Dacia Duster: motori e tecnologia della seconda generazione

24 Novembre 2017 4

La seconda generazione di Dacia Duster è pronta a sbarcare sul mercato: ecco tutti i dettagli del nuovo modello, tra motori e tecnologia utile per rendere la vita di tutti i giorni un po' più "Easy".

Design: robusto e più raffinato

La personalità forte di Dacia Duster, in rampa di lancio nella sua seconda generazione, non viene minimamente scalfita dal design rinnovato, che ammorbidisce alcuni spigoli nascondendo meglio alcuni segnali di economia produttiva (come le portiere con telaio a vista). In generale, il nuovo Duster non cambia molto, se non per le proporzioni più muscolose e robuste, date dallo spostamento in avanti di 100 mm del montante A.

Nuovi tocchi di stile impreziosiscono l'aspetto di Duster, come le luci diurne a LED a tre tratti che incorniciano i gruppi ottici anteriori, i fanali posteriori quadrangolari, le nervature profonde sul cofano o i cerchi in lega da 17" con finitura diamantata.

Interni: solidi ed ergonomici

Niente sul nuovo Duster fa pensare al lusso, ed è un bene perché chi compra Dacia cerca, piuttosto, una sensazione di robustezza, affidabilità e concretezza. E gli interni della Duster fanno proprio pensare a questo: sempre semplici e solidi, oggi vantano un look più moderno e dettagli più ergonomici, come lo schermo dell'infotainment più in alto di 7,4 cm (appena sotto le nuove bocchette circolari), una strumentazione più elegante e leggibile e sedili più comodi e rifiniti.

Nuovo è anche il piantone dello sterzo, ora regolabile in altezza e profondità, mentre i sedili offrono bracciolo e supporto lombare regolabili. Arrivano inoltre 3 poggiatesta posteriori a "virgola", che quando non vengono utilizzati non disturbano troppo la visuale in manovra. La plancetta ora accoglie delle nuove manopole con schermo integrato per il climatizzatore, mentre una serie di tasti a "pianoforte" costituisce l'accesso per le funzioni principali dell'auto.

Il MediaNav Evolution di Dacia è qui ulteriormente migliorato, pur mantenendo un'integrazione migliorabile con il design della plancia. Presente il sistema Multi View Camera che, grazie a quattro telecamere (una per lato) offre la massima visibilità in ogni manovra, mentre l'accesso con scheda Keyless renderà la chiave solo un ricordo.

Pratico e pronto a tutto

A proposito di praticità, Duster conferma le sue doti di auto da famiglia tuttofare: tanti sono i vani portaoggetti (27,2 litri in totale), mentre il bagagliaio offre 478 litri di capacità per la versione 2WD e 467 litri per la versione a trazione integrale. Abbattendo i sedili si arriva invece a 1.478 litri.

Praticità in un'auto da famiglia fa rima con comfort di guida: ecco quindi che in Dacia hanno curato particolarmente l'isolamento acustico nell'abitacolo, con nuovi materiali fonoassorbenti (in grado di filtrare il 50% dei rumori) e un vetro più spesso di 0,35 mm per i vetri anteriori e il parabrezza. Anche l'audio interno beneficia di queste migliorie, grazie a due nuovi speaker con diametro di 165 mm integrati nei pannelli porta anteriori. In più, come optional, ci sono due tweeter sulla plancia.

Grazie alle dimensioni ridotte (434 cm di lunghezza x 180 cm di larghezza) e agli angoli d'attacco di 30° e 34° (per la 4WD e per la 2WD), Dacia Duster è in grado di compiere un fuoristrada senza patemi d'animo, anche perché la carrozzeria è ben protetta da numerosi inserti in plastica grezza. A rendere Duster ancora più maneggevole e precisa ci pensa il nuovo servosterzo elettrico, mentre per la sicurezza in fuoristrada arriva in aiuto l'Hill Descent Control.

Motori: una garanzia

Sotto al cofano di nuovo Duster continuano ad essere presenti i più noti e collaudati motori del Gruppo Renault: per quanto riguarda i benzina rimane il 1.6 SCe da 115 CV (2WD e 4WD) e il 1.2 TCe turbo da 125 CV (2WD e 4WD), entrambi con cambio manuale. Per quanto riguarda i diesel, troviamo il 1.5 dCi da 90 CV (solo 2WD) e 110 CV (2WD e 4WD), con quest'ultimo disponibile anche con il cambio doppia frizione EDC (in abbinamento alla trazione anteriore). Continua ad essere disponibile la variante a GPL con il 1.6 SCe da 115 CV.

Infine, la sicurezza attiva: in Dacia hanno deciso di offrire solamente gli optional più richiesti dalla clientela in questo segmento, dunque troviamo il cruise control con limitatore di velocità (anche se non adattivo), il Blind Spot Warning (che sfrutta quattro radar per rilevare veicoli che provengono dagli angoli ciechi tra 30 e 140 km/h), il sistema di accensione automatica dei fari e l' ESP con Hill Holder.


4

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
flaviog7

Qualcuno sa se la radio DAB sarà presente sulla versione 2018?
Grazie

Desmond Hume

I concessionari in genere ne capiscono meno di nulla, son più esperti di finanziamenti che della dotazione dei propri prodotti.
Sulla vitara my2018 di sicuro c'è su youtube son presenti diversi video che mostrano carplay e android auto su vitara. Bisogna capire se il sistema dei modelli precedenti si può aggiornare per renderlo compatibile in tal senso.

Al concessionario bisogna andare solo per i test drive e quando si è certi dell'acquisto per finalizzare.
Se si girano i concessionari in cerca di informazioni si trovano delle capre pronti a dirti qualsiasi cosa pur di vendere.
Io potrei capire se il dipendente mediaworld non mi sa per filo e per segno le specifiche dei millemila telefoni presenti in vetrina ma che un concessionario ad esempio ufficiale renault mi assicuri che apple carplay è presente sulla clio quando non lo è mi fa girare assai le balle se non conosci le peculiarità del tuo modello più venduto anche perché sto acquistando un bene da 20mila euro non una caramella.

E ho fatto un esempio perché mi sono studiato vari modelli di auto di varie marche a cui ero interessato e potrei scriverci un libro sulle castronerie dette.

Castrum Ponzanello

perché nella vitara apple carplay e android auto ci sono perché a me il concessionario ha detto di no

Desmond Hume

Miraccomando non ditelo che sono assenti apple carplay e android auto.
Non vorrei che il signor Dacia abbia qualcosa da ridire.
Se volete un suv economico andate di Suzuki Vitara.

Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes