Mobilità autonoma, in Francia si lavora sulle prime leggi

09 Agosto 2018 17

La Francia è al lavoro per attuare le regolamentazioni necessarie alla circolazione dei veicoli a guida autonoma su strade pubbliche tra il 2020 e il 2022. A riportare la notizia è Automotive News, secondo cui il Presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha incaricato la funzionaria Anne-Marie Idrac di sviluppare una strategia nazionale per la mobilità autonoma.

Già entro il 2018 dovrebbero essere pronte le prime leggi che, una volta approvate, consentiranno la circolazione di veicoli a guida autonoma di Livello 3 e 4 (qui tutti i dettagli), che siano veicoli passeggeri privati, robotaxi o mezzi per le consegne senza conducente. Il piano permetterà di creare una regolamentazione nazionale per gestire le sperimentazioni e i progetti pilota, nonché questioni legate alla sicurezza informatica e alla privacy.

Il Governo francese metterà a disposizione 40 milioni di euro per finanziare nuovi progetti volti a testare la guida autonoma su strada, progetti che si aggiungeranno agli oltre 50 svolti in Francia a partire dal 2014.

Che la Francia sia un terreno fertile per lo sviluppo della guida autonoma lo dimostra la presenza di importanti realtà impegnate da diverso tempo nel settore, come Navya, startup con sede a Lione che vanta numerosi shuttle a guida autonoma in circolazione nelle diverse città del mondo che hanno accolto le sperimentazioni. Navya opera anche in Francia dal 2017, facendo circolare i propri shuttle su circuiti prestabiliti intorno a Parigi.

Importante è anche la partnership stretta da Groupe PSA con NuTonomy, che ha allestito una flotta di Peugeot 3008 con l'hardware necessario per circolare senza conducente a Singapore. Infine, anche Groupe Renault spinge per l'adozione della guida autonoma entro il 2022: il concept EZ-GO (e l'avvio di un servizio ride-sharing autonomo in Normandia) ne sono i primi esempi.

Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8 è in offerta oggi su a 479 euro oppure da ePrice a 653 euro.

17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giovanni Ubezio

Chi segue gli altri non arriva mai primo. È evidente l'isteria Europea nel primeggiare in qualcosa e dove tutti sono gran maestri di civiltà. In italia, rispetto a molti altri paesi, sopravvive il senso religioso e della famiglia. Dove forse c'è un po' meno solitudine, un po' meno alcolismo e un po' meno suicidi. Voi altri andate a inseguire morbosamente le auto elettriche, le piste ciclabili, i pub e i parchi Ikea. Benvenuti nell'eden.

Desmond Hume

beh a volte guidare è solamente uno stress specialmente in condizioni di traffico...

ale-ve

appena i tassisti sentiranno parlare di mobilità autonoma la francia verrà bloccata di nuovo e niente legge... altro che avanti!!

LucaP

Se la guida autonoma diventerà obbligatoria il piacere di guidare potrà essere appagato nei circuiti o in occasione dedicate. Sapessi quante cose che danno piacere sono vietate...se non altro questa gioverebbe alla sicurezza di tutti

finestre

Difficile, molti compreso me non rinunceranno al piacere di guidare forse sarà un optional quasi obbligatorio come l'ABS oggi

Luca Lindholm

Il mio discorso era più riferito agli aspetti economico-sociali, come detto sotto.

I francesi sono un popolo pressoché tutto unito, ci tengono all'immagine che danno all'estero di sé stessi.
Basti pensare che due anni fa, quando il Ministro dell'Economia Macron tentò di far passare la Loi Travaille, TUTTA la Francia si bloccò completamente per varie settimane!
Altro che gli scioperi di 4 ore in Italia (con mezzi garantiti negli orari di punta!)...
potremmo poi parlare della Costituzione, molto sentita in tutte le sue parti in Francia... quasi completamente ignorata in Italia.

Queste sono cose che costituiscono una discriminante fondamentale, se mi si permette.

Prima lo si capirà in Italia, meglio sarà.

SteDS

Nel frattempo in un articolo dedicato ad una eccellenza italiana Luca Lindholm o chi per lui commenta:
" ah che schif0 l'Italia, sempre indietro"

Il punto è che certo persone criticano a prescindere, la notizia cambia colore a seconda delle proprie convinzioni, capita così che in Italia non ci sarà mai nulla di buono, in Francia è sempre tutto bello e giusto.

Riguardo la Francia no, non sono d'accordo, l'autorevolezza di cui parli sotto si ottiene anche con un atteggiamento aggressivo e per nulla coerente, cosa che ha caratterizzato la politica estera francese in questi ultimi decenni, gli USA han fatto scuola, no?

Sulla questione dell'autocritica, l'Italia è il paese dell'autocritica per eccellenza, anzi di più, è il paese dell'auto-insulto. Forse intendevi autocritica costruttiva? allora si, siamo d'accordo.
Per vorrei farti notare anche un'altra cosa che probabilmente ti riguarda da vicino, alle ultime elezioni gli italiani hanno votato in massa 5 stelle (che non apprezzo particolarmente ma ammetto siano un elemento di rottura), non è stata anche quella una forma di autocritica?

Luca Lindholm

La loro autorevolezza se la sono guadagnata nel corso degli anni, sebbene nel corso della loro storia non manchino le defajance, come un po' in tutte le nazioni.

Ma se dobbiamo fare un confronto tra Francia e Italia a livello di sviluppo sociale ed economico, l'Italia ne esce con le ossa rotte... anzi, proprio non ne esce.

The Dark Master

Con le loro invasioni e al loro arroganza, la Francia non è un paese che da Italiano ammiro.

The Dark Master

Giusto!!! Perchè la gente vuole chattare, whatsappare, telefonare, farsi i selfie con la bocca da chiulo, farsi fare i chinotti e via dicendo! Basta guida!!!!

Luca Lindholm

Sempre avanti la Francia, sempre avanti.
Da Svedese, la ammiro.

In Italia, invece, non si è abituati a fare MAI autocritica su niente... in Italia è sempre tutto perfetto... poi però ci si lamenta che nulla va bene.

-.-

Astronium

Che cosa significa?

LucaP

bene , speriamo che la guida autonoma diventi in un prossimo futuro obbligatoria...

troublemaker (Matt)

CIAWA! che tristezza...

Bob

http://www. hdmotori. it/2018/05/09/guida-ricarica-auto-elettrica-connettori-ac-dc/

Balthasar ©

Premetto che sono ignorante in materia ma mi son sempre posto un dubbio. Le auto elettriche hanno tutte lo stesso "connettore"? Ed immagino che non funzionino tutte con gli stessi parametri elettrici (es voltaggio ecc), per cui una stazione di ricarica è universale o no?

CIAWA

Garrett

Io inizierei prima a uniformare e regolare la mobilità elettrica, dato che i mezzi non mancano ma non c'è una legislazione chiara per tutti

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini