La nostra avventura con un van camperizzato (e che van!) | Video

22 Agosto 2022 249

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Eccoci finalmente al tratto finale della nostra esperienza di tre giorni con il van Mercedes Marco Polo, un viaggio nel quale siamo andati a caccia dello scatto perfetto al cielo stellato, attraversando alcuni dei più suggestivi passi alpini. Per me e per i miei compagni di avventura è stata la prima volta con un van camperizzato, ci siamo scontrati con la realtà organizzativa di un viaggio del genere, fatta anche di temperature rigide alle alte quote, strade strette e tanta inesperienza ma anche della frizzante libertà che un mezzo di questo tipo riesce a regalare.

INDICE

IL VIAGGIO

Il programma di viaggio prevedeva un anello con partenza dal nostro ufficio a Milano, prima tappa sul passo dello Stelvio, poi passo Gavia, seconda tappa sul passo Tonale e rientro il terzo giorno. L'obiettivo principale è stato quello di realizzare una mini guida all'astrofotografia con lo smartphone, un contenuto realizzato la collaborazione di Vivo che ci ha fornito il super equipaggiato X80 Pro.


Per fotografare le stelle era necessario isolarsi il più possibile dall'inquinamento luminoso della pianura padana, per questo abbiamo scelto di alzarci di quota. Individuato l'itinerario abbiamo sentito Mercedes che gentilmente ci ha messo a disposizione un mezzo di supporto (e che mezzo!): il van Marco Polo, ovvero l'allestimento camperizzato sulla base di Mercedes Classe V.

IL VAN

Il Marco Polo nell'esemplare che abbiamo avuto a disposizione è la versione 330d, mossa da un 4 cilindri Diesel da 2 litri BlueTEC con cambio automatico a 9 rapporti G-TRONIC, un motore con un bel respiro grazie ai 239 CV e una coppia di 500 Nm tra i 1600 e i 2400 giri, la trazione è posteriore ma è possibile richiederlo con quella integrale 4 Matic. A catalogo sono presenti anche la versione 220d e 250d, rispettivamente con 160 e 190 CV, in tutti i casi con opzione aggiuntiva 4 Matic.

Ho iniziato proprio dal propulsore perché costituisce senza dubbio una prima chiave di lettura di questo van e in generale dell'esperienza di guida e di utilizzo che si porta dietro. I dati parlano chiaro, con questo motore si sale ovunque anche a pieno carico, si consuma poco e si va veloci. Ed è stata proprio questa la sensazione che mi ha accompagnato per il primo lungo spostamento tra Milano e i 48 tornanti del passo Stelvio, che anima grintosa! Quanto ai consumi, al termine di un tragitto misto, con tanti metri di dislivello positivo e negativo la media è stata attorno ai 15 km/l, si sale a 8 nei tratti più impegnativi, mentre su strade a scorrimento veloce, con un po' di attenzione ci si attesta sui 17 Km/l.

Veniamo alle dimensioni, cioè l'altra chiave di lettura non banale: 5,140 x 1,928 x 1,980 metri, anche qui i numeri non mentono, è un mezzo piuttosto compatto se consideriamo che ha 4 posti letto e un allestimento davvero completo (toilette esclusa). Vi faccio notare gli ingombri ridotti anche in larghezza perché ciò significa potersi avventurare su strade strette, o perché no, muoversi agilmente anche in città.

Il nostro esemplare, oltre all'allestimento camper (area living con tavolino, sedili anteriori girevoli, riscaldamento a gasolio autonomo ad aria, sedili posteriori trasformabili in letto, tetto apribile a soffietto con letto, angolo cottura, frigobox da 40 litri, vari vani di stoccaggio, guardaroba, connessioni esterne per elettricità e acqua, batteria supplementare per utenze), aveva poi una serie di sciccherie tra cui attivazione del tetto a soffietto elettrica, tenda parasole, gancio traino, sospensioni Airmatic, serbatoio acqua da 38 litri, serbatoio acque di scarico e un pacchetto completissimo di tecnologie e ADAS (MBUX e MBAC), oltre ad una serie di optional comodi che spaziano dai fari full LED alle telecamere a 360 gradi, passando per vetri atermici, hill holder, sedili in pelle e una lista di altri 150 elementi (son davvero 150).

Tutta la mercanzia porta il prezzo dai circa 70 mila euro di listino ai 98 mila del nostro esemplare, si parte da un modello già ben equipaggiato e si arriva fin quasi al lusso. Chiaramente siamo posizionati sulla fascia premium considerando il segmento mini VAN.

PIENA LIBERTÀ E QUALCHE ERRORE

Arriviamo al racconto vero e proprio della nostra avventura, che è in realtà il racconto di tre perfetti neofiti del mondo dei camper e dei mini van, che si sono cimentati per la prima volta con questo divertente modo di muoversi. Voglio mettere le mani avanti e fare un pieno bagno di umiltà nel descrivervi come è andata, questo non vuole essere un approfondimento per gli esperti e per chi conosce tutti i segreti della vita in camper, anzi, volutamente vi racconterò anche qualche errore da principiante che abbiamo fatto. Ma d'altra parte l'obiettivo che ci eravamo dati era quello di sperimentare e riportare in maniera trasparente il bello e il brutto del nostro viaggio, così che tutti potessero farsi un'idea davvero corrispondente alla realtà.


1. LIBERTÀ

Che bello, che sensazione, basta poco per intravvedere tutte le potenzialità di un minivan ben attrezzato come questo: una casa in movimento con tutto il necessario. Ci si muove senza vincoli, senza dover rispettare orari, luoghi, programmi, con il massimo della libertà organizzativa.

Ovviamente tutto dipende dal contesto, non è sempre così ma in alcune circostanze poter contare su questa flessibilità è il massimo. Da grande amante delle escursioni in MTB mi sono già immaginato un evento sportivo come una gara o un contest, ma il discorso è lo stesso per qualunque tipo di evento da seguire per un paio di giorni. Non bisogna pensare alle prenotazioni, al cibo e così via, si carica e si parte.


Ovviamente sono considerazioni valide anche per un camper tradizionale, che se vogliamo può essere anche più spazioso e confortevole (mi riferisco in particolare alla presenza del bagno, che su questo Marco Polo non c'è e inevitabilmente ti pone di fronte a potenziali problemi organizzativi). Ma un camper è più grande, più ingombrante, più lento, consuma di più, si deve guidare con una certa maestria e vi assicuro che scendendo dal Gavia anche 10 cm in più sarebbero stati di troppo.

Mi immagino anche la visita ad una città d'arte: si raggiunge in tempi rapidi (in autostrada si viaggia lisci a 130 Km/h come su un'auto) e una volta sistemati in campeggio ci si può muovere direttamente con il van per raggiungere il centro, perché anche in una grande città il Marco Polo si guida senza alcun problema, anzi, grazie agli ampi spazi vetrati e alle telecamere a 360 gradi posso sbilanciarmi nel dire che è davvero facile muoversi.


2. COMFORT

I vantaggi di un mini van sono sempre gli stessi, ma se questo mini van è un Mercede Marco Polo si aggiungono comfort, un ambiente raffinato, tecnologie in ogni angolo e in generale un'esperienza che di spartano ha ben poco, forse addirittura in modo esagerato.

Ecco, sono partito con il classico preconcetto del viaggio avventuroso, polveroso, scomodo e allegro ma salendo la prima volta sul nostro van mi son reso immediatamente conto che non sarebbe stato così. All'interno dell'abitacolo ci sono finiture quasi lussuose, materiali ricercati, sedili massaggianti, vani rivestiti internamente, pulsantini per attivare qualunque cosa elettricamente senza dover muovere un muscolo, lucine che creano un'atmosfera soffusa, impianto audio grande qualità, per non parlare del letto a soffietto, che in tutta onestà non mi ha fatto rimpiangere il materasso di casa.

Parliamo di un mini van premium e ciò si riflette come è ovvio sul prezzo di listino. Ma la domanda che mi sono fatto è: davvero ha senso abbinare concetto di viaggio in van con tutto questo comfort? Forse per vivere un'esperienza autentica bisognerebbe viaggiare su qualche mezzo datato, rumoroso e logoro? In effetti la mia schiena delicata ha ringraziato per ogni centimetro di morbidezza Mercedes, ma il mio cuore da boy scout è comunque rimasto un po' perplesso e una risposta definitiva non sono riuscito a trovarla.


3. NOSTRI ERRORI BANALI

Il nostro Marco Polo ha 4 posti letto, due nello scomparto superiore a soffietto, con tanto di materasso in lattice sostenuto da molle ammortizzanti (di una comodità sorprendente) e due nell'abitacolo vero e proprio con i due sedili posteriori che si abbattono formando un ampio spazio piatto che va ad unirsi con il pianale posteriore.

Il primo errore riguarda le temperature. Accendendo il riscaldamento si creano due zone ben distinte, al piano di sopra ci sono almeno 3-4 gradi in meno rispetto al piano inferiore, questo per due motivi: in primo luogo il riscaldamento ad aria si origina da due grosse griglie posizionate sotto i sedili anteriori, questo fa sì che il calore rimanga intrappolato in basso, il secondo motivo è relativo all'isolamento termico particolarmente efficace dell'abitacolo, contrariamente a quello minimo della zona a soffietto che è separata dall'esterno da una tela con tanto di aperture per evitare la condensa.

Capirete che è difficile mettere d'accordo chi dorme al piano di sopra con quelli che dormono al piano inferiore, o per lo meno bisogna saperlo e organizzarsi di conseguenza con indumenti, sacco a pelo o coperte adeguate. La prima notte personalmente ho tirato una bella musata contro i 2 gradi del passo Stelvio, mentre Franscesco al piano inferiore si stava sciogliendo come neve al sole.

Il secondo errore riguarda la cucina, ingenuamente pensavamo di avere a disposizione un fornellino elettrico, in realtà è a GPL come sui camper e come sui camper bisogna avere una bombola apposita da mettere nel gavone. Non pensate di poter passare al Decathlon come abbiamo fatto noi e aggiustarla con una bombola da campeggio, non sono compatibili.

Terzo errore: per dormire di sotto meglio dotarsi di un materassino gonfiabile anche solo da un paio di cm, per riuscire a stare comodi. E' vero che i sedili si appiattiscono ma rimangono comunque alcuni avvallamenti tra le varie sezioni e tra i sedili e il pianale posteriore, non ci siamo posti il problema prima di partire e ne abbiamo pagato le conseguenze.


4. LO SPAZIO

Quanta roba ci si può portare dietro? In quante persone si può viaggiare? Dunque, a mio parere la configurazione ideale è di due persone, che possano quindi dormire nel letto a soffietto, lasciando tutta la parte bassa per i bagagli e la zona giorno. Per come eravamo organizzati noi invece è stato un contino carica-scarica-sposta-fai scorrere i sedili-ruota quelli anteriori.

Il problema più grande è che se si abbattono i sedili posteriori, praticamente tutto l'abitacolo in basso diventa un letto matrimoniale lasciando pochissimo spazio per i bagagli al seguito. Con un po' di Tetris si trova la quadra ma non è certamente il modo migliore per viaggiare. Al contrario dormendo di sopra senza ulteriori ospiti allora lo spazio è davvero tanto e non si è costretti a far scorrere i sedili posteriori o a ruotare quelli anteriori per creare una zona "living" con angolo cottura.

IN CONCLUSIONE

In conclusione non possiamo che ritenerci soddisfatti, è stata una bella esperienza e siamo riusciti a scattare qualche bella foto alle stelle che potete vedere nell'articolo dedicato. Tra di noi ci son stati pareri diversi circa il "viaggiare in van", io e Davide ce ne siamo innamorati, per Francesco invece non è scattata la scintilla.

Quanto al Marco Polo mi sono ripromesso di riprovarlo con un viaggio più avventuroso e di più giorni, sperimentando magari ambienti diversi. E' ovviamente un gran bel mezzo e visto che per il momento di certo non posso permettermelo, magari ci sarà l'occasione per affittarlo.

Ecco, l'affitto di un mini van a mio parare rimane una possibilità interessante, bisogna solo informarsi bene sulle dotazioni, in particolare sul riscaldamento e sui servizi (acqua, gas, elettricità). Eventualmente se non si ha a disposizione una batteria aggiuntiva integrata posso consigliarvi un modulo come questo, oppure come questo in base alle necessità.

E tra voi c'è qualche habitué dei mini van? Che ne pensate?

VIDEO


249

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Stefano Colnaghi

Senza bagno...

Roberto

Grazie alla recensione davvero dettagliata nella descrizione delle problematiche ho capito che non sarebbe un mezzo per me al netto della povertà s'intende.

Lupo1

Beata ingenuità...

Vash 3rr0r

Ma smettila di aver paura dell'uomo nero ed esci fuori nella vita vera. Ci sono migliaia di camper in questo momento in giro per le località turistiche italiane, molti sostano anche fuori dalle aree camping e nessuno viene preso a colpi di revolver ma molti vengono derubati proprio quando di allontanano dal veicolo. Esattamente come accade nei furti di appartamento. In Italia è più facile morire di incidente stradale che di colpi di pistola, che di vere in mano a criminali ce ne sono pure poche.

pinoc

Ti farò rabbrividire ma con il Carthago ho rimpianto i cari vecchi precedenti Laika. Magari meno impressionanti esteticamente ma molto più di sostanza. Almeno per me.

Lupo1
pinoc

Bello ma a quei prezzi è a mio parere improponibile. Ci sono camper non eccessivi che offrono molto di più allo stesso prezzo. Anche con scooter al seguito per spostamenti in loco e soprattutto con il bagno!

Vash 3rr0r

E certo, sparano a caso, fanno un omicidio perché non apri. Il furto in Italia è un crimine di poco conto: chi vive di questo lo sa, il tentato omicidio e le lesioni no: davanti ai furti un giudice può anche lasciarti andare via, se ci sono lesioni o il tentato omicidio la galera te la fai sicuro. Per questo motivo a chi interessa rubare non perde tempo con te e fa prima a passare alla vittima successiva, magari di giorno mentre sei al mare con tutta la famiglia fuori dal camper. E non tiriamo di mezzo i tossici: se uno ha una pistola vera, se la vende prima ancora di voler rubare a tutti i costi un camper chiuso da dentro

Xylitolo

se vuoi fare tutto tu, dovresti fare il cambio d'uso in germania, oppure trovi pullman ed autobus già omologati come camper, basta reimmatricolare in italia senza nemmeno verifiche o prove, perchè è valida quella tedesca

Jaws 19
pollopopo
Aristarco

Dubito che lo stelvio o il gavia siano come il bronx e di camper da quasi 100k ne girano parecchi

Aristarco

Si, ma che siano nottate piacevoli è un altro discorso

Aristarco

Girerò il tuo nominativo a musk, sicuramente avrà qualcosa anche per te

Aristarco

Il flip 3 l'anno scorso

Lupo1
Raxien
ACTARUS
Portobello

sì sì, li ricopro di terra e la carta la brucio. Et voilà, il malloppo è scomparso!

MatitaNera

I ricchi vanno in hotel non con questa roba

Jaws 19
Jaws 19
Jaws 19

Hai speso 500€ e ti sei preso un pieghevole? Un Samsung, immagino.

Beh, io quest'anno ho dovuto sostituire il vecchio PC, ad Aprile ho speso poco più di 600€ (e questo grazie a ben due promozioni che si sono accavallate) ed al momento non ho intenzione di spendere grosse cifre per uno smartphone, anche se si trattasse di un pieghevole di ultima generazione.

O il dinero me lo passa Disqus o non se ne fa nulla. Così è deciso.

Jaws 19

Ricordati degli amici veri, quando li intascherai...

Ricordati di Jaws 19

ACTARUS
Jaws 19

A me ne arrivano a flotte. Tutte insieme. Sto soccombendo, stavolta vincono loro.

Jaws 19
pollopopo
Aristarco

Quindi odi i campeggi e i luoghi di vacanza?

Lupo1
Lupo1

Pitola puntata attraverso i vetri vedo come scendi!! Non sembrava difficile arrivarci...

Matteo Virgilio

Ma ti pare che ce lo siamo comprati? LOL

Matteo Virgilio

Ci sono moltissimi modelli di mini Van senza bagno e sulle strade se ne vedono un sacco, specialmente d'estate. A quanto pare la gente li compra, o li affitta, anche senza bagno. Sarebbe certamente un plus, ma io in tre giorni ho fatto tutto quel che dovevo e sono sopravvissuto, si può fare, basta organizzarsi.

LuPo

Qualunquismo per qualunquismo:

Ma se abbiamo ancora gli sfollati dell'Irpinia....

HeySiri

Poi quando li criticano per la bassa qualità si lamentano che non ci sono soldi e in qualche modo devono campare (campare=comprare van da 100k)

LuPo
Luca Rissi

Ma quale avventura che il 90% è parcheggiato due curve fuori dai paesi perché se la fanno sotto dalla paura! Ma per favore, li avete gli occhi per vedere? Comprano roba del genere e poi la parcheggiano davanti al ristorante, cenano spendendo quello che spenderebbero per una camera in albergo e poi attraversano la strada per dormire (MALE).

Luca Rissi

Non è sempre estate, inoltre nel cd “mondo la fuori” tutti, quando si puliscono il lato b dopo aver “creato”, lasciano la carta bianca e marrone per terra (che schifo, diranno, mica me la porto via). Mai buttato un occhio alle zone di sosta per la pipi sui sentieri battuti dai merenderos? Alla base degli alberi leggermente fuori traccia ci sono depositi di fazzolettini colorati di giallo perché le “signore” (gli uomini fanno tutto al volo) si ritengono schifate dalla propria pioggia dorata e non pensano nemmeno un secondo a portarsi via il fazzoletto in un sacchetto, lo regalano alla collettività. In sostanza gli esseri umani vanno arginati come scimmie.

Luca Rissi

I problemi che vedo sono 2: un furgone, cosi come qualunque altro mezzo, prende sole tutto il giorno e in estate questo lo trasformerà in un forno di lamiera per chi ci dormirà la notte. Non mi risulta vi sia alcun rimedio ( condizionatori a parte che non mi sembra siano adatti ad un furgone). Vedo foto di furgoni aperti in mezzo ai prati con tendalino, sedie, tavoli. Tutto questo può fare selvaggio e dare colore finché si tratta di mezzi che costano come una casa e vengono comprati, su larga scala, da percentuali minime. Immaginiamo però che esca un modello tipo maggiolino e lo possano comprare (quasi) tutti. Ecco, a me di vedere tendopoli improvvisate sui prati di zone semi incontaminate non starebbe AFFATTO bene.

Chri

carino il blog, fatta molto bene la parte delle spese per dare un idea dei costi. Non ho trovato una pagina in cui spieghi come vi mantenete, ok lavoro da remoto ma di che tipo? E quali sono i progetti per il futuro? ciao!

off

Ho fatto il Gavia solo una volta e con una vecchia Punto. Molto meglio fare il giro dalla Svizzera e rientrare da Tubre.

Gigiobis

Qualche bilo al sud, paesini spalmati sulla costa, piccini.

off

aspetto il VAN della Dacia! Intanto ho preso il Jogger che con un minimo di camperizzazione già da soddisfazioni.
Della serie "non lo faccio solo per la LIBERA' ma per la POVERTA'"

LuPo

Certo. Nel bosco, perché no. È comodo e naturale. Anche per fare la doccia. Fiumi, bosco... è il bello di questi mezzi.

Certo, non adatto a pottini abituati a guardare la TV e fare le vasche a Forte dei marmi. E comunque puoi fare anche quello volendo.
Si chiamano libertà e natira. Concetti abbastanza dimenticato mi sa...

mashiro84

Sì, certo. Se una cosa è valida e piace, quei soldi li vale tutti.
Il Carthago è meglio, molto meglio.

LuPo

Continuo a non capire tutta questa esigenza del bagno quando là fuori c'è il mondo.

LuPo

Veramente abbiamo fatto anche due settimane di sosta libera. Nessuna necessità di aree attrezzate se non in zone dove la sosta libera è oggettivamente impossibile o pericolosa.

Mark-

Con 100k mi prendo un Carthago

LuPo

Lo facciamo da anni. Libertà assoluta

Vash 3rr0r

Esistono dei sistemi meccanici di sicurezza per cui le porte non le apri in ogni caso quando ci dormi dentro.

Auto

Honda HR-V eHEV: spaziosa, pratica ed efficiente | Recensione e Video

Auto

10 auto elettriche interessanti con prezzi sotto i 35 mila euro

Auto

Mercedes C300 e, una wagon ibrida plug-in come si deve | Recensione e Video

Auto

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video