CATL presenta le nuove batterie cell-to-pack di terza generazione

24 Giugno 2022 37

CATL è uno dei più importanti produttori di batterie per auto elettriche e tra i suoi clienti ci sono realtà come Tesla e Mercedes. L'azienda cinese ha annunciato la terza generazione delle sue batterie dotate della tecnologia cell-to-pack. CATL stima per queste batterie un'autonomia di 1.000 km. La produzione e il lancio sul mercato sono previsti per il 2023.

AUMENTA LA DENSITÀ ENERGETICA

Secondo quanto raccontato, la batteria, chiamata Qilin (nome di una creatura leggendaria della mitologia cinese), dispone di un'efficienza di utilizzo del volume del 72%. Cioè, il 72% dell'accumulatore pronto per l'installazione è pieno di celle. A titolo di confronto, quando CATL ha introdotto la prima generazione della sua batteria cell-to-pack, l'efficienza in termini di utilizzo del volume era del 50%.

Più nel dettaglio, la densità energetica aumenta a 255 Wh/kg con celle del tipo NCM e 160 Wh/kg con celle LFP di nuova generazione. Questi risultati sono il frutto di un nuovo metodo di costruzione che ha permesso di migliorare la gestione degli spazi, consentendo un incremento del 6% della densità energetica.


Inoltre, la nuova batteria dispone di un nuovo ed avanzato sistema di raffreddamento a liquido delle celle che oltre ad occupare meno spazio aumenta di quattro volte l'area di scambio del calore. Grazie a questa migliore gestione termica, le nuove batterie di CATL potranno gestire meglio le ricariche ad alta potenza. CATL promette genericamente un tempo di 10 minuti per passare dal 10 all'80% della capacità dell'accumulatore.

Oltre alla maggiore densità di energia, le batterie cell-to-pack sono anche più semplici da costruire. Non essendo presenti i moduli è possibile eliminare il cablaggio aggiuntivo e utilizzare lo spazio aggiuntivo per inserire ulteriori celle a tutto vantaggio della densità energetica.

La società cinese non ha voluto menzionare i clienti che riceveranno questi nuovi accumulatori. Secondo Automotive News Europe, comunque, i primi a ricevere queste batterie saranno le startup cinesi Li Auto e Hozon New Energy Automobile. Tuttavia, non si può non pensare subito a Tesla che utilizza le batterie LFP di CATL che attualmente presentano una densità energetica di 125 Wh/kg. Se il costruttore americano decidesse di utilizzare le nuove batterie cell-to-pack di CATL con celle LFP, potrebbe arrivare ad offrire accumulatori con una densità energetica decisamente maggiore.

5G senza compromessi? Oppo Reno 4 Z è in offerta oggi su a 269 euro.

37

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Carlito

Scusa però se quello che hanno scritto è vero e hanno migliorato così tanto il thermal management da poter ricaricare in 10 minuti, con gli attuali HPC da 350kW significa poter immettere 58kWh nella batteria.
Tenendo presente delle perdite sono circa 53, sulla tua model 3 significa poter fare altri 300 km a velocità autostradale in 10 minuti.
Allo stesso tempo significa che con lo stesso numero di stalli puoi servire il doppio di auto in un ora

Oogway

So cos'è la curva di ricarica, so che auto diverse hanno curve diverse, so che se aumenti la potenza nominale non aumenta proporzionalmente la velocità di ricarica.
Ed è proprio alla luce di tutte queste problematiche che nel mio commento ho scritto che 10-80% in 10 min sarebbe una svolta. Non dico che credo cecamente a quanto dichiarato e bisognerà poi valutarlo nella realtà, ma se fosse vero sarebbe un progresso notevole.

nickmot

Un conto è un finanziamento,che finisci di pagare e via, un conto sono le formule con valore garantito, che hanno maxirata così alta per tenerti nel loop di pagamento continuo

Carlito

8 su 10 comprano l'auto non in contanti già ora, oramai non si compra manco più l'auto usata in contanti.
Il problema secondo me è sulle auto molto vecchie e gente al limite della povertà che in Italia sta aumentando

nickmot

Ok, quindi hanno proprio intenzione di non vendere più auto ma di legarti a vita con quei finti noleggi con maxi rata

Carlito

Sotto i 20k€ scordatelo, già ora di listino trovi solo segmenti b con motori benzina ultra ammortizzati.
Per esempio una C3 di listino la più scarsa costa 18k€, la diesel 21k€.
Se in futuro riescono a farne una da 25/26k€ è batteria da 55/56 kWh netti come la model 3 sr è già oro che cola.
Poi però va fatto anche un bilancio TCO dopo tot anni e quanti km annui si fanno

nickmot

Con una segmento B sotto i 20k e l'autonomia di una attuale model 3 long range, sarei a posto.

nickmot

Chiaro, ma già sapere che, teoricamente, potremmo avere anche utilitarie con autonomie decenti, è positivo.

aerdna

Io non è che seguo, io guido, una model 3 a essere precisi.
Tra l'altro non credo che tu sappia come varia la curva di ricarica alle colonnine, aumentando la potenza "nominale" del 40% (es da 250 a 350kw) non diminuiscono i tempi del 40%. 10-80% in 10 minuti precisi non riesci a meno di batterie da massimo 50kwh, manco con colonnine da 1mw, perchè tanto superato il 40-50% carichi molto più lentamente. Il tutto senza considerare che i supercharger non sono praticamente mai pieni proprio per via del numero di stalli, indipendentemente dalla potenza (150 o 250kw). Riprova.

Gianluigi

I numeri presentati hanno dell'incredibile, se si considera che si intendono densità al pacco e non alla cella. Se si pensa che catl è il primo produttore al mondo di batterie e che dichiara che saranno commerciali l'anno prossimo.... Wow.

Gianluigi

Direi anche 50kwh, abbassando ancora un po il prezzo. Dipende dalle esigenze di ognuno, ma potrebbe avere senso se viene implementata una ricarica rapida decente.

opt3ron

Ma se il problema della ricarica rapida è la dissipazione potrebbero fare delle pedane affianco alle colonnine con delle ventole per raffreddare le batterie tipo le basi per notebook con ventole integrate.

opt3ron

Hai ragione , 10 minuti ci possono stare e poi all' 80% non stressi neanche le batterie quindi è come fare il pieno perché con le elettriche non conviene caricare al 100%.

Oogway

E' la metà. Direi che non è poco.
In certe stazioni dove adesso si forma la coda nei periodi di vacanza, la coda sparirebbe, perché a parità di colonnine potrebbero ricaricare il doppio delle auto nello stesso tempo.
Chi segue un po' le elettriche lo capisce, tu non sapevi neanche quanto ci mette a caricare una Tesla, quindi è comprensibile che tu non sia entusiasta della notizia.

aerdna

Cioè per te passare da 20 a 10 min è una svolta. Ti droghi?

Oogway

No. Una Model 3 al supercharger fa 10-80% in più di 20 minuti.
Una Ioniq5/EV6 alle Ionity è leggermente più veloce. Ma nessuna ci mette 10 minuti.

aerdna

Esiste già sta roba. Si chiama supercharger.

Dario Perotti

Ah! Così me li ricordo meglio :)

Dario Perotti

Speriamo sia così.

Carlito

Comunque avendo quelle densità non credo proprio siano le celle NMC che vende adesso.
Anche con il 72% del volume e facendo la struttura super leggera significa che come minimo che a livello cella sono di gran lunga sopra i 300Wh/kg, quindi molto probabilmente sono celle con anodo di silicio

Patrizio Battemano

No, sanno solo copiare!

Carlito

Ci sono vantaggi e svantaggi, le cilindriche sono strutturalmente più stabili oltre ad essere più sicure però avevano il problema delle dimensioni ridotte.
Fare LFP cilindriche non conviene proprio perché sono di suo più sicure e facilemente si possno fare celle prismatiche di dimensioni molto grandi, vedi le blade di BYD.
Con le 4680 si riduce un po' il problema delle dimensioni

William
Oogway

Cavolo.. non sapevo fossero prismatiche. Se la tiravano tanto dei vantaggi delle celle cilindriche...
Anche sta cosa delle 4680 mi sa che finirà con avere risultati al di sotto delle aspettative.

giovanni

La tecnologia cinese ormai è avanti in tutti i settori.

Carlito

Tesla usa già le prismatiche LFP CATL nella Model 3 SR, più che altro bisogna vedere se può usare questo pacco o deve modificare la piattaforma.

Oogway

Che Tesla possa utilizzare questo Cell-to-pack mi sembra improbabile, visto che loro comprano le pile cilindriche e si assemblano per conto loro il pacco.

Oogway

10-80% in 10 minuti sarebbe una svolta. A quel punto la differenza con una termica sarebbe irrilevante. A patto che costruiscano più colonnine veloci ovviamente.

Carlito

Però se veramente hanno migliorato così tanto il thermal management da ricaricare in 10 minuti io e moltissimi altri si accontenterebbero di avere auto con batteria da 60kWh, se il prezzo è giusto.
Per esempio le LFP che costano meno con questo pacco si potrebbe arrivare ad avere segmenti B molto vicini ai 60kWh e prezzi 5000/6000€ in più della versione ICE.

Carlito

Scusa ma lol, sono le prime lettere degli elementi, le volevi più facili?
NickelMaganeseCobalto, NickelCobaltoAlluminio, LitioFerroFosfato(Phosphate)

Dario Perotti

Opsss mi sa che non stiamo apposto.

Dario Perotti

E finalmente stiamo a posto!

Dario Perotti

Ma dei nomi più pronunciabili non potevano proprio trovarli?

Carlito

Aspe', una cosa è dire che con questa tecnologia è molto più facile fare pacchi per fare 1000km(BTW ciclo cinese che devi moltiplicare per 0.8 per avere un valore WLTP) altro e fare auto con batterie per fare 1000km, perché poi è sempre il costo per kWh che conta di più.
Questi pacchi in teoria permetterebbero di mettere anche più di 80kWh(72% in efficienza densità volumetrica) su auto piccole ma se il costo al kWh rimane alto te lo scordi

Carlito

le celle che usano adesso.
Bene o male a livello automotive in questo momento ci sono tre tipi di celle usate, NMC, NCA e LFP poi ci sono prototipi ancora non in commercio di catodi NMx senza il cobalto.

Giulk since 71' Reload

Molto interessante, ma quali sarebbero le celle di tipo NCM?

Antsm90

1000Km di autonomia significherebbe 350Km in soli 5 minuti di ricarica, direi ottimo!
Ora servono solo le stazioni di ricarica all'interno dei distributori già esistenti

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video

Vita Vera con l'auto elettrica: ritorno al passato, in Umbria a Miataland con le MX-5

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video