JUICE CHARGER me 3, la nuova wallbox Plug and Play per la casa o per il B2B

07 Settembre 2022 11

Juice Technology ha lanciato sul mercato una nuova evoluzione della wallbox JUICE CHARGER me, un prodotto semplice da utilizzare, compatto, Plug and Play e già pre-configurato, pensato sia per la casa e sia per il B2B. Un prodotto non solo per la casa ma che strizza l'occhio anche alle aziende o al mondo business (si pensi ai grandi parcheggi che vogliono offrire servizi di ricarica). Prima del lancio commerciale, la nuova JUICE CHARGER me 3 ha già ottenuto un importante riconoscimento. Infatti, è stata premiata con il Red Dot Award. La nuova wallbox è disponibile in versione base a partire da 1.199 euro (IVA inclusa). Scopriamo, adesso, le sue principali caratteristiche.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE

La nuova wallbox JUICE CHARGER me 3 è stata progettata per essere ancora più sicura. Infatti, grazie alla classe di protezione IP67, questo prodotto offre ora una tenuta totale alla polvere e ai liquidi che garantisce una maggiore durata nell’utilizzo all’aperto. L'azienda ha aggiornato anche il design della wallbox. Da evidenziare che il frontalino è intercambiabile, cosa che permette di adottare decorazioni personalizzate o di apporre il proprio marchio.

La sofisticata architettura dell’involucro con nuova box interna riduce il tempo di montaggio a meno di tre minuti, indipendentemente dal fatto che la linea di alimentazione sia a sbalzo o a incasso nel montaggio a parete o che il caricabatterie venga invece montato su colonnina. Tutte le linee di allacciamento, come i cavi di rete, di ricarica ed eventualmente il cavo Ethernet, restano sempre connesse con sistema antimanomissioni.

JUICE CHARGER me 3 supporta la ricarica monofase, bifase e trifase da 6A a 32A (monofase a 230V o trifase a 400V), con potenza fino a 22 kW. La versione standard di serie con una potenza erogata fino a 11 kW può erogare fino a 22 kW grazie a un apposito software. L'hardware, infatti, è già predisposto alla maggiore potenza. Questa wallbox per la ricarica in corrente alternata dispone di un cavo di Tipo 2.


Indipendentemente dalla versione, JUICE CHARGER me 3 può essere ordinata a scelta con un contatore (tarato) conforme a MID direttamente consultabile e, come opzione ulteriore, con un interruttore magnetotermico/differenziale integrato. In tal modo la corrente di carica viene fatturata con esattezza in base al consumo e l’apparecchio può essere integrato con facilità e in modo economico nei sistemi di distribuzione dell’energia elettrica. La comunicazione con il sistema backend JUICE EXO e gli aggiornamenti dell’apparecchio sono effettuati, a scelta, via “etere” tramite WLAN oppure con cavo via Ethernet.

Funzioni innovative quali l’avvio automatico del processo di carica tramite “Plug and Charge” (secondo ISO 15118) come alternativa all’attivazione mediante scheda RFID, oppure la funzione di gestione del carico fino a 250 unità, integrata di serie, rimangono disponibili anche nella nuova versione e rendono la wallbox confortevole, facilmente ampliabile e soprattutto a prova di futuro.

Christoph Erni, CEO e fondatore di Juice Technology, ha commentato così il lancio della nuova wallbox:

Questo apparecchio è intuitivo e a prova di elettricista. Abbiamo messo al lavoro cento installatori senza istruzioni e tutti l’hanno montato e messo in funzione in un batter d’occhio senza commettere errori. L’utilizzo è inequivocabile e la stazione non necessita di alcun genere di manutenzione. Tutto questo aumenta il piacere di utilizzo e consente di risparmiare sui costi.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
MisterTIC

Evitate le wallbox di Enel X come la peste, io ne ho avuto una bruttissima esperienza, difettosa dall'inizio (2019) e dal 2021 ha smesso di funzionare e nonostante numerose sollecitazioni di assistenza tecnica, mai nessun tecnico è venuto a casa per ripararla, l'altro giorno acquisto una nuova wallbox di un altra marca e me la cambio per conto mio.

Rick Deckard®

Beh ma cambi il terminale al massimo, la spina soltanto costerà 30€ al massimo, 50€ se ci sono speculazioni in corso..
Dovrebbero cambiare le leggi della fisica... E quello si che sarebbe un problema

ACTARUS

Anche questo è vero, sempre che dopo 10 anni non cambino sistema

Rick Deckard®

Però è una cosa tua, che ti rimane...

Rorro Rio!

Si sa nulla sull'agevolazione wallbox delll'80%?

ACTARUS
MatitaNera

Nel secondo non si dorme, anzi!

Davide10

Se non sbaglio il 2 partiva da 999€, giusto ?

LaVeraVerità

Magari non conoscono la differenza tra B&B e B2B

MatitaNera

Beh suona bene...

LaVeraVerità
pensato sia per la casa e sia per il B2B.

In questo contesto cosa c'entra il B2B?

Citroen C5 Aircross Plug-in Hybrid alla prova del pendolare: consumi e comfort

Polestar 2: prova su strada, l'elettrica che copia Tesla (e non è un male) | Video

Euro 7 ufficiale: lo stringente standard in vigore per le auto da luglio 2025

Auto elettrica fa rima con casa e indipendenza energetica | Un caffè con Silla