Alfa Romeo Giulia GTA, la storia di un mito

24 Giugno 2020 70

Oggi, 24 giugno, Alfa Romeo compie 110 anni. Una storia lunghissima fatta di grandi successi nel mondo del motorsport e di modelli sportivi che sono presto diventati un'icona e sinonimo di grandi prestazioni. Del resto, il marchio italiano è stato tra i grandi protagonisti delle principali manifestazioni che riguardano il mondo dello sport e della cultura automobilistica. Alfa Romeo ha vinto, infatti, davvero di tutto: dalla mitica Mille Miglia (ben undici volte, nessuna Casa ha fatto di meglio), alle corse turismo e dal DTM al Mondiale Marche tra i prototipi.

Tra i modelli più iconici che hanno fatto la storia sportiva del marchio italiano c'è la Giulia GTA.

GRAN TURISMO ALLEGGERITA

GTA, 3 lettere che significano "Gran Turismo Alleggerita" e che in breve tempo sono diventate un sinonimo di grandi prestazioni. La storia è iniziata ben 55 anni fa con la Giulia Sprint GTA presentata, nella sua variante di serie, in occasione del Salone di Amsterdam del 1965: una versione specifica allestita per l’omologazione sportiva, con carrozzeria in alluminio. Un modello preparato da Autodelta che pesava poco più di 700 kg e con un 4 cilindri 1.600 in grado di erogare 170 CV (125 kW).

Una sportiva che ha ottenuto tantissime vittorie tanto da poter essere definita come la "regina del turismo", capace di trionfare su molti dei più prestigiosi circuiti del mondo come Monza, Nurburgring, Zandvoort, Spa e tanti altri. A trionfare a bordo della Giulia GTA nomi che hanno fatto la storia dell'automobilismo del passato come Nanni Galli, Carlo Facetti, Spartaco Dini, Gian Luigi Picchi e Teodoro Zeccoli.


Tra i risultati più importanti quelli ottenuti da Andrea de Adamich che con la GTA si laurea per due volte Campione Europeo Turismo, nel 1966 e nel 1967, battendo Ford Lotus Cortina, BMW 2000 TI e anche le Porsche 911. Con la sua Alfa, il pilota italiano è stato il primo con una vettura tursimo a girare sotto i 10 minuti sulla mitica pista del Nurburgring. Nel corso della storia della Giulia GTA ci sono state diverse evoluzioni all’inizio degli anni ’70 che, basate prima sulla 1750 e poi sulla 2000, vedono nascere la GTAm che arriverà a potenze di 240 CV (176 kW).

La fortunata storia della Giulia GTA si è interrotta nel 1972 ma il suo mito è continuato a vivere. Proprio per questo, nel 2020, Alfa Romeo ha deciso di rilanciare il marchio GTA con l'ultima evoluzione della Giulia.

NUOVE GIULIA GTA E GTAM

La nuova Alfa Giulia GTA è basata sulla Giulia Quadrifoglio ma gli ingegneri del marchio italiano hanno lavorato per migliorare aerodinamica, assetto, dinamica di guida e il peso. Sulla bilancia, infatti, fa segnare 100 Kg di meno. Per raggiungere questo obiettivo sono stati utilizzati materiali raffinati e leggeri. Per esempio, l’albero di trasmissione, il cofano, il tetto, il paraurti anteriore, i passaruota anteriori e posteriori sono stati realizzati in fibra di carbonio.

Nella GTAm che sta per Gran Turismo Alleggerita modificata, sono stati adottati materiali ancora più esclusivi come il Lexan, una resina che appartiene alla famiglia dei policarbonati. Ovviamente l'aerodinamica è stata studiata nei minimi dettagli per garantire la massima efficacia. Minigonne laterali, spoiler posteriore e splitter anteriore attivo son stati tutti sviluppati appositamente. La variante m è ancora più estrema da questo punto di vista sebbene possa essere omologata per l'uso in strada.



Gli interni della GTA sono impreziositi dalla presenza dell'Alcantara. La GTAm, invece, è molto più simile ad una supercar da pista visto che dispone di due posti secchi e di un rollbar che permette di incrementare la rigidità dell'autovettura. Ma il vero pezzo forte è il motore, un V6 biturbo di 2.9 litri in grado di erogare ben 540 CV (397 kW). Le prestazioni sono davvero notevoli anche perché i tecnici sono riusciti ad ottenere un rapporto peso/potenza di 2,82 kg/CV. Entrambe le Giulia GTA riescono a scattare da 0 a 100 Km/h in appena 3,6 secondi.


Per sfruttare al massimo la potenza nelle accelerazioni da fermo, i conducenti possono utilizzare la funzione "launch control". A trasmettere la potenza sulle ruote un cambio automatico a 8 rapporti. Per i fortunati che possono acquistarle, Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm sono disponibili a partire, rispettivamente, da 175.000 euro e 180.000 euro.


70

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Li

Hanno lavorato sodo ....
Hanno sfruttato un trucco elettronico incassando fondi pubblici......
Purtroppo sono due cose da leggere insieme perché quello è successo.
Che FCA sia capace di produrre buone auto ma che abbia difficoltà a venderle è innegabile.
Tu dici che il passato è passato........ allora spiegalo a coloro ....e sono molti......che ritengono i loro prodotti inaffidabili perché in passato lo erano e non li comprano.....
Alfa Romeo e Maserati sono brand su cui devi continuare ad investire anche sapendo che puoi rimetterci dei soldi altro che vendere.

ermo87

O si lavora sodo o ci si appella ai trucchi, due cose così insieme non si possono leggere altrimenti sono solo scuse. Io dico che potranno anche esser capaci di tirar fuori qualcosa di meglio ma devono soprattutto essere capaci di venderlo. Lì si fanno i numeri importanti, non è solo questione di prodotto e meccanica.
Vendere un brand, un azienda, perché non si è stati capaci di tirar fuori il meglio vuol dire concentrarsi sul valore e segare i rami secchi, lo si fa in tutti i settori, non c'è disfattismo (guarda Olympus con la fotografia, notizia fresca fresca).
Ma tanto sceglieranno gli azionisti cosa è meglio per il portafogli, io spero solo di vedere una grande alfa da corsa prima di morire e mi va bene anche con proprietà tedesca o cinese.

Alex Li

La superiorità è nei fatti....
Hanno un vantaggio dato loro da incapaci manager concorrenti.
Hanno un vantaggio dato loro da trucchi elettronici con cui hanno truffato il mondo intero......
Hanno un vantaggio ma non sono superiori......
È stato sufficiente mettere cinque soldi sul tavolo, dopo trent'anni, per progettare una meccanica superiore nella dinamica di guida.....basta continuare a lavorare seriamente senza piangersi addosso e il loro vantaggio perderà spessore.
Lavorare senza arrendersi vuol dire tutto e niente........strano perché è questo quello che i tedeschi hanno fatto dal 1985.
Vendere perché ritenere di essere inferiori è disfattismo.

ermo87

La superiorità è nei fatti, c'è differenza tra l'essere convinti e l'essere oggettivi. Non c'è nessun disfattismo nelle mie parole ma lavorare senza arrendersi è dire tutto e dire niente.

Alex Li

Cosa sia successo tra l'85 e il duemila in quel di Torino penso di avertelo detto più volte.
Che FCA del 2020 sia una cosa molto diversa e più sana di FGA del 2003....anche ma tu sei convinto della superiorità straniera.
Quindi il sarcasmo e il disfattismo non sono la via verso una ripresa.
Devono lavorare ancora senza arrendersi.

ermo87

Non mi ostino proprio, io guardo i risultati non la bandierina, te l'ho detto.
Se si vuole fare un paragone più serio e tecnico basta guardare i dati economico-finanziari ma è sufficiente guardare l'andamento del valore azionario per farsi un'idea più concreta di quello che sostengo.
Se lo straniero è più capace sarei ben felice di lasciare l'amministrazione di una società ad altri. Mentre continuare su una strada del genere a cosa porta? Cambia la testa ma non cambia la sostanza, che sia l'85 o il 2020 in questo caso. Chissà come è successo che i rapporti di forza si sono completamente ribaltati.

Alex Li

Il presente con l'acqua alla gola!!!
Quindi quando Marchionne ha preso in mano FGA questa era sotto 13 metri di terra..
Ti ostini a paragonare i tedeschi agli italiani.
Lo sanno anche i sassi che sono inquadrati, ostinati a perseguire il loro obbiettivo a differenza di noi italiani che passiamo la giornata a spaccare in quattro una puce solo per ideologia...
Quando il presente è questo ti devi chiedere perché e cosa si può fare e non vendere agli strozzini così risolvi il problema.
Non serve vendere ma eliminare le persone che non hanno le capacità e la voglia di fare come i manager che governavano il carrozzone Fiat dopo il 1985 anno in cui Fiat e Peugeot detenevano il 30% del mercato europeo e i tedeschi rincorrevano.
Vendiamo tutte le nostre industrie allo straniero e andiamo a zappare la terra

ermo87

I paragoni non sono mai insensati se le conclusioni sono intelligenti.
FCA ha la coperta corta perché ha sperperato con le sue stesse mano proprio perché ha continuato ad investire ostinatamente dove non ne aveva le capacità.
Al contrario la competenza del gruppo VW fa la differenza, nel corso degli anni hanno dimostrato di riempire le 6 bottiglie invece di svuotarle come FCA
Cedi quello che non sai rivalutare se vuoi dargli un futuro, a me non interessa la bandierina della proprietà.
Ti rispondo con i modi di dire molto valido nell'amministrazione: il passato è passato, il futuro è futuro, conta solo il presente quando sei con l'acqua alla gola.

Alex Li

Trovi un recipiente.....un bicchiere.....riempito per metà.
Lo puoi vedere in due modi....
- È 1\2 pieno
- È 1\2 vuoto
Secondo la mia coscienza FCA è un bicchiere mezzo pieno....da soli 6 anni
VAG una confezione da 6 bottiglie da almeno 35 anni.
Quindi basandomi su questa mia logica un paragone FCA/VAG è una penata stratosferica.
Quando la coperta è corta......vedi le finanze FCA...... può capitare, ed è successo, di fare un piano oggi e domani buttarlo nel cesso.
Usando una massima cinese posso dirti:
Bisogna ricordare e pensare al passato (FGA primi anni 2000) per comprendere il presente (FCA) e credere nel futuro (FCA + PSA)......
Vendere ai tedeschi sarebbe significato la morte di Fiat e Lancia....

ermo87

I paragoni li faccio con coscienza ed è proprio conoscendo i rapporti di forza che passano tra FCA e VW che vado a descrivere uno scenario del genere. Troppi piani industriali abbandonati e ridimensionat in corsa, e nonostante tutto i brand nostrani continuano ad essere l'ombra dei fasti che furono.

Alex Li

Alfa Romeo non è un costruttore.....ma uno dei cinque brand di FCA ITALY.......quindi il problema finanziario, se c'è, non è di Alfa Romeo ma della filiale europea.
Credere di rilanciare il nuovo corso di Alfa Romeo solo con Giulia e Stelvio e solo in cinque anni è pura utopia ....anche per VAG.
Bugatti è un manifesto.....ma continua a perdere....
Seat ha cominciato a fare utili dopo l'arrivo di De Meo ....ma prima
Skoda ha cominciato a vendere con l'arrivo di Octavia venti anni fa....
Audi ha impiegato ben 25 anni per diventare ciò che è ora.
Paragonare finanziariamente Vag a FCA....scusami.....ma è una penata stratosferica...

ermo87

Mi sono illuso troppe volte. Il problema è purtroppo finanziario, è un marchio che non ha il peso giusto per affrontare il mercato. Purtroppo vedo un futuro più vicino a quello di Lancia che a quello di Jeep. Sottolineo ancora, con grande dispiacere, ma il gruppo VW avrebbe dato miglior sorte a questa gloriosa storia. Da Lamborghini a Seat e Skoda, i tedeschi sanno lanciare e rilanciare il business dietro un brand. Vedremo e speriamo

Alex Li

Mai parlato del pianale e del telaio.........

Alex Li

Ritengo, anche se credi il contrario, di essere nel giusto.
Giulia e Stelvio sono delle vere Alfa Romeo
...........le piccole segmento B e le C possono esserle nello spirito come lo è stata la 147.
Per quanto riguarda le corse....... arriverà il suo tempo

ermo87

Hai torto ma lo dico con grande dispiacere. Non c'è nullo di Alfa Romeo da diverse decadi. L'unica speranza è che ricostruiscano un reparto corse serio partendo dagli uomini della scuderia che sponsorizzano in F1.

Aristarco

Appunto, ed il telaio non è in carbonio

Alex Li

l'Alfa Romeo è storia dell'auto.........
l'Alfa Romeo è futuro.......

Alex Li

Ti sei contenuto con quel parte.........della carrozzeria quadrifoglio sono rimaste portiere e parafanghi posteriori

Aristarco

Ho scritto il contrario?

Alex Li

La GTAm oltre le appendici aerodinamiche sono in carbonio i paraurti, i parafanghi anteriori, il cofano motore e il tetto.....in pratica più di metà della carrozzeria poi alluminio in molte altre parti......

Vincenzo

Scusa è specificato il periodo?

MatitaNera

Con i ricordi si fanno solo i libri... Ora come premium non contano un fico e le tedesche si mangiano le alfa a colazione

MatitaNera

Dovevi piangere già 20 anni fa

Vincenzo

se prima una 156 e 159 costavano meno è perchè erano TA, la Giulia è tornata ad essere TP e costa 'quasi' quanto una BMW, costa comunque di meno ma ha chicche meccaniche che ovviamente 'alcuni' non tengono conto, pecca purtroppo ancora nella tecnologia e secondo me ormai morirà così...ma per il resto non c'è storia

Vincenzo

solo a pensare che hanno mandato in rovina 2 marchi come Lancia e Alfa mi viene da piangere...comunque da questa GTAm mi sarei aspettato qualcosina in piu

Vincenzo

la tiratura limitata di dice qualcosa? già solo quello vale il doppio

e.Mac

Nell'introduzione, oltre tutto quello che è stato citato, io avrei aggiunto anche e soprattutto i due campionati mondiali di Formula 1 vinti nel 1950 e 1951, visto che in Italia F1=Ferrari dimenticandosi che la Scuderia è nata grazie ad Alfa Romeo (oltre al fatto che Enzo Ferrari fosse un visionario come pochi, ovviamente).

Mr. G - No OIS no party

Nessuno stima la Giulia più di chi ha provato le BMW di 10 anni fa.

Iena

si, errore mio; gran parte del telaio è in lega leggera/alluminio come il motore

Gabriele

Il marchio Lancia l'hanno ridotto peggio,il marchio fiat vive di rendita,ma anche in fiat non è che lanciano chissà quanti modelli,già abbondare la punto.

Aristarco

gran parte del telaio? solo l'albero di trasmissione e parte della carrozzeria per la quadrifoglio

Andee Kcapp

Un plauso all'attuale amministratore delegato, e anche al precedente (paceall'animasua) che sono riusciti a rovinare il marchio più blasonato d'Italia. Secondo me lo hanno fatto con dolo e con metodo scientifico.

asdlalla3

Però quello non è un fattore prevedibile
E tra i tanti modi per arginarlo non credo che il prezzo basso all'acquisto sia un modo per arginarlo (tante sono le auto simili che pur non avendo un "passato" vengono vendute a cifre simili - vedi kia stinger)
Inoltre, anche alcuni modelli dei brand "storici"/affermati/premium subiscono deprezzamenti (più o meno forti)

Fabrizio

A livelli di interni penso che era già brutta al lancio, era quasi meglio lo stile di 147 / Mito piuttosto.
Oggettivamente non può essere paragonata alla concorrenza attuale

Alex Li

....di fatto venduto.....
Scommetto che dici così perché il CEO sarà Tavares!

Matteo85_b

se bmw e sopratutto audi possono permettersi quei prezzi figurati Alfa Romeo con la Giulia.
che poi ormai abbia un immagine rovinata son d' accordo ma se uno guarda bene prezzo qualità salvo esigenze specifiche la Giulia mediamente è avanti

Ben

FCA non fa auto ma operazioni finanziarie, il marchio è stato di fatto venduto ai francesi se la fusione andrà in porto!

Ratchet

La svalutazione appunto. Quelle Giulia a poco prezzo qualche anno fa costavano 2-3 volte tanto.

Iena

teniamo conto però che la giulia è una delle poche con gran parte del telaio e tutto l'albero di trasmissione in fibra di carbonio... cosa che non c'è proprio in tutte le auto di questa categoria (e non parlo della versione GTA ma di tutte le versioni disponibili)

asdlalla3

Arrogante perchè? Non capisco il nesso tra storia e aumento di prezzi costante dell'audi ed il fatto di venderla direttamente ad XYZ dell'alfa

Tra l'altro, le giulia (escluse, ovviamente, le quadrifoglio) si trovano a "poco" nel mercato dell'usato (diesel da 150 o 180cv, 20-40k km a più o meno 20000 euro)

Gabriele

In effetti,ma dovevano modificarla completamente se volevano venderla,ormai negli ultimi anni nonostante il forte sconto sta vendendo pochissimo,la maggior parte tutto km0 sono quelle vendute.

Nitro

Abbandonare quel segmento mi sembra un suicidio, non so in quanti ripiegheranno su Tonale piuttosto che comprare una compatta tedesca o francese

Hankel

beh, se poi permette al marchio di sopravvivere e di avere auto più "alfa romeo" perché no

Giulk since 71'

Beh la QV ha un prezzo non alto per la potenza che ha, poi se intendi il resto delle auto si costano parecchio e infatti svalutano molto sul parco usato

Gabriele

È ufficiale,a fine anno la giulietta esce di produzione.

Giulk since 71'

A me non dispiacerebbe, nel senso che tanto una alfa premium non me la posso permettere se non usata xD

Dite quello che volete ma pur essendo un BMWista puro, ho avuto una Serie 320d, e ora ho una M3 Cabrio, quando vedo una Giulia mi fermo sempre a contemplarne la bellezza. Il problema è che trovo assurdo il prezzo, troppo esagerato fin dalla prima uscita. L'Audi con gli anni è arrivata dove è, e di certo i prezzi sono saliti man mano. Lo trovo un pò arrogante da parte dell'Alfa Romeo posizionarsi già li. Poi chissà che la mia prossima auto sia una nuova Giulia Quadrifoglio.

ermo87

GTAm un marchio storico e tutto quello che vuoi, riutilizzato con cura e design, tiratura limitata e motorizzazioni esagerate ecc ecc
...e poi? non corre. non esiste in nessun campionato. non ha nemmeno un monomarca...
l'Alfa è storia ma non è futuro, per me era meglio darla ai tedeschi.
rimane comunque un bellissimo esercizio di stile, una carrozzeria da salone dell'automobile ma cambia poco e nulla.

armandopoli

effettivamente gli interni sono veramente antichi... anche se detto fra me e te anche quelli della Giulia non sono affatto innovativi

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren

Moto

Askoll NGS: abbiamo provato la nuova generazione di scooter elettrici | Video

Mobile

Recensione Amazon Echo Auto: per portarsi Alexa anche in macchina

Video recensione

Recensione Nilox DOC Twelve: per andare ovunque, ma con qualche sacrificio