Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

GWM WEY 03: prova del SUV ibrido plug-in da 136 km elettrici | Video

12 Dicembre 2023 64

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Nel corso del 2024 arriverà in Italia la gamma di GWM, Great Wall Motors. GWM WEY 03 è solo uno dei modelli di questo lancio che prevede anche il fratello maggiore, GWM WEY 05, e il primo modello della gamma di auto elettriche del marchio, ORA 03.

CHI È GWM

Nel settembre 2021, a Monaco, Great Wall Motor aveva portato due marchi, WEY e ORA. WEY era un brand che realizzava SUV ibridi plug-in, ORA era un brand dedicato alle auto elettriche come ORA CAT (qui il video). Un paio di anni dopo, però, le cose sono cambiate. WEY e ORA non sono più brand a se stanti, ma modelli raccolti sotto l'unico marcio, GWM.

  • GWM WEY: SUV elettrici, al momento sono stati lanciati WEY 03 e WEY 05, entrambi ibridi plug-in (prima si chiamavano WEY COFFEE 01 e 02)
  • GWM ORA: gamma di auto elettriche, le prime ad arrivare saranno la ORA 03 (ex ORA CAT) e la ORA 07 (ex ORA LIGHTINING CAT).

Ma chi è Great Wall Motor? Nel mare dei produttori cinesi nati da pochi anni, GWM si distingue perché esiste da molto più tempo. Nata nel 1984, GWM ha iniziato ad esportare auto fuori dalla Cina nel 1997 e nel 2022 ha raggiunto una produzione mondiale di poco più di 1 milione di auto. Oggi il team europeo ha sede a Monaco.

Nel 2018 l'azienda ha acquistato il 40% di SVOLT, produttore di batterie senza cobalto che, a metà del 2024, aprirà il primo impianto per la produzione di moduli batterie e pacchi batterie in Germania. Entro un paio di anni, inoltre, SVOLT porterà in Europa anche la produzione delle celle (che per ora arrivano dalla Cina). Nel 2025, si ipotizza una produzione di 100 GWh di batterie: a quante auto equivalgono? Dipende dalla capacità della batteria di ogni singola auto, ma facendo una media si tratta di 2 milioni di auto con batteria da 50 kWh.

SVOLT è un fornitore di celle per diversi produttori cinesi, per Stellantis e ha realizzato le celle per le batterie della Mini elettrica

GWM ha in cantiere una piattaforma a 800 Volt e, nel 2025, lancerà un nuovo C SUV compatto e solamente elettrico all'interno della gamma ORA.

GWM WEY 03 E WEY 05

Nelle gamme auto, il numero 3 è associato solitamente al segmento C o D, a seconda delle scelte del produttore. GWM WEY lo utilizza per il segmento C creando un SUV che, però, si avvicina di più al segmento superiore visto che GWM WEY 03 arriva a 4,67 metri. La sua sorella maggiore si chiama invece GWM WEY 05 ed è più lunga di 20 cm, raggiungendo i quasi 4,9 metri.

Sotto la scocca batte un sistema ibrido plug-in: il benzina è un 2 litri turbo che da solo eroga 204 cv e 320 Nm e che può essere abbinato a uno o due motori elettrici, a seconda che scegliate la versione a 2 ruote motrici o quella a 4 ruote motrici, entrambe con batterie prodotte da SVOLT, una controllata del gruppo GWM che ha realizzato un accumulatore da ben 34 kWh che promette 136 km di autonomia in modalità solo elettrica.

Lungo 4,67 metri con un passo standard per il mondo endotermico, 2,74 metri e in linea con la categoria, GWM WEY 03 permette di ricaricare la batteria in corrente continua a 50 kW o a 11 kW in AC: dalle 3 ore e 20 in corrente alternata ai 38 minuti in DC all'80%.

  • 2WD: ibrido PHEV da 367 cv, 500 Nm (prezzo tra 45.000 e 50.000€), trazione anteriore, DCT a 9 rappori, 7,3 s per lo 0-100
  • 4WD: ibrido PHEV da 442 cv, 685 Nm, cambio a 9 rapporti DCT, 0-100 da 5,3 secondi e 230 km/h. Autonomia elettrica: 136 km.

Tra le caratteristiche di serie ci sono i cerchi in lega da 19" (20W sulla AWD), bagagliaio da 351 a 1.289 litri, Dentro un touch da quasi 15", altri due da 9" gestiti dal Qualcomm Snapdragon 8155. Fuori troviamo radar, ultrasuoni (12), telecamere a 360 e telecamera frontale gestiti dal software di Mobileye.

ADAS LVL 2 e telecamere sono di serie, sulla 05 c'è anche il cambio di corsia assistito in autostrada. il resto va negli optional, ad esempio il tetto panoramico, le luci laser, il pacchetto inverno (parabrezza, ugelli e volante riscaldati) sono opzionali ma solo se scegliete la Luxury

WEY 05 è molto simile alla sorella minore, ma con alcune differenze: l'abitacolo è più curato, l'estetica cambia in alcuni dettagli del frontale e del posteriore e l'unica motorizzazione disponibile è la 4WD con i due motori.

PROVA SU STRADA, PRIMO CONTATTO

GWM WEY può essere definito come un C SUV del segmento "mass market" che si posiziona però nella fascia più alta dello stesso in termini di potenza, finiture e dotazione. La guidabilità è nella media, per intenderci quella di un SUV che ha uno sterzo abbastanza preciso per la guida di tutti i giorni, ma mai affilato come un rasoio se vogliamo prestazioni sportive (non è una Formentor per intenderci). In assenza di sospensioni sofisticate e setup sportivi, l'auto subisce un po' di rollio in curva, nella media.

Allo stesso tempo, però, ha un motore sovradimensionato che è molto potente e prestazionale anche nella versione base (che tanto "base" non è visto che parte da 367 cv): sorpassi sempre in sicurezza e con coppia da vendere e ottime prestazioni per chi viaggia tanto in autostrada.

Con la versione a trazione integrale la dinamica di guida migliora, in curva si notano anche sull'asciutto i vantaggi di un 4x4 e, quando attiviamo la modalità EV, l'auto ha più autonomia (a parità di batteria) della versione a due ruote motrici perché usa il secondo motore elettrico che è direttamente collegato alle ruote posteriori.

Il primo contatto poi ha restituito una buona impressione su insonorizzazione e qualità degli assemblaggi in un abitacolo piacevole, mai estremo negli accostamenti cromatici e di materiali e comodo nella gestione degli spazi. Bene l'infotainment, fluido e con solo qualche problema di interfaccia dovuto alla localizzazione poiché i cinesi usano meno caratteri per "dire più cose" e, nella traduzione, gli spazi inizialmente pensati per i caratteri cinesi vanno ancora perfezionati per ospitare quelli occidentali. L'auto è comunque aggiornabile tramite OTA e connessa, e sarà facile risolvere tutto con un aggiornamento software.

PREZZI E USCITA

GWM deve ancora finalizzare i listini ma sappiamo con certezza che il prezzo di GWM WEY 03 sarà tra i 45.000€ e i 50.000€ per la versione a trazione anteriore. Chiaramente dipenderà tutto dal rapporto prezzo/dotazione finale. Per un confronto, sempre sui listini, la nuova Sportage PHEV parte da 47.400€, ma ha "solo" 265 cv un'autonomia elettrica di 65 km, la metà rispetto alla WEY.

Nulla, invece, è stato detto su GWM WEY 05 e su ORA 03, ma l'azienda ha già anticipato alcune informazioni sul post vendita e sull'assistenza.

Ma in Cina costa meno... frase spesso letta nei commenti. Il discorso dei prezzi cinesi va contestualizzato perché spesso le auto non sono le stesse. Per fare un esempio, la GWM 03, auto dove anche il motore e il cambio sono sviluppati in casa, in Cina non ha il 2 litri turbo benzina e non ha il DCT a 9 rapporti. Lì, infatti, il motore termico è un millecinque e il cambio non è così sofisticato, senza contare tutti i discorsi sulla sicurezza passiva e attiva e sugli ADAS, ormai obbligatori in Europa.

In Italia GWM avrà dei partner per quanto riguarda le officine: le trattative sono in corso e a breve verrà rivelata la rete. Inoltre il modello di vendita sarà quello delle concessionarie, non ci sarà un approccio esclusivamente online o con i pop-up store come fatto da altri concorrenti cinesi. Infine GWM ha in programma magazzini in Europa per i ricambi, così da non creare tempi di attesa biblici per i suoi clienti.

VIDEO


64

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Nicco Costa

E chi ha detto che era una media?
Io prendo sempre i peggiori :)

Mauro Corti (Sbabba)

Sí ma é Cortina, non fa certo media, siamo seri.

Mistizio

lo so che non si tratta di comprare, però penso che buona parte dell'utenza di quest'auto sarà data da leasing o nlt vantaggiosi rispetto a marche più blasonate. io non capivo perchè vedevo i suv lynk nella mia povera città del sud e poi ho scoperto che ti fanno il leasing a meno di 500euri al mese e senza anticipi di sorta. e costa di più rispetto a una tesla base (l'acquisto)

Mistizio

un bella cosa sarebbe assicurare il conducente (o la famiglia) così non devo pagare 2 assicurazioni se non posso guidare più di un'auto contemporaneamente

Fandandi

Immagino come non accetteresti ahaha

Davide

come lo pronunciano loro?
...a sto punto meglio continuare a chiamarli great wall

Ciccillo73

Orripilante! Uno Scania e' piu' elegante!

accakappa

Non lo dicevo perchè mi interessi lo swap, anche perchè potendo caricare a casa e poi vivendo in provincia di Monza di colonnine ad alta potenza si cominciano a vedere un pò ovunque.
Lo dicevo perchè leggendo alcune dichiarazioni di Nio si intuisce che vogliono sviluppare il mercato e infrastruttura di pari passo. Quindi in teoria se l'Italia non è terreno "fertile" per il loro business vien da se che passerà ancora tempo.
a meno che, ripeto, si accontentino di venderle senza infrastruttura anche se noleggi la batteria visto che ad ora se la compri non puoi effettuare lo swap ma se la noleggi si anche se poi nella tua vita non lo farai mai, a meno che non si avrà problemi con la batteria o per necessità di cambiamento di esigenze visto che puoi fare l'upgrade.

Scrofalo

Anche gli estremisti con tanto prosciutto sugli occhi ultimamente si fanno meno aggressivi

Nicco Costa

Eh no invece.
Precisamente 1370 euro per una famiglia con 2 figli a Cortina.
Prezzi di oggi.

pollopopo
Luigi Melita

Giocano una partita Europea e più lunga. È vero che nel 2024 il nuovo PE potrebbe cambiare le regole ma a me puzzano di proclami. L'Europa ha troppo interessi in Cina e ultimamente le "chiusure" sembrano solo a parole, guarda quanti marchi cinesi esistono già in Europa e quanti piani di fabbriche cinesi stanno spuntando in Europa per essere pronti ad aggirare dazi e ban. E la notizia di oggi di Huawei è solo l'ennesima goccia... insomma, la Cina è qui per restare e guarda al medio/lungo termine

Mauro Corti (Sbabba)

Nemmeno a Madonna di Campiglio arrivi a quelle cifre per una famiglia di 4 persone.
Hai un filo esagerato.

Nicco Costa

Solo i medi che vogliono andare a Cortina.
E c'è il tutto esaurito per Natale e Capodanno.

Mauro Corti (Sbabba)

Con 367 cv e 500 Nm fa 7,3 secondi sullo 0-100?!? Cosa pesa, 50 tonnellate?
Assurdo

Astar

Si certo… stessa storia e stesso blasone.

Astar

Andiamo… ma chi se le compra queste cinesate??

accakappa

Il problema è che Nio avendo la possibilità del noleggio batteria/swap deve far crescere non solo le concessionarie ma anche la sua infrastruttura. E visto il solo 4,5% di penetrazione del mercato italiano e la "reticenza" dei consumatori non penso che dedicherà denaro che poi non ritornerà indietro. A meno che non accetti di limitarsi alla sola vendita.

Lucasd

50k dovrebbero darli loro a me (e non accetterei comunque) per farmi vedere in giro co sti gabinetti su ruote. Il giorno che perderò la dignità per me stesso e per la bellezza del creato naturale e umano potrò forse accettare anche solo di toccare fisicamente questi oggetti. Per la guida o il possesso mi sa che non succederà mai

Luigi Melita

eh immaginavo, poi non è detto che non accelerino eh. Ricordo il primo evento internazionale (pubblicato qui a ottobre 2022) di BYD in cui avevano detto "iniziamo al Nord, per l'Italia vedremo"). Sembrava dovessimo aspettare secoli, poi a giugno 2023 hanno fatto il lancio italiano di Atto 3 accelerando sui piani iniziali e, da quel momento in poi, hanno messo il turbo presentando nel 2023 Dolphin e Seal anche in Italia (oltre a Han).

Insomma in un anno dal "boh, chissà, forse 2024" sono passati ad avere oggi 4 modelli sul sito, due di questi configurabili.

Luigi Melita

non ci crederai ma il tema della W e di come viene pronunciata è stato oggetto di chiacchierata con i responsabili cinesi a cena durante l'evento per spiegargli "biemmevu" e "givuemme"

BlackLagoon

mi sfugge perché dovrei andare a perdere tempo alle colonnine, oltre che pagare un botto, quando posso semplicemente collegare l’auto tutte le notti alla wallbox in garage?

ilariovs

Per le ferie ho il TD. La BEV la terrò per tutto il resto.
BEV per le ferie ci vorrà no batterie da 50$ a KWh e 250 WhXKg.

Simone

Esatto col phev serve il box, torni a casa e ti attacchi oppure cercare la colonnina ogni 1-4gg diventa pesante, soprattutto per poi doverla togliere magari dopo 30' o 2h. Però ci vai in ferie senza dover programmare fermate.

ilariovs

Io ho la wallbox. Ma il parcheggio è comune NON di proprietà.

Solo che col cavo da 5mt raggiungo 3 parcheggi e con 250 Km di autonomia reale ci faccio tranquillo 1 settimana.
In una settimana è impossibile che non capiti un uno dei tre parcheggi di fronte la colonnina.

Diverso sarebbe per un plug-in come la EHS da 50 Km WLTP in elettrico.
Quella dovrei caricarla tutti i gironi e questa sicurezza invece non l'avrei.

A me un BEV conviene perchè ho il FV.

Simone

In realtà l'ideale è per chi ha un box, dove carichi anche su rete domestica dato le batterie piccole, che alla colonnina si caricano troppo velocemente e un abbonamento non èdetto sia conveniente/fattibile, invece le bev vale la pena caricarle proprio alla colonnina (se non hai i pannelli) piuttosto che in garage.
Si sono care (e con loro le bev), ma come dico sempre, non sono per risparmiare, chi le acquista riduce smog e rumore in città e "finanzia" i costruttori per produrre veicoli sempre migliori e accessibili.

Tiwi

ma anche no

ilariovs

Io ti dico come vedo io la cosa.

Sarei l'utente ideale di una PHEV perchè NON ho un BOX ne un posto assegnato.

Quindi, teoricamente, sarei l'utente ideale.

Però già una EHS MG costa 33000, versione luxury incentivato.
Alla fine una MG4 ER 77KWh me ne costa 32250 e parliamo di 520Km WLTP alias 350 Km lasciando il 20% in batteria.

Oppure, più semplicemente, prendo una eC3 a 18900€ e mi tengo la 308 HDi per viaggiare.
Con 320 Km WLTP per giare in città e dintorni basta ed avanza. La diesel solo in extraurbano dove ti fa 20/22 Km a L senza problemi.

Le plugin in autostrada fra benzina e peso consumano un botto.

Simone

Da possessore di phev (B250e), ho scelto una "non suv" così da avere consumi validi, direi meglio di certe bev o ice suv di pari categoria, un bagagliaio ancora decente per la sua categoria e una buona autonomia elettrica per le mie esigenze.
Credo però che il migliore format per queste auto sia il range extender sulle bev, ma un piccolo generatore che gira costante non piace.

accakappa

Infatti mi riferivo al Nio ES6, molto interessante soprattutto per la tecnologia che si porta dietro. Beh pazienza, pero di questo passo altro che 2025.

esatto

Antonio Guacci

Di quell'articolo il passaggio cruciale, per me, è:

"Come se, dicono gli osservatori, gli early adopter, i consumatori che fanno le scelte di avanguardia, avessero già esaurito la spinta, mentre il grande pubblico si tiene a distanza".

Direi giustamente: servono elettriche che offrano la stessa fruibilità delle controparti endotermiche, allo stesso prezzo (quello pre-Covid, però: non il prezzo stragonfiato di oggi anche per le auto a scoppio).

Taiken50

Cosa c'è di difficile a dire GWM wey 03? Sei dislessico?

ilariovs

La plug-in nella teoria potrebbero essere una risposta ai limiti del termico e dell'elettrico.
Quando sono in città vado in elettrico, quando mi serve autonomia vado a benzina...

Purtroppo nella pratica costano parecchio, hanno spazi più ristretti (350l di bagagliaio un SegD), Consumano tanto sia in elettrico che a benzina e hanno la manutenzione di un benzina.

NO. A me piacerebbe, potrebbero dare al caso mio ma nella pratica è meglio avere un'utilitaria elettrica alla eC3 ed un TD per i viaggi.

ACTARUS

La triste e prevedibile realtà sta venendo a galla https://uploads.disquscdn.c...

roby

Ste cinesate sono fattr molto bene, molte aziende investono in BYD e altri marchi che ho guidato e sono anche meglio

roby

Practicamente hanno fatto una Lincoln all interno

RavishedBoy

Forse anche di più di due

Antsm90

Una persona media che spende 1400€ per soli 7 giorni di skipass? Boh, mi pare strano

Nicco Costa

Dai almeno essendo cinesi costeranno SICURAMENTE poco :D

Davide

come la gente dice BMW dirà anche GWM

T. P.

sembra una solida realtà

Luigi Melita

Ciao, penso che tu ti riferisca a Zeekr e NIO che hanno fatto anteprime stampa internazionali in concomitanza con il lancio in Europa: trattandosi di evento internazionale ne hanno approfittato per far conoscere il brand anche al pubblico italiano. Le altre, chi più, chi meno, sono tutte o disponibili in Italia (vedy BYD) o in arrivo entro massimo 1 anno (GWM). Ma in generale le anteprime internazionali (anche dei marchi europei) arrivano comunque spesso 6 mesi in anticipo rispetto al lancio in concessionaria. Le anteprime nazionali, invece, sono più a ridosso del lancio ;)

Aristarco

Il mondo automotive sta diventando come quello degli smartphone, ottomila modello dai nomi impronunciabili che si dimenticano dopo 2 ore...

Giulk since 71' Reload

Se sei povero non è colpa nostra è?

p.s. siamo in due xD

Giulk since 71' Reload

Si portano avanti per il futuro dove esisteranno solo auto cinesi :D

accakappa

Si ma molte cinesi che provate in Italia arriveranno solo tra qualche anno. non è gratificante però sentire e vedere prove di auto che potrebbero interessarti ma che non vedrai mai, o quasi mai...

Luigi Melita

https://media0.giphy.com/me...

Everything in its right place.

Sto dicendo che se voglio un auto di queste dimensioni, plug in con queste caratteristiche e prestazioni spendo di più a comprare altro.

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Volkswagen Passat, nuova con ibrido Plug-in da 100 km, ma anche diesel | Video

Volkswagen ID.3 (2023): prova su strada del restyling con software 3.5 | Video

Viaggio nella fabbrica di Brugola (OEB), le viti italiane fondamentali per il mondo auto