WeShare arriva ad Amburgo: per il car sharing 800 Volkswagen ID.3

23 Febbraio 2021 12

Il Gruppo Volkswagen espande la disponibilità del suo servizio di car sharing elettrico WeShare che arriva adesso nella città di Amburgo dove sarà effettivamente disponibile dal 25 febbraio. Il Gruppo tedesco conferma l'ambizioso obiettivo di riuscire ad offrire questo servizio di mobilità nelle principali città europee. Tuttavia, l'arrivo dell'emergenza sanitaria ha rallentato i piani di espansione. In origine, il debutto ad Amburgo era atteso circa un anno fa.

La flotta di auto sarà particolarmente ampia. WeShare metterà a disposizione complessivamente ben 800 Volkswagen ID.3 (400 subito per poi arrivare a 800 progressivamente). Nello specifico, il servizio di car sharing offrirà i modelli con pacco batteria da 58 kWh e autonomia sino a 420 Km (WLTP). Inoltre, il Gruppo Volkswagen sta installando all'interno della città appositi punti di ricarica in modo che le auto non vadano ad occupare le colonnine pubbliche.


Ma come funziona il servizio WeShare? Il tutto viene gestito da app e possono registrarsi tutti coloro che hanno almeno 21 anni e possiedono una patente valida all'interno dell'Unione Europea. Durante il viaggio vengono fatturati i minuti, ma sono possibili anche noleggi giornalieri per poter effettuare tragitti più lunghi. Chi si registrerà entro il 24 febbraio, un giorno prima del lancio, riceverà un credito bonus di 15 euro e le funzioni WeShare + gratis per un mese. Ci sono due tariffe: standard (senza pagamento mensile) e WeShare +, che prevede un canone di 9,90 euro al mese, ma l'utilizzo al minuto è meno costoso.

A Berlino, dove WeShare è disponibile con il suo servizio di car sharing elettrico dal 2019 ci sono già 100 mila utenti registrati, di cui il 90% attivo. WeShare mira a raggiungere un totale di 200.000 clienti registrati entro la fine del 2021, inclusi 50.000 nuovi clienti ad Amburgo. A Berlino per il servizio sono utilizzate prevalentemente le e-Golf. Philipp Reth, CEO di WeShare:

A causa della pandemia siamo purtroppo in grado di lanciare questa iniziativa ad Amburgo con un ritardo di circa un anno. Abbiamo registrato un calo dei noleggi di circa il 50% nel marzo 2020, nelle prime settimane dopo il lockdown. Durante quel periodo, non c'era praticamente nessuna richiesta. Ma le crisi offrono sempre anche delle opportunità. Abbiamo reagito prontamente al momento, ampliando temporaneamente a Berlino l'area coperta dal servizio e riducendo il prezzo durante la sosta a 5 centesimi di euro. Inoltre abbiamo distribuito voucher al personale dell'ospedale Charité, delle cliniche della Croce Rossa tedesca e di altre strutture di pronto intervento a Berlino.

VIDEO


12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
comatrix

Lo spero anch'io, cosicché finalmente se proporranno le elettriche con le stesse condizioni delle termiche, beh la scelta mi pare ovvia

R_mzz

LeasysGo è appena partito, probabilmente prima o poi introdurranno la classica tariffa al minuto.

Ora Fiat possiede anche le centinaia di colonnine di Bluetorino. Da diversi anni è possibile utilizzarle anche con la propria auto (pagando una tariffa folle, oltre ad un abbonamento mensile).
Purtroppo credo che queste colonnine non abbiano il classico connettore Type 2, ma Type 1 (usato in Nord America), quindi LeasysGo dovrà sostituirle.
Immagino che le nuove colonnine saranno liberamente utilizzabili dai privati.
Se tutto andrà bene Torino in pochi mesi potrebbe diventare una delle città italiane con più colonnine (spero).

comatrix

Ho fatto due calcoli, notato che innanzitutto funziona ad abbonamento, nel senso che si paga 20€ per 120 minuti (costo minuto 16cent circa), ma li ritirano in anticipo.
Invece con Car2go per esempio, non ci sono abbonamenti e paghi per il noleggio effettuato di volta in volta, ma il costo varia da 19 a 34 centesimi, a seconda della vettura che si noleggia.
Sono due tipologie diverse, ma preferisco quella di Car2go sinceramente, parlo a livello personale, perché non so quando utilizzo la vettura, certo l'abbonametno rimane, ma preferisco avere i soldi in tasca che metterli in un abonoamento laddove non sia necessario pagando di volta in volta

Immagina essere ad Amburgo col Galletto...
:D :D :D

R_mzz

Ultimamente a Torino Iren ha installato diverse colonnine (per il momento completamente gratuite).
Son d’accordo sul fatto che il comune debba collaborare, in particolare eliminando la burocrazia di troppo, ma magari anche con un piccolo contributo economico (~centinaia/mille € per colonnina).

C’era un progetto che prevedeva di installare una colonnina nelle vicinanze dell’abitazione dei proprietari e futuri proprietari di auto elettriche, ma non so che fine ha fatto.

comatrix

Innanzitutto ti ringrazio per l'informazione, in seguito ho notato che dal sito, le ricaricano loro quando sono scariche, ma credo che se le metti in carica tu forse diano qualcosa

Fabrizio

Certo anche la città deve fare la sua parte, Amburgo a livello di mobilità è messa leggermente meglio di Torino (non che ci volesse tanto)

R_mzz

Hanno acquisito Bluetorino a dicembre e gradualmente hanno ritirato le “Bluecar”.
Credo che Bluetorino sia completamente morto da una settimana, più o meno.
Le Bluecar avevano una particolare batteria allo stato solido che doveva essere mantenuta sempre in temperatura (circa 80°C).
Le nuove 500 elettriche hanno un autonomia superiore, non è necessitano tenerle costantemente sotto carica.
Probabilmente, come per enjoy e car2go, quando l’autonomia delle auto è bassa daranno un bonus ai clienti che le metteranno sotto carica.

comatrix

Da quando?
Ma più importante: dove le ricarichi allora?

R_mzz

BlueTorino non è più attivo.
Fiat (LeasysGo) ha acquisito BlueTorino ed attivato il nuovo car sharing con le 500 elettriche.
Ora non è obbligatorio parcheggiare nelle stazioni di ricarica

derapage

In effetti se non c'è una rete capillare di postazioni per parcheggiarla diventa come girare con li mezzi pubblici...

comatrix

Questa è una cosa bella, ma anche li sono imposte limitazioni del caso, nel senso che anche qui a Torino c'è il Car Sharing elettrico, ma le postazioni non sono sempre ovunque e vicine, quindi non le puoi parcheggiare sotto casa volendo ma si è obbligati a parcheggiarle nei posti adibiti per ricaricarle (come giusto che sia), ecco perché hanno meno appeal per il noleggio (infatti se ne vedono davvero poche in giro, mentre Car2go e Enjoy un fottio).
È sempre il solito vecchio discorso e tiritera, bella ma limitata almeno ad oggi...

Auto

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Curiosità

Apple Car, una storia infinita: cosa sappiamo finora | VIDEO

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video