Stellantis rafforza la presenza in India

18 Maggio 2022 0

La “nuova” Stellantis guarda a Oriente. E lo fa mettendo al centro del suo obiettivo un Paese-Continente dai numeri (e dalle potenzialità) enormi come l’India. Lo ha ribadito nei giorni scorsi l’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ricordando come si tratti di un mercato chiave per la crescita in termini di volumi, ma anche come polo strategico per l’approvvigionamento. Una partita, quest’ultima, che sta ribadendo la sua centralità proprio in questi mesi così difficili dal punto di vista della fornitura globale. Da questi territori già adesso provengono contributi preziosi in termini di veicoli, componenti e tecnologie.

PIANI STRATEGICI E PIANI CHE SI UNISCONO

L’India peraltro rientra pienamente all’interno delle traiettorie tracciate dal piano strategico “Dare Forward 2030” che il Gruppo ha presentato nelle scorse settimane. Una volontà che si sposa con l’iniziativa del governo indiano (e del premier Narendra Modi) di attrattività per le aziende straniere ribattezzato “Make in India”. Ma non si tratta certo di una novità, visto che le forze che hanno dato vita a Stellantis, dal 2015, hanno investito oltre 1 miliardo di euro nelle loro attività operative in quel Paese.

INDIA COME PAESE STRATEGICO

Nel ribadire l’impegno a far crescere e rafforzare la presenza del Gruppo in India, lo stesso Tavares ha ribadito: “Sono orgoglioso dei nostri 2.500 dipendenti in India che ogni giorno lavorano per rendere Stellantis un player fondamentale offrendo soluzioni di mobilità pulite, sicure ed economicamente convenienti ai clienti indiani e creando i presupposti per il benessere delle nuove generazioni”. Stellantis gestisce sul territorio ben 3 stabilimenti di produzione (Ranjangaon, Hosur, Thiruvallur), un hub per le tecnologie connesse (Hyderabad), un centro software (Bengaluru) e due centri di ricerca e sviluppo a Chennai e Pune. Il Digital Hub in India è diventato una delle più grandi organizzazioni all’interno di Stellantis.

MOTORI, CAMBI, COMPONENTI E MODELLI

Secondo i progetti Stellantis, gli stabilimenti produttivi indiani diventeranno sempre più la fonte di approvvigionamento di motori, cambi e componenti per altri mercati globali. Attualmente l’India è anche l’unico Paese a ospitare la produzione di 4 modelli Jeep al di fuori del Nord America (Wrangler, Compass, Meridian e Grand Cherokee) e quella della Citroën C5 Aircross al di fuori della Francia. Nel 2022 sono previsti i lanci sul mercato locale di Jeep Meridian, Jeep Grand Cherokee e della nuova Citroën C3 progettata, sviluppata e fabbricata in India anche per l’esportazione in altri Paesi.

Il Samsung più equilibrato? Samsung Galaxy A52 5G, in offerta oggi da Bpm power a 275 euro oppure da Amazon a 392 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Mercedes C300 e, una wagon ibrida plug-in come si deve | Recensione e Video

Auto

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Guide

Guida all'acquisto di una bici elettrica da città, cosa guardare, quanto spendere e come non farsi fregare | Video

Auto

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video