Guida autonoma, ex googler condannato a risarcire $179 Mln

05 Marzo 2020 14

Anthony Levandowski è un ex ingegnere che ha lavorato con Google agli albori del progetto di auto a guida autonoma, evoluto poi nell'azienda Waymo. A un certo punto Levandowski decise di passare a Uber, e lì iniziarono i suoi guai. È stato accusato di ben 33 capi di furto o tentato furto di proprietà intellettuale ai danni di Google, per un totale di oltre 14.000 documenti; nelle scorse ore un giudice gli ha ordinato di pagare a Google 179 milioni di dollari come risarcimento.

È possibile che Levandowski non dovrà tirare fuori il denaro di tasca propria. Nel suo contratto con Uber è stipulato che sarebbe stata proprio Uber a pagare qualora emergessero contenziosi di questo tipo. Nel dubbio, comunque, Levandowski ha dovuto fare richiesta di bancarotta, dicendo di possedere meno di 100 milioni di dollari in risorse finanziarie personali. Vale la pena precisare che a un certo punto Google versò all'ex dipendente un bonus una tantum del valore di 120 milioni. In ogni caso, questo specifico aspetto della questione dovrà essere risolto tra Levandowski e Uber.

Levandowski arriva in Google nel 2007 per lavorare a Google Street View mentre continua a dedicarsi ad altri progetti indipendenti nel campo della guida autonoma - in particolare sulla tecnologia LIDAR per la mappatura dell'ambiente. Abbandona Google nel 2016 per fondare Otto, che crea kit di guida autonoma da montare su camion di grandi dimensioni. Pochi mesi dopo, Otto viene acquisita da Uber, così Levandowski diventa il responsabile del progetto di guida autonoma presso la società di ride hailing. Si sospetta che l'ex Googler abbia manovrato per danneggiare il suo ex datore di lavoro con la complicità del fondatore di Uber Travis Kalanick, famoso proprio per la sua spregiudicatezza.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Forse è quello che non ha capito.

teo

Forse il finale un po' "incerto" ... In cambio vedi anche pubblicità, ma soprattutto gli dai tutti i tuoi dati della tua vita privata ... Che è diverso da guardare pubblicità

B!G Ph4Rm4

Perchè scusa dovresti poter usare google, gmail, android, maps, youtube e tutto il resto gratis? O fai un abbonamento o permetti l'uso dei tuoi dati a scopi pubblicitari, non è "tipo un lavoro", usufruisco dei loro (eccellenti) servizi e in cambio vedo (in realtà non la vedo nemmeno, però vabbe) la loro pubblicità.

Quindi tu non usi Google, Gmail, Android o un qualsiasi altro servizio? La pubblicità legata a siti come questo, Facebook, Instagram ecc...
Per non fornire informazioni a Google, dovresti avere un feature phone (solo con funzioni basilari) ed evitare di navigare in internet.

Account Anniversario

No wait, che? E chi sei te?

ingegnero spazzialo

Na strizzatina , come ciro mito mi hanno ribannato

Riccardo sacchetti

Basta avere le stesse competenze.

Account Anniversario

Vero, ma Google ha usato le sue palle per la partita stavolta.

B!G Ph4Rm4

Mmh, no, non credo

NEXUS

con tesla si ammazzano meglio

Garrett

Già lavori per google ..... ma gratis.

B!G Ph4Rm4

Me cojones voglio andarci a lavorare pure io da google

Garrett

Ci sta.
In Google non sono proprio dei santi....

ingegnero spazzialo

È un cognome che mi ricorda solo un grande giocatore di calcio

Auto

La differenza tra kW e kWh e perché è importante | Guida auto elettriche

Auto

Fiat 500e elettrica 2020: caratteristiche, prezzi e i preordini | Video

Auto

Auto elettriche Italia 2020: modelli in commercio, prezzi e autonomia

Moto

Scooter elettrici 2020: guida completa, prezzi, incentivi elettrici e ricarica