Suzuki Ignis, la Hybrid Art venduta all'asta

20 Novembre 2018 0

Protagonista dell'asta benefica organizzata dalla filiale italiana di Suzuki, la Hybrid Art è stata battuta a 14.000 euro. Si tratta di uno speciale esemplare di Ignis Hybrid esposto al Salone dell'Auto di Torino Parco Valentino nel giugno scorso, acquistato da un imprenditore milanese appassionato di arte, con la cifra da lui sborsata interamente devoluta a favore della GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino.

Sottoposta alle cure artistiche di Giacomo Borghese, l'artista diplomato all'Accademia di Belle Arti di Brera impegnato da oltre 20 anni nell'ambito delle arti figurative ha trasformato le tre dimensioni di auto e modella in un progetto dall'effetto bidimensionale. Sotto alle pennellate, però, c'è Ignis con ISG, generatore, motorino di avviamento e motore elettrico alimentato da batterie agli ioni di litio, oltre al 1.2 benzina Dualjet da 90 CV.


Ibrido, appunto. Attualmente il costruttore di Hamamatsu propone la tecnologia su gran parte della gamma delle piccole e delle compatte, dal mini SUV Ignis alle utilitarie Baleno e Swift, abbinabile anche al GPL e alla trazione integrale. Grazie a questi modelli, Suzuki è seconda al mondo per la produzione di vetture ibride. Stessa posizione anche in Italia, dove si presenta con una quota di mercato del 9%. Il passo successivo dell'azienda giapponese sarà quello espandere l'elettrificazione su tutta la gamma entro il 2020.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren