c'è un mondo reale fatto anche di sterco e imbecixxi. Sarebbe ora che te ne rendessi conto e, se veramente ci tieni a quello che professi, sarebbe ora che iniziassi a studiare e portare avanti le tue battaglie con coerenza e non con utopie.

Per la cronaca parli con una persona che vorrebbe l'obbligo di fotovoltaico su tutti i tetti che lo permettono di tutti i nuovi edifici. E lo sostengo da almeno una decina d'anni!
Ma farlo raccontando balle, menzogne, falsità e bugie serve solo a lasciare le cose così come stanno! SMETTILA! FAI UN TORTO A CHI DAVVERO E' INTERESSATO A QUESTI ARGOMENTI!!

P.S. Altra falsità squallida sono le ultime 3 righe del tuo post. Mi fa schifo parlare con una persona che tenta di cambiare le carte in tavola.
E' tutto scritto e sono io che ho spiegato più e più volte le differenze tra Ecobonus 50% e Superbonus 110%.
Con quelle scritte ti sei rivelato come un troll spregevole.

Rick Deckard®

O anche con un misto benzina... Però che non scarichino gas in città...

Gianluigi

Assolutamente d'accordo sui suv. Alcune regole vanno riviste.
In generale però il tuo ragionamento ci sta. Si potrebbe pensare di incentivare anche solo determinate ibride, che facciano almeno un certo numero di km in solo elettrico.

Rick Deckard®

Ma infatti... Magari nei centri urbani nemmeno girano... Spesa e visita al cimitero non sono il problema.
Probabilmente il costo co2 di produzione sarebbe superiore al consumo effettivo

Rick Deckard®

Mmmm...
Premesso che le rinnovabili sono incentivate, così come tutte le auto nuove a scaglioni a seconda delle emissioni... Le auto generalmente fanno almeno un passaggio nel loro ciclo di vita. Il che significa che il ricambio del parco auto nazionale è molto più lungo di quanto di pensi (10-15 anni).

Gli incentivi non sono aiuti di stato al cittadino ma aiuti di stato all'ambiente (e alle quote co2 che lo stato paga) e va vista in quest'ottica.

Per quanto mi riguarda alle elettriche e ibride con almeno 40 km elettrici di autonomia gli incentivi ci stanno, magari al metano e GPL che sono stati dimenticati come alternative alle lunghe percorrenze giornaliere, 0 a tutti gli altri. SUV e altamente inquinanti proibiti o ipertassati.

Fa ridere che chi prende un SUV che ogni 10 km fa 1,5 kg di CO2 prenda degli incentivi per la riduzione dell'inquinamento...
Capirei se fossero autocarri e furgoni... Per carità

Rick Deckard®

L'errore è stato dare gli incentivi a tutti.

Rick Deckard®

Dipende...
Io ho preso un'auto elettrica e ho speso meno di 37

Rick Deckard®

Va beh... Quelli è già tanto se hanno la macchina...
Gli affitti premium hanno il garage statisticamente

Rick Deckard®

Hahaha pure .. dai si sa cosa si andrà a tassare in futuro....
Proprio in vista degli aumenti dei combustibili fossili la spinta economica andrà tutta alle rinnovabili

Rick Deckard®

Tra l'altro anche i carburanti auto da inizio anno sono al +15%

Rick Deckard®

Va beh.. i miei li hanno messi 20 anni fa e li si che costavano...

Rick Deckard®

Per legge puoi sfruttare le superfici condominiali per uso privato con il fotovoltaico...

Rick Deckard®

Sarebbe una rivoluzione

Rick Deckard®

Quindi per te la soluzione per inquinare meno sarebbe aiutare a comprare le macchine più inquinanti?
Tra l'altro, sembra assurdo, ma ci sono già gli incentivi sulle auto Euro 6 anche diesel e benzina. C'è stato il covid e il mercato andava aiutato...
Detto ciò anche le auto a benzina e diesel hanno raggiunto prezzi assurdi e tra l'altro l'euro 6D o l'euro 6 non hanno in realtà molti benefici rispetto gli euro 5., Semplicemente sono tecnologie a fine corsa... Anche per i prossimi 7 hanno dovuto cambiare i parametri altrimenti le case produttrici non sarebbero stati in grado di rispettarli se non con le auto elettriche. La verità, è che almeno che non si voglia togliere completamente SUV macchinoni eccetera difficilmente si riuscirà a ridurre le emissioni con motori endotermici in futuro rispetto alle attuali

Rick Deckard®

Il consumo elettrico delle auto è insignificante oggi... Il problema è la fornitura del gas

Il Preside

Guarda caso si parla di un rincaro sostanzioso delle bollette di energia elettrica. Gira e rigira i soldi ritornano indietro vanificando questi pseudo incentivi, sono del parere che nessuno regala nulla.

Gianluigi

Non sono d'accordo. Si comprano un sacco di auto nuove in Italia. Se parli di maggioranza delle persone, al momento opportuno la macchina la cambiano, magari con un finanziamento. Se deve cambiare la macchina il 30enne squattrinato, si comprerà un usato.

Alex

20/30 anni? Wow che fiducia....devo imparare

Alex

solo se hai installato l'app IO. Piace il China Style agli italopitechi

Tony Musone

Se TUTTO il parco auto fosse elettrico ci vorrebbero dai 70 agli 87 TWh per ricaricarle, meno di quanto l'Italia ha prodotto con le rinnovabili nel 2020 (114 TWh).

1200 km elettrici, presente contro futuro: da Milano a Monaco | Il ritorno

eRaid, un racconto di 1.000 chilometri in viaggio con (quasi) tutte le auto elettriche

Dacia Spring: come va l'elettrica economica da 9.460 euro (con incentivi) | Video

Nuova Mazda CX-30 2021 eSkyactiv-X: quando 6 cv fanno la differenza | Video