BMW promette una batteria allo stato solido per le auto elettriche entro il 2025

20 Aprile 2021 9

L'evoluzione delle batterie è fondamentale per spingere sulla diffusione delle auto elettriche. In particolare, si sta lavorando per migliorare la loro affidabilità, la densità energetica e la capacità di ricarica. In ottica futura, l'obiettivo è quello di arrivare a disporre delle batterie allo stato solido che sulla carta promettono di risolvere buona parte delle criticità degli odierni accumulatori. Di questa tecnologia ci sono stati tanti annunci con la promessa che nel giro di alcuni anni finalmente arriveranno i primi modelli dotati di questa soluzione. Vedremo se davvero sarà così. Nel frattempo, anche BWW ha iniziato a parlare di tale tecnologia di cui disporranno i suoi futuri modelli elettrici.

PRIMO PROTOTIPO NEL 2025

BMW ha annunciato la sua intenzione di realizzare una batteria allo stato solido. Un primo prototipo di auto dotato di questa soluzione sarà svelato, secondo il costruttore, ben prima del 2025. L'obiettivo è di introdurre questi accumulatori nella produzione di serie entro il 2030. Il costruttore ritiene che la densità energetica delle celle potrà aumentare sensibilmente utilizzando questa tecnologia (crescita media a due cifre).

Il marchio tedesco non è l'unico a scommettere sulle batterie allo stato solido. Volkswagen, per esempio, sta lavorando su questa tecnologia assieme a QuantumScape. Anche Toyota sta procedendo in questa direzione. In tutti i casi, però, ci vorranno ancora diversi anni prima di vedere effettivamente qualcosa di concreto. Non rimane che attendere per valutare i progressi di BMW in questo campo. Il sospetto, però, è che per vedere davvero le auto dotate di queste batterie l'attesa sarà molto lunga. Del resto, se per il 2025 il marchio tedesco conta di mostrare un primo prototipo non si capisce perché siano necessari poi ulteriori 5 anni per l'utilizzo di queste batterie sulle auto di serie.

Probabilmente, anche se la tecnologia sarà pronta tra quale anno, servirà poi diverso tempo per sperimentala su strada e per arrivare ad una completa affidabilità. Dubbi a cui si potrà avere una risposta solamente quando le batterie allo stato solido faranno il loro debutto all'interno dei primi prototipi dei costruttori. Nel frattempo, il marchio sta lavorando alla prossima generazione delle batterie che sarà presente sui modelli che debutteranno nel 2025. Si punta a migliorare la densità energetica e a ridurre i costi. Il costruttore sta valutando diversi formati di celle e una nuova chimica.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
LucaMW
Signor Rossi
Last

Dici che se lo diciamo a BMW fanno ancora in tempo a bloccare l'investimento?

Last

Confermo, non interessa a nessuno.

Signor Rossi
R_mzz

Ora si spera che Fiat - Leasys renda disponibili il prima possibile le colonnine di BlueTorino ad una tariffa sensata.
Attualmente è necessario un abbonamento mensile a BlueTorino + €4 l’ora per una misera 7 kW.
Si spera anche nell’interoperabilità con altri gestori.

Aristarco

a torino siamo sempre più avanti

R_mzz

Vorrei ricordare 2 mezzi con batteria allo stato solido, pionieri della mobilità elettrica, che ci hanno abbandonato di recente.
Bolloré Bluecar usate da Bluetorino con batterie allo stato solido LMP da 30 kWh.
https://uploads.disquscdn.c...
Ecopowertechnology Elfo con batteria Piombo Gel (ok, non sono esattamente allo stato solido) da 60,5 kWh con carica ad induzione, erano prodotti a Brescia, ma l’azienda è fallita
https://uploads.disquscdn.c...

DjMarvel

la tedesca più indietro che vive di promesse.

Auto

Kia XCeed Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi, risparmio e costi

Auto

Hyundai IONIQ 5: quanto costa e quando arriva in Italia | Video anteprima

Suv

Opel Grandland X Hybrid4, in pista da cross con un SUV Plug-in 4WD | Video

Auto

Volkswagen ID.4: consumi reali, autonomia, prezzo e prova su strada | Video