Mercedes dialoga con Volkswagen e BMW per una piattaforma software comune

26 Marzo 2020 26

Le piattaforme software rivestono un'importanza sempre maggiore nelle nuove auto connesse che possono fregiarsi di soluzioni sempre più avanzate. Tuttavia, sviluppare piattaforme del genere non è semplice ed i tempi sono molto stretti perché c'è Tesla che continua a godere di un forte vantaggio. Secondo quanto riporta Süddeutsche Zeitung, Mercedes e Volkswagen si sarebbero incontrate per discutere di una eventuale collaborazione per lo sviluppo di un sistema operativo in comune per le auto.

Un'intesa in tal senso sarebbe molto importante perché permetterebbe di sfruttare le competenze di entrambi i Gruppi per accelerare lo sviluppo di una piattaforma software per le auto connesse senza dimenticarsi del fatto che in questo modo si potrebbero abbattere i costi di sviluppo. Mercedes, però, sarebbe in trattative per un'alleanza simile anche con BMW. Difficile, però, che si arrivi a siglare una collaborazione a tre anche per problemi con l'Antitrust.

Mercedes, dunque, dovrà trovare un'intesa o con la Volkswagen o con la BMW. Per chi rimarrà escluso sarà un pesante svantaggio competitivo, soprattutto in ottica futura. La Volkswagen, in particolare, si trova in una situazione complicata e sarebbe la società che probabilmente beneficerebbe più di tutte di un'alleanza per lo sviluppo di una piattaforma software comune. Il costruttore tedesco ha promesso che inizierà le consegne della sua compatta elettrica ID.3 questa estate. Tuttavia, si sa anche che sta lavorando per risolvere alcuni problemi software di questa auto.

A quanto riporta la fonte, i problemi da risolvere sarebbero ancora molti e l'auto sarebbe ancora lontana dal poter essere pronta per il mercato. Ecco che un'alleanza aiuterebbe la Volkswagen a risolvere molti dei suoi problemi.


26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lo Stalin Di Turno

E' un incapace totale quel tipo oltre che un servetto degli Elkann, un fanboyello da strapazzo.

Tizio

Fiat aveva Magneti Marelli, che infatti, fra le altre cose, ha sviluppato il sistema della Giulia.
Magneti Marelli, che fa tanta componentistica e di alto livello (usata da BMW, Audi e GM), è stata venduta da FCA per 5,8 miliardi.
Stiamo parlando di un azienda strategica che fattura 7,9 miliardi l'anno.

Di fatto ora, per quanto possano personalizzare insieme a Chrysler lo uConnect, la base della nuova versione 5 gira su Android Automotive e non più custom made.

Magneti Marelli aveva anche già basi per la guida autonoma, invece ora ci si affiderà ad un azienda americana esterna per quella dopo il livello 3.

A me questa sembra una svendita, considerando valore e know-how, nonché un ulteriore penalizzazione durante questa svolta tech dell'auto.

Alex Li

Non leggo prima di rispondere.....
Continui ad usare il termine SVENDUTA .....e non è corretto. Uconnect5 è sviluppato negli Usa, sviluppato da FCA negli Usa,per essere usato sulle auto di tutto il gruppo in qualunque mercato prodotte e vendute.
La guida autonoma liv3 vedrà la sua applicazione sulle prossime Maserati restyling.
Per la 4/5 ci penserà Waimo quindi ......
La trazione integrale in FCA non è patrimonio esclusivo dellamericani

Tizio

Ha svenduto quella parte lì, la parte It; cosa che ho scritto e hai ribadito anche tu.
Ergo non leggi prima di rispondere.

E Magneti Marelli è stata venduta, cosa che ho scritto.
Partner perché, Fiat, come altre case, non sempre usa solo le aziende che ha in casa.
Ad esempio, mentre Magneti Marelli era ancora loro, usavano già lo uConnect.
Oppure, mentre PSA usava le loro radio, Fiat montava Blaupunkt.

Alex Li

Direi di averli letti.....
FCA è una società Italo americana controllata da EXOR ....quindi dire che " fiat ha svenduto agli americani " è sbagliato.
Hanno delegato lo sviluppo It a FCA Usa...punto
Per quanto riguarda MAGNETI MARELLI non era un partner ma una società controllata prima da Fiat, come continui a sostenere.....e poi da FCA ITALY che ultimamente l'ha venduta ad un fondo americano (KKR).
FCA ha a disposizione il livello 3 della guida autonoma sviluppato con BMW e altri....
FCA ha un accordo con Waimo per la guida autonoma quindi non vedo quali possano essere problemi o impedimenti per il futuro.

Tizio

I commenti però leggili per intero.
Ho risposto ad un utente per la questione IT ed ho detto che "quella parte è stata svenduta agli americani".
Fino a prova contraria, è Fiat che ha comprato Chrysler.

Ma se guardiamo il reparto IT, Fiat ha venduto il partner storico Magneti Marelli e da tempo usa lo uConnect di Chrysler.
Il nuovo uConnect è basato su Android Automotive e dalla presentazione dovrebbe essere montato anche su Alfa Romeo (che aveva un sistema custom made fatto da Magneti Marelli).
Vero che gli Adas di livello 2 più alcune sperimentazioni per le auto connesse vie 5g con Vodafone li hanno; ma la vera guida autonoma, è (per ora) lasciata a Waymo (proprietario ovviamente Google).

I partner quindi, del reparto IT, sono americani.

Alex Li

Per esempio .....
Fiat ha svenduto agli americani.........
Fiat è un brand FCA
Chrysler è un brand FCA
Direi che hanno spartito dei compiti all'interno della propria attività.

Tizio

Beh il sistema di navigazione dell'alfa dovrebbe essere stato progettato in Italia per loro, ma se non ho capito male, dagli articoli sjbparlava che lo uConnect 5 verrà utilizzato anche sulle Alfa.
Per la guida autonoma intendevo proprio quella di Waymo, di livello 4, in termini di Adas, quelli di livello 2, ci sta che vengano progettati anche in italia, visto che le piattaforme stanno comunque nascendo qui, tipo la Giorgio che verrà utilizzata pare anche da Jeep per la Grand Cherokee.

Fabrizio

Non è proprio così, non sempre quello che si legge sulle news corrisponde alla verità.
Sia per Infotainment che per ADAS / AD c'è ancora tanto lavoro fatto in Europa

Fabrizio

Non la penso così: ognuno fa il suo. Per l'infotainment, non serve reinventare la ruota, ma ha senso sfruttare qualcosa sulla quale ha lavorato gente più competente investendoci miliardi e alla quale la gente è abituata.
Per il cuore della piattaforma automotive è un'altra storia, in quel caso Google / Apple etc non ne sanno nulla, la tecnologia è in mano ai fornitori, dai quali gli OEM ha senso che si stacchino

GianTT

Mi riferivo a questo, i colossi IT americani stanno entrando su questo settore e potrebbero farci davvero male se gli lasciamo campo libero. E le nostre aziende da sole non hanno la capacità di reggere il confronto con colossi da centinaia di miliardi

Alexv

Tra l'altro fanno parte dello stesso gruppo.

Tizio

Ok, fai i complimenti alle mie fonti, ma le tue?
Così sono solo due commenti.

Sandruz

La parte sulla guida autonoma e dell'infotainment.
Nafta ed Emea collaborano al 100% e si dividono i compiti adeguatamente. Waymo? Un cliente e un progetto tra tanti ma non il più importante. Buona serata.

Tizio

Cosa ci sarebbe di sbagliato?

Sandruz

Complimenti per le tue attendibilissime fonti...

jacalm

Io non so voi ma uso Android auto e Apple carplay solo occasionalmente, preferisco il sistema dell'auto per molte cose, soprattutto perché mi permette di controllare più parametri come la temperatura dell'abitacolo e comunque non necessita di connessione via cavo o se wireless non consuma troppa batteria.

Sarò strano io, ma lo uso solo quando è realmente complesso trovare un indirizzo o voglio conoscere vie alternative via waze. Musica ecc la posso usare comunque dallo smartphone via Bluetooth e avere il controllo anche di Spotify.

ice.man

CI avevo pensato pure io
e cmq nessun antitrust puo vietare ai costruttori di creare una joint venture per realizzare un prodotto ad uso interno.

Tizio

Per l'antitrust c'è un buon precedente, ovvero Here Maps: per evitare di usare le mappe di Google, Audi, BMW e Mercedes si unirono per comprare Here Maps.

Tizio

Concordo, infatti Fiat ha totalmente svenduto quella parte agli americani.

La meccanica viene ingegnerizzata in Italia (ad esclusione della trazione integrale), come la nuova 500e e la futura 120, ma il sistema di infotainment e guida autonoma è in mano a Chrysler: il nuovo uconnect è totalmente basato su Android Automotive (che non è Android Auto) mentre il futuro della guida autonoma è lasciato alla collaborazione con Waymo.

Fabrizio

Penso che qui si parli di una piattaforma comune per l'elettronica del veicolo, dati i problemi emersi con VW e le difficoltà che avranno sicuramente trovato anche BMW e Daimler.
L'infotainment rimane la punta dell'iceberg, c'è ben altra complessità sotto. Tesla ha una marcia in più soprattutto perchè dipende molto meno dai fornitori e può cambiare le cose in modo molto più rapido

teo

È anche assurdo bloccare una cosa buona ... Avere una piattaforma comune

teo

Si parla di piattaforma software che gestisce la auto e per il futuro di guida autonoma ...

GianTT

Mi pare però stiano ragionando più in generale sui sistemi che permettono alle automobili di essere interconnesse, qualcosa di più generale. Se però intendi i vari Android Auto ed Apple Car, a maggior ragione un unione dovrebbe essere ben vista, non si può permettere all'Europa di restare fuori dal mercato. Anzi, magari dovrebbero favorire la partecipazione delle società francesci e italiane in un consorzio

daniele

Credo che potremo fare ben poco contando che il perno su cui si basa tutto è l'integrazione col sistema del tuo smartphone che è o Google o Apple. Ma spero di essere smentito

GianTT

Un blocco da parte dell'antitrust ad un'alleanza strategica dei costruttori tedeschi sarebbe assurdo, ci sono i più grandi colossi americani dell'IT che stanno entrando a gamba tesa nell'automotive, se gli europei non si difendono mettendosi insieme rischiamo di essere tagliati fuori da un mercato strategico fondamentale nel prossimo futuro dei trasporti

Auto

La differenza tra kW e kWh e perché è importante | Guida auto elettriche

Auto

Fiat 500e elettrica 2020: caratteristiche, prezzi e i preordini | Video

Auto

Auto elettriche Italia 2020: modelli in commercio, prezzi e autonomia

Moto

Scooter elettrici 2020: guida completa, prezzi, incentivi elettrici e ricarica