BMW i prepara le elettriche di domani: nuovi dettagli su iX3, i4 e iNEXT

25 Marzo 2019 25

Dopo BMW i3 e BMW i8, BMW i si prepara al lancio della fase 2 dei propri modelli a zero emissioni. Il primo nuovo modello a fregiarsi del badge BMW i dal 2013 sarà, a partire dal 2020, BMW iX3 (QUI i dettagli di BMW Concept iX3), variante elettrica del popolare SAV (Sport Activity Vehicle) che rientra tra i best seller del marchio per quanto riguarda le versioni termiche. Seguiranno, a breve distanza nel 2021, la berlina BMW i4 e l'ammiraglia a ruote alte BMW iNEXT.

I tre modelli sono attualmente in fase di test invernali presso il centro di BMW Group ad Arjeplog, in Svezia. Qui, tra neve e ghiaccio (condizioni limite in cui testare l'affidabilità di motore, sospensioni e batterie), BMW ha allestito un set per i primi scatti ufficiali che ritraggono la futura generazione di auto elettriche. Ovviamente è ancora presto per poter parlare del design, visto che le vetture sono ancora coperte da un pesante strato di camuffature, ad eccezione di BMW iX3 che è stato già ampiamente "spoilerato" dall'omonima concept car svelata l'anno scorso al Salone di Pechino.

BMW iX3: AUTONOMIA DI 400 KM E PRODUZIONE IN CINA

Per tutti e tre, sotto il cofano ci sarà la quinta generazione della tecnologia BMW eDrive, il powertrain che combina lo stato dell'arte di BMW per quanto riguarda motori e accumulatori. BMW iX3 proporrà un'autonomia massima di 400 km (dati stimati con ciclo di omologazione WLTP) e un sistema di ricarica in corrente continua con potenza massima di 150 kW. BMW iX3 sarà prodotto per tutto il mondo in Cina, a Shenyang, dalla Joint Venture BMW Brilliance Automotive.

BMW i4 SFIDA TESLA MODEL 3 CON 600 KM DI AUTONOMIA

BMW i4 (QUI le foto spia della berlina elettrica) sarà prodotta invece presso lo stabilimento BMW di Monaco di Baviera a partire dal 2021, e rappresenterà l'alternativa tedesca a Tesla Model 3 e Polestar 2 (QUI i dettagli della rivale svedese di Tesla Model 3): una berlina-coupé di segmento D con 4 porte e dettagli da sportiva. In questo caso, l'autonomia complessiva stimata nel ciclo WLTP sarà ben superiore a quella di iX3, con un valore di 600 km con una sola ricarica. Il tutto con prestazioni da sportiva: 0-100 km/h in 4 secondi e velocità massima (autolimitata) a 200 km/h.

BMW iNEXT: 600 KM E GUIDA AUTONOMA LVL 3

Per BMW iNEXT ci si aspetta un'autonomia analoga di 600 km nel ciclo WLTP, ma sono ben altre le caratteristiche che renderanno la vettura una vera ammiraglia: il design da SUV sportivo, ma anche la guida autonoma di livello 3, la connettività e i sistemi di interazione di bordo visti al MWC 2019. iNEXT sarà portabandiera dell'innovazione di BMW nella strategia D+ACES (automated driving, connectivity, electrification e services). La sua produzione avverrà presso l'impianto BMW di Dingolfing, sempre in Germania, a partire dal 2021.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 462 euro oppure da Amazon a 538 euro.

25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aristarco

penso anche senza avere la parità di prezzo

luca bandini

ho paura per le dimensioni della calandra... era così bello il doppio rene piccolo e ben distanziato mentre ora sembra un'unica calandra single frame stile audi che su una BMW non si addice

Simone

Si è quello, ma siccome non è esterno allora perde molto senso

sagitt

ma che centra dove le assemblano?

Aristarco

Però il concetto é quello, solo meno estrema

Jawdj Dijadj

Speriamo che entro il 2021 la guida autonoma livello 3 sia consentita in Italia.
La prima auto di livello 3 (audi a8 d5) è uscita l'anno scorso, ma sul sito ufficiale si legge ancora che "I sistemi di guida assistita di livello 3 saranno introdotti successivamente in base alle disposizioni della legislazione italiana".

Simone

Eh ma non ha il telaio in fibra di carbonio e dentro è una Ferrari cinese... Nel senso che ha comunque tanta troppa cura per i dettagli e si vede nel peso

Aster

Il famoso made in italy di certe marche che rompono con la pubblicità in tv:)

Maurizio Mugelli

era esattamente il mio punto...

Aristarco

dimentichi il costo di parecchi dispositivi elettronici che bmw ammortizza montandoli su milioni di autoveicoli

Maurizio Mugelli

c'e' da considerare che tesla ha tutte le spese accessorie derivanti dal mettere su da zero l'intera filiera produttiva, studiarsi le procedure e tecniche e abbattere i costi iniziali che bmw non ha

rsMkII

Diranno "progettata in Germania" e tutti lì a farsi la .........
La coda per acquistarla, ovviamente.

rsMkII

Devi dirti una cosa però: a parità di prezzo gli europei (e forse anche i cinesi) acquisterebbero BMW, Mercedes o Volvo, piuttosto che Tesla! XD

MatitaNera

li ha contenuti vedo

Aristarco

beh dai c'è anche l'alpine....

Simone

e poi proprio la 4c... poverina, ci sarà rimasta malissimo… l'unica sportiva di serie di un marchio che vende più di 10K unità esistente sulla terra… e poi con quel marchio… quanti Km ci passerei sopra, se non fosse che con quegli ammortizzatori e quel telaio mi romperei in due

Simone

Ora che sarà assemblata in cina nessuno potrà vantare la sublime qualità dei montaggi tedeschi oppure anche lì ci saranno i cinesi speciali di BMW dotati di superpoteri?

Ginomoscerino

Tesla ha risparmiato da quel lato per contenere i costi, bisogna vedere se i tedeschi terranno lo stesso livello di finiture senza alzare troppo i costi o no

momentarybliss

Le tedesche per le finiture interne sono un altro mondo rispetto a Tesla, secondo me quando saranno sul mercato i modelli non solo di BMW, ma di Audi, Mercedes, ecc. il marchio di Musk dovrà adeguarsi se vorrà continuare a vendere in Europa

momentarybliss

Il fatto è che le tedesche sulle finiture interne sono un altro mondo rispetto a Tesla, secondo me sarà il marchio di Musk a doversi adeguare se vorrà vendere in Europa

Aristarco

hai ragione

Desmond Hume

Il fatto che costi come un 4c detta così lo fai sembrare un pregio.

maffo

I concorrenti dovranno impegnarsi per smantellare il dominio tesla e, se la produzione partirà tra 1/2 anni, sarà molto difficile. Anche perché promettere macchine future con autonomia pari alle attuali non è che invogli molto un acquirente medio (che vede nel marchio tesla la garanzia sull'elettrico).

Aristarco

vista dal vivo la trovo carina per essere una citycar che costa quasi come una 4c

Desmond Hume

Magari iniziate a non farle defecare esteticamente come la i3

Speciale

Pronti a ripartire? Il punto sul presente e il futuro dei viaggi | Podcast

Elettriche

Le migliori biciclette elettriche pieghevoli da comprare | Maggio 2020

Xiaomi

I 5 migliori monopattini elettrici da comprare | Maggio 2020

Auto

La differenza tra kW e kWh e perché è importante | Guida auto elettriche