PSA svela la tecnologia ibrida plug-in | Dal 2019 un'ibrida o elettrica per ogni modello

21 Settembre 2018 35

A partire dal 2019, tutti i nuovi modelli di PSA potranno essere scelti con una versione ibrida plug-in o completamente elettrica. In totale, nel giro di due anni, il gruppo francese lancerà 15 nuovi modelli elettrificati: 8 nuovi ibride plug-in ricaricabili (tra cui DS 7 Crossback E-TENSE 4x4, Peugeot 3008, Peugeot 508 e 508 SW, Citroen C5 Aircross e Opel/Vauxhall Grandland X) e 7 nuovi modelli elettrici, incluso il nuovissimo DS 3 Crossback E-TENSE. Entro il 2025, infine, il 100% della gamma del Gruppo sarà elettrificata.

Quello delle ibride plug-in, in particolare, è un segmento in forte crescita in tutto il mondo: dai 3 milioni di veicoli venduti nel 2017, ci si aspetta un valore di 5 milioni a fine 2018, per arrivare a 13 milioni nel 2020. In totale, entro i 2040, le stime parlando di 280 milioni di veicoli elettrificati (plug-in o 100% elettrici), vale a dire il 14% del parco stimato in 2 miliardi di veicoli.

PSA si prepara all'offensiva ibrida con un investimento di circa 100 milioni di euro e una ricetta fatta di piattaforme modulari e siti di produzione flessibili. Da una parte, le due piattaforme CMP (per le piccole e alcune compatte) e EMP2 (dedicata ai modelli compatti e premium) sono progettate per accogliere già oggi, sulla stessa linea di produzione, powertrain termici, elettrici o ibridi, a due o quattro ruote motrici, e diverse carrozzerie. Dall'altra, gli impianti (Sochaux, Rennes, Eisenach e altri in futuro) si preparano per la produzione.

Ibrido plug-in: cos'è e come funziona

Un veicolo ibrido plug-in è in grado di spostarsi servendosi di due fonti di energia: da una parte un motore termico (a benzina o gasolio), dall'altra un'unità elettrica. L'elettrico viene alimentato da una batteria di dimensioni inferiori a quella presente sotto una vettura 100% elettrica, in quanto in questo caso l'autonomia garantita si aggira intorno ai 50 km con una ricarica (tutto dipende poi dalla capacità della batteria, dalla gestione energetica e soprattutto dalle dimensioni del veicolo.

L'auto ibrida plug-in può viaggiare dunque esclusivamente in elettrico per brevi distanze (PSA sostiene che il 50% degli automobilisti in Europa percorre in media tragitti di circa 15 km, dunque un'autonomia di 50 km è sufficiente per coprire ampiamente le esigenze di spostamento di un pendolare che percorre 30 km al giorno), offrendo però l'autonomia del motore termico per coprire distanze maggiori.

La batteria di veicolo ibrido plug-in si ricarica tramite una presa di corrente o una colonnina, tempi che variano da 1 ora e 45 minuti a 8 ore, a seconda della potenza erogata e della capacità della batteria. Come sulle ibride tradizionali (esempio la Toyota Prius), parte della ricarica può avvenire anche attraverso il recupero dell’energia in decelerazione o frenata, oppure sfruttando il motore termico (soluzione, questa, poco conveniente a livello energetico ma utile quando si è costretti a viaggiare in modalità elettrica, per esempio in una ZTL).

L'ibrido plug-in secondo PSA

L'ibrido plug-in sviluppato da PSA consente un'autonomia media fino a 50 km in modalità 100% elettrica, consumi inferiori fino al 40% rispetto ad un veicolo termico (si parla di 2 litri per 100 km in media) ed emissioni di CO2 inferiori a 49 grammi per km. Questi valori sono stati calcolati con il nuovo ciclo di omologazione WLTP.

In elettrico è possibile raggiungere i 135 km/h, con accelerazioni garantite dalla coppia istantanea dei motori elettrici. Con il sistema di recupero dell'energia (togliendo il piede dall’acceleratore o in frenata) è possibile invece recuperare in media il 10% di autonomia. Secondo le stime di PSA, un automobilista che percorre 20.000 km l'anno sarà in grado di coprirne circa la metà in modalità totalmente elettrica, ricaricando una volta al giorno la vettura.

Le future ibride plug-in sono inoltre già pronte per rispettare le normative Euro 6.3 (o Euro 6D, non TEMP), ovvero quelle in cui la tolleranza tra i valori misurati in laboratorio e quelli in condizioni reali scende al 50% (con Euro 6D TEMP è al 110%). Per saperne di più vi rimandiamo allo speciale Euro 6D TEMP.

Tra i vantaggi dell'ibrido plug-in, oltre naturalmente alla libertà di poter circolare in elettrico anche nelle ZTL o nelle LEZ (low emission zones) si annoverano inoltre prestazioni di tutto rispetto, che sui veicoli di PSA arrivano fino a 300 CV complessivi, anche con trazione integrale elettrificata (l'asse posteriore viene spinto dal motore elettrico, eliminando gli ingombranti collegamenti meccanici).


Sotto i cofani delle ibride plug-in di Citroen, DS, Opel, Peugeot e Vauxhall troveremo inizialmente due motori: la versione a quattro ruote motrici prevede la presenza del 1.6 turbo benzina PureTech da 200 CV, abinato a due motori elettrici da 80KW/110 CV con batteria da 13kWh (e potenza di 80 kW), il tutto gestito da un cambio automatico elettrificato a 8 rapporti. La potenza totale del sistema è superiore ai 300 CV.

La versione a due ruote motrici includerà invece lo stesso 1.6 ma con 180 CV, abbinato ad un solo motore elettrico 80KW/110 CV (alimentato da una batteria da 80KW e 12kWh) e a un cambio automatico elettrificato a 8 rapporti. La potenza totale, in questo caso, è di 225 CV: questo powertrain lo troveremo sotto il cofano della nuova Peugeot 508 ibrida (anche SW).

Per tutte le versioni è possibile selezionare alcune modalità di guida: ZEV (100% elettrica), ibrida (combina entrambi i motori), sportiva (sfrutta il motore elettrico per fornire maggiori prestazioni). Per la versione a quattro ruote motrici si aggiunge poi la modalità 4x4.

Accorgimenti tecnici

Per ottenere un'integrazione ottimale del sistema, è stato necessario adottare alcuni accorgimenti per quanto riguarda i metodi di assemblaggio e la forma di alcuni componenti, pur lasciando praticamente invariata l'abitabilità e l'accessibilità a bordo dei veicoli rispetto alle varianti a combustione interna.

Alcuni adattamenti sono stati realizzati per assicurare una compatibilità termica/ibrida per la presenza di elementi supplementari (batteria, motore elettrico, sistema di raffreddamento dedicato...), di componenti modificati (assale posteriore, serbatoio di carburante, impianto di scarico, guarnizioni posteriori...), oltre ad una struttura rinforzata per proteggere la batteria.

La batteria agli ioni di litio da 300V ad alta tensione viene posizionata posizionata sotto i sedili posteriori (la capacità varia, come già detto, da 12 a 13 kWh a seconda della destinazione 4x2 o 4x4), mentre il comparto sospensioni beneficia di un nuovo retrotreno a bracci multipli. Sulla versione 4x4, questo viene definito "retrotreno elettrificato", grazie alla presenza di un motore elettrico supplementare, un riduttore e un invertitore.

Presente poi un caricatore di bordo, che funge da interfaccia tra la presa di corrente e la batteria, permettendo di convertire l’energia fornita dalla rete di distribuzione elettrica (110-220CV) in corrente continua per ricaricare la batteria. La presa è posizionata sul fianco della vettura, simmetricamente rispetto allo sportellino del carburante.

Il processo di assemblaggio, grazie alla flessibilità delle piattaforme, avviene sulla stessa linea delle versioni termiche.

Oggi uno dei migliori acquisti nella fascia media? Huawei Mate 10 Pro, in offerta oggi da Tiger Shop a 374 euro oppure da Unieuro a 449 euro.

35

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Kratox

attualmente elettriche e plug in si vendono a rimessa. fondamentalmente ha senso fare poiattaforme aggiornabili, ma il plug in ORA su che macchina lo metti. sulla stelvio? fca non fa volumi su auto dove ha senso mettere il plug in adesso. non ha una golf a listino.

gaelom

Si, ok, ma la gente non ha bisogno di 300 cv per andare a lavorare e fare 50km al giorno. Queste dimostrazioni di forza devono finire, abbiamo bisogno di macchine NORMALI, dopotutto quanti vanno a lavoro con macchine da 300cv?

Tom Smith

Le specifiche sono quelle e di solito Tesla le rispetta. Vedremo meglio in futuro.

utente

Lo sai che hai scritto 40 mila mila, vero? :D

utente

Hanno fatto due elettriche e una plug in sportiva.

utente

1000 km di autonomia? Non ci credo.

Simone Facchetti

La stima parla solo di ibride plug-in ed elettriche: le ibride tradizionali e le mild-hybrid a 48V saranno molte di più (perché più abbordabili)

Desmond Hume

A me risulta che la golf e la UP elettriche siano in vendita... Di FCA cosa c'è in vendita di elettrico?
E non sono un vaggaro.

daniele

Mi sembra un ottimo progetto ma il 1.6 turbo è ancora quello origine bmw della mini? Non è un po' datato? Bmw l'ha già pensionato da mo

daniele

Non che vw abbia fatto di piu dall'alto dei loro miliardi di euro

Gianluca Cosentino

sarà possibile fare un impianto gpl aftermarket su una ibrida 4x4?

Jawdj Dijadj

"le stime parlando di 280 milioni di veicoli elettrificati, vale a dire il 14% del parco (auto)"
solo il 14%?! speravo molto di più, speravo di poter vedere città più pulite già nel decennio 2030

Kratox

FCA è alleata con Google. Sviluppare la tecbtecnol di questo articolo è robetta. Toyota ce l' ha da parecchio. Quando servirà basterà comprarla. Le auto plugin sono un veicolo di passaggio. Non ha senso portarsi dietro il motore e le batterie...doppii peso

di1188

Beh, "non servivano a niente"... recuperare il 50-55% dell'energia altrimenti dispersa in decelerazione ed utilizzarla attivamente in accelerazione non mi pare proprio "niente". Ovvio che non è la soluzione a tutti i mali, ma non esistono solo bianco e nero.
Benvengano le soluzioni più efficienti, ma non sputiamo aggratis su quanto (poco) fatto finora.

met

vabbè quella è ignoranza, se uno deve cambiare macchina si informa oppure si prende un bel diesel che da qui a pochi anni non varrà più nulla e subirà tutte le limitazioni del caso :D

Tom Smith

Già la Ferrari la ferrari ha il motore ibrido. È questione di poco ormai. Le supercar sono le migliori per testare le capacità e l'efficienza superiore degli elettrici. Guarda la futura tesla roadster: 2 secondi 0 a 100, 400+ km/h e 1000 km di autonomia che ti sogni con le supercar normali. Che senso avrà comprare una Ferrari a benzina nel 2050 se ti supererà in accelerazione anche una utilitaria elettrica.

Fabrizio

Tranquillo tranquillo..non bisogna per forza sbandierare tutto al vento

E' arrivata da oltre 18 anni ;)
Vuoi forse dire la tecnologia sta per rivoluzionarsi al limite. E' un campo dove si sperimenta tantissimo ancora.

Ci sono nuovi materiali per le batterie.
Stanno lavorando a batterie liquide, dove per fare il pieno cambi il liquido alla batteria e puoi ripartire con la batteria carica.
C'è l'idrogeno.
Ancora non sono riusciti a fare i super condensatori.

Insomma, di tecnologie da far evolvere ce ne sono tantissime ancora.

La Ferrari andrà a benzina anche tra 50 anni, poco ma sicuro! Non a diesel, non elettrica e non ad idrogeno! Al limite andrà con motore ibrido, ma un ibrido alla KERS.

Oppure la Prius Plug In che costa 35.000€ (diminuito da quanto la Hyundai ha cominciato a vendere la Ioniq). Fa i 50km fino a 135km/h come questa. Non arriva a 300cv però :P

In California ce l'hanno molti, ma pare che non tutti la ricaricano la batteria… Dicono che tanto con l'ibrido consumano talmente poco che non stanno lì a collegare la presa per caricare anche la batteria per l'elettrico :P

Eros Nardi

Mi sa che l'unica è Nissan 370Z: 328CV a 34'550€..
Ci sono altri modelli che si avvicinano ma sono sotto i 300 cv o si sfora il prezzo

Simone Facchetti

Corretto, 1.6 200 CV per la 4x4; 1.6 180 CV per la 4x2

F_Mulder

esiste già la Ioniq plug in che li fa e costa meno di 40000 euro

Tom Smith

Ormai la rivoluzione elettrica è arrivata. Tutti gli amanti del motore a scoppio potranno scavati un pozzo petrolifero in giardino e sperare

Michele Totaro

Con due ruote motrici c'è il 1.6 180 CV

albiuz

nell articolo viene indicato per 2 ruote motrici

Desmond Hume

nel frattempo in FCA https://uploads.disquscdn.c...

Simone Facchetti

1.6 da 200 CV

Simone Facchetti

No, il motore termico può essere utilizzato per ricaricare velocemente le batterie in assenza di colonnine o prese di ricarica. Lo si fa qualche km prima di entrare in città, in modo tale da arrivare nella ZTL con le batterie abbastanza cariche per poter fare lo switch alla modalità 100% elettrica.

Quante vetture trovi, con 300cv, a meno di 40.000€? Per curiosità, perché non me ne vengono in mente...

Eros Nardi

recupero dell’energia [...] sfruttando il motore termico (soluzione [...] utile quando si è costretti a viaggiare in modalità elettrica, per esempio in una ZTL)

Cioè non ho capito, se devo entrare in una ZTL viaggiando in elettrico posso lasciare il motore accesso con la scusa che devo ricaricare la batteria?

Chase

con calandra o senza?

gaelom

50km totalmente in elettrico mi basterebbero, sarebbe una bella cosa. Basta che non costa 40.000 mlla euro

suoko

Non capisco se sono serial hybrid o meno

albiuz

quale motore è abbinato alla trazione 4x4?

Speriamo in bene. Gli aborti che hanno presentato fino ad ora, con motori elettrici da 20-50cv non servivano a niente.

Però ci vuole ancora un po' di tempo... Vedo persino in questo blog, che pochi sanno la differenza tra ibrida, plug-in. E quasi nessuno sa la differenza tra stop&start, mild hybrid e fully hybrid. Figurarsi poi quando vedono una vettura che costa 15.000€ in più solo perché ci attaccano il nome "plug-in". Pensano subito che sia un termine per sostituire "premium" :P

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE