Antitrust UE, per BMW e il Gruppo Volkswagen multa da 875 milioni di euro

09 Luglio 2021 16

L'Antitrust europeo ha inflitto una multa complessiva di 875 milioni di euro al Gruppo Volkswagen (Volkswagen, Audi e Porsche) e a BMW per aver "violato le normative UE, ostacolando lo sviluppo e il pieno utilizzo delle tecnologie sul contenimento delle emissioni dei motori diesel". Si tratta della conclusione dell'inchiesta iniziata diverso tempo fa che doveva appurare l'esistenza di un presunto cartello delle case automobilistiche tedesche nato per prendere precise decisioni tecniche sull'utilizzo di alcune tecnologie per ridurre le emissioni inquinanti dei motori diesel.

L'INCHIESTA

Nell'inchiesta era coinvolto pure il Gruppo Daimler che, però, non è stato multato in quanto aveva denunciato l'esistenza del cartello. Dunque, le indagini hanno permesso di appurare l'effettiva esistenza di questo cartello e, per questo, l'Antitrust europeo ha deciso di erogare pesanti sanzioni per BMW e il Gruppo Volkswagen. Vale la pena di notare che la Casa di Monaco di Baviera ha fatto sapere che pagherà la sua parte di multa (373 milioni di euro), mentre il Gruppo Volkswagen (502 milioni di euro) sta valutando se intraprendere un'azione legale.

Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione Ue, ha commentato in questo modo la conclusione dell'inchiesta:

Le cinque case automobilistiche Daimler, Bmw, Volkswagen, Audi e Porsche possedevano la tecnologia per ridurre le emissioni nocive oltre quanto richiesto legalmente dagli standard di emissione Ue, ma hanno evitato di farsi concorrenza non usando appieno il potenziale di questa tecnologia per andare oltre quanto richiesto dalla legge.

Vestager evidenzia poi come il lavoro sulla riduzione sia importante per raggiungere gli obiettivi del Green Deal.

La concorrenza e l'innovazione nella gestione delle emissioni nel settore auto sono essenziali affinché l'Europa raggiunga gli ambiziosi obiettivi del Green Deal. E questa decisione dimostra che non esiteremo ad agire contro tutte le forme di condotta di cartello che mettono a repentaglio questo obiettivo.

Secondo quanto emerso, le case automobilistiche coinvolte avrebbero tenuto per anni riunioni tecniche regolari tra di loro per decidere l'utilizzo sulle vetture di alcune precise tecnologie atte alla riduzione delle emissioni (in particolare riguarda l'AdBlue e i convertitori catalitici Scr). Per esempio, era stato trovato un accordo sulle dimensioni dei serbatoi di AdBlue e sul consumo medio di AdBlue. Hanno anche scambiato informazioni commercialmente sensibili su questi elementi. Non volendo farsi concorrenza, i costruttori hanno limitato l'utilizzo e lo sviluppo di queste tecnologie.

Con questa condotta, i marchi avrebbero impedito ai consumatori di poter acquistare vetture più green.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Gianluigi
Super Rich Vintage

VW non ha mai collaborato con la giustizia, anche perché tutto quello che ha fatto è stato unicamente per migliorare il mondo. Il 13 luglio ci sarà la presentazione del nuovo piano elettrico per puntare alla supremazia. Dignità? Cos'è? Si può sempre comprare.

Gianluigi

"senza prove"?? Le prove le ha fornite VW stessa, che ha collaborato per avere uno sconto

Signor Rossi
Sepp0

L'Europa dovrebbe tutelare i cittadini, prima delle aziende. Ogni tanto vogliamo far pagare chi sbaglia? O sono tutti uguali ma qualcuno è più uguale degli altri?

Tra l'altro non fosse per l'indotto che purtroppo hanno anche in Italia, per me potrebbero fallire anche domani, non credo ci sia un costruttore di automobili in tutta la via Lattea che detesto quanto Gaswagen.

Aristarco

e vabbé forniranno altri

darkschneider

Nel senso che si forniscono da un sacco di fornitori italiani

Aristarco

nel senso che comprano barilla?

Super Rich Vintage

Bmw avrà già i soldi pronti in banca, Vw deve temporeggiare, adesso che ha perso la causa e deve dare almeno 3.300 a 63 mila clienti in Italia, la liquidità scarseggia.

Super Rich Vintage

Non pensare di non essere toccato, Vw ha le mani nella pasta qui in Italia.

DjMarvel

e bmw incolpevole pagherebbe tutto senza obiettare?

Aristarco

una golf sta arrivando nella tua attuale posizione per investirti e renderti storpio

Aristarco
se dovesse fallire porterebbe tutta la germania nell'oblio con sè.
Super Rich Vintage

Benvenuto nella blacklist Vw.

Super Rich Vintage

https://uploads.disquscdn.c...

Un colpo basso da parte di Mercedes tradire così la triade, tutti sapevano dell'esistenza del cartello. Condannare Vw e Bmw senza prove solo per quello che avrebbe riferito mercedes è inaccettabile da parte dell'Europa che dovrebbe tutelare i suoi costruttori. Il patto d'acciao per la quale tutti i marchi teutonici erano gasati è sciolto. La vendetta sarà inevitabile, Vw, Audi, Porsche torneranno nel mondo del motorsport, a Le Mans, in F1, nei rally per vincere tutto, agli altri resteranno solo le briciole. Il debito di Vw può essere anche il n°1 al mondo superando i 200 miliardi, ma Vw non può fallire, se dovesse fallire porterebbe tutto il mondo nell'oblio con sè.

Davide

Lieto della notizia.

Auto

Nuova Opel Astra, l'ibrida Plug-In sfida la Golf con 180 CV | Recensione e Video

Auto

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video

Elettriche

Hyundai IONIQ 5 RWD: prova consumi reali, quanto costa la ricarica e costo per 100 km

Auto

Renault Arkana E-TECH Hybrid 145: alla moda ed efficiente | Recensione e video