Accordo Eni-Ionity per le colonnine di ricarica superveloci nei distrubutori Eni

26 Ottobre 2018 134

Accordo tra Eni e Ionity per il potenziamento delle infrastrutture di ricarica ad alta potenza per i veicoli elettrici in Italia. L'idea è semplice e potenzialmente replicabile: sfruttare le stazioni di servizio Eni per l'installazione delle colonnine di ricarica superveloci Ionity, la joint-venture tra BMW Group, Daimler, Ford e Volkswagen Group (Porsche e Audi) che punta ad installare entro il 2020 400 stazioni di ricarica rapida con un totale di circa 2.400 colonnine in tutta Europa.

Eni, forte di una rete di 4.400 stazioni di servizio (di cui 1.000 che erogano GPL e metano), in qualità di partner strategico del consorzio metterà a disposizione lo spazio di alcuni distributori per consentire a Ionity di costruire 30 nuove stazioni di ricarica a partire dal 2019.


Ognuna di queste stazioni avrà sei colonnine di ricarica con una potenza fino a 350 kW (il massimo oggi disponibile tra i sistemi di ricarica con corrente continua e standard CCS Combo): attualmente non ci sono ancora auto elettriche in grado di supportare pienamente tale potenza (arriveranno a breve Porsche Taycan e le future Audi, tra cui la e-tron GT), ma in linea teorica è possibile "fare il pieno di elettroni" in meno di 20 minuti (si tratta di una potenza 100 volte superiore a quella delle utenze domestiche standard).

Ionity ha scelto Eni come partner strategico ed esclusivo in Italia per il canale delle stazioni di servizio stradali, ma l'impegno del consorzio riguarda anche la creazione di stazioni espressamente dedicate alla sola ricarica dei veicoli elettrici, e in questo caso il partner scelto è Enel X. A questo proposito, la prima stazione delle 20 previste sarà completata entro il 2018.


134

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
LaVeraVerità

Anzitutto non tutti hanno questa possibilità e inoltre la relazione tra ridotta autonomia e necessità di maggiore capillarità nella distribuzione degli impianti resta valida. Che la ricarica sia giornaliera o meno è irrilevante in merito a questa osservazione.

Cristiano Gardoni

perchè da mesi guido una elettrica, e siccome ricaricare a casa costa meno, utilizzo le colonnine solo in caso di necessità

LaVeraVerità

Non ho capito da dove hai tratto questa conclusione.

Cristiano Gardoni

Parti da un presupposto sbagliato, che la gente utilizzi tali colonne per la ricarica giornaliera...

Tony Musone

- Da una ricerca del Politecnico di Milano, con 1 milione di auto elettriche si prevede un surplus di energia dello 0,3% , moltiplicato per l'intero parco circolante siamo sull'11,4% in più e considerato che abbiamo una capacità produttiva doppia a quello che consumiamo oggi, direi che il problema produzione non sussiste. Anche perchè è impensabile che in breve tempo tutto il parco circolante si trasformi in elettrico, su scala mondiale si parla del 10% nei prossimi dieci anni e purtroppo dubito che l'Italia sia capace di far di meglio.

Casomai, il problema è il picco ma non ha senso paragonare le auto elettriche con gli impianti di raffreddamento, perchè questi ultimi non hanno le batterie, le quali in un sistema di smart grid possono contribuire alla sua gestione. Non è che Terna e tutte le altre società in giro per il mondo non ci abbiano pensato prima del tuo commento e di tutti quelli simili al tuo che pullulano qui e altrove ;)

- Le accise sui prodotti petroliferi alla pompa, incidono per il 64% sul prezzo finale, circa 1 euro al litro e la materia prima è destinata a costare sempre di più (se non altro perchè si trova a profondità sempre maggiore e serve sempre più energia per estrarlo). La sola materia energia in Italia costa 0,10 euro ed è destinata a scendere se si aumentasse la produzione tramite rinnovabili. Quindi, anche volendo trasferire quelle accise sull'energia elettrica, staremmo parlando di 1,10 euro/kWh e anche sommando gli attuali costi di distribuzione siamo a 1,20 euro/kWh contro 1,55 euro/litro, a cui aggiungere i costi sanitari dovuti all'inquinamento (che checché se ne dica, in città, qualsiasi ricerca indica nel trasporto il principale responsabile). Tra l'altro i motori endotermici sono efficienti la metà di un motore elettrico e una centrale elettrica lo è più di milioni di piccole ciminiere ambulanti.

- Importiamo energia nucleare, non solo dalla Francia, e lo facciamo di notte, quando i ciugini la svendono e per noi costerebbe di più produrla. La quota dell'importazione era pari al 9,8% nel 2016 e l'11,8% nel 2017 (Fonte: Terna)

- I Paesi in cui più si vendono motori elettrici sono la Cina e gli Usa che hanno un'estensione maggiore della nostra ma concordo che i maggiori benefici si riscontrerebbero in città. In cui però bisogna pensare soprattutto ad altre modalità di trasporto, perchè non ha senso che delle tonnellate continuino a scarrozzare solo pochi chili.

- Le auto a gas condividono gli stessi problemi con quelli a scoppio, compreso il fatto che il combustibile una volta bruciato non può essere riciclato come le batterie, le quali una volta inadatte all'autotrazione possono essere riconvertite allo stoccaggio di energia, il tallone di achille delle rinnovabili

In città, obbligare a respirare fumi tossici a persone che un'auto non se la possono permettere, a bambini, pedoni e ciclisti, uccidendo circa 90 mila persone l'anno e facendo spendere ogni anno circa il 4% di PIL in spese sanitarie, è assurdo quanto un tempo era obbligare a respirare fumo passivo a chi fumatore non era.

Giulk since 71'

E comunque non sono contrario all'elettrico a prescindere, anzi spero che la tecnologia evolva in meglio, mal che vada quando sarà tirerò giù un cavo dalla finestra di casa al secondo piano xD

Tony Musone

Ho capito che non era rivolta a me ma sempre una domanda ovvia e retorica rimane. Non tutto è adatto a tutti, soprattutto nuove tecnologie, di qualsiasi ambito si tratti, anche il metano/gpl ancora oggi non è per tutti. Comunque, se a te dà piacere, chi sono io per impedirtelo? Contento te contenti tutti ;)

daniele

Si insomma na bella potenza 0.35 Megawatt. Si beh visto le auto di adesso stai sereno. Voglio vedere da dove la calano tutta sta energia, e come la producono questa energia e quanto costerá e che accise metterà lo stato, l'energia la compriamo dalla francia che la produce con il nucleare. Spetta che si attacchino in migliaia di auto, poi ne riparliamo se su 7 sono attaccate 7 visto il tempo 20 min, hai 400 di questi punti beh fanno giá 980 Megawatt di picco! Poca cosa in estate poi con condizionatori accesi nelle case... 400 punti per 20 regioni.
L'auto elettrica puó andar bene per percorsi urbani lavoro ecc 200/250 km max Ma per viaggi, lunghi non é ancora pronta ne per lavoro.
Io inizierei dalle flotte aziendali, da domani zero auto diesel in vendita per le flotte aziendali. Voglio vedere BMW e Mercedes, cosa vendono, benzina? o vediamo se tornano a far auto a metano o gas.

italba

Mentre invece i distributori di benzina crescono gratis sugli alberi, vero? Devo spiegartelo anche a te che queste cariche ultrarapide serviranno solo per i lunghi viaggi quindi in luoghi dove installare una cabina MT non dà nessun problema, e che nessuno ti metterà mai una cabina sotto la finestra? Ci vuole proprio tanto a capire che questi caricatori in corrente continua sono tutti dotati di batterie, e quindi non devono necessariamente prendere dalla rete la potenza di picco, ma solo quella media distribuita durante il giorno?

italba

Ma perché ognuno qui si sente in diritto di sparare razzate su cose di cui non sa niente? La batteria del tuo telefono, bello mio, ti AVVERTE se è difettosa, e interrompe subito il caricamento. Figurati quanti altri controlli ci sono nelle batterie per auto!

Lucio F.

Compratevi una macchina a metano e andate a fare il pieno ogni 350km (quando va bene) e capirete cosa vuol dire aspettare 10 minuti al distributore.

No Maria, io esco!

Mah, io non avrei problemi a tenere la macchina in carica in garage tutta notte, delle colonnine non me ne farei di nulla...

Davide

segnatevelo: un giorno arriverà quello con le batterie danneggiate e vorrà ricaricarle a 350kW dal benzinaio. Inserirà la presa e sbabuuuuuuum. Mi auguro siano dalla parte opposta dei distributori come minimo.

italba

Che noia, il solito discorso di prendere un caso limite e presentarlo come se fosse la normalità per tutti. Le auto in Italia fanno mediamente TRENTA Km sl giotno, non 200, e non bisogna demolire le città e ricostruirle per mettere le paline a bordo marciapiede

Matt Ds

molto più probabile te venga guardato con ammirazione ed invidia, i personaggi di cui parli in quei film sono sempre quelli più fighi; come sfoggiare un automatico da 40k dollari invece di uno smartwatch, non credo si faccia brutta figura

Cerbero

beh in teoria ci sono dei sistemi di sicurezza e la criticita' e' solo all'atto del caricamento. Con il gas ti porti dietro la bombola.....

diegoc

dove sono ora i sostenitori del diesel? commentate un po' questo post...

Giulk since 71'

La domanda non era riproposta a te ma all'utente a cui avevo risposto, visto che ho quotato il suo commento con il quale non mi pare avevo affrontato mai il discorso, quindi quale sarebbe il problema scusa?

Tony Musone

Se riproponi sempre la stessa domanda, malgrado ti si sia risposto in più occasioni, diventa oggettivamente provocatorio, a prescindere di quanto mi tocchi, infatti ho premesso che la mia era solo una curiosità e ho concluso con una semplice constatazione. Tutto qui.

Giulk since 71'

Se ti senti provocato non è colpa mia, evidentemente per te è un argomento sensibile

Tony Musone

Esattamente come verresti guardato "male" oggi se ti accendessi una sigaretta in un ospedale, su un aereo, al cinema, etc. Una cosa ritenuta assolutamente "normale" fino a 15/30 anni fa

Tony Musone

Quindi è semplice e sterile provocazione. Perchè è ovvio che alla pari di ogni nuova "tecnologia, non possa andare bene per tutti"

Tony Musone

Le accise su sui prodotti petroliferi incidono tra il 61 e il 64% del prezzo alla pompa. Quindi circa 1 euro, a cui aggiungere il costo della benzina/gasolio pari a circa 0,57/0,56 euro (prezzo che non si presuppone possa scendere in futuro, anzi).

Il costo della sola materia energia è di circa 0,10 euro (ma si prevede che con l'ingresso preponderante delle rinnovabili possa anche scendere) perciò anche aggiungendo quell'euro ad ogni kWh saremmo ad un totale di 1,10 più i costi accessori in bolletta, saliamo ad 1,20 euro, contro 1,56.

A questo si deve considerare l'efficienza del motore elettrico, almeno doppia di un motore endotermico e il risparmio in termini ambientali e sanitari.

Tony Musone

Lo Stato tassa il tabacco e l'alcol, sono le multinazionali che te li vendono.

Cristiano Gardoni

anche quì ti sbagli, la causa principale è lo smog con 91k morti l'anno, il tabacco ne fa poco più di 80k

Cristiano Gardoni

è evidente che non hai idea di quello che dici... ho pagato poco meno di 15 k a cui togliere gli incentivi ( quindi la metà ) per avere 4 kwp di pannelli e 10 Kwh di accumulo... Inverter e pannelli sono garantiti 20 anni e comunque il pannello non muore dopo 20 anni, produce mediamente un 10 % in meno... vero pago solo il fisso, che viene compensato cmq dallo scambio sul posto, fino a quando sarà pagato... sta di fatto che ad oggi non pago più l'energia...

Giulk since 71'

Faccio sempre la stessa domanda per ricordare che l'elettrico attualmente ha enormi ( e sottolineo enormi ) limiti che portano la tecnologia attualmente a non andare bene per tutti

italba

L'ultima che hai detto, centinaia di colonnine. Non ci vuole poi tanto a metterle, magari sfruttando l'impianto di illuminazione stradale preesistente

Kent_Carl

paghi comunque costi fissi e trasporto energia e potenza installata e cosa ti produci? hai speso 30.000€ per installare un impianto fotovoltaico e se ti hanno dato incentivi li hai presi dall'aumento delle tasse sull'energia (non hanno regalato niente ma hanno tolto a tutti i cittadini), se non hai preso gli incentivi, con quei 30.000€ ci pagavi le bollette fino alla fine dei tuoi giorni, fra 10 anni devi ricomprare inverter e fra 20 a i pannelli fotovoltaici avranno perso una buona % di produzione e se devi smaltirli li ripagheremo noi con le tasse.

The_Th

350kw invece sono nulla...da dare al primo che passa

italba

Basta attrezzarsi, ed anche con poca spesa. In molte città una buona parte dei parcheggi è riservata ai residenti, non ci vuole un granché per installare le paline di ricarica, sarebbero a bassa potenza. Si sta pensando di fotare di prese i lampioni, per velocizzare ancira di più l'installazione

The_Th

lo ho scritto poco sopra, fino a quando il parco circolante è lo 0,1% questa cosa è sostenibile...

Kent_Carl

ma dai..dici veramente? se la causa principale di malattie respiratorie è il consumo di tabacco ed è lo stato che te lo vende insieme agli alcolici, ci saranno gli incentivi fino a che qualcuno (che non è il governo italiano) dirà basta perchè quel qualcuno guadagnerà più con i consumi che con gli appalti. Ma davvero pensavi che lo Stato pensasse alla tua salute mettendo in secondo piano gli interessi economici?

Cristiano Gardoni

di se e di ma son pien le fosse... intanto da un anno giro gratis, non pago il bollo, 0 manutenzione, non pago gli stalli blu e anche in giro ricarico gratis (esselunga, iper, etc.), niente ztl e niente blocco del traffico... poi vedremo...

The_Th

la corrente te la produci, ma se ti tasso un tot al km...
comunque lo stato non rinuncerà MAI a tutti i soldi che fa con le auto oggi, tra bollo, accise, parcheggi eccecc

Kent_Carl

e come lo usi in modo diverso? la notte se vivi in un centro storico non puoi ricaricare, se vivi in condominio non puoi ricaricare, se vivi in città e la tua macchina la lasci parcheggiata fuori non puoi ricaricare, praticamente il 70% delle persone che conosco, a conti fatti ricarica a casa solo chi ha un garage e se sei fortunato ad averlo ti devi anche ricordare di rientrare a casa presto perchè se la mattina alle 6 devi andare da qualche parte oltre i 200km di distanza e ti ci vogliono 8 ore per ricaricare.... alle 10 devi essere a casa....se a te sembra normale ed accettabile...

Cristiano Gardoni

Lo stato incassa molto più di accise dall'elettricità che dai carburanti... inoltre, io a casa la corrente me la produco, li non mi tassano nulla, altrimenti vado offgrid

Kent_Carl

guarda, non condividendo il modo di relazionarsi di Paolo Giulio ne avvallo il pensiero, per una cabina in media tensione da 100kW ci vogliono circa 100.000€ solo per la cabina ed i collegamenti in loco senza contare la progettazione e la componentistica per l'utenza.
installare 4 colonnine colonnine da 350kW in un distributore (che deve tenere conto della possibilità di avere 4 ricariche in contemporanea) significa "fisicamente" creare una rete come quella di una zona industriale o se vuoi di una grande zona residenziale, niente che non si possa fare e niente che non faccia schifo con nuove cabine in MT raffreddate, rumorose, con nuovi tralicci dove non sia possibile interrare tali potenze, il tutto naturalmente pagato con le nostre tasse sotto forma di incentivi, con il prezzo del Diesel "privato a due euro nell'arco di un anno e quello della benzina a 2.50€ nei prossimi 4 anni.

Kent_Carl

una tragedia, già mi vedo fra 10 anni come quelli nei film distopici dove sono uno dei pochi rimasti con un auto 3000cc a benzina e vengo guardato male da tutti.

The_Th

peccato che non tutti abbiano un box, e molti non hanno nemmeno un parcheggio privato e lasciano la macchina in strada...
per questi come si fa? lanci la prolunga dal sesto piano?
senza considerare chi sta fuori per lavoro di notte, non sempre gli alberghi hanno un garage privato dove caricare la macchina...
in alternativa devi mettere centinaia di colonnine in ogni strada, per permettere a tutti di caricare la macchina di notte...

Gianlu27

Ma basta con questa storia di mettere l'auto in ricarica la notte. Non tutti hanno le infrastrutture per farlo, soprattutto per chi sta in un condominio.

Paolo Giulio

EHM...

LINK, Riga UNO

Cito: "In 80 stazioni di rifornimento di carburante in Germania saranno installate le colonnine di ricarica rapida Ionity, questo è il progetto che si sta concretizzando in nord Europa, dove il mercato dell’auto elettrica è decisamente più ricettivo che da noi."

"Saranno installate" è FUTURO...

A me ne risultavano una ventina e PER ADESSO con potenze massime comprese tra i 50 e 100 kW (che sono cmq bei "numeri") ... ma poco importa; che l'elettrico sia il FUTURO non ci piove... che in italia -a livello di infrastrutture- saremo al passo con il resto del mondo ho i miei seri dubbi...

Senza contare che la presunta MASSA CRITICA di potenziali utilizzatori è -STUDI SCIENTIFICI ALLA MANO- attualmente insostenibile per il sistema elettrico italico... ma questo è un altro discorso ancora...

The_Th

considera che però i treni hanno strutture fisse, e le persone che fanno manutenzione di spera siano qualificate...

qui stiamo parlando di dare 350kw in mano ad una persona qualsiasi, ci vogliono delle misure di sicurezza non indifferenti...

The_Th

1. non tutti hanno il box a casa
2. già fatichi a caricare 1 auto, per chi ha due o più auto a casa cosa fa? viaggia un giorno una persona ed il giorno dopo l'altra?
3. lunghi viaggi, con auto che hanno 300km di autonomia...sono più viaggi medi, 300km si fanno in meno di 3 ore, quindi ogni 3 ore tocca oggi almeno 1ora 1ora e 30 di sosta...

The_Th

dai ma veramente credi che lo stato rinunci a tutti i soldi che fa ora con i derivati del petrolio?
Lo stato ti incentiva l'elettrico fino a quando sono lo 0,1% del parco auto, poi troverà il modo di tassarti per bene pure quelle...come? se non vogliono aumentarti la corrente a casa per tutto faranno un contatore dedicato per la ricarica con prezzi maggiorati, faranno una tassa sui km percorsi (versi 5cent allo stato ogni km)...
Se c'è bisogno di fare cassa un modo lo si trova..

Cristiano Gardoni

Ma guarda che si parla solo di stazioni ad alto voltaggio, poi ci saranno le 4000 e passa di enel x a 22/43/50dc che già funzionano egregiamente... chi ha un garage carica a casa, poi se ti devi spostare usi l'infrastruttura... Tesla docet

Cristiano Gardoni

no gli incentivi resteranno e sai perchè? perchè la spesa sanitaria non è più sostenibile con 100k morti all'anno per patologie respiratorie... quello che dici si avvererà forse tra 30 anni, quando saremo già sepolti... quindi

Mauro79sisonoio

E’ sicuramente una buona notizia e le stazioni ionity in europa probabilmente avranno una distribuzione più capillare delle stazioni tesla semplicemente perchè ci saranno più full elettric premium tedesche rispetto alle tesla. Poi se diventi povero puoi sempre prendere una ford

Mauro79sisonoio

Sarebbe anche giusto per uno stato dare incentivi affinchè ci sia una massa critica di domanda al fine di incentivare la creazione sostenibile di una infrastruttura. Poi che in Italia ci siano altre priorità è sicuramente vero.

Tony Musone

Toglimi una curiosità: fai sempre la stessa domanda per semplice provocazione o ti aspetti che qualcuno ti dia una risposta diversa?

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada