Volkswagen T-Roc: recensione e prova su strada | HDtest

19 Giugno 2018 265

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Abbiamo messo alla prova il primo crossover compatto di Volkswagen, nella versione spinta dal 1.0 TSI a benzina da 115 cv con cambio manuale a 6 marce. Offre un buon spazio a bordo, che vuol dire più comfort e praticità, un ricco equipaggiamento e anche un prezzo interessante: il listino parte infatti da 21. 900 euro. Qualcuno tradirà la Golf….

La Casa tedesca punta molto sul T-Roc. E’ vero che è uno degli ultimi SUV compatti arrivati sul mercato ma questo ritardo ha consentito a Volkswagen di prendersi più tempo per mettere a punto un’auto davvero ben fatta, che va assolutamente provata.
Ha nel mirino la Fiat 500x e le tante altre concorrenti di un segmento sempre più importante e agguerrito, quello delle sport utility compatte sotto i 4,25 metri, che oggi vengono chiamate B-Suv.

Look giovane e “stiloso”

Rispetto alle altre Volkswagen, ha linea e forme decisamente più giovani, più dinamiche, con molti dettagli che la rendono diversa da tutte le altre e meno rigorosa, meno formale di altre “sorelle” come la più grande Tiguan. L’identità del marchio non le manca, però è un po’ più fresca, più originale e si concede anche la verniciatura bicolore: quella dell’esemplare della prova, per esempio, in Blu Ravenna e Nero metallizzato, la rende anche più interessante. Se non vi piace, potete comunque scegliere tra ben oltre 20 combinazioni possibili. Ciò che vi sconsigliamo è di sceglierla in tinta unita e magari con colori scuri o troppo seri: perderebbe molto della sua natura, del suo temperamento.

Come già scritto, d’ora in poi, alcuni la preferiranno alla Golf: la piattaforma MQB e la tecnologia utilizzata sono le stesse, e già non è poco, e anche i prezzi tra le due non sono così distanti a parità di motore. Però vanta una carrozzeria più alla moda della sorella più famosa e offre più spazio a bordo.

Tanto spazio dentro e voti alti per ergonomia e vita a bordo

Il T-Roc è ovviamente più alto e con un passo di quasi 2 metri e 60: è molto comodo per quattro adulti, mentre il quinto passeggero invece sarebbe un po’ sacrificato.Anche il bagagliaio, dalla forma regolare, vanta buone dimensioni e una capacità soddisfacente e, inoltre, si possono caricare anche oggetti molto lunghi. Due i difetti: una soglia di carico un po’ alta che non vi aiuta a caricare i bagagli e il portellone che, se potete, è meglio scegliere con apertura e chiusura elettrica; se la deve usare una signora è un po’ pesante.

Quindi lo spazio nell’abitacolo è tra i suoi punti forti, e come si presenta? Anche dentro è vivace, con le modanature che richiamano il colore esterno e i sedili con i profili colorati. Il posto guida è buono, ben disegnato, non siete seduti troppo in alto e ci state comodi qualsiasi sia la vostra taglia. I sedili, ben sagomati, si regolano in modo preciso e offrono un buon confort. Apprezzerete anche il volante multifunzione.

La visibilità non è tra i suoi pregi e non è semplice percepirne gli ingombri: è infatti difficile capire dove finisce il frontale, mentre si vede abbastanza bene ai lati, e dietro ci vogliono almeno i sensori di parcheggio, altrimenti ad ogni manovra diventa dura.
Lo spazio è anche ben sfruttato: i vani portaoggetti non mancano, però alcuni non sono rivestiti. Davanti ci sono due prese USB e, come optional, si può avere la carica induttiva per il vostro smartphone. Dietro c’è anche una presa 12V.

I comandi sono in perfetto stile Volkswagen: tutto è al posto giusto e con una buona ergonomia. Al centro e in alto c’è il display touch da 8” del sistema multimediale, con radio lettore CD e MP3, lettore SD card, connessione Bluetooth e, per accontentare tutti, Apple CarPlay e Android Auto.

Tra gli optional, potete sostituire i classici strumenti di forma circolare, con una strumentazione digitale con display a colori ad alta risoluzione da 11,7". Lo chiamano Active Info Display ed è di sicuro effetto, è personalizzabile, ma è anche molto utile, perché avrete sempre tutto sotto controllo senza distrarvi troppo: i dati di marcia, quelli relativi ai sistemi di assistenza alla guida o la mappa del navigatore. Quest'ultimo sul nostro esemplare non c’era ma bastava collegare lo smartphone e Google Maps arrivava in aiuto.

Dove perde il confronto con la Golf? Nei materiali usati: gli assemblaggi sono di buon livello, i materiali plastici usati per la plancia sono robusti e belli da vedere, ma non così piacevoli al tatto come nella tradizione, sono un po’ più duri, e sono ancora più rigide quelle che non si vedono.

Facile e sicura al volante

Appena vi metterete al volante saprà farsi perdonare: anche la nostra, spinta dall’ottimo 1.0 TSI a benzina, 3 cilindri, 115 cv, abbinato a un cambio manuale a 6 marce. Questo propulsore è silenzioso, non vibra, non è ruvido e sembra di cilindrata molto più importante: i 115 cavalli e i 200 Nm di coppia all’occorrenza si fanno sentire. E’ ben abbinato all’ottima trasmissione manuale, dagli innesti precisi, e va da 0 a 100 all’ora in poco più di 10 secondi; dove fatica un po’ è in ripresa e bisogna ricorrere più spesso al cambio.

Alla voce consumi di media abbiamo fatto anche quasi 15 km al litro, tra città, strade extraurbane e autostrada, e viaggiando a volte un po’ allegri. Questo è il motore giusto per chi non fa troppa strada, non più di 15 mila all’anno. E’ a trazione anteriore ed è leggera, poco più di 1250 kg, e dal punto di vista del comportamento dinamico si rivela molto equilibrata, rassicurante quando andate a passeggio, ma allo stesso tempo capace di mostrarsi agile se a volte volete andare un po’ più svelti.


T-Roc è facile da guidare, tiene bene la strada, è sicuro, è stabile e reagisce bene anche nelle situazioni più critiche: l’ormai nota piattaforma MQB, condivisa proprio con la Golf, l’Audi Q2 e altre “cugine” è una garanzia. Anche l’impianto frenante è potente ed efficace in ogni occasione. Si farà apprezzare anche nel traffico urbano, perché è molto maneggevole, lo sterzo è leggero e il piccolo tre cilindri ha sempre la coppia che serve. Inoltre la sua voce non è mai invadente, grazie anche all’abitacolo ben insonorizzato.

È rigida ma non troppo, assorbe bene le irregolarità, ma se la volete ancora più comoda tra gli optional ci sono anche le sospensioni a controllo elettronico che consentono di avere un assetto confortevole in città o più sportivo tra le strade piene di curve, ma un po’ meno rigido, soprattutto se monta i cerchi da 18 pollici.

T-Roc è soprattutto molto sicuro: vanta di serie sistemi di assistenza come Lane Assist, Front Assist e Adaptive Cruise Control. Quest’ultimo è a pagamento su molte concorrenti: il controllo della velocità adattivo è importante perché mantiene la distanza di sicurezza dal veicolo che vi precede e si rivelerà molto utile nei lunghi viaggi.
Tra gli optional ci sono tanti altri sistemi come quello di riconoscimento della segnaletica, l’assistente di uscita dal parcheggio o quello che controlla l’angolo cieco

Motori, allestimenti e prezzi

Il crossover tedesco vanta una buona offerta di motori, tutti turbo: da questo 1.0 a 3 cilindri da 115 CV al 1.5 TSI da 150, con disattivazione attiva dei cilindri, che regala decisamente più brio.
Per chi macina più chilometri c’è il famoso TDI 2.0 da 150 CV 4MOTION, sia con il manuale che l’automatico a doppia frizione DSG con 7 rapporti. Più avanti dovrebbero arrivare anche il 1.6 TDI da 115 CV e il 2.0 TDI da 190. Quindi la potete avere più potente e, volendo, anche con la trazione integrale.
Le sue buone doti dinamiche vengono meglio evidenziate nelle versioni più potenti come, per esempio, quella con il 2.0 TDI da 150 cavalli 4Motion e cambio DSG.

E’ un modello molto recente ma l’affidabilità non dovrebbe mai mancare, perché vanta motori e tecnologia ampiamente collaudati e condivisi con il resto delle sorelle e cugine nel Gruppo.

Per ora è offerta in due allestimenti: Style e Advanced però se scegliete quella con questo mille a benzina potete averla solo nell’allestimento base.
Con la Style vuol dire comunque avere già di serie i cerchi in lega da 17”, i sistemi ADAS come la frenata automatica con riconoscimento dei pedoni e il mantenimento di corsia, il cruise control adattivo, i sensori di parcheggio, il volante multifunzione, la radio con schermo da 8”. La Advanced é ancora più ricca: cerchi da 18”, fari full led, clima bizona e strumentazione digitale Active Info Display.

I prezzi partono dai 22.850 euro, anzi ora c’è una promozione che consente di averla già da 21.900, e si arriva ai 34.400 per la 2.0 TDI da 150 cv con cambio DSG e trazione integrale. Per aiutarvi a sciogliere l’eventuale dubbio, mediamente la differenza con la Golf, a parità di motore, è di 2.000 euro tra un allestimento e l’altro e per averla con il cambio DSG ce ne vogliono altri duemila.

In città è agile come un’utilitaria, comodo come una tranquilla berlina nei lunghi viaggi e con un po’ di brio tra le curve se si vuole; insomma T-Roc è più vetture in una. Ha personalità grazie al suo stile più giovane, ha una buona dotazione e offre molta tecnologia. E poi potete personalizzarlo come volete, per sentirvelo più su misura, tra colori, optional, accessori e cerchi anche colorati.

La Golf di sicuro continuerà ad essere la bestseller per eccellenza del brand ma T-Roc può essere considerata una vera alternativa alla hatchback più amata e più venduta di sempre: probabilmente nei prossimi anni i clienti più fedeli della Casa si divideranno tra queste due proposte. E, ora che l’abbiamo provata per bene, in ogni condizione, siamo convinti che anche altri sceglieranno la nuova arrivata.


265

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alexx

Guarda che ero serio e non lo dicevo con supponenza, francamente io in giro non ne ho proprio viste!
Sarà il posto dove abito che non è ben rappresentativo :)

Desmond Hume

È che i tuoi occhi rifiutano di vederla.

Zetec
michi17

ah si? allora controlla i consumi della golf a benzina....

rugg85

la golf e tdi, questa è benzina... ovvio che i consumi sono diversi

michi17

15 km/l.... Con la golf 1.6 tdi fai 23 km/l easy

Onestamente il positivo di questa macchina è che ha reso comprare una golf molto più conveniente

Aster

La concessionaria che ho fatto il test drive e ordinato una auto nuova dello stesso gruppo vw,ma anche online si parla di agosto

Smash

reference... link?

Smash

Corretto TGI è metano :D

Simone Dalmonte

METANO e' TGI. Se ti riferisci al gpl, VW l'ha cassato dal listino

Yellowt

Se anche in VAG cominciano con le plastiche dure e di qualità media, allora non rimane veramente più nulla per tenerle in considerazione. Prezzo altissimo, motori ben lontani dall'essere affidabili e,ora, plastiche dure

riccardopse

da me se ne vedono tanti.. ed abito in provincia.. di q2 non ne vedi perche a quel prezzo.. si compra di mooolto meglio... considera anche che per il t.roc si aspettano almeno 3 mesi per la consegna... se va bene..

met

Ahah pure io odio gli scricchiolii, e guidando una DS (quindi francese...) ci ho dovuto fare l'abitudine

Ajeje Brazorf

L'aspetto della plancia ad una prima occhiata non è male, il problema è toccarla o ancora peggio il rumore che fa quando ci passi le unghie, tipico delle plastiche rigide. Ma quello che mi spaventa di più sono i rumori che verranno fuori con i km. Già nella bmw e92 che ho adesso, completamente rivestita in pelle e plastiche morbide (compresa zona bassa), superati i 100k km ho iniziato a sentire qualche rumore, figuriamoci in questa... Ma scommetto che diranno che i clienti che comprano quest'auto oltre a non far caso alle plastiche sono pure sordi.

met

Si si ho capito di che plastica si parla, solo pensavo fosse inteso che non tutte sono morbide. Invece in questo caso al contrario sono tutte rigide a quanto pare!
Dovrei vederla dal vivo per capire

Aster

Si rimane sempre valido come consiglio soprattutto durante il rodaggio

Aster

Si,addirittura hynday 120cv

Boh, io proprio non riesco a trovare nulla di positivo nel design di questo tipo di auto... personalmente le trovo orripilanti!

Stefano79

1000 115cv?

Ajeje Brazorf

Hai presente la plastica rigida che hanno tantissime auto nella parte inferiore delle portiere? Ecco, questa ha quella plastica ovunque, compresa plancia superiore e inferiore.

met

Dalle foto non capisco, ma è tutta interamente in plastica? In quel caso effettivamente non sarebbe molto buono

Giulk since 71'

Purtroppo no

ciabo18

Si sa se usciranno motori ibridi a gas o elettrici?

Fabrizio

Il consiglio è sempre di lasciar girare il motore al minimo per 2/3 minuti dopo una tirata prima di spegnere, in modo da farla raffreddare.

Sagitt

Castell’arquato

Aster

Ho tirato a indovinare visto che piu o meno è lo stesso motore dappertutto nel grupp wv,più che altro mi preoccupa di più l’usura della turbina specialmente dopo qualche tirata e spegnimento quando si ferma non so se giraa secco o lubrificata.

Fabrizio

200nm di coppia massima. Con tutta la geometria variabile che vuoi metterci la turbina ci vuole un po' a farla girare, potrebbero perlomeno provare a sperimentare le turbine elettriche per i bassi regimi

paolo

Da trigolfista negli anni (4°, 5°e 7°), non poteva, la T-Roc, che farmi innamorare. Sarà finalmente la svolta da tdi a tsi? Con il diesel alla gogna è facile. Mah, vedrò. Complimenti intanto alla recensione: molto professionale, precisa e piacevole da guardare.. voto 10.

cosimo benini

Tutti i motori 1.0l 3L sono ea211 tanto gli aspirati da 60 e 75 CV montati su up! e polo,v quanto i turbo da 90/115 CV incluso il tgi metano/benzina.

JoeMacMillan

Sai se il 1.0 95 CV della nuova Ibiza (maggio 2017) è quello aggiornato oppure la prima versione?

luca bandini

a maggio ne hanno vendute circa 2800, mica poche

Michele Barbiero

Della recensione mi interessa poco... Nicola, grazie per la compagnia a Le Mans! Telecronaca più bella davvero impossibile!

Saladino

Personalmente va bene. Era solo per dire che in ogni caso è un motore usabilissimo ovunque

Saladino

Era solo per dire che è prestante e neanche troppo restrittivo. Se devi fare dei sorpassi i 150 li fai senza andare in multa

Mattia Cristofaro

Quanto odio sti interni bicolore da bimbiminkia. Quelli delle Volvo sono eleganti, ma questi... Mah

fire_RS

Invece no, queato succedeva con il vecchio modello a partire dalla comfortline

Gabriele

In autostrada a 150 km /h sei già in multa

Gabriele

500x costa meno e ha plastiche degne di nota positiva

Gabriele

Molto più concreta la 500x costa in media 5 mila euro in meno e la qualità è al top

Gabriele

5 anni

Gabriele

Rimane il fatto che 500x tra un paio di mesi verrà aggiornata,e cksta lure meno e come qualità non è messa male anzi la t roc ha tutte plastiche rigide...

Aster

200nm e in su bastano e avanzano,anche una vecchia honda jazz 1.2 con marce basse ci riesce;)micca vivono tutti nelle alpi;)

Antonio Massari

sono andato a vedere la kona ( che non sapevo neanche esistesse ) l ho trovata sensa un minimo di gusto estetico un accozzaglia di idee messe assieme. per carità sono gusti... ma onestamente non la trovo neanche minimamente paragonabile al t-roc

Fabrizio

Lo voglio vedere in montagna però, la coppia ai bassi giri rimane pressochè nulla.
Il caro vecchio Diesel...

Fabrizio

Spettacolare la nuova v60

Matt Ds

molto di piu', e poi ci sono le batterie ad aumentare il peso: senza ibrido un auto sara' sempre piu' prestazionale, guidabile e veloce.

Bothero Mike

Esatto ....comunque per raffronto una audi q2-1.6 di 105 cv con allestimenti simile alla 500x open ed veniva 10000 euro in.più .
Solo per raffronto sicuramente t toc con allestimenti simile costa 5000'euro più di Fiat .

Aster

Infatti questo va bene.Poi per qualche euro in più si sono honda e mazda 4 cilindri

Bothero Mike

E proprio vero ognuno tira acqua al suo mulino ,insomma se metteva le placche morbide ,avrebbero detto che loro erano il top e garantivano un.comfort esclusivo ,adesso che vogliono guadagnare di più proponendo allestimenti più economici ,dicono che gli utenti non gli importano le plastiche morbide....per quanto riguarda gli schermo direi che risparmiano molto e guadagnano molto infatti uno schermo da 12-pollici oramai lo si trova a poche centinaia di euro per cui loro lo pagano poche decine e lo vendono a 1000 o più euro .

Rik Riker

Non volevo passare dal mille al tremila ma anche una via di mezzo per una macchina nata per la famiglia va bene

Volkswagen

Volkswagen e-Up: un tranquillo weekend di live batteria

Audi

Audi A4 Allroad: recensione e prova su strada | HDtest

Michelin Track Connect: lo smartphone consiglia la pressione pneumatici in pista

HDBlog.it

Boosted Board Stealth: un missile a 4 ruote da 38 km/h | Recensione