Energica, accordo con Total sulle colonnine per la ricarica

19 Marzo 2021 29

La partnership tra Energica e Total era iniziata già nel luglio del 2020 quando il costruttore di moto elettriche aveva stretto un accordo con Total Lubrifiants. Adesso è stata annunciata una nuova intesa che riguarda direttamente Total Italia e che concerne la ricarica.

11 COLONNINE PER LA RICARICA

Nei dettagli, saranno installate 11 colonnine per il rifornimento di energia da 22 kW presso il parcheggio della factory modenese. I punti di ricarica saranno a disposizione sia dei dipendenti del marchio sia dei loro ospiti/clienti. Energica sarà la prima società italiana a disporre delle colonnine prodotte da Total. I lavori di installazione inizieranno ad aprile. Ma l'accordo non si esaurisce qui: infatti, grazie a Total Italia arriverà pure un piano di offerte commerciali per le wallbox che il costruttore di moto proporrà a concessionari e importatori ufficiali.

Vedere un'azienda come Total che fino a pochi anni fa era focalizzata a lavorare in ben altri settori, stringere accordi con un produttore di moto elettriche per la fornitura di colonnine per la ricarica è il chiaro segnale di come sta cambiando il mercato. Total, comunque, sta portando avanti diverse iniziative sul tema della sostenibilità visto che punta a diventare un'azienda ad impatto zero entro i 2050. Livia Cevolini, CEO Energica Motor Company: ha commentato:

La cultura dell’elettrico passa anche attraverso la rete di ricarica, fondamentale per poter far crescere il mercato. Per far crescere un settore industriale come il nostro occorrono diversi fattori: tecnologia, innovazione, finanziamenti e infrastrutture. In Energica abbiamo sempre creduto nella giusta combinazione tra tutti questi elementi per poter far crescere ed affermare i nostri prodotti in tutto il mondo. Nel nostro impegno in prima linea verso lo switch-elettrico, abbiamo puntato in primis sulla tecnologia che ci ha confermato tra i leader del settore moto elettriche ad elevate prestazioni. Ora, grazie a Total Italia che ci ha scelto come luogo ideale per la sua prima installazione di colonnine Total sul territorio italiano, possiamo aggiungere un'ulteriore milestone innovativa alla nostra sede produttiva.

Filippo Redaelli, Amministratore Delegato Total Italia, ha aggiunto:

Il settore dell’elettrico è un mercato chiave e oggi imprescindibile per uno sviluppo sostenibile nel rispetto dei nuovi trend e di una crescente sensibilità a livello sociale. I mercati dell'energia si stanno evolvendo guidati dalla sfida ambientale, che ci impegna in prima persona nello sviluppo di soluzioni e nuove attività in funzione dell’obiettivo climatico annunciato dal Gruppo lo scorso anno per diventare un’Azienda a emissioni zero entro il 2050. Per tale motivo siamo particolarmente fieri dell’avvio della collaborazione con Energica, con cui si annuncia anche l’installazione delle prime colonnine di ultima generazione Total sul territorio italiano; un progetto importante su cui stavamo lavorando da tempo e un passo significativo per la nostra Azienda verso un nuovo futuro.

Parlando sempre di ricarica, si ricorda, infine, che la gamma 2021 del costruttore di moto elettriche può essere equipaggiata con lo standard CHAdeMO.


29

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
teo
Roberto Giuffrè

L'essenzialità ed i carburatori, facevano moto che che per sensazioni oggi non hai più e nessuno potrà più provare.
Poi se il motore aveva grandi cilindrate, avevi qualcosa che tutti dovrebbero guidare una volta nella vita.

Con le Harley esiste la possibilità di convertire a carburatore. Sembra una stupidaggine, ma poche persone possono capire cosa significhi...

Roberto Giuffrè

Lo so per renderla più reattiva dovevi sfilare le canne.
Altrimenti c'era anche un kit completo upside-down.

Ma per uomini alti e forti non era un problema. E ti ripagava con una stabilità in curva granitica.

Se ne trovano ancora usate, ma chiedono prezzi folli.

teo

Si la verdona ... L'aveva un compagno di uscite ... Se non ci mettevi le mani era abbastanza dura da guidare forte ...

Roberto Giuffrè

Se parli dalla Rex verde i freni erano troppo potenti e poco modulabili. Infatti hanno tolto dal commercio quella Tokiko a 6 pistoncini.
Le sospensioni sono tutte regolabili ma si possono ancora lavorare tanto. E poi c'erano tanti kit come quelli Ohlins.

teo

Azz gran motore ma sospensione e freni brrrr

teo

Concordo al 100% un giro in moto pianificato attorno alla colonnina è assurdo ... Ma vedrai che ci sarà chi si farà andare bene anche sta cosa

teo
Roberto Giuffrè

Il peso non mi spaventa io sono 1,85x95kg quasi tutti muscoli.

Non mi interessa strisciare le orecchie per terra nelle curve e correre con il coltello tra i denti. Ma vivere la moto come filosofia, non nell'attesa di fare la conoscenza di un platano.

Il periodo in cui vivevo su una sola ruota con oltre 130cv 'gnoranti nel motore sono finiti, ed ho riscoperto la moto bella.

Che poi io ho studiato ingegneria meccanica e rimappo le centraline e progettavo scarichi per auto da corsa.
Con tutte le modifiche che ho fatto alla mia moto portata a 1800cc, lavorazione delle teste, iniettori maggiorati, supera abbondantemente i 200km/h, e parti fischiando, fumando e lasciando 10 metri di gomma sull'asfalto prima che la coppia si esaurisca.

Io avevo questa sempre col motore elaborato. Ed allora non avevi ABS ed elettroniche di controllo. Ci volevano le palle perché arrivava a 280km/h senza carene. A 140km/h davi la terza "carezzavi" la frizione e si alzava ancora.

Ora basta ho un bimbo di 7 anni ed a lui piace papà che sgomma con l'Harley quando va via.
https://uploads.disquscdn.c...

luca bandini

si! proprio quello su una moto perchè non si può andare in pista tutti giorni ed apprezzare le doti dinamiche

italba

Con quello che pesa meglio 4 ruote che due, e poi ci sono anche delle custom "total black"

Roberto Giuffrè

Si ma è senza cromature ed ha 4 ruote.

italba

Eggià, il divertimento è fare brum brum...

italba

Questo vibra anche di più:
https://uploads.disquscdn.c...

Roberto Giuffrè

A me la moto se non fa potato potato non mi piace.
Per quello mi terrò la mia Harley finché ci sarà benzina alla pompa.

Il mio Low Rider:
https://uploads.disquscdn.c...

R4gerino

Per me non è una questione di sound o tecnica. Per me è una questione di non farmi prendere per il fondelli. Un veicolo elettrico (auto o moto che sia, ma specialmente moto) avrà un utilità quando sarà comparabile alla controparte ice. La moto elettrica deve fare i km di una normale, deve costare quanto una normale, devi poter rifornire ovunque ed in breve tempo, specie considerando che nemmeno le moto normali hanno chissà quanta autonomia, quindi il rifornimento in 5 minuti è fondamentale. I nullafacenti pieni di soldi che comprano questi giocattoli, magari possono anche permettersi di aspettare 2h il pieno. Io ho solo la domenica libera, e di certo non posso pianificare la mia vita attorno ai bisogni del mezzo.

A quel punto, come giustamente hai scritto, non vado in moto.

Giorgio

Non entro nel merito dei particolari legati alla tecnologia, anche se ho appena cambiato scarico completo alla mia solo per il gusto del sound (quindi ovvio che concordo) ma per qualcuno potrebbero anche andar bene silenziose forse.

luca bandini

ecco bravi attaccatevi a sta grandissima colonnina!
possono fare moto incredibili per autonomia e prestazioni ma preferisco di gran lunga una moto marcia ma con il cambio e che faccia brum brum
le moto sono divertimento su.

luca bandini

ma possono pure avere 2000km di autonomia e prestazioni da urlo ma preferisco di gran lunga una moto bicilindrica con il cambio e brum brum perchè le moto sono divertimento non semplici mezzi di trasporto

R_mzz

Autonomia e prestazioni sono ottime, c’è soltanto quel piccolo problema del prezzo

Giorgio

Ma infatti il punto è proprio questo, un motociclista non si comprerà mai na moto del genere :D
Poi i titoli delle riviste e dei siti fanno ridere "boom del 180%" etc.....vai a vedere il fatturato, fai 2 conti e scopri che ne hanno vendute 130/140 in un anno in tutto il mondo.

Finchè il problema autonomia non sarà risolto non prenderanno mai piede, piuttosto uno non va in moto

R4gerino

E' praticamente inutile. Li facevo con lo scooter 50 quei km.

Considerando che quando vado via di domenica in moto, non faccio mai meno di 150-250km, tutti praticamente in montagna, il rischio di rimanere a piedi è estremamente alto. Le colonnine dovrebbero installarle nei distributori di montagna, mica in centro città. Ma tant'è, queste sono moto da bar. 20k€ per andare all'aperitivo.

Giorgio

AUTONOMIA: 400 km City / 230 km Combinato / 180 km Extra Urbano

Questi i dati ufficiali della Eva Ribelle, che esteticamente a me piace.
Se fai i 50 in città va pure bene, ma ti compri una moto per usarla come uno scooter? Non credo.
Il dato è quello extraurbano, cioè a 90 km/h fissi, velocità che fai con uno scooter 125/150, in moto hai picchi e guida molti differenti da un'auto elettrica, è un mezzo che serve a divertirsi.
Le prove su strada fatte dicono che usandola da moto non fai più di 120/140 km

Johnny

Se non ricordo male intorno ai 200 km fuori città.

Giulk since 71' Reload

LOL, giuro non era una domanda provocatoria, non so nulla delle moto elettriche quindi volevo più o meno sapere di che autonomia parliamo, quelle da gara suppongo consumino di più chiaramente

Giorgio

Ecco bravo, meglio non fare ste domande :D

Giulk since 71' Reload

E elettrica quella della foto? bella sembra proprio una moto tradizionale, quanta autonomia hanno?

R_mzz

Seriamente?
Producono alcune delle migliori moto elettriche al mondo e sono il fornitore unico in Moto E
https://uploads.disquscdn.c...
Cosa vuoi di più?

Giorgio

Fanno quasi tenerezza....

Recensione NIU N-Series: è arrivata l'ora dello scooter elettrico