Volkswagen IQ.DRIVE: il marchio degli ADAS debutta in Italia | VIDEO

01 Febbraio 2019 3

Dopo l'esordio in Germania nel mese di dicembre, IQ.DRIVE debutta anche in Italia, riunendo gli ADAS della gamma Volkswagen sotto un'unica sigla. IQ, come l'intelligenza artificiale che sta alla base dei dispositivi di assistenza del marchio, DRIVE perché interessano tutti gli aspetti della guida (in futuro anche di quella 100% autonoma). Così il Responsabile per le Vendite Jürgen Stackmann descrive la strategia del nuovo brand:

I nostri modelli sono già dotati di assistenti alla guida intelligenti che offrono comfort e sicurezza. Con IQ.DRIVE, accompagniamo i nostri Clienti verso la guida autonoma. In futuro, il tempo per muoversi a bordo di una Volkswagen sarà tempo per se stessi.

Per il nostro Paese, Volkswagen ha scelto di semplificare il processo di scelta degli ADAS per i propri clienti, proponendone molti di serie fin dall'allestimento base. Con IQ.DRIVE Pack, pacchetti dal prezzo compreso tra i 1.000 euro e i 1.900 euro a seconda dei modelli, il marchio tedesco punta a rendere più facile e conveniente la scelta degli ADAS più evoluti, dagli ausilii al parcheggio a quelli classificabili come guida autonoma di livello 2 | Speciale guida autonoma: nuovi livelli SAE e gli ADAS.

I pacchetti IQ.DRIVE, pensati per gli allestimenti intermedi di Polo, T-Roc, Golf, Tiguan, Touran e Sharan, propongono anche una caratterizzazione estetica dedicata, come i cerchi in lega Dublin, il badge IQ.DRIVE sul montante centrale, le calotte degli specchietti retrovisori esterni nere, i battitacco anteriori con il logo IQ.DRIVE, la pedaliera in acciaio spazzolato, i rivestimenti interni specifici e (a discrezione del cliente) il nuovo colore carrozzeria Petrol Blu metallizzato.

IQ.DRIVE: GLI ADAS MODELLO PER MODELLO
  • Polo: cruise control adattivo ACC, sistema di controllo dell’angolo cieco Blind Spot Detection, Mirror Pack, sensori di parcheggio Park Pilot (+ volante multifunzione rivestito in pelle)

  • T-Roc: Blind Spot Detection, assistente al parcheggio Park Assist (+ Mirror Pack)

  • Golf: sistema di controllo dell’angolo cieco Blind Spot Detection, assistente al mantenimento di corsia Lane Assist, Light Assist Mirror Pack e assistente al parcheggio Park Assist (con cambio DSG, include anche Emergency Assist e Traffic Jam Assist) (+ App Connect)

  • Tiguan: Park Assist, assistente al cambio di corsia Side Assist Plus (con cambio DSG, include anche Emergency Assist e Traffic Jam Assist)

  • Touran: Lane Assist, Light Assist, assistente al parcheggio Park Assist, Mirror Pack, assistente al cambio di corsia Side Assist Plus (con cambio DSG, include anche Emergency Assist e Traffic Jam Assist)

  • Sharan: Blind Spot Detection, assistente al parcheggio Park Assist

3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
antonio

Ma tra offrono e prezzo compreso non induce in inganno? Xché offrono sembrerebbe di serie...

Davide

Basta aspettare un anno e tutte queste cose saranno di serie grazie alla normativa UE.
Questo software poi potrà essere aggiornato? L'idea di avere un sistema di sicurezza che nasce e muore così com'è non è proprio bellissima da accettare.

Jon Snow

Vi informo che anche Polo gode di app connect

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada