Aston Martin Rapide E: ecco la prima 100% elettrica della scuderia britannica

16 Aprile 2019 30

Aston Martin Lagonda fa il passo tanto atteso e, dopo aver mostrato un concept a Ginevra, sceglie il Motor Show di Shanghai per presentare la sua Rapide E, la prima 100% elettrica che giungerà sul mercato in edizione limitata di appena 155 esemplari.

Il 2019 è senza dubbio un anno di svolta per il mondo dell'elettrico, e anche Aston Martin ha scelto di entrare nel settore con un coupé 5 porte di lusso che racchiude tutti i migliori pregi della scuderia britannica. La Rapide E - sviluppata in collaborazione con Williams Advanced Engineering (WAE) - sarà la prima macchina ad essere assemblata nel nuovo stabilimento di Sr. Athan, dedicato interamente alla realizzazione di veicoli elettrici.

Sotto al cofano troviamo una batteria da 65kWh a 800V composta da 5600 celle cilindriche agli ioni di litio in formato 18650 e trova alloggiamento nel vano anteriore, dove è protetta da un involucro in Kevlar e fibra di carbonio. Questa alimenta due motori posteriori in grado di erogare 610 cavalli e una coppia di 950Nm, che permettono alla Rapide E di avere a disposizione un'autonomia di oltre 200 miglia (circa 321 chilometri) nel ciclo WLTP e può sfruttare tre modalità di ricarica rapida.

La prima avviene sfruttando il caricatore standard da 400V 50kW, che permette di guadagnare 185 miglia di ricarica all'ora, mentre la seconda utilizza a pieno l'alto voltaggio della batteria installata e - attraverso il caricatore 800V 100kW - è possibile ricaricare 310 miglia di autonomia all'ora. Non manca anche una terza opzione che include il caricatore da viaggio che consente di portare la batteria da 0 al 100% in circa 3 ore.

La velocità di punta della Rapide E è di 155mph (poco meno di 250 chilometri orari) ed è in grado di accelerare da 0 a 60mph in meno di 4 secondi e da 50 a 70mph in ulteriori 1,5 secondi. Aston Martin assicura che questi dati non si riferiscono ad una ristretta combinazione tra stato di carica del veicolo e condizioni climatiche, ma vengono garantite prestazioni costanti e facilmente ripetibili in tantissimi scenari di utilizzo, proprio come avviene con un mezzo tradizionale. La scuderia ha puntato infatti a lasciare invariato il feeling su strada rispetto ai precedenti modelli a benzina e troviamo anche tre diverse modalità di guida, GT, Sport e Sport+.

Il design della Rapide E mantiene le linee eleganti della serie e le ottimizza ulteriormente, grazie a tanti accorgimenti che permettono di migliorare l'aerodinamica del mezzo, visto che non è più necessario sfruttare i flussi d'aria per potenziare il sistema di raffreddamento del motore. Non mancano ovviamente i richiami agli elementi classici, come il frontale in cui è presente una grande griglia a nido d'ape. Nel fondo troviamo un nuovo sistema di gestione del flusso d'aria che - grazie alla rimozione degli scarichi - permette di incrementare ulteriormente l'aerodinamicità del veicolo attraverso il diffusore posteriore molto più ampio che in passato.

Grande attenzione anche per i cerchi in alluminio forgiato, affiancati dai pneumatici Pirelli P-Zero; insieme contribuiscono a migliorare l'efficienza senza compromettere in alcun modo il processo di raffreddamento dei freni. La somma di tutti questi elementi porta un vantaggio di aerodinamicità dell'8% rispetto ai modelli tradizionali a benzina.

L'ampio display digitale da 10" fornisce tutte le più importanti informazioni in tempo reale, come ad esempio lo stato di ricarica delle batterie, i consumi, i livelli di potenza dei due motori e le performance del sistema di recupero di energia. Lagonda ha fatto anche ampio uso di elementi in fibra di carbonio al fine di contenere il peso del veicolo.

Le innovazioni tecnologiche si estendono anche al di fuori dell'abitacolo, grazie ad una nuova applicazione dedicata che permette di controllare in remoto tutte le principali statistiche della Rapide E, oltre a poter impostare rapidamente il prossimo percorso di navigazione e persino ricevere indicazioni turn by turn per raggiungere a piedi il luogo in cui è parcheggiata. L'app effettua anche il controllo dello stato di salute del mezzo e avvisa il guidatore quando è giunto il momento di effettuare determinati controlli.

Gli ordini per la Aston Martin Lagonda Rapide E sono già aperti e il prezzo viene comunicato in fase di configurazione


30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
derapage

il passo della rapide normale... sembra molto lunga perchè è più bassa delle berline/GT classiche

derapage

non è vero...

derapage

la quasi totalità delle batterie per elettriche e ibride usa celle standard impacchettate in stack più o meno grandi. Il motivo è l'economia di scala..

qandrav

Limitata tipo f40 o limitata tipo Gallardo?

StadiaPlus

Ma non a 155 esemplari.

daniele

A me sembra assurdo, ma avranno i loro motivi

saetta

Non è la sola ma sicuramente hanno fascino

saetta

Tutte le supercar hanno tiratura limitata

Desmond Hume

durante un inseguimento già me lo vedo che rimane con la batteria scarica, prende un carrello della spesa e parte in sottofondo il tema di Jackass

luca bandini

beh è vecchia nonostante la linea sia stupenda.
gli interni sono vecchi e la batteria sottodimensionata per il lignaggio e dimensioni.
spero che aston cresca come vendite visto la gestione italiana. gran auto comunque

deepdark

Anche tesla le usa.

daniele

trovo incredibile che il tutto si basi sulle 18650, sono le stesse pile che uso per la mia torcia. tutte le elettriche si basano su di loro?

qandrav

"edizione limitata di appena 155 esemplari."

perché hanno paura di non venderne o perché hanno investito "troppo poco" nell'elettrico?

Simone

Rileggi il commento per favore

Fabios112

Il prossimo 007 mi sa che non porterà a termine la missione. Batteria scarica!

Commentatore

Per fare uno schifo del genere potevano lasciar perdere.
Se guardo gli interni mi sembra di guardare un film degli anni 80 e le specifiche tecniche si avvicinano di più ad una Hyundai che a una Tesla.

Ma con quello che costerà e vista la produzione limitata, non potevano chiede un powertrain a Rimac? E magari metterci una batteria da 90 kWh?

Boh, sicuramente 150 collezionisti che la comprano ci saranno già, ma per me è una grande delusione.

Biso22

Avessi i soldi una DB11 me la prenderei subito

BLERY

Per me e NO

Desmond Hume

Il volante e la plancia più brutti non li potevano fare?

Quanto ha di passo? 4 metri e mezzo?

Volpe

devo sparare m3rda su tutto e lodare solo il made in italy?

Simone
Volpe

dentro non rispecchiano il prezzo a cui vengono vendute, purtroppo

sagitt

Concordo, anche se dentro

Volpe

io sono sempre stato del parere che Aston Martin produca le auto più belle in commercio

sagitt

Le più belle

Bomba! Bellissima

Aristarco

4 porte che in teoria al pari della model s dovrebbe essere in grado di fare dei viaggi lunghi....

Alessio Ferri

E' vero che 320 km non sono molti, ma è pur sempre una sportiva.

Aristarco

esteticamente è molto bella, ma 320km di autonomia dichiarata sono troppo pochi

HDBlog.it

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video

Ford

Ford Mondeo Hybrid Vignale: wagon ibrida per risparmiare con la gamification | Video

Ford

Ford Focus 2019 ST-Line 1.5 EcoBlue: recensione e prova su strada | Video

Hyundai

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video