Lamborghini Huracan, nuova immagine del facelift | FOTO LEAKED

07 Gennaio 2019 0

Lamborghini Huracan sarà sottoposta al restyling di metà carriera dopo quasi cinque anni dalla presentazione avvenuta al Salone di Ginevra 2014. Dopo le prime immagini pubblicate la settimana scorsa attraverso l'app per smartphone, la piattaforma digitale destinata ai clienti del costruttore di Sant'Agata Bolognese propone un'altra immagine della supercar del Toro.

Huracan Evo. Questa dovrebbe essere la denominazione ufficiale del modello aggiornato, la stessa utilizzata per la versione GT3 da corsa che debutterà a fine mese alla 24 Ore di Daytona coi team clienti. Spiata per la prima volta lo scorso settembre in versione Spyder, la vettura cambierà dal punto di vista stilistico e aerodinamico. Ma non solo.

La Huracan 2019 trarrà ispirazione dalla versione Performante e da essa riprenderà alcuni accorgimenti estetici e tecnici. Le modifiche più significative provengono dal retrotreno. I terminali di scarico sono stati spostati verso l'alto, sopra il diffusore, che ora gode di una nuova configurazione, mentre i gruppi ottici dovrebbero vantare nuove geometrie.

Fonti indicano che all'interno è previsto un grande schermo in stile Tesla nella console centrale che consentirà la rimozione di alcuni pulsanti fisici. Come già accaduto per l'Audi R8, l'aspirato 5.2 V10 dovrebbe essere potenziato di 10 CV sia sulla Huracan a trazione integrale che quella a trazione posteriore, per un totale di 620 (LP 620-4) e 590 CV (LP 590-2).


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Kia EV6: come è fatta e quanto costa? Dotazioni e prezzi in Italia | VIDEO

Elettriche

Sfide elettriche: da Milano a Roma con la Volkswagen ID.3 ricaricando gratis

Auto

Peugeot e-2008: prova su strada in centro città, i consumi e un difetto | Video

Auto

Mercedes e Aci insieme per la guida sicura: la mia esperienza con un minicorso