Tesla, arriva il 500° Supercharger in Europa. Il primo V3 a 250 kW

20 Dicembre 2019 26

All'inizio dell'anno vi abbiamo proposto un approfondimento sul perché Tesla sia la regina dell'elettrico, e molte delle motivazioni riguardano proprio la sua rete di ricarica, più capillare, rapida e semplice da usare di tutte quelle concorrenti. Oggi, a quasi un anno di distanza, ci sono ulteriori buone notizie: Tesla raggiunge il traguardo delle 500 stazioni Supercharger in Europa, con l'inaugurazione della postazione presso il centro di assistenza di Park Royal, nella parte ovest di Londra. Si tratta del primo Supercharger V3 che viene attivato al di fuori del Nord America, e arriva proprio prima della fine dell'anno come promesso in passato.

Le stazioni di terza generazione sono un enorme passo avanti rispetto all'attuale, perché il limite massimo di potenza passa da 150 kW (inizialmente erano 120, poi sono stati aumentati) a 250, garantendo così tempi di ricarica quasi dimezzati. Non esiste nemmeno più la condivisione dell'energia tra due colonnine vicine, quindi tutte le auto hanno accesso ai 250 kW completi.

La postazione di Park Royal include otto colonnine V3 e altre otto V2, portando il totale europeo sopra quota 4.700. La rete di ricarica proprietaria Tesla ha mosso i suoi primi passi in Europa nel 2013: la prima stazione è stata inaugurata in Norvegia. Sempre in Norvegia c'è anche la stazione più grande di tutte, con ben 44 colonnine.



Tesla precisa che tutti i Supercharger V3 europei supporteranno nativamente i connettori CCS, ma naturalmente sarà accessibile a tutte le vetture del marchio grazie a dei particolari adattatori - inclusi nel prezzo delle nuove Model S e X, e venduto separatamente a prezzi accessibili ai proprietari delle Model S e X già in vendita.

Il TOP di gamma più piccolo? Samsung Galaxy S21, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 698 euro oppure da ePrice a 788 euro.

26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ottoore

Sai che per il bonus in Lombardia è richiesta la rottamazione di un euro 4 diesel o euro 2 benzina e che il concessionario deve applicare uno sconto maggiore o uguale al 12% sul listino?
Son tutte condizioni necessarie e non, singolarmente, sufficienti.

Andrea bortolin

Ma... Londra è ancora considerata Europa? :D

Giorgio

Un progetto costa X e deve fruttare Y, ovviamente se vendi 1000 o 10k cambia il prezzo del prodotto.
Questo vale per qualsiasi cosa

Igi
wrg

Da uno studio recente, la tesla degrada con una media del 2,3% annuo.
Dallo studio fatto, effettivamente le ricariche veloci degradano in modo evidente la batteria. Bastano tre ricariche fast al mese per avere una batteria degradata.
Questo è un brutto limite per l'uso delle EV nei viaggi

Simone

Qualsiasi novità che va a cambiare radicalmente il passato ha il suo prezzo.
Quanto pensi costassero le prime auto di fine '800? E chi poteva permettersele?

Marco Kaira

Hai pienamente ragione, le auto elettriche hanno costi di sviluppo molto inferiori a quelle tradizionali. Il motivo è, come sempre, la legge del mercato. Adesso va di moda l'elettrico quindi te le fanno pagare l'impossibile.

Fergus M

Hai perfettamente ragione ecco perché tesla vince a mani basse

the Bugh

Si appunto, il numero di auto prodotte sale se la domanda è alta

Con Model 3 dual motor Long Range quasi 500km d'estate anziché i 560km dichiarati.
In inverno possono scendere

Non è che prendi una Tesla per ricaricarla solo ai supercharger, la ricarichi a casa.

matteventu

Da sempre, il prezzo dei beni é fatto dalla domanda/offerta e dalla fascia in cui si vogliono collocare, non dal costo di produzione.

V-man

Chiedi info grazie!

Marco

Ma ci vedi l'unico disponibile starà a 40km di distanza, quindi quasi 100 km totali per fare un pieno, ottimo

Ciccioli

io penso vi sia anche un gran problema di numeri. più sale il numero di auto prodotte più abbatti i costi. Inoltre i costruttori dato il mercato di nicchia (e quindi di chi ha possibilità e voglia di provare) se ne approfittano parecchio.

Massu4

L'auto elettrica mi incuriosisce molto... sono andato a vedere la nuova Zoe, che con gli incentivi statali e della Lombardia arriva a costare poco più di 10k€ (noleggio batterie a parte)... essendo di fatto una utilitaria mi sembra incredibile che un'auto con motore elettrico (che se non ricordo male, dovrebbe essere molto più semplice ed economico di un equivalente motore a combustione) possa costare di listino oltre 30 mila euro batterie escluse...
c'è qualcosa che non va...mi sembra...o sbaglio io qualcosa?

Wake Up Italy

Cos? Ce ne sono già 5 da Roma in giù, più altri in arrivo

https://uploads.disquscdn.c...

Vai sul gruppo italia, su FB, che ne trovi tanti, se no chiedo ad un amico e ti replico.

Davide

E da Roma in giù neanche l'ombra... Non ha senso sta cosa

V-man

Qualche possessore... quanti km fate nell'uso quotidiano rispetto a quello dichiarati wltp?

Matteo R.

Con il sistema di preriscaldamento della batteria la degradazione è minima anche dopo anni e anni, perché tesla usa una composizione diversa dalla altre marche.

Andrea M.

quando sei pieno di petrolio da esportare puoi permetterti simili politiche.

Patroclo Grecia

è noto , sono stati fatti studi, di quanto le batterie si degradano maggiormente ad utilizzare i super charger?

Giulk since 71'

Con tutti gli incentivi che il governo ha dato negli anni, mi stupirei del contrario :D

JJ

Il vantaggio reale rispetto la concorrenza sono proprio le infrastrutture.

Crazy999

olso è effettivamente piena di tesla.

Tecnologia

Come nascono le batterie: viaggio in fabbrica con Askoll e la stanza segreta

Auto

Opel Mokka-e: il SUV elettrico messo alla prova, anche in viaggio | Video

Auto

BMW X1 xDrive 25e: proviamo la plug-in in modalità EV e ibrida | Recensione e Video

Auto

L'Europa vuole solo auto elettriche: i piani dei produttori e le date dell'addio