Enel X: app JuicePass con interoperabilità SMATRICS e IONITY, addio X Recharge

01 Luglio 2019 2

X Recharge diventa JuicePass. L'applicazione per ricaricare le auto elettriche e trovare le colonnine si è recentemente aggiornata includendo il servizio di interoperabilità con SMATRICS e IONITY che ha recentemente festeggiato la 100esima stazione. Sale così a 6.000 il numero dei punti di ricarica con gli 800 europei che diventeranno 1.600 entro la fine del 2020, includendo quindi - oltre all'Italia - Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Nello specifico, IONITY può contare oggi su più di 100 siti di ricarica (l'obiettivo è di arrivare a 400 nel 2020), ognuno con 4 fino a 12 postazioni da 350 kW. La rete di SMATRICS ha invece 450 punti di ricarica di cui 250 fast da almeno 50 kW.


Tramite Juice Pass è possibile attivare il radar (notifica le nuove postazioni entro un raggio impostabile fino a 100 km) e visualizzare la mappa delle postazioni di ricarica impostando diversi tipi di filtri:

  • disponibilità delle colonnine (accesso h24, gratuite, preferite, occupate/libere)
  • tipo di presa: Tipo 3A, Tipo 2 a 22 kW, Tipo 2 a 43 kW, CCS Combo 2 e CHAdeMO (qui la nostra guida alla ricarica)
  • potenza: minore di 22 kW o maggiore di 22 kW
  • attività commerciali
  • operatore: Enel X o "altri"
TARIFFE: I PREZZI DELLA RICARICA CON ENEL X

Con il profilo privato si possono scegliere diversi piani. Quello Base, a consumo, prevede i soliti 0,45€/kWh per le prese Quick (meno di 22 kW) e 0,50€ per le prese Fast (più di 22 kW). Il piano a consumo Premium mantiene i prezzi di quello Base ma aggiunge, a 25€ annui, la possibilità di prenotare le prese per 12 mesi.

Con Flat Small si pagano 25€ al mese per 60 kWh (mensili), mentre Flat Large costa 45€ al mese e consente un'erogazione di 120 kWh. Chi non vuole utilizzare lo smartphone, può acquistare la card RFID a 16€, costo da sostenere una tantum tramite l'app con spedizione della tessera a casa.

Oltre al profilo privato è disponibile anche quello Corporate per i veicoli aziendali e Automotive che serve per quei brand (uno fra gli ultimi Audi con e-tron) che hanno stretto una partnership con Enel X legata all'acquisto di una nuova auto elettrica: in questo caso va inserito il codice di attivazione fornito dal concessionario.

SUPPORTA ANCHE LA WALLBOX

Enel X JuicePass supporta anche la wallbox che può essere gestita tramite smartphone. Per aggiungerla basta cliccare su "altro" (il tasto in basso a destra nell'app) e seguire la procedura guidata che permette di configurare il punto di ricarica casalingo e aggiungerlo sulla mappa.

L'interazione con l'app è utile per posticipare l'avvio della ricarica domestica così da includere una possibilità aggiuntiva di programmazione.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 449 euro oppure da ePrice a 588 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
R_mzz

Verissimo, la ricarica ai SuperCharger Tesla in Italia (consumati eventuali bonus) costa soltanto €0,33 al kWh, prezzo ragionevolmente più alto dei €0,19 a kWh per la ricarica a casa.

Pip

Hanno sempre prezzi assurdamente alti.
50 centesimi al kWh è un prezzo fuori da qualsiasi logica

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti

Jeep

Jeep Renegade: recensione e prova su strada del restyling 2019

Euro 6D vs TEMP, differenze RDE, WLTP, emissioni NOx e CO2: cosa cambia | Guida

HDBlog.it

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video