Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Stellantis punta sui furgoni Fuel Cell

01 Aprile 2021 11

Stellantis non sta lavorando solo su veicoli Plug-in ed elettrici ma pure su di una soluzione Fuel Cell che sarà utilizzata sui furgoni. Questa tecnologia è stata svelata all'interno di un mini evento che si è svolto in forma digitale visto il delicato momento sul fronte sanitario. Vediamo i principali dettagli.

TECNOLOGIA FUEL CELL

Non è stato ancora svelato il primo modello che disporrà del nuovo sistema a celle combustibile sviluppato da Stellantis. In ogni caso, poggerà sulla medesima piattaforma già utilizzata dai furgoni elettrici del Gruppo come il Peugeot e-Expert. Lo sviluppo di questa tecnologia è stato portato avanti dal centro di ricerca e sviluppo di Opel con il contributo di Peugeot, Citroen, Faurecia e Symbio. A quanto si apprende, i primi furgoni Fuel Cell dovrebbero debuttare prima della fine del 2021. Si dovrebbe partire dalla Francia e dalla Germania.

Secondo quanto riferito, sul fronte tecnico, abbiamo un sistema Fuel Cell da 45 kW, 3 serbatoi di idrogeno da 4,4 kg complessivi e una batteria da 10,5 kWh con potenza massima di 90 kW. Il motore elettrico dispone di 100 kW. Secondo Stellantis, questo powertrain potrà contare su di un'autonomia complessiva di almeno 400 km con la possibilità di effettuare un pieno di idrogeno in appena 3-4 minuti. La batteria può essere ricaricata a parte come in tutti i veicoli elettrici.

Lo schema di funzionamento della tecnologia sviluppata da Stellantis prevede che il motore elettrico sfrutti la sola batteria nelle fasi di partenza o a basse velocità. Il sistema Fuel Cell interviene per fornire energia quando il furgone ha raggiunto una velocità di crociera. Nel caso servissero prestazioni più brillanti, come quando si richiede la massima accelerazione, batteria e celle a combustibile possono lavorare insieme per fornire energia. Nel caso l'idrogeno finisse, il furgone potrà proseguire utilizzando l'energia presente all'interno dell'accumulatore. I furgoni saranno dottati di un sistema che permette il recupero dell'energia durante le fasi di decelerazione.

L'architettura scelta da Stellantis permette di salvaguardare lo spazio a bordo e soprattutto la capacità di carico. Quanto presentato dal Gruppo automobilistico è sicuramente interessante perché permette di disporre di una buona autonomia e della possibilità di poter fare un pieno di idrogeno in pochi minuti. Visto che parliamo di veicoli commerciali, si tratta di vantaggi importanti visto che con l'attuale tecnologia delle batterie, un rifornimento di energia richiede molto più tempo. Tuttavia, tale soluzione va a sbattere con il problema dell'infrastruttura di rifornimento di idrogeno la cui diffusione è molto scarsa. Il successo di questi veicoli dipenderà essenzialmente proprio dalla possibilità di poter accedere ad un'ampia rete di rifornimento.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Arale's Poopoo

Stellantis é anche Fiat peró. ;)

Arale's Poopoo

Le batterie vanno bene per l'uso in cittá, mentre il fuel cell é piú adeguato ai viaggi lunghi.

L'ideale sarebbe fare una sorta "ibride plug in": batteria con 60/70km in automoia da ricaricare alla presa per la cittá, e fuel cell + ricarica alla presa durante le soste per i viaggi lunghi e il trasporto su ruota.

In questo modo cerchi di sfruttare il meglio dei due mondi minimizzandone gli svantaggi (peso, tempo di ricarica e metalli rari per le batterie, bassa efficienza energetica per il fuel cell).

Vae Victis

Tutti ormai hanno capito che le batterie hanno fallito e disatteso tutte le promesse.
Continuo a pensare la soluzione vincente saranno i carburanti rinnovabili, ma in taluni settori ci sarà spazio anche per l'idrogeno.

Andrea bortolin

Parole sante...

Mauro B

Senza parlare dell'inefficienza della produzione di idrogeno, il problema è che non può essere trasportato come l'elettricità o il metano... Poi sopraggiunge il problema dello stoccaggio.

Uno dei grandissimi vantaggi dell'elettrico è prorpio che il carburante non va raffinato e trasportato su gomma ad ogni distributore.

antoniolion94

come mai?

Mauro B

Tanti si fanno imbambolare dal pieno in 3 minuti ma la verità è che con l'idrogeno, com'è oggi, andremmo a complicarci tantissimo la vita.

Signor Rossi
*Er_Mellino*

E fanno bene.
Altrimenti chi comprerebbe o userebbe i loro prodotti.

*Er_Mellino*

Questa notizia invece e' vera?

R_mzz

Soltanto marketing

Auto

Xiaomi SU7 Max, la supercar elettrica in mostra al MWC di Barcellona | Video

Auto

Renault 5 E-TECH Electric: elettrica a meno di 25.000€... con l'asterisco | Video

Auto

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025