5 cose che non sapete sulla sicurezza delle auto e sui crash test | Video

07 Novembre 2022 80

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Non capita spesso che un produttore apra le porte dei suoi impianti o dei suoi centri di Ricerca e Sviluppo o di test. Per questo mi ritengo molto fortunato ad essere stato fra i pochi che ha potuto visitare il Polygon Test Centre di Uhelnice, centro d'eccellenza (premiato nel 2020 con il Crash Laboratory of the Year) dove Skoda ha celebrato i 50 anni di crash test in Repubblica Ceca. Era il 1972, il Paese si chiamava Cecoslovacchia e la prima auto ad affrontare i test dell'epoca era la Skoda 100 L spinta a 48 km/h da un razzo a vapore contro un ostacolo fisso (tramite una rotaia che terminava cinque metri prima di un muro di cemento).

Si dice che il primo test fosse quello di una Skoda 1000 MB lanciata a 20 km/h contro un muro nel 1968, ma di questo non si hanno prove documentali. L'auto non sfruttava sistemi di propulsione esterna, ma si era agito sulla regolazione del carburatore per permetterle di raggiungere questa velocità al minimo.

Oggi il produttore ha un record personale: tutti i 15 nuovi modelli introdotti dal 2008 hanno sempre ottenuto le cinque stelle EuroNCAP e, nel 2021, la nuova Fabia e Enyaq iV sono state le più sicure nel segmento di appartenenza.

LA SICUREZZA COSTA

Negli anni il prezzo delle auto è aumentato notevolmente e, spesso, ci lamentiamo del fatto che la prima generazione, acquistata magari in giovane età, fosse molto meno costosa dell'ultima versione dello stesso modello acquistato dieci, venti o trent'anni dopo.

Quello su cui pochissimi, però, si soffermano è che la sicurezza (passiva ed attiva) ha fatto passi in avanti enormi. Oggi è sempre più difficile morire in auto, ma l'auto è diventata più sicura anche per gli utenti deboli della strada (pedoni, ciclisti, motociclisti, monopattini).

Oggi vogliamo tutti vedere le 5 stelle EuroNCAP e punteggi altissimi, ma non ci soffermiamo ad indagare su come si possano raggiungere questi risultati in test che diventano, anno dopo anno, sempre più rigidi e severi. Giusto per darvi un'ordine di grandezza, durante la fase di progettazione dell'auto (prima dei test ufficiali) un produttore come Skoda (e non è certo il solo) esegue circa 20.000 simulazioni al computer e un paio di centinaia di test fisici delle parti maggiormente coinvolte in caso di urto, e questo solo per determinare la sicurezza in caso di incidenti con pedoni.


Tutto questo significa che la vettura viene progettata, poi testata (digitalmente e realmente) e, se si scopre che qualcosa non va,si torna in progettazione cambiando i materiali o i disegni.

A quel punto, però, bisogna verificare che le modifiche non vadano ad impattare su aerodinamica, design o producibilità delle componenti in fabbrica, altrimenti aumenterebbero ulteriormente i costi. E questo ciclo continua finché non si raggiunge il risultato finale che assicura, nei test interni, il superamento delle prove omologative prima, e di sicurezza (EuroNCAP, Global NCAP ecc) dopo.

NON SIAMO TUTTI UGUALI

Un altro aspetto ignorato dai più riguarda quello dei test sui dummy, i "manichini" che simulano gli esseri umani e che permettono di studiare cosa succederebbe al nostro corpo in caso di incidente.

Nel corso degli anni si è passati da modelli molto semplici a modelli sempre più sofisticati e ricchi di sensori, tanto che oggi si spazia da cifre, IVA esclusa, che vanno dai 120.000 € a quasi mezzo milione di euro. Va notato che non è solo aumentato il numero dei sensori nei dummy e la loro verosimiglianza, ma sono aumentate anche le tipologie di fisico che questi manichini vanno a simulare.


Oggi esistono dummy in grado simulare la gran parte delle tipologie di fisico femminile ad esempio, oltre a quello maschile di varie taglie e a quello dei bambini che viene testato con gli adeguati sistemi di ritenuta, e quindi assicura la salvezza dei più piccoli solo se questi utilizzano un seggiolino adeguato alla loro taglia ed età (tema ben testimoniato da Filippo durante la sua visita al laboratorio di Cybex).

DOTAZIONE DI SERIE

L'Europa è uno dei Paesi più attenti in termini di sicurezza, l'obiettivo è raggiungere la mortalità zero a causa di incidenti stradali, e per farlo sono stati introdotti obblighi di sicurezza crescenti, imposti a tutti i produttori che vogliono entrare nel mercato del Vecchio Continente. Questo è uno dei principali motivi per cui tra la classica auto cinese "low cost" distribuita in Oriente e la stessa vettura commercializzata in Europa, ci sono importanti differenze di prezzo.

Non si tratta solo di ADAS, alcuni oggi obbligatori in UE, ma anche di come è ingegnerizzato il telaio e dei materiali utilizzati proprio perché i test Europei utilizzano soglie più alte.

A proposito di ADAS, infine, oggi in Europa le auto devono avere di serie il sistema anticollisione, Front Assist con frenata automatica d'emergenza, e il Lane Assist che avvisa in caso di uscita involontaria dalla corsia e aiuta a riportare il veicolo in carreggiata.


I produttori possono poi decidere di aggiungere funzionalità complementari ai requisiti minimi che includono anche tutti i controlli elettronici di trazione/ABS e gli airbag (sulle auto del marchio ceco ce ne sono almeno sei di serie, Octavia arriva a dieci). Skoda propone su tutta la gamma (di serie o in optional a seconda del modello), tutti i più evoluti livelli di sicurezza attiva e guida semi autonoma, un tempo riservati solo alle ammiraglie.

Tra questi c'è Travel Assistant con Cruise Control adattivo che può essere anche predittivo, la versione evoluta del monitoraggio della corsia (Adaptive Lane Assistant) che riconosce anche i lavori stradali, oppure sistemi preventivi come la protezione degli occupanti.

Quest'ultima è di serie su Octavia, Karoq, Kodiaq, Superb ed Enyaq iV e quando rileva una collisione imminente tende le cinture, chiude i finestrini e accende le luci d'emergenza.

QUESTIONE DI NUMERI

Impianti moderni come quello di Uhelnice, vicino a Mlada Boleslav, devono poter contare su numeri in grado di consentire un'ampia varietà di test. Polygon ha ampliato la struttura di test dai 50 metri originari a 100 metri, permettendo di lanciare i veicoli a velocità più costante così da non influire sulla posizione dei manichini.

Oggi la sala di arresto è lunga più di 180 metri e consente di lanciare due veicoli con peso totale fino a 3,5 tonnellate in avvicinamento frontale: si possono lanciare entrambi a massimo 65 km/h o uno singolo a 120 km/h. Attualmente le collisioni vengono simulate a 50 km/h.


L'impianto di test ospita poi nove manichini per adulti e quattro manichini per bambini utilizzati nei veicoli di prova e posizionati nell'abitacolo al millimetro tramite fotogrammetria statica che permette di avere il sedile sempre nella posizione corretta.

A vigilare sui test c'è una parete di misurazione per registrare le forze generate durante l'impatto oltre a 20 telecamere statiche e 30 telecamere HD ad alta velocità (conta più il numero di frame al secondo che la risoluzione) integrate durante i crash test. Recentemente è stato anche aggiunto un impianto di allagamento dei veicoli utilizzato in seguito ai crash test che coinvolgono i veicoli elettrici, come richiesto da normativa.

Parlando di numeri e tecnologie vanno menzionate le auto elettriche, soggette a crash test come tutte le vetture i crash test. In fase di progettazione, una vettura a batteria deve fare i conti con numeri della batteria di un ordine di grandezza maggiore rispetto alle auto tradizionali: la tensione è di 400/800 V a seconda della tecnologia impiegata. La batteria delle elettriche è incorporata nel pianale e i suoi moduli sono chiusi in un involucro resistente agli urti e impermeabile.

Completano la dotazione i relè di protezione e i sensori: in caso di incidente, i componenti elettrici vengono scollegati dalla batteria in pochi millisecondi e, da test indipendenti (inclusi alcuni estesi oltre ai requisiti legali), è stato dimostrato che la batteria è rimasta intatta anche a fronte di forti deformazioni della carrozzeria e il sistema di interruzione ha funzionato in tutte le collisioni.

CORPO FINTO, REAZIONI VERE

Oltre ai dummy, i test di sicurezza impiegano anche parti del corpo simulate da dispositivi anch'essi farciti di sensori. L'impianto di test Polygon di Uhelnice ha messo a disposizione alcuni dei principali, tra cui due sfere che simulano la testa (stessa dimensione, ma peso diverso a seconda che si tratti di adulti o bambini) e gli arti.

Nello specifico, le gambe utilizzate nei test si sono evolute durante il corso del tempo, partendo da modelli fissi che permettevano di analizzare i traumi ma non tenevano in considerazione le naturali articolazioni, a modelli più evoluti che oggi sono standard in Europa. In alcuni casi, come per esempio in India, la normativa permette ancora di utilizzare il modello precedente (quello blu nell'immagine qui sotto).


Entrambe le versioni vanno a valutare danni ai muscoli, ai tendini e alle ossa, ma anche in questo caso c'è stata un'importante evoluzione. Se i tendini versione "1.0" erano rappresentati da elementi in metallo dotati della stessa resistenza di quelli umani, la versione "2.0" sfrutta un potenziometro ed è più compatta a più precisa nel quantificare le forze generate durante l'impatto.

VIDEO


80

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
alex-b

Forse vivi nel burundi che ti devo dire. E ripeto, provatele le cose invece di disattivarle a prescindere e poi parlare e dire cose assolutamente non vere, perchè se tieni il volante l'auto fa quello che vuoi tu, se lo lasci, prova a evitare che tu faccia stupidaggini o ti salva da una distrazione.

Tizzy

Giro turistico nei dintorni con visita a Crotone perché uno della compagnia ha i suoi che ci abitano (nativamente parlando)

Cpt. Obvious

Non frequente?
L'eccezione sono le righe disegnate bene.
No, grazie non voglio nessun sistema non disabilitabile che possa rendere il comportamento dell'auto imprevedibile o diverso da quello che decido io.
Inoltre, se l'auto può fare quello che vuole il costruttore, pretendo che parte della RCA sia pagata da questo.

Rettore Università di Disqus

La domanda è che sei andato a fare a Crotone?

Rettore Università di Disqus

Fa un senso di terzo mondo che è una roba orrenda.

Ma è il terzo mondo...

Rettore Università di Disqus

Intanto occupi un posto in ospedale e oltre a toglierlo a qualcuno gravi pure economicamente sulla società.

Rettore Università di Disqus

No non siamo diventati minorati, semplicemente sono misure di sicurezza che aiutano a diminuire gli incidenti, che come potrai notare non sono pochi anzi.

Lettore espatriato

"...Tutto questo significa che la vettura viene progettata, poi testata (digitalmente e realmente) e, se si scopre che qualcosa non va,si torna in progettazione cambiando i materiali o i disegni.

A quel punto, però, bisogna verificare che le modifiche non vadano ad impattare su aerodinamica, design o producibilità delle componenti in fabbrica, altrimenti aumenterebbero ulteriormente i costi...."

Diciamo che oggi quasi tutto il processo di progettazione - 1° test - modifica - 2° test , si svolge a livello virtuale 3D , perchè il margine " di incertezza" tra reale e simulazione si è ridotto parecchio rispetto a 15-20 anni fà.
Motivo per cui il test nella realtá diventa spesso solo un metodo per "aggiustare il tiro" della prossima simulazione virtuale .

Per fortuna aggiungo , altrimenti sai che costo a rifare lo stampo di un'ossatura fiancata o di un montante , magari stampato a caldo ?

alex-b

Giusto, mettiamo le ruote della bici così sicuro starai super attento. Ci vogliono entrambe le cose alla guida. In una strada stretta che ci passano a stento due auto dubito si transiti in curva a oltre 70km/h, se lo fai c'è un altro problema.

Ngamer

io non abito in una metropoli e strane strette dove ci passano un po a fatica 2 macchine in doppio senso ce ne sono forse hai frainteso non sono contrario agli aiuti alla guida ma nella stramaggioranza dei casi basta essere attenti pero la sensazione è che questi aiuti abbassino il livello di attenzione del guidatore , tanto ti salvano loro ...

Tizzy

Ahimè! Ti devo dar ragione...
Spero che col tempo la situazione migliori!

rsMkII

E mangiate leggero

Alessandro De Filippo

Esatto di quella! Come nei film polizieschi italiani di quell' epoca

alex-b

Parli della giulia super, gli può somigliare come si somigliano le auto di una stessa epoca, ma sono molto diverse.

Alessandro De Filippo

Se guardi l Alfa della polizia anni 60/70... assomiglia parecchio!

stefano1

Su tute le auto metterei obbligatorio la frenata di emergenza assistita e anche il mantenimento della corsia.
Se tuute le auto avessero la frenata di emergenza,forse non si avrebbero tanti tamponamenti.

alex-b

è una skoda 100

alex-b

Evidentemente non hai capito il mio sarcasmo... è per dire che se guidi come si deve non ti darà alcun fastidio o pericolo. Ed è ora di finirla di fare i fenomeni che non hanno bisogno di aiuti alla guida, perché non sai mai quando uno di questi potrebbe salvarti. Ragionando come te andremmo ancora in giro senza abs, tanto solo un minorato non sa modulare la frenata no?

Poi dove credi che intervenga il controllo corsia se non in strade a più corsie come l'autostrada, sotto casa tua? Per tua conoscenza si attiva solo a velocità superiori ai 70-80 km/h.

Ngamer

io di persona non l ho ancora provato , pero siamo diventati tutti minorati nella guida per avere bisogno di assistenza alla guida?? penso sia utile in certe situazioni ma in altre se ne puo fare anche a meno e poi a me sembra che questi assistenti siano la scusa buona per distrarsi dalla guida , tanto cè l assistente che cosa vuoi che succeda?

Ngamer

non MAI usato il cellulare quando guido , siamo diventati tutti minorati che non riusciamo piu a guidare senza assistenti alla guida?? puo essere utile in autostrada per il resto posso farne a meno

alex-b
alex-b

Se per prima cosa lo disabiliti come fai a saperlo? devi guidare con una mano poggiata vagamente al volante e l'altra al cellulare? Io lo farei non disattivabile considerando quanta gente invade le corsie distratta o le cambia senza freccia. Una linea disegnata male è un'eventualità non frequente nella quale se tieni il volante non succede nulla.

eberg93

Questa è una delle più grandi baggianate che abbia mai letto. Quelli che dicono così credo lo dicano perchè lasciano la macchina guidare da sola praticamente, e non sanno stare sulla strada. Il lane assist non è che applica 2000nm di forza sul volante, è semplicemente un aiuto. Non ha la forza tale da riportarti di prepotenza al centro della corsia se una persona ha le mani sul volante COME DOVREBBE ESSERE. Sulla mia non l'ho mai disabilitato e non ho mai avuto problemi, anzi, è un validissimo assistente che aiuta costantemente. Nemmeno su altri veicoli avuto problemi, e ne provo a decine avendo in famiglia un'officina meccanica.

Giorgio

Finchè la gente guida tagliando le curve non è colpa del sistema, come al solito, gli incidenti sono per lo + errori umani.

T. P.

dai racconta!!! :)

T. P.

ehehehehe

21cole

Sarà che sono stato in zona Cefalù che è molto curata, però non ho visto né una cosa né l'altra

Alessandro De Filippo

Oh sembra l auto della polizia fine anni 60 l Alfa! (Parlo dell auto bianca)

Birra

e fate attività fisica

Ngamer

io invece la prima cosa che farò sarà di disabilitarlo è solo un fastidio ( per me )

Ansem The Seeker Of Lossless

Dipende dalle occasioni. A volte è comodo e a volte indifferente.
Una volta che ti abitui sai semplicemente che devi tenere un minimo il volante

alex-b

no bene che vada tiene in corsia quelli che dormono e invadono quelle adiacenti senza mettere la freccia. Io li obbligherei a bordo e non disattivabili, altroché.

HeySiri

Bentornato :)

Ciccillo73

Credo che con un corpo vero il test sia piu' attendibile...

Cingolini

Quella dove gli si conficcano le forbici in testa?

saetta

Io sapevo quella dei barbieri e airbag

Cingolini

Ok.
E' una scusa che uso per non dover cambiare auto dato che la mia non ce l'ha.

Cingolini

Ti rimane impressa come la pipa dentro alla bocca.

saetta

Ma no...

Cingolini

Ma quali donne si truccano mentre guidano?
Su dai è imposs... ops.

Cingolini

Non lo sapevo.
Per fortuna sono quasi 2 anni che non fumo più la pipa.

Cingolini

La cintura la mettono.
E' il telefonino il vero problema.

Cingolini

Secondo me in Russia lo fanno ancora.

Cingolini

State buoni se potete.

Cingolini

Quindi bene che vada è solo un impiccio in più che devi pure pagare.

Cingolini

Mi ha sempre fatto paura quella funzione.

Cingolini

Ma anche per testare le auto elettriche utilizzano un razzo a vapore?

alex-b

immagina cosa succede se ti stai truccando gli occhi... ti si conficca un bel matitozzo dentro. Ecco questa della pipa è alla stessa stregua.

Developer
Gianluca Parodi

Compimenti per l’articolo, molto interessante!

Auto

Mild Hybrid, Full Hybrid e Plug-in Hybrid: le differenze spiegate bene!

Auto

Polestar 2: prova su strada, l'elettrica che copia Tesla (e non è un male) | Video

Auto

Auto Plug-in: come funziona la tecnologia PHEV e cosa significa ibrida ricaricabile

Auto

Euro 7 ufficiale: lo stringente standard in vigore per le auto da luglio 2025