Stellantis, al via la joint venture con Foxconn: nasce Mobile Drive

24 Agosto 2021 18

Foxconn Technology Group e la controllata FIH Mobile hanno annunciato di aver stipulato un accordo di join venture con Stellantis, la casa automobilistica nata a inizio anno dalla fusione tra Psa e Fca. Mobile Drive, la neonata società, sarà di proprietà di Stellantis e Foxconn in misura paritetica e il team di gestione sarà composto da dirigenti senior di ciascuna società.

Obiettivo di Mobile Drive, si legge in una nota, sarà quello di sviluppare e realizzare cruscotti "dirompenti e intelligenti" che "rivoluzioneranno le attuali convenzioni di progettazione e favoriranno lo sviluppo di veicoli intelligenti connessi". La firma di questo accordo per la realizzazione della joint venture è arrivato a distanza di circa tre mesi da quella del memorandum d’intesa (MOU).

La partnership, prosegue la nota, ha combinato le capacità nel campo ICT e smart solution di Foxconn, che ricordiamo per essere anche uno dei principali assemblatori di prodotti per Apple, con l’esperienza di Stellantis nel settore automobilistico.

Obiettivo di Mobile Drive sarà quello di sviluppare e realizzare cockpit digitali e servizi connessi

In un'ottica più ampia, Mobile Drive si concentrerà sullo sviluppo di soluzioni di infotainment e telematica, nonché di una piattaforma di servizi cloud. Le innovazioni software includeranno anche applicazioni basate sull’intelligenza artificiale, la navigazione, l’assistenza vocale, comunicazione 5G, le operazioni di store e-commerce e l’integrazione dei servizi di pagamento. Le innovazioni hardware, invece, saranno legate all'abitacolo intelligente e alla scatola telematica.

Attraverso lo scambio di proprietà intellettuali da parte delle sue entità fondatrici e l’integrazione verticale delle rispettive catene di fornitura, Mobile Drive sarà in grado di creare servizi digitali automobilistici leader del settore per ottenere un’esperienza utente senza interruzioni dentro e fuori il veicolo.

In futuro, conclude la nota, la soluzione di abitacolo intelligente non solo sarà disponibile per tutti i veicoli Stellantis, ma verrà offerta anche a produttori automobilistici di terze parti. La nuova joint venture avrà sede in Olanda e opererà come fornitore del settore automobilistico.


18

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vae Victis

L'hanno comprata i francesi e da ora in avanti tutti i modelli saranno francesi.
I marchi italiani saranno solo delle rimarchiature, come ad esempio si usa il marchio Seat per rimarchiare le VW e riuscire a venderne di più in Spagna.
Quindi l'Italia puoi anche smettere di menzionarla.

ally

una azienda di assemblaggio hw come foxconn avrà canali preferenziali per l'approvvigionamento della componentistica...

ally

foxconn produce device per decine di brand, una joint venture è altra cosa...

Sepp0

Perché poi non ci possono mangiare sopra vendendoti la stessa cosa al triplo del suo prezzo. Se la soluzione ipotetica nVidia aftermrket costa 500 euro, è difficile far digerire al consumatore la stessa di fabbrica venduta a 1500.

Qualsasi funzione di qualsiasi infotaiment di qualsiasi modello attuale può essere gestita in maniera fluida da qualsiasi processore+ram di uno smartphone attuale da 100 euro.

Signor Rossi
d4N

Mi chiedo perché creare da zero quando ci sono soluzioni come quelle di NVIDIA che mi sembrano già al top come prestazioni e risultati ...

Sepp0

Temo che l'unica cosa a venir rivoluzionata sarà nuovamente il costo finale per l'utente.

Cosa hai scritto? Sai cosa é una joinventure ed una integrazione verticale? Hai letto l’obiettivo della joinventure? Caxxo c’entra il rapporto Apple e Foxcon… ride pure… mah… e una joinventure.

Mario Rossi

te lo consiglio il software mercedes. su glc da 80k quando va bene ha la rotella che gira, senno va a scatti. per non parlare i comandi duplicati su volante, cruscotto e ponte centrale. con quell'inutile pad che non serve altro a cambiare le stazioni radio quando non ne hai nessuna intenzione basta sfiorarlo per sbaglio..

ACTARUS

Ottimi per finire fuoristrada

NEXUS

infatti gli apple non li fanno i cinesi

NEXUS

ma sw cinese cosa, HW è cinese

Nummepija

Non dimenticate che foxconn non ha certo problemi di liquidità e produce.
Una joint venture avvicina i colossi per aggredire in primo luogo questo settore e rafforzare la partnership in altri.
Quello che stellantis ha fatto in autonomia lo abbiamo visto fino ad ora, c'è bisogno di un cambio di passo se vogliono tentare di rimanere sul mercato.
Guardate tutti i vari cruscotti delle nuove elettriche in arrivo (non europee) e vedete la differenza già solo a una prima occhiata.
Se pure il sistema di pegeout è carino con quel finto 3d, comunque è poco reattivo e evoluto rispetto ai l'idea attuali di settore come Mercedes e tesla.

Pippo Gi

mi hai tolto le parole di bocca, è uno schifo. O forse non si trovano bravi programmatori da sfruttare in Italia?

Mah sempre peggio.
Software cinese in auto italiane… mah.

TalpaGamer99

Le fiat prodotte con tecnologia cinese e come al solito la sede è in Olanda, si vergognassero, almeno la chiamassero FICA, Fabbrica Italio-Cinese Automobili.

Ngamer

la crisi non durerà in eterno

Pippo Gi

voglio vedere come se la cavano con il problema dei semiconduttori carenti.

Auto

Recensione Tesla Model Y: la migliore, ma ha dei difetti | Video e confronto Model 3

Auto

Citroen C3 Aircross 2021: piccola ma pratica, nuova ma sente il peso degli anni

Elettriche

Salone dell'Auto di Monaco: ecco 3 concept interessanti (+ 1) | Video

Auto

IAA Mobility 2021: tutte le novità su auto, tecnologia e non solo | Live Blog