Auto elettrica vs idrogeno? Pregi, difetti e confronto costi | Dati Volkswagen

18 Settembre 2019 258

Non è ancora il momento di discutere di quale sia la scelta migliore tra auto elettriche e auto a idrogeno, dal momento che ad oggi nel nostro Paese è presente solamente una stazione di rifornimento attiva per il pubblico (a Bolzano), con prezzi elevati sia per fare il pieno che per acquistare un'auto a fuel cell. Si può però iniziare a fare chiarezza sul perché, al momento, l'auto elettrica sia più conveniente rispetto ad un'auto a idrogeno. Lo studio “Automotive Industry 2035 – Forecasts for the Future”, realizzato dagli analisti di Horváth&Partners e pubblicato da Volkswagen, cerca di analizzare lo scenario dei prossimi anni in materia di mobilità sostenibile.

COSTI DI GESTIONE E DI ACQUISTO

Il primo aspetto analizzato sono i costi di gestione: un'auto elettrica costa quasi sempre meno rispetto ad una vettura tradizionale se guardiamo ai costi vivi, in primis il rifornimento di energia (tenendo conto di una combinazione tra le ricariche domestiche e pubbliche). Non solo, si riduce anche la manutenzione, visto che molti componenti soggetti a usura o bisognosi di manutenzione periodica (come olio e filtri) non sono presenti. A seconda del modello e dei prezzi dell’elettricità nei vari Paesi, dallo studio risulta che con le propulsioni elettriche ogni anno si risparmiano tra i 400 e i 600 euro di energia, e tra i 200 e i 400 euro di manutenzione.

Diverso è il discorso del costo iniziale, ma questo è in parte giustificato dal fatto che il mercato delle auto elettriche vivrà due fasi distinte:

la prima durerà fino al 2023/2025 e sarà caratterizzata dagli sforzi dei costruttori per agevolare la diffusione delle vetture a zero emissioni, una scelta dettata principalmente dagli standard rigorosi sul fronte delle emissioni di CO2 per cui saranno necessari investimenti elevati.

La seconda, invece, arriverà fino al 2035 e vedrà le auto elettriche diventare sempre più convenienti, al contrario di quelle con motori a combustione che invece diventeranno più costose per almeno due motivi: l’introduzione degli standard Euro 7 e la tassazione della CO2 che, a prescindere dalla forma, renderà i carburanti fossili ancora più costosi. La differenza di prezzo, quindi, diminuirà.


In termini di rendimento e costi, le auto elettriche sono più efficienti rispetto a quelle a idrogeno: attualmente, infatti, a livello europeo per percorrere 100 km sono necessari dai 9 ai 12 euro con un'auto a idrogeno e dai 2 ai 7 euro con una vettura elettrica. Il vantaggio dell'idrogeno, secondo lo studio, è invece innegabile in contesti specifici, quali bus e camion che percorrono lunghe distanze.

Ed è proprio qui che si stanno muovendo i primi passi | (vedi il caso Hyundai), anche perché i numeri in gioco sono limitati ed è più semplice adattare alle richieste la capillarità delle stazioni di rifornimento. I vantaggi dell'idrogeno? Autonomia e velocità di rifornimento (4-5 minuti). Gli svantaggi? I costi di acquisto al momento elevati.

EFFICIENZA ED EMISSIONI

Nel confronto viene tenuto in considerazione anche l'aspetto dell'ecosostenibilità di entrambe le soluzioni: oggi l'elettricità usata per produrre auto elettriche non sempre arriva da fonti rinnovabili e dunque non si può parlare di vetture carbon neutral. Diversi studi, riportati da VW, hanno concluso che allo stato attuale un'auto elettrica produce meno CO2 rispetto a una con motore a combustione solo dopo aver percorso 100.000 km. Ma anche questo dato cambierà nei prossimi anni, grazie all'utilizzo di più energia rinnovabile (da maree e persino urina, anche).

Nel bilancio dell'ecosostenibilità va contata pure l'efficienza energetica: dallo studio è emerso che un'auto a idrogeno ha un'efficienza globale del 25-35%, contro il 70-80% di un'auto elettrica. Il motivo sta nel 45% di perdite dovute alla produzione dell'idrogeno attraverso l'elettrolisi: dell'energia che resta, un altro 55% se ne va nella trasformazione dell'idrogeno in elettricità all'interno delle celle a combustibile. L'energia per alimentare le auto elettriche, invece, è protagonista di una perdita di circa l'8% durante il trasporto dalla fonte alle batterie, e di un altro 18% nella sua conversione per poter essere utilizzata dal motore.


258

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
antonio

Ma dico io , non si posso elettriche e idrogeno ? Diversificazione autonomia infinita e zero emissione ? Fanno le duel fuel , trio fuel e nessuno ancora l’ha provata a fare ? Abbiamo l’alcol e non lo possiamo usare perché non essendo tassato da accise ti arrestano !!!

wrg

Perchè se uno conosce almeno un minimo di nozione sul funzionamento di un motore elettrico, dovrebbe capire che funziona meglio con una corrente a forma sinusoidale.
Quello che hai visto tu, sono i motori a corrente continua, dove sono proprio le lamelle che invertono la corrente e producono una forma quadra.
Per esempio nel campo industriale, un motore ABB sincrono a magneti permanenti, sono alimentati dall'inverter ABB modello ACS800..

I motori che avevano le spazzole e carboncini, ragazzo da poche speranze di migliorare, erano motori a corrente continua!!

Quei sistemi di comutazione a corrente continua ad alternata e viceversa, sono sistemi molto complessi e costosi, non è il classico inverter che puoi trovare in una turbina eolica anche grande.

Li trasportano la corrente in continua, per ridurre le dispersioni di energia.
Per questo vale la pensa farlo solo su lunghe distanze, altrimenti no.

Ragazzo, non so a casa tua, ma a casa mia tutti gli elettrodomestici lavorano in corrente alternata.......

Ragazzo, stai raccontando un sacco di stu#idate. Il mio inverte era un esempio per farti capire che tutti i dispositivi elettrici ed elettronici disperdono corrente e perciò quello che porti a casa è meno di quello che pensi.

Lo stesso vale per la batterie, non tutto quello che metti nella batteria, poi la trovi come energia alla mattina.

Tu vivi in un mondo ideale, dove non esiste la realtà.
Sembri alice nel paese delle meraviglie....

italba

Ancora con le "taglie domestiche" ed i rendimenti (presunti...) del tuo inverterino del #####? Ficcatelo su per il ####, e smettila di renderti ridic0l0!

italba

Ma ragiona un attimino, se ti è rimasto mezzo neurone funzionante! Perché mai un motore dovrebbe essere alimentato con corrente a forma di sinusoide e non quadra? Perché a te piace di più, e tanto, tra tutte le ca####e che hai sparato, mettiamoci pure questa? Quando i motori elettrici avevano le spazzole ed i carboncini di grafite con quale forma d'onda lavoravano, secondo il tuo cervellino difettoso? E gli inverter che trasformano la corrente continua che arriva dalla Francia, in Sardegna, ed in altre CENTINAIA di elettrodotti in tutto il mondo emettono chissà quante armoniche? Le filtrano buttando via migliaia di kW di corrente, secondo te? Ma davvero credi che chi progetta delle centrali fotovoltaiche da qualche MW (il tuo impiantino non conta niente, e neanche il tuo inverterino da quattro soldi) non si ponga questi problemi, ed adoperi la stessa tecnologia che puoi trovare dall'elettricista del villaggio? Mi sembra di parlare con un bambino dell'asilo che si arrampica sui vetri pur di non ammettere che ha detto una scemenza... Rinnovo caldamente il mio invito ad andartene dove meriti, inutile discutere con un decerebrato

wrg

Dimenticavo di dirti, che gli inverter hanno si un rendimento tra il 96e il 98%, ma questo è misurato alla massima potenza.
Dovresti sapere che un impianto fotovoltaico per la maggior parte, non è quasi mai alla massima potenza, pertanto il rendimento cala notevolmente quando ci si muove da mezzogiorno con il sole bello e limpido in alto nei cieli.
Per non parlare di ombreggiamento o condizioni diverse di irraggiamento, situazioni che fanno calare pure loro la produttività di un impianto e il rendimento complessivo.

Questo porta ad avere un rendimento medio dell'inverter fotovoltaico del 10%. Almeno sulle taglie domestiche.
Su impianti grossi sarà migliore di sicuro, ma non arriva al 99% come pronosticato da te

Questo per dirti che quando hai detto che bastano 10 x 10 km di pannelli fotovoltaici per alimentare il fabbisogno italiano di energia elettrica, è sembrata una di quelle notizie che trovi su giornaletti tipo Chi.

Non so chi sia il tuo spacciatore di notizie, forse dovresti cambiare il motore di ricerca in internet o almeno leggere tutto l'articolo e non fermarti al titolo

wrg

La tua ig#ora#za non ha confini.

Il cemento nella bioedilizia non si usa, perchè è un materiale povero dal punto di vista meccanico e perciò per fare una casa passiva o quasi, dovresti avere dei muri troppo spessi che danno poi problemi di ponti termici.
ma tanto non sai cosa sono i ponti termici e pertanto la vedo inutile parlare con te di questo argomento, che non sai nulla

Si vede che non hai letto l'intervista a John B. Goodenough, pertanto non ti rispondo perchè non sai cosa dici.

Le auto elettriche sono molto semplici, la parte complessa sono le batterie, pertanto investire sulle attuali batteria è inutile, costoso e dannoso per l'ambiente.

Hai presente il problema del cambiamento climatico dovuto alla CO2?
Ecco le auto elettriche non servono a nulla.
Però questi soldi potremmo usarle per ridurre la CO2, mentre per il problema dell'inquinamento delle città, basterebbe investire sul trasporto pubblico.
Semplice e meno costoso anche per il tuo portafoglio.....

Per me non sei vero, non ci credo che possa esistere nel terzo millennio una persona così poco informata come te.

Non parliamo della maleducazione.
Sei tu che hai iniziato a scrivermi, insulta#domi subito!!

Va a giocare in autostrada che magari trovi una bella Tesla che scoppia come quella a Tokyo....

wrg

ma se funzionano con frequenza variabile, devi avere sempre un inverter che cambia sta frequenza!!
Cavoli è molto semplice il concetto!!
Sempre a dire cose che trovi in internet ma non finisci di leggere l'articolo e dici stu#idate.

Infatti il collegamento tra italia e francia è un progetto recentissimo, ma è tra i pochi presenti.
L'altro è il collegamento con la sardegna.
Ma si usa solo sotto terra e vale la pena su lunghe distanze.

Quello che non capisci o fai finta di non capire, è mentre in una centrale termoelettrica o idroelettrica, la corrente alternata viene prodotta direttamente dal generatore, in un impianto fotovoltaico no.
E siccome la produzione della sinusoide viene fatta dall'inverter, questa presenta difetti.

Infatti ti ho fatto l'esempio della normativa IEEE519 che tratta i disturbi elettromagnetici degli inverter.
Che non sono i piccoli Shuco, ma gli inverter industriali!!

Manco sai che esistono tutte delle normative e dei studi per quanto riguarda i dannosi effetti dei disturbi da armoniche in corrente e in voltaggio!!

Io ti ho parlato di perdite di corrente nella trasformazione da corrente continua in alternata, di un impianto fotovoltaico medio piccolo, perchè alla fine su questo si pensa quando si parla di fotovoltaico.

Siccome non abbiamo lo spazio, come pensa la tua mente, di fare un impianto fotovoltaico grande decine di chilometri, si preferidce, ed è più logico fare tanti piccoli impianti fotovoltaici.

I famosi HDVC, non servono per collegare i vari impianti fotovoltaici, perchè (dovresti saperlo ragazzo), anche un cavo elettrico disperde energia e perciò è meglio consumare il più vicino possibile quella corrente

italba

Continui a sparare ca####e, non hai la più pallida idea di quello che dici. Nelle auto elettriche la commutazione avviene istantaneamente, non c'è nessun bisogno che sia una sinusoide, i convertitori funzionano ad onda quadra e con frequenza variabile, i motori sono sincroni. La corrente alternata delle centrali francesi viene attualmente convertita in corrente continua per essere spedita in Italia, e tutti gli elettrodotti HDVC partono da una conversione di corrente alternata. Pensi forse che nelle centrali si adoperino le dinamo? Ho scritto, qualche giorno fa:

" In una grande centrale a pannelli fotovoltaici pensi (ammesso che tu possa pensare) che adoperino gli inverter della Shuco che trovi dall'elettricista sotto casa? Ed i grandi elettrodotti in corrente
continua secondo te perdono il 10% di corrente quando devono convertirla in alternata? O credi che i pannelli fotovoltaici si possano solo installare dai privati, sulla veranda di casa?"

Non so se riesci a capire quello che leggi, certo che mi riferivo alle grandi centrali, secondo te le auto elettriche le ricaricheremo ognuno col suo pannello solare?

wrg

Quindi, se le case in bioedilizia si possono fare con l'acciaio si possono fare anche col cemento, vero? E allora chi è che spara ca####e? Per farla definitivamente finita con un co#####e come te, ti ripeto per l'ennesima volta che:
Ma con il cemento ig#ora#te, non si possono avere valori di isolamento che si possono avere con altre tecniche costruttive.
Starei anche a spiegartelo, ma mi sa che non mi stai dietro....

- Le batterie non esplodono, prendono fuoco. Leggiteli i resoconti che posti, e vergognati.
Vergognati tu, ti ho detto guarda il caso della hyundai in Canada

- Non ho affatto detto che i costruttori di auto si devono occupare di edilizia, impara a leggere.
E' evidente che hai una forma di dislessia tra quello che pensi e quello che scrivi, visto che avevi scritto che i costruttori di auto non costruiscono case

- Se le batterie miglioreranno ben vengano, ma nel frattempo tutto quello che serve per l'auto elettrica sarà già pronto.
Si intanto avremo finanziato con soldi pubblici la produzione e la vendita di batterie che oltre ad essere inefficienti sono pure inquinanti. Un applauso!!

- John B. Goodenough non ha mai detto le ca####e che spari tu: Ha presentato il suo nuovo progetto di batteria e cercava investitori, chiunque lo avrebbe capito. Chiunque tranne te, evidentemente...
Vai sul sito di huffingtonpost, C'è una bellissima intervista. Però leggila l'intervista, non fare finta come fai al solito. Vergogna Ragazzo....

- I governi e l'economia mondiale non sono un unico portafoglio da cui una sola persona decide su cosa investire e su cosa no. Se il mercato richiede le auto elettriche allora si investe sulle auto elettriche, e se richiede case biodinamiche si investe su quelle. Per l'ennesima volta le due cose NON SONO COLLEGATE, e se si investe su una non si sottraggono i soldi all'altra!
Il mercato non richiede vetture elettriche con certi volumi di vendite. Il mercato le richiede quando lo stato incentiva in modo pesante la vendite delle auto elettriche. Ci sono vari esempi tra cui la Svezia e la Cina. E' dimostrato che senza incentivi il mercato delle auto elettriche si sgonfia. E' collegato si ragazzo

- L'anidride carbonica non c'entra proprio niente, il risparmio, anche se tutte le auto passassero all'elettrico, ci sarà ma non sarà fondamentale. L'inquinamento che le auto elettriche ridurranno sarà quello LOCALE, non ci saranno più migliaia di scarichi a pochi metri dalle persone che vivono in città, con notevolissimi risparmi anche dal punto di vista sociale e sanitario. Lo Stato fa benissimo ad incentivare questo.
Ragazzo, non so se vivi su questa terra o su marte. Abbiamo un grosso problema di cambiamento climatico, che non è dovuto agli NOx per esempio, ma alla CO2.
Hai presente il riscaldamento globale?
Se metto una tecnologia costosissima, che mi fa risparmiare poco di CO2, e ne ho altre (come edilizia, come i bio carburanti, come le fonti rinnovabili, etc.) che mi costano meno e mi permettono una riduzione maggiore di CO2, mi dici perchè devo investire somme pesanti sulle attuali batterie al litio?
Il risparmio sociale e sanitario lo avresti togliendo le auto dai centri urbani, perchè uno anche le auto elettriche hanno le gomme e producono particolato. Secondo perchè l'inqunamento è molto democratico e si sposta anche se la centrale termoelettrica si trova a 30 km!!

Ed adesso piantiamola qui. Quello che ti ho scritto in questo post te lo avevo già ripetuto una dozzina di volte almeno, non mi paga nessuno per fare da badante ad un decerebrato come te. Te ne puoi andare aff#####o come meriti
Poi io non ti ho scritto, ho scritto ad un'altra persona. Pertanto sei tu che hai iniziato a scrivermi (in modo maleducato e infantile), pertanto se ti va di scambiare opinioni ( in modo civile) ok, se no smettila di rompere i co#lioni!!
Chi ti vuole, va a giocare in autostrada che magari fai un incontro con una bella vettura elettrica

wrg

Ah ah ah ah ah sei fantastico!!
mai visto una persona così meschina.

Ti ho parlato di motore asincrono, che è quello usato normalmente nel campo industriale, perchè era per spiegarti che gli inverte quando riproducono la sinusoide della corrente alternata, questa non è perfetta e lo si capisce perchè il motore ha un tipico fischio.
Rumore che non si ha quando il motore è alimentato DOL, cioè direttamente dalla rete elettrica, la quale ha una sinusoide "perfetta".

Ragazzo, poi le linee dell'alta tensione sono di solito con corrente alternata a 50 Hz (negli stati uniti sono invece a 60 Hz).
Nessun pazzo si mette a trasformare la corrente alternata che esce da una centrale termoelettrica in corrente continua.

Esistono si degli impianti, dove si usa la corrente continua ma di solito su lunghe distanze, in quanto in corrente continua si possono avere meno dispersioni (da li il HDVC).

Ma questo ha un costo e non indifferente. Per l'italia non ha molto senso

italba

Se devi continuare a sparare ca####e te ne puoi allegramente andare dove meriti. Cerca HVDC VSC e vedi se l'efficienza è pari a quella del tuo inverterino Shuko, o se "causa disturbi nella rete". Hai una pallida idea di quello che dici? Le linee ad alta tensione, tutte in corrente continua, vengono usate proprio per stabilizzare la rete elettrica!
P.s. Il "motore asincrono" te lo stai inventando tu al momento, io non l'ho mai nominato

wrg

Quindi, se le case in bioedilizia si possono fare con l'acciaio si possono fare anche col cemento, vero? E allora chi è che spara ca####e? Per farla definitivamente finita con un co#####e come te, ti ripeto per l'ennesima volta che:
No ragazzo, perchè qui ti manca la conoscenza, perchè il cemento è una pessima struttura, non è in grado di sopportare carichi di trazione, pertanto devi fare muri che non aiutano l'isolamento termico. Invece come è costruita casa mia, usando l'acciaio (che è riciclabile), il muro è fatto solo da materiale isolante e non ho i cosidetti "ponti termici". Mi sa che sei tu che spari ca##te senza manco saperlo

- Le batterie non esplodono, prendono fuoco. Leggiteli i resoconti che posti, e vergognati.
Guarda il caso della hyundai in canada e la tesla esplosa mentre veniva caricata su un carro attrezzi, informati!!

- Non ho affatto detto che i costruttori di auto si devono occupare di edilizia, impara a leggere.
Lo hai detto tu che i costruttori di auto non si occupano di edilizia mica io, vergognati!!

- Se le batterie miglioreranno ben vengano, ma nel frattempo tutto quello che serve per l'auto elettrica sarà già pronto.
Intanto avremo tonnellate di batterie di cui nessuno vorrà occuparsi per lo smaltimento. Però intanto mettiamo soldi pubblici per la vendita di queste assurde batterie!!

- John B. Goodenough non ha mai detto le ca####e che spari tu: Ha presentato il suo nuovo progetto di batteria e cercava investitori, chiunque lo avrebbe capito. Chiunque tranne te, evidentemente...
Ecco qua https://uploads.disquscdn.c...

- I governi e l'economia mondiale non sono un unico portafoglio da cui una sola persona decide su cosa investire e su cosa no. Se il mercato richiede le auto elettriche allora si investe sulle auto elettriche, e se richiede case biodinamiche si investe su quelle. Per l'ennesima volta le due cose NON SONO COLLEGATE, e se si investe su una non si sottraggono i soldi all'altra!
Non è proprio vero, perchè è dimostrato che se lo stato non investe soldi, le auto elettriche non si vendono.
E' solo un modo per lavarsi la coscienza e nascondere la polvere sotto le coperte. Visto che poi a livello mondiale l'energia elettrica si produce con combustibili fossile, è da matti usare questa energia per far muovere un mezzo attraverso l'uso di batterie costose. Basta far due calcoli termodinamici.
Non hai risparmio di CO2

- L'anidride carbonica non c'entra proprio niente, il risparmio, anche se tutte le auto passassero all'elettrico, ci sarà ma non sarà fondamentale. L'inquinamento che le auto elettriche ridurranno sarà quello LOCALE, non ci saranno più migliaia di scarichi a pochi metri dalle persone che vivono in città, con notevolissimi risparmi anche dal punto di vista sociale e sanitario. Lo Stato fa benissimo ad incentivare questo.
Tranquillo che l'inquinamento è la forma più democratica che esista, anche se inquini con una centrale a 20 km, i suoi effetti lo vedi anche a casa tua, dovresti saperlo a Taranto

Ed adesso piantiamola qui. Quello che ti ho scritto in questo post te lo avevo già ripetuto una dozzina di volte almeno, non mi paga nessuno per fare da badante ad un decerebrato come te. Te ne puoi andare aff#####o come meriti
Guarda che non ti ho scritto io, hai iniziato tu a scrivermi e ad insultarmi senza manco conoscermi. Ma ci sei o ti fai?
Nessuno ti ha chiesto niente, hai voluto scrivermi e io ti ho risposto in modo educato.
E' un problema tuo se non riesci a sostenere in modo educato e maturo uno scambio di opinioni.
Pertanto vai in autostrada a giocare con la palla che così fai un favore a tanti

P.S. E poi respira prima di rispondere

wrg

Ma vai tu in quel posto che probabilmente ti piace.
Si può sapere cosa vuoi?
Ti ho scritto a te?
No, allora se vuoi un confronto lo devi fare in modo da persona matura, se non lo sei smettila di insultare senza portare un minimo di intelligenza e conoscenza

Ciao ragazzo

italba

Quindi, se le case in bioedilizia si possono fare con l'acciaio si possono fare anche col cemento, vero? E allora chi è che spara ca####e? Per farla definitivamente finita con un co#####e come te, ti ripeto per l'ennesima volta che:

- Le batterie non esplodono, prendono fuoco. Leggiteli i resoconti che posti, e vergognati.

- Non ho affatto detto che i costruttori di auto si devono occupare di edilizia, impara a leggere.

- Se le batterie miglioreranno ben vengano, ma nel frattempo tutto quello che serve per l'auto elettrica sarà già pronto.

- John B. Goodenough non ha mai detto le ca####e che spari tu: Ha presentato il suo nuovo progetto di batteria e cercava investitori, chiunque lo avrebbe capito. Chiunque tranne te, evidentemente...

- I governi e l'economia mondiale non sono un unico portafoglio da cui una sola persona decide su cosa investire e su cosa no. Se il mercato richiede le auto elettriche allora si investe sulle auto elettriche, e se richiede case biodinamiche si investe su quelle. Per l'ennesima volta le due cose NON SONO COLLEGATE, e se si investe su una non si sottraggono i soldi all'altra!

- L'anidride carbonica non c'entra proprio niente, il risparmio, anche se tutte le auto passassero all'elettrico, ci sarà ma non sarà fondamentale. L'inquinamento che le auto elettriche ridurranno sarà quello LOCALE, non ci saranno più migliaia di scarichi a pochi metri dalle persone che vivono in città, con notevolissimi risparmi anche dal punto di vista sociale e sanitario. Lo Stato fa benissimo ad incentivare questo.

Ed adesso piantiamola qui. Quello che ti ho scritto in questo post te lo avevo già ripetuto una dozzina di volte almeno, non mi paga nessuno per fare da badante ad un decerebrato come te. Te ne puoi andare aff#####o come meriti

italba

Senti, piccolo co#####cello che non sei altro, se pensi che stia qui a
leggere le tue ca####e un minuto di più ti sbagli di grosso. Vattene
direttamente aff###### come meriti e non mi seccare più

wrg

Qui si capisce quanto poco conosci la materia.

Casa mia che è in bio edilizia, non è fatta con materiali come il legno, o altro.

E' fatta in acciaio e altri materiali.
La bio edilizia stà nel pensare ad una casa passiva, dove si usano poco o niente fonti petroliferi per il riscaldamento o il raffreddamento.

Hai capito ragazzo?

E' capitato anche che esplodessero, vedi Hyundai in Canada e pochi giorni fa una tesla dopo un incidente.

La loro pericolosità stà proprio al fatto che non puoi prevederlo, mentre un serbatoio danneggiato lo vedi benissimo

E poi mi dici quando ho detto che i costruttori di auto devono occuparsi di edilizia?
Faccio fatica a seguire i tuoi assurdi ragionamenti.
IO HO DETTO CHE SE VOGLIAMO PARLARE DI ECOLOGIA, CI SONO OPERE DA FARE MOLTO PIU' URGENTI E MOLTO PIU' EFFICACI E MENO DISPENDIOSE!!

Le batterie possono si migliorare, infatti l'inventore delle batterie ha detto che le attuali non vanno bene per le auto EV.
Ma allora perchè incentivare la vendita (drogando il mercato), auto con batterie non adeguate e non moderne?

E' questo il punto, perchè usare soldi pubblici per un prodotto inefficace, pericoloso e inqunante?

Perchè non investire in altri settori che aiutano maggiormente l'inquinamento e la riduzione della CO2?

Ci sei arrivato ragazzo al mio ragionamento o sei ancora li nell'angoscia di non voler ammettere che hai detto fesserie?

Ragazzo, quello che ti ho detto,

italba

Ma davvero credi che nel centro di Tokio adoperino il bambù ed i pannelli di carta di riso? Ma sei davvero ridotto così male? Senti, ho capito benissimo che sei straniero e ti stai esercitando con l'italiano, ma evita di sparare ca####e, per favore! E quali "prove" avresti portato, sentiamo? Io finora ho letto da te solo un gran cumulo di fesserie. Vogliamo dire l'ultima? Le batterie al litio non esplodono, semmai prendono fuoco, in un paio di casi (su miliardi di batterie!) anche da sole, come è successo anche per alcuni telefoni. Un serbatoio pieno di benzina o, peggio ancora, di gas, è enormemente più pericoloso in caso di incidente!

Ecco, appunto, l'edilizia non c'entra una beneamata fava con i costruttori di auto, meno male che lo hai capito. Quindi quello che dici tu "non occupiamoci delle auto elettriche, pensiamo alle case da isolare" è una grande, grandissima, immensa ca####a.

Le batterie potranno migliorare (anzi, stanno migliorando continuamente), magari tra qualche anno verranno fuori nuove batterie con prestazioni migliori e costruite con materiali più ecologici? Ragione di più per passare all'elettrico, le infrastrutture di ricarica serviranno comunque e le auto saranno già pronte!

italba

Ma allora non capisci davvero un #####! Ti ho detto che del tuo inverterino non me ne può fregare di meno, ti entra in testa o no? In una grande centrale a pannelli fotovoltaici pensi (ammesso che tu possa pensare) che adoperino gli inverter della Shuco che trovi dall'elettricista sotto casa? Ed i grandi elettrodotti in corrente continua secondo te perdono il 10% di corrente quando devono convertirla in alternata? O credi che i pannelli fotovoltaici si possano solo installare dai privati, sulla veranda di casa? Per finire: I motori elettrici funzionano tutti in corrente alternata, quelli vecchi in corrente continua adoperano un commutatore elettromeccanico (spazzole), se il campo magnetico non cambia il motore non si muove! Nei motori nuovi la commutazione avviene tramite dei circuiti a semiconduttore (inverter) con un rendimento molto migliore di prima, se il campo magnetico del rotore è realizzato con magneti fissi o con elettromagneti, per induzione, non cambia assolutamente niente, gli avvolgimenti dello statore devono comunque essere alimentati in alternata. Per la cronaca, Tesla adopera per le sue auto (tranne l'ultima) dei motori ad induzione.
Ti sono bastate le figuremmerda per oggi? Fatti un favore, evita di sparare ca####e su cose che non conosci

wrg

Detto da te allora sono cose verissimo.
Ragazzo, hai solo parlato fino adesso in modo casuale, senza portare prove su quello quello che hai asserito, anzi io ho portato dati che hanno provato le stupidaggini che hai detto.

Infatti chiedi ai giapponesi come si costruiscono le case e poi pensa alla tua casa....

Che i motori elettrici siano superiori ai motori a scoppio, è provato. Infatti non ho mai detto questo.
Ho detto che sono le batterie a non essere ad sviare.
Non a caso ci sono studi per trovare altre batterie.

Non a caso l'inventore delle attuali batterie Goodenough, sostiene questo è sta studiando le batterie allo stato solido.
Infatti questo ricercatore, ha messo in luce i limiti delle batterie, e la loro pericolosità.
Un motore endotermico si può rompere, una batteria può esplodere senza che tu possa prevederlo.
Le cronache sulla tesla e sulle vetture elettriche cinesi le avrai lette sui giornali online...

Ragazzo invece di blaterare, leggi quello che scrivo!!

Sul resto mi sembra che non sai più cosa dire, cosa c'entrano i costruttori di auto, sto parlando di edilizia.

Adesso ho capito tu porti l'auto da muratore....cavoli

Ma infatti perché non li fanno?
Semplice, manca la mentalità dell'ecologia.
All'estero costruiscono da anni case ecologiche, case vecchie isolate e con impianti adeguati.

Siamo solo in.italia ad essere retrogradi e tu sei un chiaro esempio di italiano medio

italba

Hai detto un sacco di ca####e e continui a spararne a raffica. Se il cemento è "obsoleto" dimmi tu una tecnologia migliore, altrettanto economica e robusta (le case in cemento armato, quelle fatte bene non crollano "al minimo terremoto", chiedi ai giapponesi), e guarda che 10 miliardi di persone non aspettano.
- I motori a scoppio sono alla fine del loro sviluppo, i motori elettrici sono molto migliori da sempre, non per niente vengono utilizzati da decenni su treni e navi. I motori elettrici possono dare tutta la potenza anche da fermi o quasi, possono girare al contrario, possono trasformarsi in generatori per recuperare l'energia in frenata, generano molte meno vibrazioni e rumore, non inquinano,sono molto più semplici ed affidabili. Quando poi inizieranno a costruire le auto elettriche come si deve (un motore per ogni ruota) non ci sarà più competizione, anche dal punto di vista delle prestazioni. Inoltre sono in sviluppo una nuova generazione di motori, a flusso assiale, che promettono di poter fare a meno anche del riduttore, potranno essere collegati direttamente alle ruote o magari integrati nel mozzo.
- Anche i motori termici bisogna stare attenti a come li si usa, se no si rompono... Ma ci godi a sparare ca####e? E poi le auto elettriche hanno tutte dei circuiti di protezione dal surriscaldamento, se non lo disattivi non puoi proprio danneggiarle.
- Ho l'impressione che il mulo si rifiuterebbe di andare in giro con uno come te, anche le bestie hanno la loro dignità...
- E rieccoci col benaltrismo! Cosa ha a che vedere l'isolamento delle case con i mezzi di trasporto? Ti risulta che i produttori di auto costruiscano anche casa, o che la gente possa scegliere se andare in giro o starsene a casa al calduccio? Se gli interventi per migliorare l'isolamento sono abbastanza limitati allora li si faccia, che problema c'è?

wrg

Dici che un inverter della Schuco è costruito al risparmio?
Parlando con i produttori di inverter come ABB, Nidec, Siemens, gli inverter sono tutti uguali, è una tecnologia che non è cambiata negli ultimi 20 anni.
Ma perché racconti stupidate che poi ti smaschera continuamente.
Se tu fossi a conoscenza di come un inverter costruisce la sinusoidale, capiresti i gradini che intendevo.
Ma purtroppo con te non posso prendere.
Quello che non hai capito che contesti nei tuoi deliri di non conoscenza, è che prima di investire miliardi di dollari in auto a batteria, si dovrebbe investire nelle fonti rinnovabili e nel risparmio energetico.

Un concetto semplice, che NON CAPISCI!!!

Prima bisogna investire sul rinnovabile, ma nel totale del.sistema, non pensando come il tuo concetto puerile che basta mettere un po' di pannelli fotovoltaici, che poi è corrente continua e non alternata.

P.s. Per la verità i motori elettrici delle auto elettriche e ibride sono a magneti permanenti...

Così tanto per correggerti un'altra volta....

italba

Inverter DOMESTICO = costruito al risparmio. Se i "gradini" dell'inverter sono più fitti ci puoi anche fare un amplificatore HiFi, si chiama classe D. Continui a sparare immense ca####e su quello che succede adesso con quello che si può comprare al negozietto all'angolo, facendo finta di non capire che questo è un salto epocale per la società moderna, passare totalmente alle fonti rinnovabili è un salto paragonabile al passaggio dalla legna da ardere al petrolio. Ripeto per l'ennesima volta, e non accetterò più nessuno dei tuoi deliranti post che non lo prendano in considerazione: Queste cose richiedono anni, chissenefrega se il tuo inverter è fatto a ##### e spreca il 10%!
Entrando nel merito, la media dell'energia generata dai pannelli solari, alle nostre latitudini, si può stimare in un kWh al giorno per metro quadro, considerando 5 ore di sole. Quando non c'è sole ci sono le centrali idroelettriche, possono funzionare anche da batterie pompando in alto l'acqua utilizzando l'energia in eccesso. Per finire, devo ancora capire dove vuoi andare a parare? Decrescita "felice", muli e biciclette col rimorchio per tutti? Continuiamo a bruciare allegramente petrolio come se non ci fosse un domani? Insomma, che ##### vuoi?

P.s. I motori di tutte le auto elettriche sono per l'appunto trifase, e sono controllati da un inverter

wrg

Nessuno usa la potenza di picco di un inverter.
Quella serve per dare la taglia di un impianto.
In realtà i pannelli fotovoltaici danno una potenza massima, in una giornata di sole e vento che tiene bassa la temperatura, del 80% inferiore.
Il fatto che questa potenza potrai ottenerla al massimo per un paio di ore al giorno.
E il resto della giornata?
Lo sai che la nostra potenza massima assorbita è di 44 Gw, mentre la massima potenza disponibile è di 130 Gw?
Perciò se volessi usare solo pannelli fotovoltaici, dovresti almeno moltiplicare per 100 la superficie, per essere sicuro di non avere blackout.
Bravo ragazzo hai letto la prima cosa che ti è passata in google.
Ma io parlavo di disturbi armonici.
Lo vedo a casa mia che ho un impianto fotovoltaico.
Su quanto bisognerebbe aumentare la potenza elettrica in Italia mi sa che nessuno lo ha capito molto.
In Svezia sono in difficoltà con le auto elettriche.
Visto che mi parli della Germania e di centrali a carbone, loro sono al 40% della produzione totale.
La Cina al 70%.
Cina che ha investito tantissimo nelle auto elettriche e da marzo ha tagliato le agevolazioni, bloccando di fatto la crescita della vendita delle auto elettriche (non parliamo delle numerose auto che sono bruciate....)
P.s.
Il rendimento di un inverter è si intorno al 97-98%, ma ti dimentichi che c'è anche un trasformatore di mezzo.
Visto che mi hai parlato di fourier, dovresti sapere che a sinusoide prodotta dall'inverter è fatta a gradini, questo comportano perdite sulla linea.
Su un inverter domestico la perdita raggiunge quasi il 10%, misurato con lo strumento.

Hai mai sentito un.motore asincrono Trifase che lavora sotto inverter.

È evidente che non sei mosso da spirito ecologista, ma sei uno che non ha nulla da fare è passa la giornata a insultare le persone

italba

Sei talmente ign#####e da non sapere che il cemento lo adoperavano già i Romani 2000 anni fa. Le auto elettriche nascono prima del motore a scoppio? E allora? Secondo te sono uguali a quelle del 1900? Mai sentito parlare di commutazione elettronica dei motori elettrici, di batterie al litio anziché al piombo, di controllo elettronico della rigenerazione? Spari solo un mare di ca####e senza prospettare una sola soluzione pratica, credi che le case per 10 miliardi di persone le potremmo mai costruire col legno da coltivazioni biodinamiche? Il trasporto pubblico sono d'accordissimo che sarà il futuro, ma non QUESTO, in cui ci sono delle persone che devono occuparsi di guidare. Vattene un po' dove meriti di andare, per me non sei degno di un solo minuto d'attenzione in più

italba

Tanto sei esperto che consideri la potenza di picco anziché quella media... Comunque sono 200 Km² anziché 100? Siamo sempre abbondantemente sotto lo 0,05% della superficie. Basterebbe ricoprire di pannelli solari le aree industriali, i parcheggi, i bordi delle strade, le aree non coltivabili e dove non cresce nemmeno l'erba, ce ne sono anche in Italia. E comunque cosa ##### c'entra tutto questo con le auto elettriche? L'Enel ha detto che, se tutti i veicoli passassero all'elettrico, basterebbe aumentare la produzione di energia del 20%, e recentemente in Germania hanno detto la stessa identica cosa. Il solito benaltrismo per decerebrati? Ricapitoliamo: Ci sono oggi milioni di auto che bruciano una quantità immensa di petrolio, si comincia a prospettare un'alternativa e tu ti arrampichi su tutti gli specchi che trovi per andargli contro? I casi sono due: O sei completamente ##### o hai un distributore di benzina!

P.s. Conosco benissimo cosa siano le armoniche e la trasformata di Fourier, grazie, e so anche che tutta l'energia elettrica prodotta viene controllata, regolata, trasformata e convertita da una qualche apparecchiatura a semiconduttore, esattamente come gli inverter che tui hanno venduto. Queste apparecchiature lavorano in commutazione, quindi con un rendimento altissimo: Ovvio che niente sia perfetto (soprattutto quello che hanno rifilato ad uno come te), ma la potenza sprecata non arriverà neanche all'1% del totale

wrg

A meno di un errore di battitura, ti ho parlato di 8 centrali a carbone.
Ma ti capisco che soffrì tanto nel rispondere, lo si vede perché non leggi e rispondi senza riflettere...
Ragazzo, un inverter si scalda mentre lavora, questo lo fa perché non è un impianto perfetto.
Io non mi sono fatto cercare da nessuno, sei tu che tu fai cercare dalla tua poca intelligenza e dalla tua presunzione.
Gli inverter li compro per lavoro, li conosco MOLTO BENE e perciò so i disturbi che danno.
Ti ho dato una normativa come riferimento.
Sai cosa sono le armoniche prima di sparare stupidate?
Sbagliato sulla superficie dei pannelli fotovoltaici, non leggere la prima cosa che trovo in Internet, rifletti ragazzo!!
Potresti al massimo produrre 19 Gw, noi siamo a 45 Gw.
Perciò aumenta la superficie...
Poi dovresti saperlo che la potenza del fotovoltaico non è costante...
Sei veramente un bambino più che un ragazzo..
Certo che abbiamo una Potenza del sole incredibile, è certo che va usato.
Ma va usato in modo intelligente, non come pensi tu che sua tutto semplice.
Ragazzo non è come i cartoni animati che guardi al.pomeriggio, la realtà è diversa.
Io lo voglio il fotovoltaico è ho fatto la mia parte, ma non b ad tanto tappezzare campi di pannelli fotovoltaici.
I campi servono per mangiare...
Ah è vero che a te piace il pesce al cobalto....

wrg

Sei fantastico, non hai portato un dato corretto, non hai portato dei dati che provasse la verità di quello che hai detto.
Il problema che non vedi oltre al tuo naso.
Per esempio le abitazioni le vedi costruite ancora in cemento, una tecnica vecchia di 100 anni.
Le vetture a batteria?
Nascono prima delle vetture a scoppio.
Pensi che l'energia nasca dalle piante, che tutto sia fantastico.
Io amo la tecnologia, l'innovazione, l'ecologia.
Abito in una casa in bio edilizia.
Ma amo la tecnologia quella vera, non quella finta, non quella che porta ad interessi di poco.
Il trasporto pubblico è e sarà sempre il futuro.
Non è tecnologia questa, è una mischiata dal punto di vista termodinamico, ma non sai cosa siano i principi termodinamico.
Preso solo tempo a spiegare ad un ragazzo presuntuoso che non ha voglia di imparare.
Ti abbandono in autostrada che sei ripetitivo e infantile

italba

Se non ricordo male avevi detto 12. Vabbè, ormai è evidente che dai i numeri... Ripeto ancora una volta, se non riuscissi davvero a capirlo: Se le centrali a carbone passeranno a metano domani, tra 5 anni o tra 10 cambierà poco o niente, è inutile che continui ad insistere. Secondo, l'energia elettrica che gira in rete viene tranquillamente convertita da corrente continua ad alternata, la corrente continua è più efficiente per i lunghi elettrodotti. Se ti sei fatto fregare col tuo impianto di casa e ti hanno venduto un convertitore scrauso sono solo problemi tuoi. Per generare col fotovoltaico tutta l'energia occorrente per l'Italia basterebbe coprire di pannelli un'area da 10*10 Km, e con 100*100 Km ne avresti d'avanzo per l'intero pianeta. Ti sembra tanto? Pensa che è una frazione infinitesima di un qualunque deserto. Nessuno dice che sarà facile o immediato, ma è una strada obbligata, che ti piaccia o no

italba

Solo un bimbetto presuntuoso come te può pensare di "bastonare" qualcuno in un blog. Qui si discute, possibilmente in modo civile, quindi cresci, che sarebbe ora. Entrando nel merito: Le auto elettriche sono un prodotto industriale esattamente come gli altri, se non le si fabbricasse la plastica in giro sarebbe esattamente quella di prima, perché al loro posto si costruirebbero auto col motore termico. Pensi forse che non le costruiscano in Cina? Quindi è assolutamente inutile che te ne venga fuori con questi argomenti da asilo infantile, il benaltrismo non è mai servito a niente. Le batterie al litio non sono "adeguate", dici tu? E perché? Assicurano già prestazioni allineate con le auto tradizionali, ed anche i tempi di ricarica sono assolutamente accettabili per la maggior parte degli utenti. Se smaltite in modo non corretto inquinano? Ma va! Dimmi una cosa qualunque che non inquini se smaltita in modo non corretto! Quindi la tua soluzione quale sarebbe? Torpedoni e muli? Ma ti rendi conto che siamo nel 21° secolo? Il trasporto pubblico soppianterà le auto private, ma quando ci saranno le auto a guida autonoma, capaci di attivarsi a richiesta in qualunque momento e di assicurare costi e tempi di trasporto tali da rendere inutile l'auto privata. Per finire, se continui con questi argomenti da decerebrato non ferisci proprio l'orgoglio di nessuno, al più susciti una sincera pena

wrg

Ragazzo sei sicuro che non sei masochista?
Cavoli stia prendendo di quelle bastonate e continui imperterrito ....

Hai ragione, il progresso ambientale lo si fa per piccoli passi.
Infatti le auto elettriche, avendo le batterie al litio non adeguate all'uso e avendo un sistema produttivo di energia elettrica basato su combustibili fossili per il 50%) è un passo più lungo della gamba.

Io ti ho detto alcune soluzioni da fare.
Sai quante fonti di inquinamento abbiamo?
Parliamo di ecologia e magari tu quando vai a fare la spesa mi compri l'acqua in bottiglie di plastica.

Non è il fatto di denigrare i cinesi, mi sa che non sei mai andato in cina. Dovresti andarci e così puoi aprire gli occhi.
Vai nelle miniere cinesi del congo e poi ne riparliamo

Certo che le acciaierie inquinano, lo so per lavoro questo, ma ti ho portato un esempio di grande fonte di inquinamento al servizio delle cosiddette AUTO ECOLOGICHE....

E' questo il punto ragazzo, abbiamo un sacco di problemi di inquinamento come hai detto tu.
La soluzione quale è, quella di produrre milioni di auto elettriche, dove servono milioni di tonnellate di acciaio, plastica, e dove produciamo milioni di batterie che al momento non abbiamo ancora una tecnologia conveniente per smaltirle.

Non ci sono altre soluzioni?
Io ne ho detta una, la seconda è il trasporto pubblico, la terza è risolvere il riciclo della plastica.

Guardi al petrolio usato nei motori a scoppio e poi non guardi che per fare 1 kg di plastica per alimenti servono 2 kg di petrolio!!

I tuoi ragionamenti li fanno le mie figlie che vanno alle elementari e alle medie, non puoi fare ragionamenti senza informarti prima, senza provare a riflettere un attimino.

Non devi solo rispondere per darmi torto, perchè ho ferito il tuo orgoglio

wrg

Certo per correggere i tuoi errori nel dire che le centrali a carbone in italia sono 8. Sei sono di proprietà dell'enel e altri due di altre società.

Io ti ho fatto notare, siccome sei molto superficiale, che hanno annunciato la dismissione di 4 centrali a carbone entro il 2025, ma di fatto NON E' PARTITO NULLA per convertire queste centrali.

Lo faranno? si,quando? non si sa ancora.

L'energia fotovoltaica, è una bella cosa.
A casa mia ho un impianto fotovoltaico da 9 anni, però ha dei grossi difetti se pensiamo di usare solo questo tipo di fonte.

Uno perchè è imprevedibile quanto ne produce e quando.
Secondo perchè essendo corrente continua, avendo bisogno di un inverter per convertirla in corrente alternata, questo comporta che vengono immessi nella rete elettrica molti disturbi che creano inefficienze (distorsioni armoniche in voltaggio e in corrente).
Se vuoi leggere un pò c'è una normativa la IEEE 519 che parla di questi disturbi.

Pertanto, anche se avessimo la possibilità di usare tutta energia fotovoltaica, avremmo grossissimi problemi alla rete.

Altro problema che pochi parlano, è che attualmente ci sono molte centrali nucleari in europa. Pensa alla Francia che produce oltre 80% della sua energia con questa fonte.
Anche la germania ha 8 centrali e una bella produzione.
Solo che sono vecchie e giustamente non vogliono costruirne altre.

Secondo te, con cosa verranno sostituite queste centrali?
Con pannelli fotovoltaici e turbine eoliche?

Da diversi studi, che trovi in internet, la cosa è abbastanza difficile.

La Svezia con soli 4 centrali nucleari dismesse ha diversi problemi energetici adesso

italba

Io avevo detto 5 centrali, se non sbaglio tu avevi detto 8... Comunque, e te lo ripeto per la terza volta, non ha nessuna importanza se ci vogliono 5 o 10 anni, sta di fatto che il carbone è in via di dismissione, quindi la tua insistenza su questo punto è assolutamente pretestuosa ed infantile. L'energia elettrica da fotovoltaico sarà ben presto quella più economica, a quel punto nessuno sano di mente continuerà a sfruttare carbone e petrolio

italba

Il progresso ambientale, caro bimbetto, lo di fa per gradi, un passo alla volta, nessuno ha la bacchetta magica. Le auto elettriche inquinano QUASI quanto quelle tradizionali, dici tu? Bene, prendiamoci il "quasi" adesso, che è sempre meglio di niente! Cosa preferiresti, che in mancanza della soluzione ottimale non si facesse niente? Adesso (un articolo di tre anni fa, e scritto da chi ha tutto l'interesse di denigrare i cinesi...) ci sono le fabbriche di grafite che inquinano, ma inquinano anche le acciaierie! Passa qualche giorno a Taranto, se non ci credi. Un domani si faranno delle regole e si svilupperanno delle tecnologie che consentiranno di non inquinare assolutamente, ma nessuno lo fa prima che il problema si presenti, sarebbe del tutto infantile pretenderlo

wrg

Certo che lo so che si fa con azoto, ma poi mentre lo lavori la cella devi tenerlo a -195°C e non lo fai semplicemente, visto che i materiali a quella temperatura diventano fragili........

L'olio è molto più semplice riciclarlo, dopo anni di devastazione ambientale hanno trovato un sistema economico per riusarlo.

E' qui il problema che cerco di spiegarti da giorni, ma mi sa che è più facile mettertelo in quel posto che nella testa!!

Non esiste una legge che chi produce la batteria sia responsabile del riciclaggio fatto a regola d'arte. Si arriva ad un certo punto e poi si spedisce fuori dall'europa in paesi in via di sviluppo.

Tutto inquina, anche quando vai in bagno.
Non sto dicendo che le auto endotermiche non siano inquinanti.
Sto semplicemente dicendo le vetture elettriche NON SONO ECOLOGICHE, ma inquinano quasi quanto le vetture tradizionali.

Ragazzo (non mi bloccare!!!), mi sembri quei pecoroni che senza sapere il perchè camminano a testa bassa...
Apri gli occhi e informati meglio

wrg

Ti stai incartando da solo e mi sto divertendo tantissimo a leggere il tuo contorsionismo....
Io ho detto, che Enel ha annunciato che nel 2025 verranno convertite 4 centrali a carbone a metano. Adesso la palla è nelle mani dello stato italiano.
Questo significa far partire tutto iter per le approvazioni e poi fare materialmente le modifiche.
Per questo ho parlato sempre e solo di annunci.
Perchè continui a confondere l'annuncio con l'effettiva messa in opera.
Non so che mestiere fai, ma nel mio mestiere ho ben in evidenza l'annuncio di un progetto con l'effettiva partenza del progetto.

Sul fatto che se piove oppure no, è che prima di parlare vai nel sito di Terna, ci sono un bel pò di grafici e vedrai che la produzione per esempio delle centrali idroelettrica cambia notevolmente da un anno ad un altro.
Per esempio del 2018 hanno dato il 30% di energia in più del 2017.
Quella fotovoltaica è diminuita del 5%.

Te le spiego queste cose, ma potresti arrivarci anche da solo!!

https://uploads.disquscdn.c...

italba

"Non sapevi" dopo che hai detto tu stesso che l'Enel vuole dismettere o convertire a metano tutte le sue centrali a carbone? Ed evidentemente non conoscono neanche loro i "limiti di attualità", potresti andare a spiegarglieli... Ma quanto sei divertente! La prospettiva a lungo termine l'hai indicata tu stesso, è esattamente questa dismissione totale del carbone, non c'entra niente il fatto che un anno piova di più o di meno

italba

Documentati tu, il raffreddamento a -195° lo si fa con l'azoto liquido a bassissimo costo, ammesso che serva per davvero. E poi, quanto è conveniente riciclare l'olio lubrificante esausto? Lo si fa lo stesso, no? O magari non tutti lo fanno, esattamente come potrebbe succedere con le batterie. Quindi? Perché mai se si tratta delle auto tradizionali, molto più inquinanti, va tutto bene, mentre per le auto elettriche stai montando una crociata con supremo sprezzo del ridic0l0? Sei solo un bimbetto che "ragiona" per partito preso, ecco perché!

zegalvis

E perché liquidare tutto nel disfattismo?
Il mondo è cambiato innumerevoli volte ed in modi anche estremi.
Continuerà a farlo!
È doveroso prenderne coscienza!
Un tempo l'Antartide era ricoperto di foreste.
Un tempo gli esseri umani vivevano di caccia e raccolta.
Il mondo continuerà a cambiare e volenti o nolenti, coscienti o meno, noi ci troviamo e ci troveremo dentro eventi e processi storici che daranno forma al futuro vicino e lontano.
Arrendersi nel disfattismo è un grosso errore, bisogna invece prendere atto del fatto che per quanto difficile sia un mutamento a verificarsi, è indispensabile adoperarsi affinché da prenderne parte e contribuire ponendo ognuno il proprio "mattoncino" nella costruzione del futuro.
Le contingenze, le necessità, le condizioni materiali spingono ognuno verso determinati obiettivi.
Questi obiettivi possono facilmente essere contrapposti negli intenti di differenti persone.
Per quanto piccole sono le chance di un gruppo, l'esito finale del confronto sarà sempre il risultato della somma delle forze in gioco.
Esattamente come per le forze in fisica meccanica.
Tu riconosci una necessità di un cambiamento nel mondo, INTERESSATI a come costituire il tuo mattoncino, FAI LA TUA PARTE!

wrg

Caro ragazzo, come non lo hai detto!! Hai fatto una menata perchè non ho considerato l'acciaio che serve per produrre un auto emette una marea di emissioni!!
I sfasciacarrozze vengono controllati ragazzo mio, perchè hanno partita iva, le auto hanno un numero di targhetta.
La filiera è controllata. Certo ci sarà il furbetto, ma molto meglio dell'attuale sistema di smaltimento batterie che basta metterle nel container e sbarazzarsi in un paese asiatico.

Stiamo arrivando al punto ragazzo, hai capito perchè non è conveniente riciclare una batteria al litio. Perchè di cobalto e litio in una batteria non ha un grande contenuto.

Quello che ricavi nel recupero è molto meno del costo per estrarlo. Solo se sei obbligato a farlo lo fai. Inoltre per separare il cobalto e il litio, servono tecniche particolari.

Ragazzo, mi stupisco che vuoi fare l'arrogante e non conosci queste cose che ne parlano diversi organi di stampa.
Documentati prima

wrg

secondo me quello che pensi è diverso rispetto a quello che scrivi.
Avevi detto che non arriva al 10%, mentre il grafico nei vari anni sta sempre tra il 10 e il 20%.

Poi non sapevo che avevi questa prospettiva a lungo termine.
Forse perchè non sai che le varie fonti di produzione di energia elettrica sono molto influenzate dalla meteorologia.
Se piove poco in un determinato anno, gli impianti idroelettrici produrranno meno corrente.

Se abbiamo mesi con poco sole, questo vale per gli impianti fotovoltaici.

Per questo ci sono le variazioni negli anni sulla produzione con combustibili fossili, perchè vanno a coprire le mancanze dagli impianti idroelettrici, eolici e fotovoltaici.

I limiti tecnici sul passare dal carbone al metano, ne stanno parlando diversi giornali in questi giorni. E' attualità.....
Informati e poi ne riparliamo

Fede64

Purtroppo hai ragioni da vendere. Noi viviamo un contrappasso, siamo strutturati sul lavoro, quindi il consumismo. Non c'è uno senza l'altro. Direi che abbiamo due strade su cui scegliere, con o senza di essi.
Col consumismo moriremo d'inquinamento, senza moriremmo di fame. Credo alla fine moriremmo di entrambe.
L'umanità purtroppo non riesce a regolarsi per una retta via, forse una buona fetta del continente africano......e stanno venendo qui.

zegalvis

Io penso che si debba ristrutturare interamente il modo di affrontare le cose.
A che mi serve la super macchina elettrica super efficiente che pesa 2 tonnellate, è fighissima a vedersi, e fa da 0 a 100 in 3 secondi?
A soddisfare un bisogno costruito...
Io devo compiere una traslazione con un dato tempo di percorrenza, portando con me eventuali beni e risorse.
Tutto ciò che si aggiunge a questi due punti è del tutto superfluo ma produce anche un fatturato globale annuo di 700miliardi di dollari.
Una casa deve sopperire a necessità molto differenti ma il ragionamento si può replicare.
Si stabiliscano le necessità materiali e si osservi il confronto tra quanto effettivamente sarebbe il necessario e quanto è invece oggettivamente superfluo.
Ho bisogno di possedere il tale oggetto?
Ho bisogno di spostare la tale massa mentre svolgo questa azione?
Ed ho bisogno di questa azione?
Perché?
Sia chiaro, il rischio è di giungere a concetti di "decrescita", ma non è affatto mia intenzione.
Io sono anche dell'idea che la società umana possa e debba essere ristrutturata per perseguire il soddisfacimento dei bisogni della specie e non il loro sfruttamento per conseguire l'accrescimento dei capitali.
Applicando quest'ottica alla società diviene palese che ci sono giganteschi settori produttivi che sarebbero letteralmente da eliminare in quanto puramente superflui alla specie: pubblicità, armamenti.

italba

Caro bimbetto bello, non ho mai detto che il problema del motore a scoppio siano i materiali, c'è molto di peggio, ma ho detto che è inutile che ti lamenti dello smaltimento delle batterie quando anche i motori a scoppio vanno smaltiti! Hanno trovato un capannone pieno di pannelli solari? E quanti sfasciacarrozze ci sono in giro che smaltiscono non correttamente i materiali di risulta dei motori termici? Liquidi di raffreddamento, olio esausto, secondo te vengono tutti regolarmente riciclati al 100%? Il discorso del riciclo e dei controlli vale per tutti, non solo per l'elettrico!
P.s. Sarei proprio curioso di conoscere qualcuno così de######e da buttare a mare il cobalto, 40.000 dollari la tonnellata, ma fino a pochi mesi fa superava i 100.000. In quanto al litio, se ti informassi invece di sparare ca####e, sapresti che nel mare ce ne sono già 230 miliardi di tonnellate, e non ce le hanno certo messe i cinesi...

italba

Ma soffri davvero di problemi di memoria! O forse non capisci quello che leggi? Tra il 10 ed il 20% nel 2017! Non è mica un campionato, le cose vanno viste in prospettiva, e sai benissimo che il carbone come fonte energetica ha gli anni contati! E quali sarebbero, poi, i "limiti tecnici non indifferenti" che obbligherebbero a bruciare carbone anziché metano?

Soleluna

Preferisco la Hyundai

Aristarco.bandito

Bravo comprati una mirai e girati tutta la provincia di bolzano

zegalvis

Per altro, con queste non prendi acqua se piove, né freddo, non paghi l'assicurazione né il bollo...

zegalvis

Se devi riparare lo scooter elettrico, devi andare dal meccanico.
Se devi riparare una velomobile lo fai nel garage con gli attrezzi comprati dal brico...

wrg

Ragazzo, il motore è la parte più facile da riciclare.
il problema dei motore a scoppio non è il materiale che compone il basamento, i pistoni, la testata, etc etc.

Non credo che tu hai letto la notizia un paio di mesi fa, che hanno trovato un capannone pieno di pannelli fotovoltaici esausti.
Anche questi non sono tanti anni che ci sono, ma anche loro si possono rompere prima del previsto.

E guarda a caso, invece di smaltirli, preferiscono metterli in un capannone e aspettare di dargli fuoco, come succede con la plastica e come succede di sicuro con le batterie.

Quello che sto cercando di farti capire da giorni, senza successo, che se non metti dei controlli su tutta la filiera produttiva delle batterie delle auto, gli impatti ambientali saranno gravissimi, e lo sono già!!

E qui arriva l'esempio della plastica che non capisci, e non mi stupisco, perchè facciamo la raccolta differenziata, ma poi gli stati europei permettono che la plastica viene bruciata begli inceneritori vicino a casa tua, venga bruciata in depositi ed esportata in paesi che non hanno la tecnologia per riciclarla in modo corretto.

Non preoccuparti ragazzo, avrai leggermente l'aria più pulita nella tua citta, ma mangerai del bel pesce intrinseco di litio e cobalto....

Buon appetito

wrg

cambia gli occhiali, hai detto che non raggiunge il 10% quando nel grafico è sempre tra il 10 e il 20%...
L'energia rinnovabile in italia, nel 2018 ha raggiunto il 32% della totale produzione, di cui il fotovoltaico e l'eolico hanno raggiunto il totale del 14% sul totale di 280000 GW prodotta in italia.
Perciò non so dove hai visto il 40%...
Il carbone rappresenta ancora circa 11% del totale della produzione, pertanto una fetta molto importante della produzione nazionale, quasi allo stesso livello di eolico e fotovoltaico.
Solo i ragazzini pensano che esista babbo natale, purtroppo non è così, perchè ci sono limiti tecnici non indifferenti.
Non a caso la Germania continua a tenere accesi molte centrali a carbone, si pensi ancora per altri 20 anni, visto che se chiuderebbe le centrali a carbone avrebbero migliaia di disoccupati che lavorano in miniere tedesche di carbone.

Ti manca ragazzo una visione dell'insieme delle cose, ma non mi stupisco onestamente

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti