Il Giappone promuove lo sviluppo delle batterie allo stato solido

09 Maggio 2018 2

Il Giappone è intenzionato a conseguire il primato nella tecnologia delle batterie allo stato solido per alimentare i veicoli elettrici dei prossimi anni. Grazie al nuovo programma finanziato dal governo, il Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria investirà 1,6 miliardi di yen per Libtec, il Lithium Ion Battery Technology e l'Evaluation Center, enti che collaboreranno a stretto contatto con case automobilistiche come Honda, Nissan e Toyota per proseguire lo sviluppo di questa nuova tecnologia.

L'obiettivo di Libtec è quello di raddoppiare l'autonomia delle elettriche, puntando al valore intermedio di 550 km per il 2025 fino ad arrivare agli oltre 800 km entro il 2030, ma anche di ottimizzare le prestazioni delle batterie e i loro criteri di sicurezza. Nell'operazione rientrano anche GY Yuasa e Panasonic, che pochi mesi fa ha annunciato una partnership con Toyota per la realizzazione di batterie prismatiche.

Fino al 2013 il Giappone possedeva il primato delle batterie per automobili ricoprendo il 70% del mercato globale. Tuttavia, a seguito dell'ingresso di aziende cinesi e coreane, questa quota è calata progressivamente. E ora, grazie al nuovo programma di governo, lo scopo del Paese è quello di riposizionarsi al vertice del settore.

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12 è in offerta oggi su a 730 euro oppure da Unieuro a 789 euro.

2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Austrian school

esatto per avere una mobilità elettrica di massa occorre non solo avere batterie migliori come durata e capacità, ma anche un'infrastruttura elettrica e di ricarica adeguata. Questo secondo aspetto lo ritengo più difficile da raggiungere del primo.
CI vogliono potenze elettriche ben superiori a quelle delle attuali linee elettriche e centrali elettriche per sostenere i consumi elettrici da mobilità, quindi va completamente ripensata la rete elettrica delle varie nazioni dalla produzione alla distribuzione.

voodoonet

l'importanza è il resto del paese che implementi colonnine di ricarica ad ogni distributore con una ricarica di almeno 15 minuti per 250km allora ci sta e lo trovo anche giusto visto che molti guidatori si fanno tirate lunghe tirate senza mai fermarsi mettendo a repentaglio la propria vita e di altri. Io normalmente faccio almeno una sosta di 10/15minuti ogni 50km

Auto

Gomme invernali, quando si cambiano. Regole e sanzioni

Auto

Nuova Volkswagen Polo 2022: prova in anteprima, 1.0 benzina e metano | Video

Economia e mercato

Viaggio nella Turchia delle auto: quello che (forse) non sapete e perché serve saperlo

Auto

Dacia Spring: recensione, confronto consumi reali e test autonomia | Video