BMW e Jaguar Land Rover insieme per i motori elettrici

05 Giugno 2019 4

La sfida dell'elettrificazione e le sempre più stringenti normative comunitarie in materia di emissioni stanno spingendo i grandi costruttori a unire le forze per raggiungere un obiettivo comune: accelerare lo sviluppo e la commercializzazione di forme di mobilità più sostenibili. Così, anche BMW Group e il gruppo Jaguar Land Rover tornano a collaborare: rispetto alla partnership di fine anni '90/primi anni 2000, questa volta i due partner lavoreranno insieme allo sviluppo di una nuova generazione di motori elettrici.

La prossima generazione dei powertrain elettrici (EDU - Electric Drive Units) rappresenta la seconda per Jaguar Land Rover - sul mercato dal 2018 con Jaguar I-PACE, il primo SUV elettrico europeo protagonista della nostra recensione - e dal 2017 con le ibride plug-in - e la quinta per BMW, che nel 2013 ha lanciato l'elettrica i3, la sportiva ibrida plug-in i8 e successivamente numerose versioni ibride plug-in di quasi tutti i modelli in gamma.


La collaborazione sosterrà il progresso delle tecnologie d’elettrificazione come step fondamentale per il passaggio dell’industria automobilistica verso un futuro ACES (Autonomous, Connected, Electric, Shared).

Le aziende condivideranno i costi di ricerca e sviluppo, beneficiando delle economie di scala derivanti dagli appalti congiunti lungo tutta la catena di approvvigionamenti. Un team di esperti Jaguar Land Rover e BMW Group svilupperà e ingegnerizzerà le EDU di entrambi i marchi, sviluppando sistemi in grado di offrire le specifiche caratteristiche tecniche richieste per le rispettive gamme di prodotti. L'assemblaggio delle EDU sarà compito di ciascun costruttore nei rispettivi impianti di produzione.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da Mobzilla a 403 euro oppure da Unieuro a 479 euro.

4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Markk

Ridicoli i motori elettrici sono già ben sviluppati e studiati, "uscite" le auto elettriche e pagate dei miliardi per la ricerca e sviluppo di nuove batterie, avidi, taccagni, disonesti multimiliardari.

makeka94

boooh. mi pare che nonostante tutte queste fusioni, rispetto a tesla e altri brand minori queste multinazionali sono dietro di 10 anni su elettrico e guida autonoma.

Alla ricerca del tempo perduto

BMW e le inglesi: la fiera dell'affidabilità meccanica
(ironia mode off)

Se anche loro lo fanno, allora l'era dell'elettrificazione può dirsi iniziata.

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren