Francia, il Governo pensa ad una tassa sul peso delle auto

16 Ottobre 2020 36

La Francia punta il dito sui maxi SUV e sulle auto di grandi dimensioni. Il Governo francese che sta lavorando sul fronte della riduzione delle emissioni di CO2, tanto da voler istituire una maxi tassa sulle auto più inquinanti, sta progettando una "tassa sul peso" dei veicoli. L'annuncio è stato dato dal ministro della Transizione Ecologica Barbara Pompili che ha spiegato che l'obiettivo è quello di ridurre le vendite dei SUV e contestualmente quello di diminuire l'impatto ambientale di questa tipologia di veicoli.

Secondo quanto emerso, la tassa colpirebbe i veicoli dal peso superiore ai 1.800 Kg. Si andrebbero a pagare 10 euro ogni Kg eccedente. Questa tassazione non si applicherà alle auto elettriche, notoriamente pesanti a causa delle batterie. Tale progetto del Governo francese nasce da un'iniziativa della Convenzione dei Cittadini per il Clima. Si tratta di un gruppo di lavoro che ha creato un elenco di 150 azioni ambientali tra cui, appunto, questa tassazione sul peso delle auto.

Il peso medio delle vetture in Francia è di poco superiore ai 1.200 Kg. Questo significa che la tassa sul peso andrebbe a colpire solo pochi modelli. Infatti, la proposta originaria della Convenzione dei Cittadini per il Clima spingeva per un limite di 1.400 Kg. Il Governo, dunque, punta intanto a spingere le persone ad evitare l'acquisto di veicoli pesanti e anche di incoraggiare l'industria automobilistica a tenere conto dell'intera impronta ecologia delle autovetture e non solo delle emissioni.

Ovviamente, il mondo dell'automobile non ha preso bene questa notizia. Infatti, è stato sottolineato che l'aumento del peso dei veicoli negli ultimi anni è dispeso dall'integrazione dei sistemi ADAS e dal miglioramento della sicurezza delle auto. Addirittura, Luc Chatel, presidente della Automotive Platform (PFA) che rappresenta le aziende del settore in Francia, ha detto che "non ci sarà alcun futuro per l'industria automobilistica nel Paese con aumenti delle tasse".


36

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Li

Ho la certezza che lei abbia grosse difficoltà nel leggere ciò che viene scritto.
C'è molta differenza tra le parole RACCOLTA, CONFERIMENTO e SMALTIMENTO.
La RACCOLTA viene fatta dal gommista o meccanico.
Il CONFERIMENTO avviene con il trasportatore.
Lo SMALTIMENTO viene gestito dai consorzi autorizzati.
Credo sia il caso che se ne faccia una ragione.

Vae Victis

Il gommista non effettua nessuno smaltimento. Lo smaltimento lo effettuano le aziend edi smaltimento e ricevono TUTTE fondi pubblici (anche belli corposi).

Alex Li

Veramente pensi che mi arrampichi sugli specchi?
Ho una discreta esperienza in merito allo smaltimento dei pneumatici visto che con loro ho mangiato per quaranta anni!!!
Funziona così.
ECOPNEUS e GREEN TYRE sono due consorzi che si occupano dello smaltimento a loro vanno, oltre gli eventuali fondi pubblici...se e quando ci sono.., i contributi versati dagli acquirenti finali.
Il gommista o chiunque altro lavori sul pneumatico devono conferire il PFU a loro avvalendosi dell'opera di una azienda di trasporto, nel caso in cui non potessero con mezzi propri, e pagare loro una fattura per l'opera svolta.
Spero ti sia chiaro!!!

Alex Li

Ho parlato di un settore specifico.... pneumatici
Purtroppo per te la filiera dello smaltimento PFU funziona in quel modo.
I fondi pubblici se e quando ci sono sono appannaggio dei consorzi gestiti da costruttori e distributori nazionali e non di certo di coloro che si occupano della raccolta come il gommista o l'autofficina meccanica oppure l'azienda che trasporta il carico.

Alex Li

Non sei informato!
Fallo e vedrai che sarai in parte smentito!

Vae Victis

Sì certo, così come il paziente paga la visita dallo specialista e il viaggiatore paga il volo Alitalia.

Vae Victis

Ti stai arrampicando sugli specchi.

Se pensi che la gestione dei rifiuti funzioni senza fondi pubblici sono problemi tuoi. Continua pure a credere ciò che vuoi, tanto le aziende di smaltimento continueranno a ricevere fondi pubblici in ogni caso. Fondi pubblici che prelevano anche dalle tue tasche.

Alex Li

Tu smettila di dire penate!
Chi si occupa del riciclaggio sono dei consorzi gestiti da costruttori e distributori nazionali di pneumatici....loro sono sovvenzionati e non dal CONAI.
Il consumatore finale paga un contributo...che non è una tassa....per lo smaltimento.
Il gommista o chiunque altro si occupi di pneumatici raccoglie il PFU e lo consegna avvalendosi di aziende private che riscuotono una fattura per i costi di ritiro.
Cerca di informarti meglio.......

Vae Victis

...e riceve fondi pubblici dal CONAI, smettila di voler smentire la presenza di soldi pubblici.

Alex Li

Il viaggio del camion che và a ritirare i PFU......lo paga il gommista!

Vae Victis

Tu paghi le tasse, chi va a recuperare i rifiuti viene pagato dallo stato per farlo. Quindi percepisce soldi pubblici.

Alex Li

Per il riciclo degli pneumatici si deve pagare un contributo sul Pneumatico Fuori Uso per ogni pneumatico acquistato.....compresi quelli di una auto nuova.
Altro che ti pagano con fondi pubblici!

Aristarco

Peccato per loro

Vae Victis

Infatti ci si torna. La lobby del carbone è tra i maggiori sostenitori delle auto elettriche.

La Germania ha appena autorizzato la costruzione di una nuova grande centrale a carbone

Desmond Hume

Beh chiaro forse non hai un suv cittadino da aperitivo come X6, Defender, Q7, Touareg, GLC ecc. ecc. tutti sopra le due tonnellate.

Aristarco

E vabbè se la pensiamo così allora torniamo al carbone...

Vae Victis

Si, quella che dici tu è la teoria, poi esiste la realtà.
Il giappone ha deciso di scaricare l' acqua radioattiva di Fukuscima nell'oceano, e in futuro, quando ci saranno più centrali nucleari per alimentare le auto elettriche, sarà fatto ancora di più.

Aristarco

Mai detto che riciclare sia gratis e che siano riciclabili al 100%, solo che viene già fatto ed in futuro lo sarà fatto ancora di piu

Vae Victis

Cosa fa? Recupera il piombo e lo manda in fonderia?
Con le batterie al Litio non è così semplice visto che non sono fatte di Litio-metallo.
Inoltre anche l'operazione di estrazione non è semplice, perché le celle sono molto più piccole e concentrate.

E comunque anche per recuperare il piombo occorrono lavorazioni a 1000 gradi centigradi, non so se hai presente quanto combustibile bisogna bruciare per fare quelle lavorazioni.

Aristarco

Mmh no per le batterie ti assicuro di no, è una vita che lo fa mio suocero

Vae Victis

Ti pagano (con fondi pubblici) per raccogliere qualunque cosa, anche una lavatrice o un pneumatico. Serve ad evitare che vengano abbandonate nell'ambiente.

Ma nessuno va a riciclare le parti che sono energeticamente dispendiose da riciclare. Il 50% va tutto in discarica.

Aristarco

Chissà come mai che se le raccogli poi te le pagano pure....devono essere masochisti

Aristarco

Il mio pesa circa 1200 kg ed è lungo circa 4,30, non è che tutti i suv siano pesanti eh..

Io sto sui 6.3l (perché viaggio tanto in autostrada, in città sto sui 5). Però é una vettura da 2 tonnellate e 230cv. La 500 che consuma di più pesa poco e ha pochi cv...

Vespasianix

E le 7 posti?

andrea55

Ah ecco mi stavo preoccupando, 6.5l sono nulla

Parlo di consumi reali, non dichiarati.
É quelli, sulla IS300h sono di 6.5l/100km (anche se io sto ben sotto questa media).

Desmond Hume

"la tassa colpirebbe i veicoli dal peso superiore ai 1.800 Kg. Si andrebbero a pagare 10 euro ogni Kg eccedente."

Ci può stare, almeno si evitano i Suv in città. Hanno voluto togliere di mezzo le sportive con il superbollo? Si tolgano anche i furgoni.

Igi

Ma le leggete le stron5ate che scrivete...!!@@

Vae Victis

Per riciclare ogni singola batteria bisogna bruciare un quantitativo di combustibile che equivale a 10 mila litri di benzina. Infatti le buttano in discarica o probabilmente in fondo agli oceani.

Eugenio Volcov

inquinerai più te con la plastica in 3 mesi rispetto a un pacco batterie che al termine del ciclo della sua vita viene recliclato oltre il 90% .

Mark MILLER

così una Tesla paghera + d 1 Smart, pur inquinando meno, complimenti... era MOLTO + corretto in proporzione a CO2 emesso... si commenta da sé

Vae Victis

600 kg di batterie sono iper inquinanti, è giusto fare pagare una tassa sul peso.

Vae Victis

La tua auto inquina molto di più di una 500.

Alex

In Francia mica son come gli italioti. Ci provi Macheron e gliela rifaranno mangiare come quella sui carburanti.

Finisce poi che le ibride come la mia che pesa 2100kg e inquina meno di una 500 verrà tassata...
Oppure che i SUV si portano dietro una batteria da 10kg, giusto per dire che sia elettrica...

Le idee sono buone, ma non riescono mai a metterle in pratica.

Vado a fare il pieno di idrogeno in Svizzera e (forse) torno | Live con Hyundai Nexo

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

MyMi: la recensione del cuscinetto anti abbandono che protegge i bambini | Video

Come lavare l'auto a casa per farla rinascere | Guida e Video