Accordo Enel e Federdistribuzione: mentre fai shopping ricarichi

24 Gennaio 2022 17

La nuova Global Business Line di Enel dedicata alla mobilità elettrica continua a portare avanti il lavoro di ampliare la rete di ricarica a disposizione degli utenti elettrici. Dopo l'accordo di roaming con A2A, l'azienda ha stretto un'importante intesa con Federdistribuzione, l'associazione che rappresenta le aziende del settore della distribuzione nei settori alimentari e non alimentari.

Come spiega bene Federico Caleno, Responsabile Italia della Global Business Line di Enel dedicata alla mobilità elettrica, si tratta di una partnership strategica visto che l'obiettivo è quello di arrivare a predisporre dei punti di ricarica presso i moltissimi negozi che fanno parte dell'associazione, per favorire la diffusione della mobilità elettrica.

UN GRANDE POTENZIALE

Con una rete di 15.600 punti vendita e un’offerta di parcheggi auto che spazia da diverse centinaia fino ad arrivare a 3 mila posti per le strutture di grandi dimensioni, le aziende associate a Federdistribuzione possono contare su un potenziale di oltre 500 mila posteggi disponibili. L'accordo ha dunque potenzialità davvero molto grandi visto che Enel potrà creare una vasta infrastruttura sfruttando questi spazi che soddisferà le esigenze dei clienti che si recheranno nei punti vendita, installando colonnine di diverse potenze. Inoltre, immaginando un futuro in cui saranno presenti solo auto elettriche, si parla di un potenziale di mezzo milione di punti di ricarica anche se bisognerà vedere come evolverà la gestione della rete locale per supportare il carico delle vetture collegate.

Anche se non sono stati forniti particolari piani dell'infrastruttura che sarà realizzate presso questi punti vendita, per Enel sarà dunque possibile ampliare in maniera importante la sua rete di ricarica, rendendola molto più capillare.

Attraverso l’accordo con Federdistribuzione puntiamo ad ampliare ulteriormente nei prossimi anni la nostra rete che conta più di 14 mila punti di ricarica su tutto il territorio nazionale.

In futuro, dunque, quando un utente elettrico andrà a fare shopping presso i negozi di Federdistribuzione potrà contestualmente ricaricare la sua vettura. Per fare la spesa e fare il pieno di energia ci si potrà recare presso A&O Supermercati, Bennet, Cadoro, Carrefour, Despar, Esselunga, Etruria Retail, Famila, IN's Mercato, Ipermercati Iper, Italmark, Lidl, MARR, COOP Master Alleanza 3.0, Oasi - Tigre Magazzini Gabrielli, Pam, Pam Panorama, Penny Market, Prix, SELEX, Sidis, Superconti Supermercati Terni, Supermercati Unes e Gruppo VéGé. Per approfittare dello shopping per ricaricare si potrà andare nei negozi Brico, Bricoman, Brico Io, C&A, Coin, Conbipel, Conforma, Douglas, Ikea, JYSK, Kasanova, Max&Co, Maxi Zoo, MaxMara, METRO, OVS, OBI, Percassi, La Rinascente e Zara.

Non rimane che attendere i primi frutti di questa collaborazione. Alberto Frausin, Presidente di Federdistribuzione, ha commentato in questo modo tale importante intesa con Enel:

Pensiamo che la mobilità sostenibile sarà davvero una realtà quando entrerà nella quotidianità delle persone. 60 milioni di clienti, nonché cittadini, che entrano ogni settimana nei nostri punti vendita potranno contare sempre più nella disponibilità di punti di ricarica, fondamentali per contribuire a questa grande transizione verso i veicoli elettrici. Grazie alla tecnologia di Enel e alla nostra rete di negozi, possiamo puntare alla creazione di una vera e propria dorsale di stazioni di ricarica lungo tutta la Penisola. Questo accordo risponde, inoltre, a una precisa esigenza di impegno condiviso nella transizione energetica, in linea con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: occorre dare forma concreta a progetti secondo le direttrici tracciate dal piano, che ha bisogno di diventare realtà.


17

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ACTARUS

In Italia si azzuffano anche per un normale parcheggio..

Funz

Quello che succede a Oslo succede anche da noi, con ritardo di anni e aggiunta di cialtroneria italica, ma succede.

Ele00

Macché gratis... In Italia non deve esistere il "gratis". C'è gente che si piazza ore e ore a ricaricare anche se non necessitano, e soprattutto senza nemmeno entrare nei negozi. Lo dico per esperienza. C'è chi la piazza alla mattina, va a lavorare e la riprende alla sera. La Lidl qui dalle mie parti ora la stacca alla sera e la riattacca in tarda mattinata, e dopo un tot di tempo il tizio della sicurezza va a staccare le auto che sono in carica da troppo tempo... Nel mondo ci sono sempre gli scrocconi che perdono pomeriggi interi in cerca di caricare gratis. Avere un'auto elettrica non ti dà il diritto caricare a scrocco. Le ricariche si pagano come si paga il pieno di benzina! Se gratis non funzionerà mai perché, come in piscina, c'è sempre quello che si piazza alla mattina presto e se ne va alla sera...personalmente gli taglierei i cavi. E lo dico da possessore di ev.
E poi... Se uno ha speso 30k per un'elettrica, non sta dirmi che ti mancano i 10 euro per ricaricarla...

ACTARUS
Funz

Mah. Tanto FUD, come al solito.
Qui siamo ancora ben lontani, si trova quasi sempre un posto libero, se no si passa alla prossima colonnina. Anche in posti turistici, in un anno non mi è mai capitato di non riuscire a ricaricare il mio PHEV.
Quanto al sovraccarico della rete, saranno Enel e Terna a dimensionare l'offerta in base alla domanda crescente. Evidentemente a Oslo qualcuno non ha fatto bene i compiti, probabilmente non si aspettavano nemmeno loro un boom così rapido.
Comunque quando prenderà piede il vehicle-to-grid questi problemi si ridurranno e di parecchio.
E a mala parata, in caso di rissa potremo usare i cavi di ricarica come fruste o per strangolare i prepotenti :p

nonècosì

se non lo dicono vuol dire che hanno fatto solo un accordo per installare le colonnine

nickmot

In un futuro non troppo lontano, basterà l'ampia presenza di colonnine ad attirare la clientela.
Certo, non con le attuali 2 o 3...

Andrea Lunigiana

Non credo proprio. Gli accordi riguardano costi di istallazione agevolati in cambio di posti auto, normalmente 3, all'interno dei parcheggi. Al momento le tariffe Enel X sono le stesse che trovi in giro.

ACTARUS

Meditate gente...meditate

Sono sempre maggiori i casi in cui le auto si mettono letteralmente in coda presso le colonnine come ai vecchi tempi si faceva (e si fa ancora) dai benzinai che offrono i prezzi più bassi. .
Quando lo spazio scende al di sotto della soglia di comfort, in tutte le attività della vita si diventa nervosi. Infatti vengono segnalati in numero crescente casi in cui pure nella civilissima Norvegia la gente comincia a litigare davanti alle colonnine. E quando vedono uno che arriva con l’ibrida plug-in, spesso e volentieri volano parole grosse, perché in quel caso potrebbe anche andare a benzina, invece di occupare uno slot prezioso. I segnali stanno diventando preoccupanti soprattutto ad Oslo
nella capitale scandinava cominciano ad esserci anche problemi di sovraccarico della rete elettrica cittadina, proprio a causa dei collegamenti delle auto elettriche, le quali comportano sempre un certo stress ai contatori. La Norvegia viene sempre citata come esempio da seguire per avviare una diffusione di massa della mobilità elettrica. Allora prepariamoci anche a sostenere risse violente davanti alle colonnine.

R_mzz

https://uploads.disquscdn.c...

an-cic

Probabilmente l'accordo riguarda proprio questo... Enel mette per primo il cappello su un bacino di 500.000 potenziali clienti in cambio di tariffe agevolate agli esercenti che così possono offrire la ricarica gratuita a prezzi modesti

acitre

Ovvio.

Gv83

Anche Esselunga e altri..ma pagano Esselunga e Lidl..non federconsumatori o Enel

R_mzz

Anche alcuni supermercati Pam e Aldi offrono ricariche gratuite.

ADM90

Ricarica gratis? Ricarica gratis spendendo 5 euro in negozio? Con il costi energetici che stanno aumentando dubito

acitre

Sarà il futuro per attirare la clientela. Lidl mi pare già lo faccia.

Gv83

Ricarica gratis durante lo shopping?

MiMo 2022: i numeri e le nostre interviste al pubblico | Video

Mercedes EQE 350+, ora facciamo sul serio e Tesla può iniziare a tremare | Video

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video

Mercedes Classe C All-Terrain: ibrida-diesel da viaggio. Versatile, ma non SUV | Video