Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Il CEO di Renault è drastico: le auto costeranno di più

08 Ottobre 2021 591

Il CEO di Renault, Luca de Meo, avverte: le auto, nel prossimo futuro, aumenteranno di prezzo a causa della carenza di chip e degli alti costi di materiali e produzione. Ecco le dichiarazioni rilasciate al quotidiano economico spagnolo Expansion. L'amministratore delegato Renault non ha usato mezzi termini per chiarificare la situazione: i prezzi della auto aumenteranno a causa della carenza di semiconduttori. Ma non è solo colpa dei chip a ben vedere, visto che c'è un aumento del prezzo finale anche dovuto all'aumento dei costi delle materie.

"I prezzi della automobili aumenteranno ancora di più nei prossimi 12 mesi", ha detto de Meo al quotidiano spagnolo in un'intervista pubblicata giovedì, "poiché i produttori di chip stanno approfittando della leva e la scarsità sta facendo lievitare i prezzi, e non poco."

Una notizia che non farà piacere ai più, visto che già i listini prezzi della case auto sono stati gonfiati a causa dell'avvento di maggiori modelli elettrificati e elettrici, per non parlare di modelli più costosi con versioni accessoriate. Renault stessa ha ammesso di concentrare la propria produzione sulle versioni maggiormente ricche. Chi ha bisogno di un veicolo nel breve periodo di tempo preferisce accaparrarsi una versione superiore o con motore più potente anche se non rispetta appieno le sue esigenze, piuttosto che aspettare 10 o 12 mesi per la consegna di un pacchetto economico. Da segnalare anche che le case automobilistiche hanno registrato profitti record sulle vendite dei propri modelli nella prima metà dell'anno, grazie ai margini elevati tra il costo di produzione e il prezzo finale.

Di mezzo, ci sono anche gli incentivi a dare una buona mano alle vendite, con i prezzi rincarati anche a causa dell'elevato costo di acciaio, gas, energia, rame e alluminio, con il loro costo in continuo aumento. Luca de Meo ha poi aggiunto che, con l'avanzamento verso l'elettrificazione nel Vecchio Continente, le case Automotive nostrane potrebbero trovarsi in seria difficoltà contro quelle cinesi, più avanti nello sviluppo e nella tecnologia elettrica. Sottolineando che le nuove norme non permettono alle case auto di ammortizzare al meglio i costi, per adottare in modo troppo rapido la mobilità elettrica.

"Se l'Europa diventa il continente con più auto a batteria, sarà terreno di conquista per i cinesi. Sono più competitivi nell'elettrico che nell'endotermico. Per questo, se abbiamo le normative più restrittive in termini di emissioni e ci concentriamo sull'auto a batteria, i cinesi guarderanno all'Europa invece che agli Usa". Queste le parole di de Meo.


591

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Logarius
Logarius
csharpino

No non sono presuntuoso, semplicemente ho lavorato per 12 anni nel settore delle lavanderie per uno dei marchi più prestigiosi che ci sono sul mercato, quindi parlo a ragion veduta e non per stereotipi.. Tutto li...

The frame

Io non sono un esperto di lavatrici, ma tu mi sembri un po’ presuntuoso. Io ho una lavatrice Bosch di 25 anni fa. Ha una dozzina (non 3) di programmi, la centrifuga va a 1000 giri. Ha il cestello iI metallo e funziona ancora benissimo senza alcuna necessità di manutenzione. Il vero luogo comune non é “i vecchi facevano meglio” ma “é più nuovo e quindi migliore”. Ci sono dicersi settori in cui la qualità del prodotto finale , vuoi per le aumentate necessità di produzione e vuoi per strategie aziendali, é diminuita. Poi ovvio che i progressi della tecnologia spesso portano importanti vantaggi e benefici. Ma in tanti altri casi anche no. Tu quando compri qualcosa di nuovo o per sostituire un prodotto che già possiedi, ti chiedi se ti serve davvero? Io si. Saluti

dert

Scusami, intendevo comprarla subito.
Ovvio che avrei pagato con assegno .

Vae Victis

Ecco:

https :// i.insider .com /51808fd4eab8ea3a5e000003?width=600&format=jpeg&auto=webp

Ti devo anche dimostrare che il costo delle materie prime è 1:1 con l'energia usata per estrarle, raffinarle, raffinarle?

Vae Victis

https://i.insider.com/51808...

Adri949

Sei tu che stai sostenendo qualcosa. É tua premura dimostrare ciò che dici

Fabrizio

Invece si, purtroppo non ci sono solo i costi diretti dei componenti.
Per ogni micro componente da 20€ hai magari dovuto spendere centinaia di milioni di euro di R&D per progettazione, integrazione, test e soprattutto omologazioni e scartoffie EU varie, e tutto rientra poi nei costi del veicolo ovviamente.
Capisco che sia difficile da comprendere all'esterno ma lavorando nell'ambito è allucinante, non ti immagini neanche cosa ci sia dietro ogni componente soprattutto elettronico. Anche solo per una sim da pochi euro potresti avere anni di progetti di R&D, e il tutto sta diventando sempre più complicato.
E' anche uno dei motivi delle fusioni, cercare di distribuire sul numero più grande possibile di veicoli questi costi fissi esorbitanti

NaXter24R

Si, ma in percentuale non torna. Comprendo l'aumento, per inflazione e per aggiunte, ci sta. Ma il 42% in 10 anni è fuori da ogni logica. Il modulino BT che c'era nel 2010 lo pagavi abbastanza al tempo, oggi costa una fischiata, e assieme a quello un sacco di ciarpame elettronico che però continuano a parti pagare a peso d'oro nell'auto. Molte soluzioni tecniche sono uno step avanti da un lato ed uno indietro da un'altro. Ripeto, 42% non è solo "fattori esterni".

Fabrizio

Tutto corretto.
Il punto è che i prezzi sono aumentati per fattori esterni ai produttori (soprattutto motivi legislativi), per cui le alternative per loro sono 2: alzare i prezzi per compensare i maggiori costi oppure chiudere baracca & burattini.
Il problema di conseguenza è che una fetta sempre minore di gente se le può permettere, non per niente l'auto più venduta in Europa è la Dacia Sandero (non siamo messi male solo in Italia quindi).
Quantomeno l'automotive in Europa è sempre stato fonte di innovazione, lavoro e una buona fetta del PIL, ma ora con le EV cinesi e americane la questione potrebbe peggiorare..

Sicuamente, te le tieni https://media2.giphy.com/me...

Rick Deckard®

Parte in teoria da 13k vedo.. ma non so se poi riesci a prenderla... Rossa e senza nulla

csharpino

Si triplicando i prezzi... Quello da cui si risparmia oggi e che è fonte principale di problemi sono i materiali che vengono usati.
Fare le vasche in accio inox di qualità invece che in plastica ad esempio costa uno sproposito in più.

darkschneider

In Toscana

darkschneider

18-22?
Spero per una full optional con motorizzazione non base.

darkschneider

Preferisco comprare nuovo.
Ovviamente scelgo l'auto che risponde alle mie esigenze e rientra nel mio budget, poi la tengo fino a fine vita.

darkschneider

Ma un operaio mica prende 2000€ al mese!
Ne prende in media 1300€.

Repox Ray

Epperforza, c'è la crisi dei cìp!

ACTARUS
Rick Deckard®

Lo sono già

Vae Victis

La tabella con la distribuzione dei costi non l'hai ancora messa.

Adri949

Non umile? Non sono mica io quello dispensa pseudo conoscenza in giro e dicendo cagate e pretendendo pure di aver ragione? Ci lavoro pure per l'automotive... Pensa che stronz0

GoodSpeed

Non avevo nessuna auto da rottamare, l'ho pure scritto.

Vae Victis

Prova a smentire ciò che ho scritto con un prospetto dei costi di una azienda automobilistica,

signor non-umile ingegnere con la laurea di quelle che si ottengono facilmente.

Adri949

Vabbè, lasciamo stare. Scusa, da umile ingengere devo stare qui ad acconsentire alle boiate di Vae Vattelapesca

Vae Victis

L'ottimizzazione ce l'hanno tutti e le economie di scala pure.
Proprio per questo motivo il prezzo corrisponde all'energia che è stata bruciata per produrre.
Non dovrei nemmeno stare a scriverlo visto che è una ovvietà in tutto il mondo industriale.

Dato un prodotto fatto con vetro e metallo a costo 10, si può realizzare lo stesso identico prodotto in plastica a costo 1.

Adri949

E non guadagnano più sulle auto ma sui prodotti finanziari che praticamente ti obbligano a sottoscrivere con le loro banche. Pensa se guadagnavano ancora dalle auto...

Adri949

I costi dipendono prima di tutto dall'ottimizzazione della produzione e dalle economie di scala. Come al solito hai detto una cagata

Vae Victis

Informati.

Rick Deckard®

No, è una voce che compone i costi, ma non certo la maggiore

Vae Victis

Il 90% dei costi nella produzione di un auto sono legati all'energia che viene bruciata.

Giorgio
Rick Deckard®

Ma che stai dicendo? Cosa c'entra la co2 con il prezzo...

Vae Victis

Basta che leggi i prezzi al netto di tasse e incentivi: i prezzi sono sempre proporzionali all'energia bruciata per produrre l'auto.
Se comprando un auto elettrica non riesci ad avere un risparmio economico, significa che stai producendo più CO2 di un auto termica. In quel modo ti viene facile capire quanti km all'anno devi percorrere per controbilanciare il maggiore spreco iniziale.

piero
piero

sì ma vogliamo vedere cosa gli succede appena escono dalla loro auto?

piero

è sincero solo nel dire che aumenteranno. il resto sono paraculate

piero

ne voglio 12!!!!

piero

a un certo punto ti diranno che non è obbligatorio ma instaureranno qualche meccanismo che te lo renderà consigliabile

piero

m1nki1a è vero! ho fatto la prova con la mia e su tre annunci, due avevano lo stesso prezzo della mia quando la presi nuova! assurdo.

piero

greta carbon

piero

anche perché insomma, a quanto la vuole vendere una Renault? 1618828299 mila euro?

piero

tira più un pelomobile di....

piero

e poteva fare de meo

piero
Rick Deckard®

Si ma la filiera e gli sprechi dell'endotermico non l'hai mai calcolata?
A partire da tutti i componenti che vengono spediti e assemblati, filtri vari ecc..
Estrazione, raffineria, distribuzione, efficienza scarsa, così come i vari oli e materiali soggetti ad usura.
Oltre a tutto ciò il motore a combustione difficilmente arrivano al 40% e sono al 100% da inquinanti

Vae Victis

La CO2 prodotta dalle batterie è legata alle materie prime e all'energia che usano per l'estrazione, la produzione, il trasporto, lo smaltimento. Una batteria al massimo dura 12 anni, quindi non riesci ad ammortizzarla se fai solo 10 mila km all'anno.
C'è tutta una serie di sprechi anche nella fruizione dell'energia elettrica. La più efficiente centrale al mondo ha il 60% di efficienza, un altro 10% viene disperso lungo la rete elettrica. Inoltre l'auto elettrica consuma energia anche quando è spenta, quindi è del tutto inadatta a chi fa telelavoro o è pensionato. In generale è inadatta a chi fa pochi km.

GeneralZod

Ciò non toglie che durano poco più del periodo di garanzia mentre prima si facevano 10 anni easy. È possibile combinare l'efficienza di oggi con la durevolezza di ieri?

Auto

Peugeot e-3008 elettrica: fino a 700 km, il SUV alla prova su strada | Video

Auto

Xiaomi SU7 Max, la supercar elettrica in mostra al MWC di Barcellona | Video

Auto

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

Auto

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video