Riciclo batterie auto elettriche: la grande sfida per i produttori

29 Dicembre 2020 15

Il riciclo delle batterie delle auto elettriche sarà la prossima grande sfida dei produttori. Infatti, il recupero di materiali come litio, cobalto, nichel e manganese diverrà ancora più importante in vista dell’incremento della domanda mondiale di accumulatori che si stima sarà nei prossimi anni 14 volte superiore rispetto al 2018. La crescita del settore delle auto elettriche causerà, infatti, un aumento esponenziale della domanda di batterie. Tutto questo significa che si amplierà in maniera importante la necessità del loro riciclo.

Secondo Erion Energy, il Consorzio del Sistema Erion dedicato ai Rifiuti di Pile e Accumulatori, se nel 2030 ci si ritroverà nella necessità di riciclare tutte le batterie delle auto elettriche immesse sul mercato sino al 2020, le aziende dovrebbero attrezzarsi per la raccolta e il trattamento di circa 28.000 tonnellate di rifiuti. E con l'aumento della richiesta degli accumulatori, come accennato all'inizio, efficienza delle risorse, approvvigionamento sostenibile delle materie prime e riciclo responsabile saranno le prossime sfide da vincere, secondo il consorzio.

Si tratta di problematiche che dovranno affrontare in primo luogo i produttori delle batterie che sono responsabili dell'intero ciclo di vita degli accumulatori. Proprio a livello di leggi, nell’ambito del Circular Economy Action Plan la Commissione Europea ha presentato la proposta di un nuovo regolamento che pur mantenendo inalterate le responsabilità dei produttori, prevede l'introduzione di standard minimi obbligatori di sostenibilità e sicurezza per tutte le batterie immesse sul mercato europeo.

Tra gli obiettivi primari della proposta c'è quello di evitare, o minimizzare, l’utilizzo di sostanze inquinanti privilegiando l'impiego di materiali riciclati per la costruzione delle nuove celle per gli accumulatori.

Si stima che entro il 2030 litio e cobalto serviranno rispettivamente in misura 80 e 50 volte superiore rispetto ad oggi. Si tratta di dati davvero notevoli se si considera l’attuale dipendenza dell’Europa dagli altri Paesi. Sono tuttavia materiali riciclabili a patto che si sviluppi una filiera nazionale ed Europea in chiave circolare per il riciclo e il riutilizzo delle batterie. Danilo Bonato, Direttore Generale di Erion Energy, commenta:

I vantaggi di una corretta gestione delle batterie sono rappresentati dalla conservazione delle risorse, ma anche da un aspetto di prevenzione. Un trattamento idoneo permette di evitare l’emissione nell’ambiente di sostanze pericolose. Il litio è molto reattivo all’aria e all’acqua poiché entrando in contatto con l’ossigeno genera prodotti tossici e come altri metalli è altamente infiammabile e a rischio esplosione. Alla luce di questo è fondamentale farci trovare pronti e preparati al cambiamento che coinvolgerà tutti gli attori: dall’industria, agli Stati, dalla ricerca agli addetti ai lavori del settore del riciclo.

La sfida non è banale. Sia perché una corretta gestione del riciclo e riuso delle batterie, intesa come la possibilità di dare una seconda vita alle celle al litio secondo i principi dell’economia circolare, necessita di un livello industriale che al momento l'Italia non ha (attualmente le batterie al litio finiscono per lo più in Germania, che comunque resta ancora molto lontana da Paesi come la Cina che da anni hanno investito in circuiti di recupero volti alla massimizzazione delle materie prime seconde), sia perché l'odierno sistema ha costi elevati, che solo un forte investimento sul fronte tecnologico potrà abbattere.

Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 169 euro oppure da ePrice a 283 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mirko

Gli manderemo la le elettriche vecchie come ora facciamo con i vecchi diesel.

Io? Quelle al piombo e nickel si riciclano al 100% senza problemi. Quelli al litio con tantissima energia.
1 kg di litio dall'Africa costa 10€, quello europeo riciclato mi sembra sui 50-100

R_mzz

Dai, non siamo messi male.
Sulla differenziata siamo tra i primi in Europa
https://www.repubblica.it/green-and-blue/2020/10/29/news/italia_prima_in_europa_nel_riciclo_dei_rifiuti-272184891/
Certo si può fare di più.
Ad esempio si potrebbero evitare le polemiche sugli inceneritori (in un certo senso sono una forma di energia rinnovabile).
Abbiamo visto la spazzatura restituita dal mare a Fiumicino, dobbiamo fare di più.

Non confondere Europa con Italia.
Solo perché in Italia le persone sono senza dignità, non significa che il resto dell'Europa lo sia. Il riciclo di metallo, elettronica e batterie é vicino al 100% nei paesi industrializzati. É solo agli Italiani che non frega niente se un bambino dovrà cercare altro cobalto nelle miniere (vedi statistiche di chi getta batterie nella spazzatura). Nei paesi nordici non gli verrebbe in mente a nessuno di gettare una batteria al litio da 3V nella spazzatura! Anche se piccola.

Chicco Bentivoglio
ghost

Non è importante quando si parla di ecologia si considera solo inquinamento "immediato" si parla dell'impatto pre produzione solo quando diventa ecologico anch'esso. XD

ghost

Ci metti 2 minuti non lo sapevi e la filiera è al 100% ecosostenibile

ghost

La vera sfida sarà averne abbastanza per muovere le auto elettriche di tutto il mondo se vogliono veramente sostituire il petrolio

Chicco Bentivoglio
Markk

La vera sfida è la ricerca su batterie nuove, che costa e in cui le aziende private multinazionali non vogliono spendere a sufficienza.

Alexv

Si risolverà con delle mega mazzette ai capi di governo africani.

Giorgio

Visto la lungimiranza del genere umano non nutro grosse aspettative

R_mzz

Il riciclo delle batterie può rivelarsi un opportunità per l'Europa.
L'Europa non deve perdere l'occasione di diventare leader mondiale nel riciclo delle batterie.
Come ben sappiamo alcune delle materie prime necessarie per produrre una batteria al litio non sono reperibili in Europa, l'Europa potrebbe compensare questo deficit recuperando le materie prime riciclando le vecchie batteria.
Recuperare queste materie prime dalle vecchie batterie è anche più economico dell'estrazione da una miniera.
Riciclare le batterie pertanto non è necessario solo per ragioni ambientali, ma anche economiche.

Ovviamente prima di arrivare al riciclo le batterie non adatte all'utilizzo sulle auto possono essere reimpiegate per lo storage energetico stazionario.
Da ricordare che tutti i produttori stanno cercando di eliminare completamente il cobalto.

fabbro

oggi gli articoli sembrano fatti apposta per seguire le discussioni, speriamo che i sognatori della vita infinita delle batterie leggano questo articolo.
Qui si occupano solo della vita post uso, andrebbe anche aperta una discussione su come si "producono" le risorse necessarie e l'impatto ambientale dell'estrazione di alcuni materiali

Incentivi auto 2021: tutto quello che c'è da sapere | Video

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Hyundai Kona Electric 2021, arriva il restyling: tutte le novità | Video

Vado a fare il pieno di idrogeno in Svizzera e (forse) torno | Video