Mercato auto italia: a settembre 2019 +256% per le elettriche, quota vicina all'1%

02 Ottobre 2019 149

Il mercato auto in Italia torna a respirare a settembre 2019 con una crescita del 13,4%, una boccata di ossigeno dopo 3 mesi di flessioni (con l’eccezione della stabilità di luglio). Rispetto alle 125.355 unità immatricolate a settembre 2018, nel nono mese di quest'anno il nostro Paese ha visto l'introduzione sul mercato di 142.136 veicoli nuovi. Come sottolinea l'UNRAE, occorre però ricordare che parliamo di un settembre 2018 particolarmente problematico per il mercato auto, vista la coincidenza con l'introduzione dal 1° settembre 2018 delle nuove norme WLTP, che portò ad un anticipo degli acquisti ad agosto.

TESLA MODEL 3 È L'ELETTRICA PIÙ VENDUTA

La crescita più significativa, in termini percentuali, è sicuramente quella registrata dalle auto a basse emissioni, quelle che dichiarano valori di CO2 inferiori a 70 g/km: +122,4% per la fascia fino a 20 g/km (+376% per i privati) e +12% quella da 21 a 70 g/km. In generale, le auto elettriche crescono con una quota di mercato che dallo 0,4% di settembre 2018 passa allo 0,9%: in particolare, si nota un +156,8%, incremento che aumenta nell’analisi al netto del noleggio a +256% (1.253 auto elettriche vendute a settembre 2019 contro le 488 dello stesso mese del 2018).


Tesla Model 3 torna ad essere l'auto elettrica più venduta in Italia (325 esemplari), seguita da Nissan Leaf (260) e smart EQ fortwo (250). Lo scettro di auto elettrica più venduta in Italia nei primi 9 mesi dell'anno resta a Renault Zoe (1.796 esemplari), seguita da Tesla Model 3 (1.491) e smart EQ fortwo (1.286).

GIÙ IL DIESEL, SU LE EMISSIONI

Numeri che restano comunque poco più che irrisori rispetto al grosso del mercato, e la crescita della CO2 media ponderata lo testimonia: +0,9% nel mese a 118,4 g/km rispetto a 117,3 g/km. In gennaio-settembre l’incremento è del 5,1% a 119,6 g/km verso i 113,8 di un anno fa. La "colpa" va principalmente all'aumento delle vetture a benzina (+30,4%), che ora hanno una quota del 44,7%, e alla parallela contrazione dei veicoli a gasolio (-13,9% con 36,6% di quota). Le auto a GPL recupera circa la metà dei volumi, con una rappresentatività del 7,8%. In forte crescita le auto a metano al 2,5% di quota in settembre. Le auto ibride crescono di oltre il 40%.


PANDA REGINA, T-CROSS NELLA TOP 3

A livello di segmenti di mercato notiamo una crescita generalizzata, che si arresta solamente quando si parla di citycar (che tuttavia cresce nei 9 mesi) e segmento E. SUV e crossover continuano la loro ascesa, con un incremento del 32% e una quota del 35,2%. Fiat Panda resta l'auto più venduta in Italia, con 9.183 esemplari, seguita da Lancia Ypsilon (4.156). New entry nella top 10 il SUV Volkswagen T-Cross (3.560).


149

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vae Victis

L'incentivo pubblico è andato tutto all'estero, così come i soldi dei clienti che hanno usufruito dell'incentivo.
Se non si da lavoro agli italiani sarà difficile pretendere che paghino le tasse.
Un governo serio da gli incentivi per produrre sul suo territorio:
Francia: 60% delle vendite sono auto francesi
Germania: 55% delle vendite sono auto tedesche
Giappone: 90% delle vendite sono auto giapponesi
Corea: etc etc...
La bulgaria non posso citarla solo perché non ha nessuna industria automobilistica, la fine che faremo noi se si continua con questo genere di leggi.

Latrinlover

5 modelli italiani tra i 10 più venduti le sembrano pochi?
Non siamo negli anni '60, nessuno con una decina di modelli in tutto fa quote di mercato bulgare.

I problemi dell'automotive italiano stanno nella penetrazione irrisoria all'estero.

L0RE15

La tecnologia ibrida é matura da dieci anni e più ma stenta diffondersi (Prius a parte, parliamo di Toyota infatti l'unico marchio che ha davvero creduto e fatto crescere tale tecnologia) perché é una bufala assurda: auto più complesse, maggior peso, inquinamento ridotto che é solo uno specchietto per allodole. Ovvio che tutti hanno a listino flotte di benzina e diesel: lo ha detto lei stesso che le auto non sono cellulari e che la loro "rotazione" in mano agli utenti non cambia dall'oggi al domani. VW sta investendo tutto sull'elettrico dopo lo scandalo sulle emissioni, altro non poteva fare (e spera che l'elettrico prenda la fetta di mercato che, pian piano, verrá liberata dal motore termico (che intanto le varie leggi stanno sapienteme te uccidendo piano). Oggi stanno spingendo (anche mediaticamente) l'elettrico non di certo l'ibrido. Mini uscirá solo elettrica, Fiat ha giá dichiarato che sta sviluppando elettrico, ecc, ecc.

Kamgusta

Che stai a dì? VW ha investito sul metano... dopo che ha dovuto chiudere lo sviluppo del TDI 1.5... le sue auto elettriche sono farlocche, la ID3 sarà il primo vero modello e deve ancora uscire.
GM è al palo, è indietro di 10 anni rispetto la concorrenza.
Entrambe hanno ancora a listino tutte le motorizzazioni: diesel, benzina con fabbriche pienamente in funzione, prima di staccare la produzione ce ne vorrà ancora parecchio...
Le auto non sono cellulari, che li cambi ogni anno. Prima deve uscire il modello giusto, poi devono risolvergli le magagne, poi la gente piano piano deve comprarle.
Dell'elettrico su larga scala ne riparliamo fra 10 anni, e intanto che aspettiamo questi 10 anni (in cui aumentano autonomia e affidabilità) la tecnologia matura c'è già: ibrido.
Che deriva da chi ha le piattaforme elettriche già mature (es. Kia/Hyundai e Toyota).
Ti ricordo che sono in uscita ibride da tutte le marche e di tutti i tipi: Audi, BMW, Mercedes, GM, Jeep, Ford, Range Rover, Volvo, Mitsubishi... mentre le elettriche sono un modellino per casa...

L0RE15

VW e GM (che da sole fanno oltre metá del mercato) non investono più sull'ibrido da un po', ma solamente sull'elettrico. Toyota sará, per ovvie ragioni storiche, l'ultimo ad abbandonare l'ibrido. Quello di Toyota é un veromibrido (con due decadi di studined investimenti), gli altri sono ibridi e farlocchi. Mi fa nomi quali Kia e Hyundai, va beh, allora torniamo a quello che dicevo io prima. Se ancora si pensa che l'ibrido sia il futuro, buonanotte. Ma non é che io sia così contento, ci mancherebbe, sto solo esaminando le mosse dei produttori...

Kamgusta

Non guardare l'EcoSport "cassone": nel 2016 l'hanno completamente ammodernata, svecchiandone anche l'estetica e riprendendo le forme più recenti della Kuga.
Anche internamente è tutta nuova, ricorda la Fiesta ed è PIU' spaziosa della vecchia B-Max (che non esiste più).
E' un bel progetto, l'ho provata.
Da fuori la metteresti al pari di Ateca e T-Roc (eppure è posizionata subito sotto, al pari di Arona e T-Cross).

Desmond Hume

A me veramente il B-max sembra un MPV molto più spazioso di quel cesso a pedali della Ecosport. Eddai i paragoni facciamoli sensati.

Kamgusta

E' la nuova versione della B-max (che faceva pietà), svecchiata in motori, estetica, allestimento, è un'ottima auto per famiglia.
Il portellone non è il massimo della comodità, ma nell'ottica di cui sopra ha il suo perché (carico e scarico agevolato).
Costo accessibile.
Un successo annunciato.

ninuzzo

Se hai un link alla tua tabella, sarei felice di confrontarla con la Roma-Forlì, così da vedere se effettivamente ci sono differenze sostanziali.

Vae Victis

Quindi riepilogando quanti miliardi abbiamo perso in bilancia commerciale?
Avanti così e diventeremo sempre più sottosviluppati e poveri, fino a diventare come il Venezuela.

Gark121

Flixbus non è meglio di niente. Può essere pulita, con l'aria condizionata, il c a z z o che vuoi, ma se fa i sedili pensando che le persone siano alte 1.60m, beh, può fallire domani.
Le frecce costano prezzi assolutamente convenienti, basta prenotare in tempo. Non c'è auto con cui vai in pari coi prezzi delle frecce, né con la velocità di trasporto.
Poi continuate a dire sta cosa "sono le prime auto elettriche, miglioreranno", ma io sono un ingegnere e alle favole non ci credo. Non è una tecnologia nuova: i motori elettrici sono più vecchi di quelli a benzina e diesel, hanno 150 anni di sviluppo alle spalle, e le batterie idem, non c'è niente di trascendentale dentro la batteria di un'auto: sono tante piccole celle simili a quelle che stanno dentro a mille altri oggetti.
L'unica sfida tecnica "nuova" in un'auto elettrica è la gestione termica di una batteria così grande, ma nessuna auto di serie ha difetti così macroscopici in questo senso da dire "no, aspetto al prossima generazione". Si caricheranno più in fretta? Ok, e nel mentre ci saranno più auto elettriche in giro e troverai coda alle colonnine. Cambia niente, il tempo di ricarica resta un problema, e lo resterà finché non ci sarà una tecnologia di batterie diversa. Fine. Smettetela di credere alle favole: la tesla model s quanti anni ha? Bene, cosa è cambiato da allora? Niente, stessi limiti, stesse difficoltà.
La politica imporrà di avere auto elettriche, così come sta imponendo l'abbandono del diesel, ma non c'è nessuna motivazione tecnica per farlo, anzi. È tecnicamente dimostrabile che è una delle tantissime idee sbagliate che circolano.

Kamgusta

Le ha peggiori visto che è la versione low-cost della t-roc

L0RE15

Succede sempre, quando una nuova tecnologia prende piede, che i primi prodotti diventino in fretta obsoleti. Allora aspettiamo 20 anni, così nessuno le compra, tanto le case costruttrici hanno soldi infiniti per fare ricerca anche senza vendere. Inoltre lei avrá anche girato l'estero ma penso non abbia mai messo piede in un conessionario recentemente per fare un preventivo di un'auto elettrica: oggi una e-up (25.000 € optionals esclusi di listino) coi vari incentivi, rottamazione, ecc in Lombardia la porta casa con 6.500 €. Che, anche se diventerá obsoleta tra cinque o sei anni, é un affare (almeno per un uso cittadino). Ah, prima che vada a cercare (male), le dico che si parla del modello nuovo in uscita ora con autonomia raddoppiata rispetto al modello in vendita fino a due mesi fa.
Auguri per il suo piano pensionistico.

Kamgusta

La Prius è uscita nel 2000 e a distanza di 20 anni la tecnologia è ben poco cambiata. L'efficienza dei motori elettrici, dei pneumatici e del corpo delle auto è al massimo possibile. Quello che sta bloccando il progresso è la tecnologia delle batterie, attualmente a un vicolo cieco.
Ci stanno lavorando sopra solo adesso, ci vorranno 10 anni prima di vedere qualche frutto. Nel frattempo è meglio che le batterie siano un backup (ibrido) e non certo la fonte primaria di trazione.

Kamgusta

Hyundai e Kia hanno sviluppato giusto un paio di anni fa le loro piattaforme ibride e la Toyota ha eliminato le motorizzazioni diesel e benzina sulla nuova Corolla, lasciando solo l'ibrido... Il futuro sarà ibrido (benzina) ed elettrico puro.
Ovviamente appena ci sarà il "boom" dell'ecomotive ci sarà anche un "boom" dell'aumento delle tasse sull'energia elettrica (il cui costo in 10 anni è aumentato del 50%).
L'ibrido ha l'enorme vantaggio che anche se il costo dell'energia triplicasse, a chi lo usa non cambierebbe nulla.

L0RE15

Le batterie vengono migliorate giá oggi e raddoppieranno a breve. Mi dica, a parte qualche giapponese, quale casa costruttrice automobilistica sta investendomsull'ibrido e presentando nuovi prodotti. Tra lengrandi, nessuna.

Kamgusta

Innanzitutto come ben specificato la "roma forlì" è un "gioco" che serve solo a mostrare un consumo "minimo" e non uno medio delle auto provate. Secondariamente è suscettibile di variazioni anche notevoli date dalle condizioni del giorno, dello stile di guida, dell'allestimento dell'auto.

Per fare un calcolo un minimo sensato fra l'economicità di un'auto con un determinato carburante rispetto a un'altra devi considerare:
1. l'andamento dei prezzi dei carburanti e dell'energia elettrica da qui a 10 anni (tempo di vita utile stimato dell'auto)
2. la sommatoria del costo dei bolli di tali anni
3. il costo di acquisto dell'auto e l'eventuale valore residuo
4. il consumo medio risultante da una guida "classica" che comprenda almeno un 40% urbano
5. la sommatoria dei costi di manutenzione
6. la differenza di spesa per la RCA (che è dipendente dal carburante e dalla cilindrata)

Dati i sopracitati punti le mie conclusioni del messaggio precedente.

tulipanonero1990

Una qualsiasi macchina dopo 10 anni vale quasi zero :-)

Tom Smith

L'anno scorso era vicino a quanto hai scritto

enri

beh dai più o meno insomma

Tom Smith

Una macchina a benzina o peggio ancora a diesel tra 10 anni varrà quasi zero. Un'elettrica decente è l'aquisto più sensato. Quindi solo dai 30000 in su però.

Tom Smith

1253

ninuzzo

Perché dici che i risultati di Roma-Forlì non sono confrontabili fra loro?

"oltre a non fornire un andamento del costo dei carburanti da qui a 10 anni "
Quella classifica ti dice il consumo in litri. Che c'entra il costo dei carburanti?!

Kamgusta

Il futuro è ibrido, coniuga i pregi di una e l'altra tecnologia (ed è più difficile del termico e del benzina da sviluppare). L'elettrico sarà il futuro fra 20 anni. Le batterie devono raddoppiare di capienza e di affidabilità.

Kamgusta

La Roma Forlì da risultati del menga e neppure confrontabili fra loro oltre a non fornire un andamento del costo dei carburanti da qui a 10 anni (che invece io ho calcolato) in relazione al costo bollo e costo acquisto

enri

+256% significa che ne hanno vendute 256 ?

Ste

io sto valutando la captur ibrida con i sedili posteriori scorrevoli , comunque al meno non ci devi mettere bici o materiale voluminoso la niro quella non plugin di baule ne ha più che abbastanza

Ste

be io metto gasolio parlo per me fa schifo uguale magari ti trovi uno che si mette ad annusare la pompa

Ste

si è comoda nei parcheggi ogni tanto ci penso poi mi immagino un incidente con un suv e mi passa comunque non è realizzabile dato che l'auto da noi viene usato spesso ancora come mezzo per le vacanze in auto piccole non c'è poste per i bagagli e viaggi lunghi necessitano di una certa abitabilità

Ste

non li trovi in tutti i distributori

Ste

flixbus è molto meglio di attuali treni italiani con aria condizionata e riscaldamento rotti ero un pendolare so bene come sono messi i treni a parte quelli regionali e i freccia rossa con prezzi improponibili costa meno prendere l'aereo se ne salvano pochi . La ricarica può essere meno di un ora come sono migliorate le i vari diesel e benzina negli anni miglireranno anche le auto elettriche con maggior autonomia e ricariche più rapide siamo in una fase iniziale come tutte le tecnologie non può essere tutto perfetto all'inizio anche le prime auto facevano c....e . Te ne fai poco di un auto che ti può tenere 15 -20 anni se poi in città non ti fanno entrare tra l'altro se il trasporto pubblico fosse decente tanti ne farebberò a meno di comprarla

ninuzzo

Mi spiace, ma hai faticato inutilmente.
C'è già la Prova consumi Roma-Forlì su un sito concorrente a questo. Cerca su Google...

L0RE15

Fermo restando che resto di quell'opinione: ottime per la cittá e, volendo, per chi ha determinate necessitá, usabili anche per i viaggi. Su quali basi le auto dovrebbero essere solo elettriche solo perché vanno bene sia in cittá che per i viaggi?! Perché non emettono fumi di scarico?! Azzerato quel tipomdi inquinamento, ne esistono mille altri legati all'auto elettrica, prima, durante e dopo la sua vita.
Le auto elettriche diventeranno una categoria che acquisterá una percentuale di mercato, ma da qui a dire che dire (o realizzare) che esisteranno solo loro, ce ne passa. Sempre precisando che arco temporale intendiamo. Giá perché tra 100 anni chissá come sará strutturata la societá, quali problemi e tecnologie nuove ci saranno.

checo79

si bhe sono sorelle meccanicamente parlando la ioniq è più lunga di 11 cm ma più bassa di 10 bagagliaio un pelo meglio la ioniq dimensioni interne non saprei ma a opcchio dietro ha spiù sopazio la niro

tulipanonero1990

Vai vai, comprati la macchinetta elettrica, 30k magari con 300 km di range effettivo, che poi tra 5/6 anni vale quanto un Ciao a pedali perché saranno uscite auto col doppio dell'autonomia e nessuno ne vorrà una con autonomia nominale dimezzata in più usurata. :-) Quando dovrò fare il mio piano pensionistico ti consulterò per essere sicuro di non fare la tua stessa scelta.
E comunque sei tu che hai tirato fuori sempre questo fantomatico "estero", io ti ho solo fatto presente che non sono sceso ieri dal trattore e che un pò di "estero" lo ho girato e che quanto da te detto non è per niente vero.Poi la hai ributtata sul pensiero personale e li continui a giocartela male ma almeno hai licenza di dire quel che vuoi :-)

checo79

a ok ho dimenticato di dire che cangoo cubo e simil fiat fiorno moder ni mi fanno schifo

Gark121

Le auto elettriche vanno bene solo in città. Questa era l'assunzione di base che hai cominciato a cercare di smontare dicendo che in realtà ci puoi anche viaggiare.
Poi è una semplice correlazione logica: se l'auto elettrica va bene per far tutto, allora tutte le auto dovranno diventare elettriche.
Invece semplicemente non è così, e non è detto che lo sia mai.

Gabriele

Denigra un prodotto italiano di qualità, forse non sei italiano o non ti piace esserlo, vai via dall Italia allora

L0RE15

La rraltá é che straparla in quanto io non sono favorevole al mondo fatto di sole auto elettriche. Non so dove lo abbia letto. Inutile continuare.

antonio sgambelluri

Siamo in sintonia .Il diesel non tira più e allora innovazione facciamo tombini che pesano fai 400 e anche 600 chili in più..Sarà la moda che vera l elettrico ,per poi passare l intero pianeta a idrogeno..

peyotefree

oppure il fantastico "rombo" del 4 cilindri in linea tdi (che ho)
non vedo l ora di passare all elettrica

Zlatan10

Stiamo parlando di VW, il top

Vae Victis

La T-cross è stata pensata per i mercati del terzo mondo, in particolare per il sud america, per quello è così imbarazzante e scadente.

Vae Victis

Compete con il Duster sul quale faccia più schifo.

Kamgusta

Sono pressoché la stessa auto, solo che una è berlina e l'altra è SUV. La differenza sta in 10 cm, da una parte sono in altezza (Niro), dall'altra in lunghezza (Ioniq).
Consumi pressoché uguali, differiscono solo ad alte velocità, la berlina ha meno attrito.
Costo listino la Niro viene 500 euro di meno. In più ha cerchi da 18", vetri oscurati e barre portapacchi.

Zlatan10

Materiali e finiture imbarazzanti, come il resto delle fiat.
E complimenti per la nuova 500x sport. Brutta come poche.

Gark121

Io riesco a sostituire il treno+noleggio con un'auto che non ha limitazioni da medioevo e che, alla prova dei fatti, non inquina nemmeno di più.
Le elettriche pure sono un'idea del c a z z o. Invece di mettere KWh di batteria metti un generatore diesel e una batteria da 30KWh, e hai un mezzo infinitamente più versatile, più economico, e probabilmente pure più ecologico (visto l'impatto ambientale delle batterie).
Ma voi siete fessi e vi fate convincere che "l'elettrico è il futuro". L'elettrico è una m e r d a, questa è la realtà.

Kamgusta

Ho fatto una tabella excel e con medie percorrenze sia le plugin che le elettriche non sono convenienti neppure su un arco temporale di 10 anni (fine vita stimato dell'auto). Le più convenienti restano le diesel con l'ottimo 1.5 PSA e a seguire le metano. Mentre le ibride, grazie ad alcuni tagli listino, ora sono lievemente preferibili alle benzina.

Felipo

Io ho visto Niro e Ioniq e ho scelto la seconda. Leggermente meno comoda al posteriore, ma bagagliaio molto più sfruttabile, consumi migliori, interni un po' più "recenti" come linea. Non commento il lato estetico dato che è molto personale.

Kamgusta

Dalla regia mi dicono che puoi usare anche i sedili posteriori (ribaltandoli nel caso) per metterci la roba.
Se poi hai 3 figli e sei solito vacanzare in auto comprati il furgoncino da zingari.

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti