Ricarica delle auto elettriche in autostrada: attiva le prima stazione del piano di ASPI

12 Maggio 2021 83

Effettuare una ricarica rapida della propria auto elettrica in autostrada sarà sempre più facile. Verso la fine del mese di gennaio, ASPI, cioè Autostrade per l'Italia, aveva svelato il suo nuovo piano industriale che prevedeva la nascita della nuova società Free To X che si sarebbe occupata anche della realizzazione di un'infrastruttura dedicata al rifornimento di energia presso le aree di servizio.

ATTIVA LA PRIMA STAZIONE

La buona notizia è che questo importante progetto è diventato finalmente operativo con l'entrata in funzione della prima stazione presso l'area di servizio di Secchia Ovest (Autostrada del Sole, nella zona di Modena). Qui, le auto potranno ricaricare in corrente continua ad una potenza massima sino a 300 kW. Inoltre, tra pochi giorni entrerà in funzione una seconda stazione, situata nell’area di Flaminia Est a nord di Roma.

ASPI fa sapere che in ogni stazione saranno installate 4-6 colonnine da cui le auto elettriche potranno rifornire. Una volta completato il piano, la società prevede di avere operative ben 100 stazioni. La distanza media tra ognuna di loro sarà di circa 50 km. Grazie a questa rete, i possessori di auto elettriche potranno viaggiare su lunghe distanze più facilmente. Oggi, salvo in alcuni rari casi, le persone sono costrette ad uscire dall'autostrada per rifornire da una colonnina fast.

La mancanza di infrastrutture per la ricarica rapida nelle autostrade è sempre stata vista come un grande problema per chi intende utilizzare un'auto elettrica anche per viaggiare su lunghe percorrenze. Ma come si ricaricherà da queste stazioni? ASPI fa sapere che è stata pensata una soluzione che permetterà la massima flessibilità. Infatti, queste colonnine dispongono di un sistema che consente l’accesso alla piattaforma da parte dei principali provider di ricarica attivi sul mercato.

Dunque, per avviare un rifornimento di energia gli utenti non dovranno fare altro che utilizzare l'app del proprio Mobility Service Provider. Inoltre, per rendere ancora tutto più semplice, prossimamente si potrà ricaricare utilizzando la propria carta di credito. L’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia Roberto Tomasi, ha dichiarato:

Stiamo lavorando con il massimo impegno per realizzare in tempi rapidi la più estesa infrastruttura del Paese per la ricarica ultra veloce dei mezzi elettrici. L’Italia sconta un ritardo sul fronte della mobilità sostenibile per questo abbiamo deciso di investire oltre 45 milioni di euro su questo fronte, con l’obbiettivo di rendere possibile, sia al nord che al sud, il viaggio in autostrada con l’auto elettrica, con gli stessi tempi di ricarica di un’auto tradizionale. La nostra strategia industriale è pienamente in linea con gli obbiettivi del Recovery Fund e della Legge di Stabilità e facilita gli spostamenti di medio-lungo raggio sulle quattro ruote, considerati prioritari da moltissimi cittadini a seguito della pandemia, attraverso una logica di massima sostenibilità. L’ambizione di Free To X è di andare anche oltre l’autostrada, mettendo a disposizione i propri servizi di mobilità integrata per le grandi aree urbane e le smart cities.

ALTRI PROGETTI

Ma Free To X si occuperà anche di altro. Infatti, lavorerà per agevolare lo sviluppo all'interno della rete autostradale gestita da ASPI dell’LNG e dell'idrogeno. Un progetto pensato prevalentemente per il trasporto pesante. Più in generale, l'obiettivo della società è quello di realizzare applicazioni innovative per la gestione dei servizi di mobilità sostenibile e delle interconnessioni tra la rete autostradale e i grandi e piccoli agglomerati urbani.

Sfruttando i big data, si punterà ad offrire alle persone informazioni sul traffico, i tempi di percorrenza delle tratte autostradali, le segnalazioni sui ritardi dovuti ai cantieri ed altro. Questo sistema permetterà, in futuro, di poter proporre "tariffe dinamiche" e rimborsi agli utenti. Giorgio Moroni, amministratore delegato di Free To X, ha commentato:

Lavoriamo con la logica di una start up, consapevoli di quanto sia importante il nostro ruolo di attore di primo piano sul fronte della mobilità sostenibile. Insieme alla gestione delle colonnine elettriche di ultima generazione, stiamo sviluppando altri servizi che avranno un impatto rilevante sulla vita di diversi milioni di viaggiatori. Penso, ad esempio, alla possibilità di conoscere in anticipo con grande precisione le tempistiche di viaggio grazie all’uso dei big data. Questo ci consentirà di introdurre anche un sistema di rimborso dinamico dei pedaggi per gli utenti che resteranno più tempo in auto per la presenza di cantieri di manutenzione. Guardiamo con grande attenzione anche alle nuove forme di mobilità integrata che si stanno rivelando sempre più importanti per le grandi aree urbane. Con la nostra tecnologia e i nostri servizi, anche attraverso partnership mirate con player locali o nazionali, abbiamo l’ambizione di rendere la vita di chi si sposta in autostrada ed in città sempre più facile.


83

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Unchimico

Costo dell'energia su Free to X?
Perché Ionity chiede 80 centesimi al kWh, che diventa un costo al chilometro quasi doppio rispetto al diesel in autostrada

Teomondo Scrofalo

Si

CapRichard

Le powerbank esistono da un po' eh in autogrill.

mattbra

Se vuoi scendi pure....o mangia....o fai una telefonata...o fai un sonnellino.
Alternative ce ne sono tante

Danylo

Quando ci saranno abbastanza auto elettriche e relative colonnine, si accorgeranno che manca l'energia elettrica.
Allora cominceranno le vendite di moto-generatori diesel.

Danylo

per ricaricare ci vogliono minimo 20 minuti.
bella comodita' non dover scendere

mattbra

La comodità è che non scendi dall'auto e non hai bisogno di avvicinarti al lettore

an-cic

in realtà le zoe con batteria proprietaria vanno via come il pane... sono quelle che hanno la batteria a noleggio che fanno più fatica.

Giulk since 71' Reload

Una e-up non lo so, ma ho un collega con la panda metano che ha toccato i 400mila km in 10 anni circa xD

Comunque senza andare a cercare casi cosi "estremi" rimane il fatto che il degrado delle batterie su un'auto elettrica per me è un tema sensibile, non solo se l'auto te la vuoi tenere molti anni, ma anche in caso di vendita quindi svalutazione, per dire le Tesla si vendono bene sull'usato ma sono anche auto molto richiesta, roba tipo Zoe e compagnia bella molto meno

CapRichard

No, se paghi l'abbonamento non paghi il consumo. Almeno con Duferco ed Enel paghi solo l'abbonamento.

an-cic

100k sono quelli di cui ho trovato testimonianza con dati. trovare cittadine con 300k km fatti in pochi anni credo sia impossibile ad oggi... chi comprerebbe una e-up o simili per fare 50.000 km/anno?

an-cic

ma che stai dicendo? nell'abbonamento i kwh sono compresi

Gianni P.

Sì ma così paghi sia l'abbonamento che il consumo. In pratica te lo picchiano da dietro e neppure te lo menano

Giulk since 71' Reload

100mila scusa ma per me sono veramente pochi, io in media faccio 30/35mila km annui e l'auto la tengo un bel pò, per questo per me è un tema sensibile quello della durata delle batterie

C'e da dire che ho un amico ex tassista che mi raccontava di suoi colleghi con le prius le cui batterie avevano percorso una marea di chilometri e ancora andavano, non so con che capacità ma andavano

Giulk since 71' Reload

Quindi io utilizzo GPL ogni giorno e la distribuzione è ottimale, inoltre al contrario dell'elettrico posso fare il pieno in due minuti, mai avuto problemi a trovare punti di rifornimento, il GPL in Italia lo trovi veramente ovunque, diverso il discorso del metano che in alcune zone è obbiettivamente più difficile da trovare.

Attualmente mi trovo benissimo con il GPL, il risparmio c'e, non vado mai a benzina, anzi dovrei metterne un pò perchè altrimenti "stagna" che non la metto credo da 6 mesi o giù di li

ally

100 stazioni da 4/6 colonnine, a malapena coprono le esigenze di 10k veicoli al giorno...

CapRichard

Il metano e GPL hanno anche loro il problema della distribuzione.
In alcune zone una o l'altra non è usabile in modo pratico.
E se devi poi passare a benzina ecco che il risparmio sparisce di colpo.

Quindi....

CapRichard

Internet lo paghi a consumo?

CapRichard

Su, su, andale

an-cic

no, il problema non lo vedo... basta che anziche fare l'abbonamento con enel x lo fai con duferco e non hai quel limite. se il mercato premia quella scelta stai sicuro che poi anche gli altri si adeguano

Franz 451

e vedi il problema, cosi sarei obbligato ad andare in una collonina ENEL, immaginati con tutte le APP di altri gestori chiusi senza share della loro rete con altri gestori.

an-cic

di cittadine con quei km non ho notizie, ma di e-up e similari con oltre 100.000km senza degrado rilevante si

Giulk since 71' Reload

Bisognerà vedere con che degrado, non parlo di tesla, ma anche di auto utilitarie come una modesta dacia spring dove non credo che hai un controllo di regolazione della temperatura delle batterie come su una Tesla

an-cic

enel x non supporta il roaming tra operatori ma ad esempio duferco lo fa, quindi con l'app di duferco puoi ricaricare sulle colonnine di enel x, becharge, ionity e molti altri anche in europa usando la tua offerta.

Franz 451

oh yoi cosa centra il roaming con un APP IN ITALIA, domanda semplice.
abbonamento in APP con ENEL X posso fare la ricarica con la collonina BECHARGE?

an-cic

e perchè dovrebbe essere unificata l'app? è giusto che ogni gestore abbia la sua app, basta che poi con la sua app possa andare in roaming sulle altre colonnine come già succede oggi (per alcuni)

Franz 451

non ho mai detto sotto TELEPASS, me deve essere unificata le APP di vari gestori di ricariche.

an-cic

i dati che abbiamo ad oggi dicono che quei chilometraggi si reggono senza problemi

Giulk since 71' Reload

Per la manutenzione concordo nel medio corto termine ma c'e sempre l'incognita batteria, per dire io con la vecchia Focus TDCI 100cv sono arrivato a fare 300mila km, la mia compagna con la Yaris benza del 2008 è arrivata a quasi 320mila km, sarà da vedere se le batterie reggeranno senza problemi tale chilometraggio, sopratutto sulle auto utilitarie.

Gli sgravi fiscali poi restano un incognita, ad oggi c'e ne sono molti, per esempio bollo, parcheggi strisce blue gratuiti etc, bisognerà vedere un domani

an-cic

guarda che esiste già il roaming

ACTARUS
Shiny

Bio ovviamente

an-cic

io guidavo una a3 g-tron fino a marzo, quindi i costi reali li conosco bene... la differenza sul carburante, pur essenendoci, non è il fattore principale di risparmio. assicurazione e assenza di manutenzione sono le vere voci che cambiano il risultato. rispetto al diesel invece non c'è confronto.

Giulk since 71' Reload

Mah non mi sembra tutto questo enorme risparmio rispetto al gpl o metano, sopratutto in virtù dei limiti che hanno ancora le auto elettriche, io come detto spero e auspico che in futuro con sempre più colonnine e auto in giro si trovi la quadra, ovvero tariffe flat più leggere delle attuali e magari senza dover fare abbonamenti di sorta

ACTARUS

In una busta ci sta più corrente...

csharpino

E sono d'accordo ma non vedo perchè l'unificazione dovrebbe essere fatto sotto telepass e non con una delle attuali già presenti..

Shiny

Chiamarla batteria ti faceva sch ifo

Franz 451

unificare in un APP sola, senno finisce ognuni marchio ha il suo APP e tessere

csharpino

Se sei in autostrada tutta la settimana ok ma se come la maggior parte delle persone i tratti lunghi di autostrada li fanno 2/3 volte l'anno risparmiare 10€ con tutto lo sbatti che ne consegue non è che interessi molto...

an-cic

Quali scuse? Sono semplicemente dati

an-cic

Ladrata?

an-cic

Immagini molto male

csharpino

Se hai una elettrica un app per le ricariche la hai per forza quindi non vedo tutta sta necessità del telepass sinceramente...

ghost

Con un diesel di qualche anno fa ne facevi 1000 abbondanti quindi immagino che con un diesel recente li fai tranquillamente

ghost

Stanno puntando alla ricarica a casa praticamente

Rettore Università di Disqus
Rettore Università di Disqus

Se non fai quei km è una ladra e basta.

Smettetela di trovare sempre scuse per le auto elettriche, è un mercato prematuro.
Magari un giorno avrà un senso, oggi è per chi ha il box auto e fotovoltaico o per i fessi.

Igi

60/:0,50=120 KWh
In Autostrada a 120-130 fai circa 120/0,18=666 km

... ca550 sei riuscito a sbagliare di più del doppio... genio!

Teomondo Scrofalo

Quindi se non fai 1600 km al mese è una ladrata colossale!!!!

Teomondo Scrofalo

Ammazza che ladrata schifosa!!!!!

Dacia Spring: come va l'elettrica economica da 9.460 euro (con incentivi) | Video

Nuova Mazda CX-30 2021 eSkyactiv-X: quando 6 cv fanno la differenza | Video

Renault Arkana 2021: SUV Coupé per tutti, solo ibrida e come lei nessuna | Video

Incentivi auto 2021: tutto quello che c'è da sapere | Video