Tesla non prevede ritardi nella costruzione della Gigafactory 4

13 Marzo 2020 3

Tesla non prevede ritardi nei lavori di costruzione della sua Gigafactory 4 in Germania nonostante i problemi causati dalla pandemia del Coronavirus. Addirittura, la cerimonia della posa della prima pietra dovrebbe svolgersi regolarmente durante il mese di aprile. Nella giornata di ieri era emersa la notizia che la società aveva deciso di richiamare 30 suoi dipendenti americani che avevano coordinato la costruzione della fabbrica presso l'area vicino a Berlino.

Questa decisione non dovrebbe influenzare in alcun modo i piani di realizzazione della Gigafactory 4 visto che i team americani e europei sono sempre in contatto tra loro e sono "interscambiabili". Non ci dovrebbero essere nemmeno rinvii per quanto riguarda le discussioni sulle obiezioni relative al progetto sollevate dagli ambientalisti. Un evento, in tal senso, si dovrebbe tenere regolarmente il prossimo 18 marzo. Tuttavia, a questo punto non è ben chiaro quali esponenti dell'azienda americana parteciperanno a questo importante incontro.


Sembra, quindi, che la pandemia non stia fermando i progetti di Elon Musk in Europa. Si ricorda, in tal senso, che se tutto andrà bene, l'azienda americana conta di avviare la produzione entro il luglio del 2021. All'interno di questa fabbrica saranno assemblate le Model Y. Inoltre, sarà aperto anche un centro di sviluppo e design. I piani di costruzione della Gigafactory 4 hanno sollevato parecchi dubbi da parte degli ambientalisti locali tanto che si sono più volte opposti anche sul fronte legale. Tutte le istanze, però, sono state al momento respinte.

Questa fabbrica, per Elon Musk, è molto importante perché permetterà di aumentare sensibilmente la capacità produttiva da dedicare al mercato europeo che è sempre più centrale per le strategie della società americana.


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tony Musone

Copioincollo da un mio precedente commento:

L'organizzazione ambientalista che ha intentato causa a Tesla, la VLAB (Association for Landscape Conservation and Species Protection in Bavaria), a quanto pare è "un'associazione fondata da avversari della transizione energetica. Il cui principale obiettivo è impedire l'installazione di turbine eoliche e sistemi fotovoltaici su spazi aperti in Germania."

Di contro promuoverebbero "le centrali elettriche a ciclo combinato a gas fossile e vapore, integrate da impianti a biogas, le quali dovrebbero trasportare l'approvvigionamento energetico "fino a quando non saranno sviluppate nuove forme di generazione di energia sostenibile e rispettosa dell'ambiente"."

"Il VLAB è membro della "Bundesinitiative Vernunftkraft eV", critica della rivoluzione energetica , che, secondo il direttore dello stato del Bund di Brandeburgo, Axel Kruschat, nega i cambiamenti climatici causati dall'uomo ."
https://de.wikipedia.org/wiki/Verein_f%C3%BCr_Landschaftspflege_und_Artenschutz_in_Bayern

quando un buon proposito diventa ossessione non può essere accontentato.
che io ricordi hanno gia detto che ripianteranno gli alberi

Federico

Esiste qualcosa che va bene agli ambientalisti? :)

Auto

La differenza tra kW e kWh e perché è importante | Guida auto elettriche

Auto

Fiat 500e elettrica 2020: caratteristiche, prezzi e i preordini | Video

Auto

Auto elettriche Italia 2020: modelli in commercio, prezzi e autonomia

Moto

Scooter elettrici 2020: guida completa, prezzi, incentivi elettrici e ricarica