Audi Q4 e-tron 50 quattro: recensione in viaggio e prova consumi reali | Video

05 Luglio 2021 106

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Audi Q4 e-tron è stata protagonista di una sfida particolare per la sua prima prova su strada: simulare un weekend di viaggio senza ricaricare la versione più potente, Q4 e-tron 50 quattro con due motori elettrici, trazione integrale e 300 CV di potenza complessiva.

Oltre ad affrontare un percorso da Verona a Madonna di Campiglio e ritorno, con autostrada, tornanti in salita (e poi in discesa), città e fuoristrada in mezzo ai boschi del Parco Naturale Adamello Brenta grazie ad un permesso speciale, il SUV elettrico di Audi si è svelato in tutte le sue caratteristiche e nella proposta commerciale da 499€ al mese fatta per eliminare qualsiasi pensiero: include tutte le coperture assicurative, la manutenzione e l'installazione della wallbox grazie a Enel X, partner di Audi per la ricarica..

Scopriamo Q4 50 e-tron quattro in questa prima recensione andando ad analizzarne i consumi in città e autostrada, l'autonomia complessiva, abitabilità degli interni, spazio nel bagagliaio e prime impressioni di guida:

DIMENSIONI ED ESTETICA

Classico SUV di taglia media, Audi Q4 e tron ha dimensioni di 4.690 mm di lunghezza x 1.860 mm di larghezza e 1.610 mm di altezza. Pur restando vicina alle linee classiche a cui la gamma Audi ci ha abituato, Q4 e-tron cambia in diversi aspetti: sparisce la griglia anteriore, ora è solo simulata, il raffreddamento è demandato alla parte inferiore con aerodinamica attiva, il sottoscocca è carenato e il cx è di 0.28.

Vista di lato sembra una Q3 ma ha lo spazio di una Q5: l'estetica riprende gli immancabili blister quattro, ormai firma delle produzioni SUV, e l'unico elemento che stona è quello dei tamburi.

Dicono che siano migliori per evitare problemi di ruggine poiché i freni posteriori non si usano quasi mai: anche nella versione a due motori, infatti, è sempre il posteriore ad occuparsi della rigenerazione, con una decelerazione fino a 0,3 g e un recupero massimo da 145 kW.

Tutto vero insomma, ma siamo nel Paese che sceglie le auto per l'estetica e per sfoggiarle: mettere dietro un finto disco di copertura poteva essere una soluzione per accontentare tutti?

Scheda tecnica Q4 50 e-tron quattro

  • Potenza: 220 kW / 299 CV (doppio motore)
  • Coppia: 460 Nm
  • Trazione: integrale
  • Velocità massima: 180 km/h
  • 0-100 km/h: 6,2 secondi
  • Batteria: 82 kWh (77 kWh utilizzabile)
  • Ricarica in AC: 11 kW
  • Ricarica DC: 125 kW
  • Autonomia dichiarata WLTP: 488 km
  • Consumi dichiarati: 18-20 kWh/100 km
  • Lunghezza: 4,69 m
  • Larghezza: 1,86 m
  • Altezza: 1,61 m
  • Passo: 2,76 m
  • Sospensioni: McPherson, multilink a cinque bracci
  • Cerchi: 19", 20" e 21"
  • Luce da terra: 18 cm
  • Bagagliaio: 520 litri, fino a 1.490 litri
  • Massa a vuoto: 2.135 kg
  • Capacità di traino: 1.200 kg (frenato, max 12%)

INTERNI: ABITACOLO E BAGAGLIAIO

L'abitacolo è il più tradizionale possibile per non rappresentare un elemento di rottura nel passaggio dai motori a combustione a quelli elettrici. All'interno, Q4 e-tron evolve in modo intelligente ed è campionessa di ergonomia: lo schermo e i comandi del climatizzatore sono rivolti verso il conducente e sono perfettamente a portata di braccio, riducendo movimenti e distrazioni. La tasca laterale per la bottiglietta d'acqua è un piccolo tocco di genialità e praticità.

Ottima anche la triangolazione, trovare la posizione ideale è facilissimo anche se le versioni d'ingresso si devono accontentare delle regolazioni manuali per i sedili... a queste cifre ci si aspetta il supporto elettrico di serie. E almeno i sensori anteriori e posteriori. E la retrocamera.


Ben gestito il bagagliaio da 520 litri, con un vano di carico piatto che nasconde una botola utile per accedere al doppio fondo anche con qualche valigia a bordo. Il volume inferiore è sufficiente per tutti i cavi di ricarica. Non mancano all'appello le tasche laterali, sempre comode, la rete ferma oggetti, molto pratica, e le due luci LED per l'illuminazione.

I passeggeri posteriori stanno comodi grazie ad un passo non enorme (IONIQ 5 fa di meglio con i suoi 3 metri ad esempio) ma sufficiente per quattro adulti di taglia maggiorata. In più ci sono due USB C, una 12 V e le bocchette per la terza zona di climatizzazione dotata di comandi indipendenti: si viaggia bene e con tutti i comfort, incluso il bracciolo posteriore con i due americanissimi porta-bicchieri che, purtroppo, sono semplicemente scavati nella parte alta e non sfruttano soluzioni più raffinate a scomparsa o con uno sportellino (Mercedes EQA lo fa meglio).

Grande pregio di Q4 e-tron è poi la cura nel comfort acustico: l'insonorizzazione è di buon livello, tanto che alle velocità autostradali si percepisce la differenza rispetto alle colleghe del gruppo pur trovandosi di fronte ad un'auto più alta da terra rispetto a ID.4: 16 cm vs 18 cm.

TECNOLOGIA, COMANDI E ADAS

Rispetto alle sorelle ID.4 e Enyaq iV, Audi Q4 e-tron è quella più ricca nella tecnologia di strumentazione ed infotainment, oltre ad essere anche "tradizionalmente innovativa". La strumentazione non è minimalistica come la Volkswagen e la Skoda: è grande, personalizzabile, con tanto di mappe satellitari per la navigazione e tutte le informazioni che possiamo desiderare.

Inoltre l'interfaccia dell'infotainment è intuitiva, fluida, rodata perché utilizzata in casa Audi da tempo e forte di un accumulo di know-how che i tedeschi hanno sviluppato nel corso degli anni.

Il volante utilizza la tecnologia capacitiva per gli ADAS, cambia nella forma con la parte superiore piatta che lo rende esagonale e, purtroppo, si piega alla moda dei pulsanti a sfioramento/cliccabili. Un controllo ibrido che risulta super sensibile nella parte tattile: capiterà spesso di attivarli involontariamente durante le manovre.

Ottima la prima impressione sull'assemblaggio e assenti gli scricchiolii, ma la qualità delle plastiche cede il passo concedendosi materiali "fragranti" nelle parti alte della zona passeggeri. I fissati delle plastiche morbide avranno di che lamentarsi.


La dotazione di ADAS è impeccabile se andate a prendere gli optional più evoluti: Livello 2+ completo e integrazione predittiva dei sensori che vengono utilizzati per decidere in automatico l'entità della rigenerazione.

Quando viaggiate in modalità rigenerativa manuale (usando le palette al volante), i sensori sono comunque attivi e il radar viene utilizzato in combinazione con la cartografia per suggerirci di alzare il piede dall'acceleratore quando l'auto rileva che può veleggiare o rigenerare.

Ottima ergonomia di comandi e schermiClimatizzatore con pulsanti dedicatiOttima interfaccia e strumentazione personalizzabile
Tasti ibridi touch e cliccabiliDiverse plastiche dure a vista

RICARICA

La prova di ricarica alle colonnine in corrente alternata e corrente continua è da rimandare ad un test più approfondito e con più tempo a disposizione. Le opzioni di carica per Q4 e-tron, comunque, sono le stesse viste per la piattaforma MEB, meno prestazionale in questo rispetto all'architettura a 800 V di RS e-tron GT.

La versione d'ingresso limita il caricatore di bordo in corrente alternata a 7,4 kW e supporta fino a 100 kW in corrente continua. Con la batteria da 77 kWh delle versioni 40 e 50 e-tron, invece, si carica in trifase AC a 11 kW e in DC a 125 kW. Con una ricarica di 10 minuti, Audi promette energia per 130 km nel ciclo WLTP.

La gestione termica consta di due circuiti: il primo è dedicato alla batteria, il secondo a motori, elettronica di potenza e caricatore. Entrambi possono essere collegati al circuito di climatizzazione dell'abitacolo in caso di necessità di raffreddamento particolari. In tutte le altre situazioni la miscela di acqua e glicole (anti-congelamento) è gestita in maniera indipendente. Per la ricarica rapida d'inverno (e per garantire prestazioni costanti alla guida) è disponibile un riscaldatore dedicato che porta la batteria a 30°.

Per tutte, e-tron Trip Planner è il software integrato nel sistema di infotainment che crea l'itinerario di viaggio partendo dal solo input della destinazione. La pianificazione delle soste è automatica, preferendo sempre colonnine rapide per minimizzare i tempi e adattando le ricariche in base alle condizioni variabili come stile di guida e traffico. Q4 e-tron regala 1 anno di abbonamento al servizio di ricarica che permette di attingere a 17.000 punti in Italia, 235.000 in Europa e include la tariffa agevolata a IONITY.

Q4 50 E-TRON QUATTRO: PROVA SU STRADA

Audi significa trovare il giusto bilanciamento tra prestazioni, guida piacevole e comfort. I tedeschi ci sono riusciti anche con la loro elettrica basata sulla piattaforma MEB, qui declinata con un setup leggermente più rigido rispetto a ID.4 e in grado di far sentire la differenza.

Sterzo progressivo (di serie sulla 50 e-tron quattro), setup indovinato a livello di sospensioni e ammortizzatori e il solito baricentro basso, si traducono in una guida da riferimento nel settore. Se XC40 Recharge risulta poco bilanciata nell'utilizzare due motori elettrici potentissimi (408 CV) piazzati su un telaio di generazione termica, Q4 e-tron da 300 CV soddisfa grazie a piattaforma e regolazioni commisurate alla potenza in ballo.

Lo sterzo è preciso e diretto, si stacca dal concetto di SUV e interpreta bene il compromesso necessario per essere alti da terra, dominare il traffico ma limitare il rollio nelle curve. Un po' di coricamento c'è sempre, intendiamoci, ma l'abitacolo risponde in modo progressivo in curva, contando su un'ammortizzazione non cedevole che accompagna durante la guida più sportiva ma, allo stesso tempo, assorbe bene in tutte le situazioni.

Sulla Q5 50 e-tron, poi, la trazione integrale sfrutta i due motori elettrici per essere istantanea e aiutarci molto anche in curva: un SUV ben piantato a terra per via del baricentro e con una trazione che massimizza la velocità di uscita dai tornanti.


Confrontandola con le versioni a trazione posteriore (provate su ID.4 ed Enyaq), la "dual motor" di Audi perde nel raggio di sterzo ma guadagna in divertimento. Da scegliere per due motivi: vi serve la trazione integrale oppure volete un'auto prestazionale.

Il motore posteriore è un sincrono a magneti permanenti, l'anteriore è un elettrico asincrono

Se cercate una sostituta per la vostra Q5 40 TDI, però, va benissimo il modello a trazione posteriore da 150 kW che può contare su una coppia simile al diesel più piccolo (35 TDI) ma con il vantaggio dell'erogazione istantanea. Il raffronto non va fatto nei numeri puri ma nella sensazione di guida che risulta paragonabile.

CONSUMI REALI E AUTONOMIA

Il viaggio con cui abbiamo messo alla prova i consumi reali è stato davvero variegato ed è più facile mostrarvelo che descriverlo visto che ha affrontato città, autostrada, montagna e un'importante sezione di fuoristrada. Tutto con climatizzatore costretto a fare gli straordinari per tenere a 22° costanti l'abitacolo: si è arrivati a massime di 34° C e, in quota al Rifugio Malga Ritorto, non si è scesi sotto ai 29°.


La parte in fuoristrada e i tempi di attesa e fermo del veicolo hanno inciso tantissimo sui consumi, portando le rilevazioni ad un massimo di 25 kWh/100 km alla fine del tratto di andata.

Il vantaggio è che Q4 e-tron è in grado di rigenerare tantissimo in discesa e la media complessiva a fine viaggio si è abbassata a 23,5 kWh / 100 km in condizioni di guida reale ma poco attenta ai consumi e senza utilizzare alcuna tattica di risparmio se non quelle attuate dall'auto stessa. Più le molte soste da fermo con climatizzatore attivo.

Torneremo in seguito per mettere alla prova i consumi con test dedicati alle singole situazioni e più approfonditi: nel frattempo prendete questi dati come una prima indicazione e considerate la media di 18 kWh/100 km del ciclo combinato come una via di mezzo tra una guida più accorta e una guida più brillante, specie nell'extra-urbano.

AUDI Q4 E TRON: PREZZO E INCENTIVI

Solo Q4 35 e-tron e Q4 40 e-tron beneficiano degli incentivi statali in caso di rottamazione: con l'Ecobonus si parte da 35.260€ per la batteria da 52 kWh netti e da 40.660€ per quella da 77 kWh, entrambe garantite 8 anni o 160.000 km al 70% della capacità originale.

La versione consigliata è la 40 e-tron per chi cerca un'auto elettrica che possa sostituire la vettura principale in famiglia visto che la batteria più piccola richiederebbe qualche sosta in più nei lunghi viaggi.

Configuratore Audi Q4 e-tron

AUDI VALUE NOLEGGIO

L'offerta di noleggio a lungo termine per privati è davvero completa perché include la Wallbox di Enel X (JuiceBox Pro Cellular da 7,4 kW) che resta una dotazione del cliente anche in caso di reso dell'auto al termine del periodo di sottoscrizione del contratto.

Il canone include wallbox con cavo, installazione e realizzazione della linea di alimentazione a valle del contatore

Audi Value noleggio propone Q4 40 e-tron Business da 204 CV a 499€ al mese per 36 mesi e 45.000 chilometri. Si tratta di un allestimento intermedio con una buona dotazione di accessori e disponibile a listino a 55.300€ (l'anticipo richiesto è di 10.156€).

Il prezzo include l'assistenza con manutenzione ordinaria e straordinaria, hoteling gratuito per gli pneumatici, ritiro e riconsegna a domicilio, assistente personale, veicolo sostitutivo (preferibilmente elettrico), soccorso stradale e traino in Italia ed Europa, kasko, RCA e limitazione di responsabilità per incendio e furto.

DOTAZIONE DI SERIE

Q4 e-tron ha di serie pre sense front per l'anticollisione con frenata automatica d'emergenza, cerchi da 19", clima automatico, cruise control e limitatore, strumentazione digitale da 10,25", LED interni, monitoraggio corsia, bracciolo anteriore, luci Full LED, MMI plus con touchscreen da 10,1", retrovisori regolabili e riscaldabili, sedili riscaldabili, sensori luci e pioggia, sensori di parcheggio posteriori e volante sportivo in pelle con paddle.

Q4 e-tron EVO aggiunge l'interfaccia per gli smartphone (Android Auto e Apple CarPlay), prese USB C posteriori e 12 Volt, retrovisore interno senza cornici con anti-abbagliamento, retrovisori esterni ripiegabili con anti-abbagliamento, sensori di parcheggio completi e supporto lombare per i sedili anteriori.

Q4 Business è quella ideale: aggiunge il Virtual Cockpit (rende personalizzabile la strumentazione digitale), cruise control adattivo, riconoscimento segnali stradali, infotainment MMI plus connesso con navigatore, schermo da 11,6" e retrocamera.

VIDEO


106

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sgarbateLLo

Tu ridi ma qualche giorno fa ho visto una model 3 parcheggiata con appoggiati dei guantini fatti a maglia sul tunnel centrale, non avendo parti in pelle avevano tutta l’aria di essere un espediente per non rovinare il volante prima della rivendita/fine leasing

TheAlabek

Si parlava di optional, che c'entra

teo

Scusate ma con quei consumi e la batteria più piccola è tragica

darkschneider

Io l'ho trovata terrificante>
Probabilmente é comodissima in cittá, ma un puó fuori (collina o montagna) é imbarazzante.
Assetto beccheggiante tipo barcone, ripresa sottozero alla minima salita.
Rispetto alla vecchia panda 900 del '97, la nuova mi sembr aun peggioramento totale.

Soter

Ti ringrazio per la risposta, il mio era un discorso generale, non rivolto a voi di hdmotori, più che altro uno sfogo verso Audi...

darkn3ss1

Ora ho capito la nomenclatura
Q4 35 perché ci vogliono 35000 banane
E Q4 40 perché servono 40000 kiwi
E così via dicendo
Audi sempre avanti

Luigi Melita

Ci sono spesso un sacco di cose "che non hanno senso", poi a volte è effettivamente così, sono il risultato di una "toppa". Oggi la progettazione è multi-reparto, a differenza di un tempo in cui magari la tecnica non parlava con il design e quest'ultimo doveva poi arrangiarsi con i vincoli imposti dai colleghi.

Il problema è che la progettazione di un'auto è qualcosa di complesso, devi tenere in considerazione vincoli strutturali, vincoli di sicurezza, come si rompe un determinato materiale o un determinato pezzo in caso di sicurezza e via dicendo.

Nel caso specifico, per me e per te si poteva fare diversamente e non sarebbe stato difficile. Perché non è stato fatto così? Magari c'è un motivo dietro che non conosciamo ma che ha senso. Oppure si sono trovati ad un punto in cui una concomitanza di fattori (figli di un progetto nato non proprio perfetto al 100%) hanno portato lì.

Senza parlare poi di quello che non vediamo: in produzione, se smonti un'auto, escono fuori scelte che testimoniano come si sia stata messa una pezza in termini di saldature eccessive, componenti inutilmente ridondanti ecc perché la realtà della linea si è poi scontrata con l'idea del progetto su carta.

Parte del problema arriva poi dalle piattaforme modulari dove un pianale serve a tantissimi modelli. E poi c'è il tempo che dedichi al progetto chiaramente: tanto studio, tanti prototipi, tanti test = poche sorprese ^^

Signor Rossi
Luigi Melita

Ne parlo nel video, te li regalano parzialmente

Signor Rossi

Per preservare la durata della batteria visti i consumi ... la superlussuosa e scichissima Mercedes EQS a130 km/h necessità di "soli" 15 kWh, per non citare sempre Tesla. Se questa la fai andare a 200 km/h non vai lontano ...

Signor Rossi
Mr. G - No OIS no party

Sono anni che i vaggari criticano le plastiche Tesla e ora è uscita questa che costa uguale, con qualità costruttiva simile, e peggiore sotto tutti gli altri punti di vista

BerlusconiFica

la nuova panda é incredibilmente confortevole da guidare

NEXUS

ma che caxxo stai a di? le elettriche servono solo in città

NEXUS

non è brutta,però vedere i freni a tamburo della UP su un auto da 45k euro fa ridere

Dike Inside

Un design da Hot Wheels... davvero bella! Sul lato tecnologico non so quanto sia valida, sulle elettriche fino ad ora per autonomia, rete ecc.. Tesla sembra inarrivabile.

Mr. G - No OIS no party

Ho guidato tante volte a noleggio la Panda, il modello attuale, e mi sono stupito di quanto fosse ben fatta rispetto ad auto anche più costose sia del gruppo FCA (pardon, Stellantis), che di altri gruppi concorrenti.

Daniel

La nostra pandina troppo -troppo- sottovalutata

Massimo

Io a 3,5km da casa ;)

Massimo

Imbarazzanti le plastiche di una panda su un auto da quasi 60k

mattbra

Le proposte sono proposte.
Non c'è nulla di obbligatorio.

Tiwi

non male

Luigi Melita

Eh, il mitico "frunk" è una delle mancanze della MEB.

Luigi Melita

Concordo, per marchio e posizionamento o questa è prezzata in difetto o la ID.4 in eccesso

Luigi Melita

Model 3 è una D, siamo sul segmento di Classe C e BMW Serie 3 per intenderci. Boh sì, se non vuoi pensieri e fai centinaia di km al giorno vai di Classe C diesel, hai un'autonomia da traversata dell'Italia e non ci pensi.

Però per lavoro, sola autostrada e senza ricaricare, ho fatto Milano-Verona-Milano (300 km) partendo al 100% tornando a casa con il 19%, tutto registrato e a prova di tribunale xD

Luigi Melita

e gli scarichi!

Luigi Melita

Che almeno capisce un minimo il linguaggio naturale ed il suo assistente vocale è in circolazione da più tempo, quindi ha avuto più dati per "addestrarsi" a capirci. Cosa che nessuno considera poi: l'italiano, lingua che parliamo solo noi in tutto il mondo e che quindi genera moltissimi meno dati da macinare (nel sistema di machine learning) rispetto all'inglese ad esempio...

Luigi Melita

Che gli assistenti vocali non siano minimamente all'altezza con quelli su smartphone e quelli casalinghi è stato detto più volte, non sempre viene in mente di ripeterlo in ogni video delle 72 milioni di declinazioni dello stesso sistema di infotainment ^^'

MBUX è il migliore fra gli automotive e comunque non è all'altezza di un Google Assistant, figuriamoci di Alexa. E in diversi video ci sono le prese in giro dei vari sistemi.

Quindi il coraggio di dirlo c'è, e te lo sottoscrivo ulteriormente qualora servisse a farti dormire più tranquillo ;)

RomanRex

ma le auto elettriche le fanno anche da uomo?

Igi

Poco più di 300...

Igi

I tamburi innanzitutto diminuiscono la resistenza al rotolamento, fenomeno che avviene con i freni a disco, e hanno prestazioni migliori dopo periodi di inattività. Questi lassi di tempo sono dovuti al sistema di frenata rigenerativa che la ID.4 sfrutta con il motore elettrico. La strana scelta quindi non è legata soltanto alla limitazione dei costi ma migliora il comportamento della vettura su strada.

virtual

Ma con la ricarica in DC il cavo non è attaccato alla colonnina? I cavi mi pare di capire si debbano prendere solo per la ricarica in AC, no?

virtual

Cos'ha di così superiore MBUX?

ASM77

Audi non doveva fare auto priiimium? Gli interni (pannelli porta e plancia) sono il festival della plastica.

ASM77

Ormai i recensori esplicitamente non parlano dei difetti, ma basta sentire quanto elogiano l'MBUX di Mercedes (e quanto non lo fanno per gli altri infotainment) per capire che è nettamente superiore a tutti.

Soter

Vedo che ha lo stesso imbarazzante e patetico sistema di infotainment della mia Audi Q3 sportback, incredibile che Audi non curi questo aspetto, assistente vocale che non capisce una mazza, prolisso da farti pentire di avergli chiesto qualcosa, android auto wireless non pervenuto, alexa non serve praticamente a nulla (non è possibile inviare annunci ai dispositivi di casa, per esempio), la ricerca di un brano musicale tramite voce è tragicomica, ecc..ecc... Perchè i recensori non hanno il coraggio di dirlo??

Lucasthelegend

mio suocero è pieno di grana, prima delle formule a noleggio cambiava auto ogni 3/4 anni e le pagava a prezzo pieno(bmw da serie 5 in su e mercedes da classe e in su), dandole dentro per prenderne una nuova(ci perdeva parecchio). Ora paga fra i 5/700 euro al mese e ogni 3 anni ha una macchina nuova..iniziato con z4(gen scorsa), ora è 2 anni che ha la z4 attuale..prossima sarà una boxter, ecc.... per chi ne ha è ottimo. Non avrai mai problemi in quanto usi macchine nuove, le tratti come vuoi e non hanno nemmeno il tempo di puzzare di vecchio...se penso allo spreco di risorse mi viene da piangere, ma potessi farei anche io cosi.

darkschneider

No, non e uguale, ma é comunque una segmento C, si viaggia sufficientemente comodi.
Comunque, il discorso era un altro, per fare tanti Km non prenderei una tesla model 3 nemmeno contro una sua qualunque pari categoria a paritá di prezzo, perché ritengo che altre opzioni sarebbero migliori e piú comode per quell'uso.

luca bandini

nono le ho configurate circa uguali. pompa di calore, adas completi, retrocamera, vernice metallizzata e altre due stupidate e la differenza è poco meno di 5000 euro tra id4 e Q4 a trazione posteriore batteria da 77kw

Soter

e le manca pure il motore, incredibile!!

an-cic

quindi la tua auto da 15.000€ sarebbe come una model 3? 2 anni fa causa cambio di aereoporto di destinazione per maltempo mi sono fatto 700km con una panda per tornare a casa... onestamente non mi sembrava proprio uguale che viaggiare su una qualsiasi auto da 40.000€

darkschneider

Ma certo, non sto dicendo cose diverse, questione di scelte e necessità.
Semplicemente, per macinare km su km e fare viaggi lunghi, per il momento ritengo migliori altre scelte, tipo il metano o il diesel, perché non è lo scenario dove l'elettricità da il meglio.
Chiaro, se i viaggi lunghi sono sporadici e di solito fai viaggi dove l'elettrico si trova bene, fai a tempo a prenderlo.
Per la convenienza, tra la mia auto attuale e la tesla long range, anche considerando 10000€ di incentivo ci ballano 30000€, ci compro altre 2 auto, prima di rientrare passerebbero quanti anni?

Francesco Zerbini

il problema è che la Volkswagen è quasi full optional, a questa devi aggiungerci altri 20k, quindi non sono solo 5k di differenza...

an-cic

io sono di fine anni '70, non so bene quale dovrebbe essere la mia mentalità onestamente

an-cic

una stessa auto nello stesso segmento a parità di costo non ti darà gli stessi pensieri ma ti offre meno altrove... è una semplice questione di scelte. se dopo 20 anni e più di guida sai che non fai più di 2-3 viaggi lunghi all'anno che senso ha rinunciare al resto perchè se quella volta volta nella vita che si incrocia la costellazione di orione con quella di osiride potresti sentirti limitato? ed è così sicuro che poi sei limitato? non è che quei viaggi magari li fai con la famiglia e ogni paio d'ore devi comunque fermarti perchè una volta un figlio e una volta l'altro devono scendere?

le abitudini e le esigenze di ognuno sono diverse... io faccio abbastanza km annui fatti in modo strano... faccio 2-3-4 viaggi mensili da 1000km andata/ritorno in giornata, il resto dei giorni ne faccio da 20 a 50 massimo. mia moglie ne fa 7500/anno, mio fratello fa 150-200km al giorno.

sullo spendere meno poi è tutto da vedere, io venivo da una macchina a metano (quindi credo sia difficile spendere meno di così) e pur spendendo di più per l'acquisto mi è comunque convenuto

darkschneider

Ok, ma una qualunque auto dello stesso segmento di prezzo non ti pone problemi nei viaggi lunghi, occasionali o meno.
Nemmeno auto che costano 1/4 ti pongono problemi, seppur meno comode.
Quindi, il mio personalissimo punto di vista non cambia, non é lo scenario ottimale, non quello in cui si comportano meglio e nemmeno quello piú adatto alle caratteristiche delle attuali auto elettriche.
E non é che facciano schifo, perché la long range, alla fine, va piú che bene, ma se devo macinare Km potrei farlo spendendo decisamente meno e senza rinunciare a comoditá e sicurezza.

an-cic

con gli incentivi sono 38 o 42... ben lontani dai 50... e se scegli la base lo fai perchè i viaggi lunghi sono una cosa che fai 3-4 volte all'anno. in questo caso non lo trovo limitante

darkschneider

Ok, va bene.
Se hai la long range al 100% di carica quanto fai in autostrada?
circa 600Km?
é ottimo, ma costa 55K.
Scendendo a quella normale quanto fai in autostrada nelle tue condizioni?
400Km?
Per quasi 50K sono un po' limitanti, non trovi?

Ratchet

Bidone

an-cic

dipende da quanto è carica.... se è al 100% è un conto, se hai 18,5kwh dentro fai 100km e ti fermi esattamente come accade con una termica... può anche fare i 30km/l ma se ha 0,5 litri nel serbatoio dopo 15 km resti fermo.

Tecnologia

Come nascono le batterie: viaggio in fabbrica con Askoll e la stanza segreta

Auto

Opel Mokka-e: il SUV elettrico messo alla prova, anche in viaggio | Video

Auto

BMW X1 xDrive 25e: proviamo la plug-in in modalità EV e ibrida | Recensione e Video

Auto

L'Europa vuole solo auto elettriche: i piani dei produttori e le date dell'addio