Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Stellantis, 7 modelli sulla piattaforma Smart Car. Anche la nuova Panda?

18 Ottobre 2023 28

Ieri, Citroen ha portato al debutto la nuova elettrica e-C3 proposta ad un prezzo di partenza di meno di 25 mila euro. Questa vettura poggia sulla piattaforma "Smart Car" di Stellantis, derivata dalla piattaforma CMP di PSA e progettata espressamente per consentire di poter realizzare modelli elettrici a prezzi accessibili. L'obiettivo è quello di poter così fronteggiare anche la crescente offerta delle "piccole" vetture a batteria dei marchi cinesi (il 90% dei fornitori della piattaforma ha sede nei Paesi a "basso costo"). La piattaforma, comunque, consente anche di poter realizzare vetture endotermiche.

Sebbene, nel tempo, tutti i marchi del Gruppo automobilistico andranno ad utilizzare le nuove piattaforme STLA Small, STLA Medium, STLA Large e STLA Frame, la piattaforma Smart Car, frutto dell'esperienza acquisita nello sviluppo di vetture per i mercati emergenti, rivestirà un ruolo importante in futuro.


Infatti, Renaud Tourte, responsabile della piattaforma Smart Car, ha raccontato che, complessivamente, saranno realizzati circa 7 modelli su questa piattaforma. Per esempio, il prossimo anno sarà la volta della nuova C3 Aircross che, probabilmente, viste le caratteristiche della piattaforma, sarà offerta sia in versione endotermica e sia elettrica. Inoltre, arriveranno nuovi modelli per almeno due marchi, uno dei quali probabilmente Fiat.

La piattaforma Smart Car sarà la base della futura Panda? Al momento della presentazione della Citroen e-C3, la sensazione era che il futuro modello Fiat avrebbe avuto molto da spartire con quello francese. Effettivamente, Renaud Tourte, alla domanda se la nuova Fiat Panda, attesa intorno alla metà del 2024, sarà uno dei modelli basati sulla piattaforma Smart Car, ha risposto così:

Non è del tutto sciocco pensarlo.

La piattaforma è in fase di industrializzazione nell'impianto slovacco di Trnava ma stando a quanto racconta Stellantis, potrebbe arrivare anche in altri impianti.


28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Li

Qualche esempio di difetti evidenti?

teo

Quindi che da BMW non ci aspettano problemi del genere, mentre per Citroen sono ricorrenti.
E ti parlo di un parco macchine aziendale molto ampio.
Per esempio le 308 e 2008 2022/2023 mai un problema a nessuno fino adesso.
2 Citroen problemi pe entrambi.
Cmq stamattina la novità il problema è che sulle c4 è installato il nuovo software e il concessionario non sa metterci le mani devono attendere il lavoro da remoto dalla casa

lucas

E quindi?

Sagitt

Motivo per cui quello che dici ha poso senso, è una normale piattaforma condivisa per utilitarie.

lucas

Appunto ogni compromesso in quella fascia di prezzo porta a difetti molto evidenti. Inoltre i volumi di vendita sono ben diversi, per cui se una sportiva ha un problema a parte essertela cercata, coinvolge un numero molto minore di utenti.

lucas

Ma non era quello che intendevo. Che sia una piattaforma più economica lo dice stellantis, per rendere più accessibili le elettriche. Ho aggiunto che avendo esigenze diverse elettriche e termiche, siccome nelle segmento B la coperta è davvero corta è tutta questione di bilanciamento. E se io fossi stellantis punterei sull'elettrico dato che sarà vendibile più a lungo, lasciando tutti i compromessi alla versione termica.
Se consideriamo poi che in quella fascia di prezzo ogni euro si sente molto, basti pensare alla differenza tra abissale tra le segmento B e C secondo me questa nuova C3 rischia di essere un po' una scatoletta. Sebbene abbia altri vantaggi, ma già a fare 100km mostrerà tutti i limiti.

Funz

quanto costa una famigliare oggi?
Ecco.

Sagitt

Pure un mio collega con la bmw, quindi?

Sagitt

Stai parlando di citycar non di sportive

GianL

Secondo me è un po' riduttivo vedere una piattaforma elettrica solo come un modo per fare economia nel senso negativo del termine.

Trovo sia giusto una piattaforma specifica perché, questo è vero, le auto elettriche sono costruttivamente più semplici (no differenziali, no semiassi) con peculiarità proprie (diversa distribuzione dei pesi, ricerca aereodinamica estrema) che giustificano investimenti specifici in questa nicchia, per ora, di mercato.

Giulk since 71' Reload

Il cavallo comunque potrebbe essere una buona alternativa ecologica xD

R4gerino

Forse costa meno in strada perche mangiano la spazzatura.

lucas

Dipende, hai la stalla o li attacchi in strada?

cuccuruccu

Ma hai idea di quanto costa mantenere 2 cavalli?

MatitaNera

Alla Citroen uno che di chiama reno'?

NEXUS

tanto prendono fuoco lo stesso le tesla con LFP

lucas

Raga, se qualcuno è interessato vendo delle bighe, 50k cavalli esclusi. 3 anni di garanzia sui tarli.
Credo sia l'unica alternativa per molti.

lucas

Ho paura che sia una piattaforma fatta in economia, un po' come successe nel cambio della Yaris dalla piattaforma della prima versione a quella derivata dalla piattaforma sviluppata per i mercati emergenti, per gente che non sa cosa sia la meccanica né la qualità.
Ci sta proporre una elettrica economica (che poi economica non è) però temo che tutte le economie ricadano in maniera più pesante sulle versioni endotermiche (per esempio l'elettrica produce meno vibrazioni dal motore, la piattaforma sarà sviluppata per smorzare meno vibrazioni. Quando guidi l'elettrica è ok, ma la termica sarebbe una lavatrice).
Inoltre i costi di sviluppo dell'elettrico verranno spalmati anche sull endotermico.
Risultato: voglio sbagliarmi ma la versione a benzina potrebbe essere più cara della precedente e andare anche peggio.

Aristarco

Beh stiamo montando la linea in Polonia quindi direi di sì...

Frug

È immaginabile. Non ho dati.
Le LFP le fanno Bud e CATL (mi pare che per c3 abbiano parlato di CATL), non hai molta scelta e i volumi sono in continua crescita.
Per soddisfare più volumi immagino che serva più personale, più attrezzature, forse anche più siti produttivi: aumentare la produzione non è una cosa banale.
Naturalmente me lo immagino, ma non credo di sbagliare troppo.

Firebrand81

I tuoi discorsi potrebbero essere validi solo se supportati da dati concreti... hai per caso dati sui costi e le code di approvigionamento per le batterie LFP? Quali sono i fornitori di batterie LFP che Stellantis usa? A parte che in generale, più fornitori hai tra cui scegliere, e meno sei soggetto ai fenomeni a cui fai riferimento. Insomma, non è banale dire se effettivamente è un problema reale o solo immaginario.

Frug

E tuo cugggggino è morto dopo aver fatto il vaccino COVID?

Frug

Penso però che ci sia anche una domanda in forte crescita, non facile da soddisfare nel breve periodo: se tutti le vogliono, allora ti devi mettere in coda, ovviamente, non la puoi saltare, o forse la puoi saltare, ma se paghi di più, e allora torniamo punto e a capo.

Firebrand81

Più che altro, a fine 2023, Stellantis ha scoperto le batterie LFP: meglio tardi che mai.

teo

Il mio capo ha una Citroen c4 da 2 mesi di cui 1 e mezzo ferma in concessionaria per problemi elettrici e di cruscotto, e non stanno capendo niente

Giulk since 71' Reload

Basta non comprarla :)

R4gerino

Ti danno un trabicolo con funzionalità limitate al prezzo a cui fino a 4 anni fa si comprava una famigliare. E sembra quasi ti facciano un favore :D

Cpt. Obvious

Beh, non avrebbe senso fare la panda su una piattaforma più costosa come la 600, per l'appunto a marchio FIAT c'è già un crossover su quella piattaforma.
Al massimo possono pensare ad una punto (quindi non SUV) su small, ma la panda ha senso in una fascia di prezzo più bassa possibile.

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025

Auto

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

Auto

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Economia e mercato

PETRONAS, intervista a James Mark: il futuro parte da Torino