Enel, accordo con A2A: arriva l'interoperabilità tra le due reti di ricarica

19 Gennaio 2022 2

La nuova global business line di Enel dedicata alla mobilità elettrica si mette già in evidenza annunciando un importante accordo con A2A. Nello specifico, grazie a tale intesa, i clienti dei servizi di e-mobility di Enel e A2A potranno accedere alla rete di circa 15 mila punti di ricarica delle due aziende su tutto il territorio nazionale. Grazie all'accordo di interoperabilità, gli utenti che utilizzano l'app JuicePass di Enel potranno individuare ed utilizzare le colonnine di A2A. Viceversa, tutti coloro che usano l'app E-moving di A2A potranno sfruttarla anche per fare un pieno di energia sui punti di ricarica di Enel.

Entrambe le aziende mettono a disposizione dei loro utenti elettrici caricatori Quick da 22 kW, Fast fino a 50 kW e gli High Power Charger con potenze fino a 350 kW. Per la nuova global business line di Enel che si occupa di mobilità elettrica, questo accordo punta all'obiettivo di offrire agli utenti elettrici un'esperienza migliore per la ricarica delle loro auto elettriche. Attraverso una sola app, dunque, sarà possibile accedere a diversi network per la ricarica semplificando la gestione del pieno di energia.


Questo accordo di interoperabilità si aggiunge a quello annunciato non troppo tempo fa tra Enel X e Be Charge. Si ricorda che la nuova global business line di Enel era stata svelata lo scorso mese di novembre 2021 al momento della presentazione del Piano Strategico 2022-2024 del Gruppo Enel. Oltre alla gestione dei punti di ricarica pubblici e privati per veicoli elettrici, questa nuova società si occuperà pure della promozione e sviluppo di progetti e servizi per la diffusione dell’e-mobility nei Paesi in cui il Gruppo Enel opera.

Sul nuovo accordo di interoperabilità con A2A, Elisabetta Ripa, Responsabile della Global Business Line di Enel dedicata alla mobilità elettrica, ha commentato:

L’accordo con A2A dimostra come grazie alla collaborazione tra i vari operatori sia possibile ampliare la disponibilità di infrastrutture di ricarica per auto elettriche. La capillarità delle colonnine, la semplificazione e la velocità delle operazioni di ricarica sono i driver principali del processo di diffusione della mobilità elettrica che vogliamo continuare a guidare in Italia e nel Mondo sviluppando le migliori soluzioni per fare il pieno di energia ai veicoli elettrici in ambito pubblico e nel privato.

Fabio Pressi, Amministratore Delegato di A2A E-Mobility, ha aggiunto:

Sostenere l'elettrificazione dei consumi, rendendo disponibili infrastrutture e servizi al cliente, è uno dei punti cardine della strategia di A2A, in linea con il piano industriale al 2030. Il contributo che può dare lo sviluppo della mobilità elettrica alla sfida della decarbonizzazione è di grande importanza e l’accordo siglato con Enel va in questa direzione. L’interoperabilità delle reti di ricarica è infatti un fattore chiave per supportare concretamente la diffusione dell’e-mobility, in questo modo il sistema garantisce maggiore flessibilità e copertura sul territorio, rendendo fruibili le nostre colonnine a un maggior numero di utenti e potenziando i servizi offerti.


2

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
R_mzz

Chi è già abbonato può continuare ad usare la flat (almeno fino a comunicazione da A2A).
A quanto pare chi ha la flat può caricare gratis anche su EnelX.

Alessandro Peter

Manca l’informazione più importante: gli abbonamenti flat A2A varranno anche rete EnelX ?

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video

MiMo 2022: i numeri e le nostre interviste al pubblico | Video

Mercedes EQE 350+, ora facciamo sul serio e Tesla può iniziare a tremare | Video

Mazda CX-60: prova (su strada) di maturità per il SUV PHEV da 60 km elettrici | Video