Pnrr: arrivano 300 milioni di euro per lo sviluppo della filiera degli autobus elettrici

30 Novembre 2021 60

Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha firmato due decreti che attuano il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) a favore di un trasporto pubblico più green. Sono dunque stati stanziati 300 milioni di euro per lo sviluppo della filiera degli autobus elettrici e 200 milioni di euro a Trenitalia per l'acquisto di treni elettrici o a idrogeno per il Sud. Vediamo i principali dettagli di queste novità.

TRASPORTI PIÙ SOSTENIBILI

Per quanto riguarda lo sviluppo della filiera green degli autobus, la cifra stanziata riguarda il periodo 2021-2026. I 300 milioni di euro saranno utilizzati, spiega il ministero, per sostenere la realizzazione di circa 45 progetti di trasformazione industriale per la produzione di autobus non inquinanti. Più nello specifico, 250 milioni saranno utilizzati per nuovi progetti. La restante parte, invece, per quelli già in essere.

Il 40% della cifra stanziata sarà destinata al finanziamento di progetti che coinvolgono le regioni meridionali e cioè Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Il ministero spiega anche che gli investimenti programmati devono essere completati in tempo utile per garantire l’attivazione della produzione di autobus ecologici e delle relative componenti entro il 30 giugno 2026.

Favorire lo sviluppo della filiera produttiva nazionale di autobus non inquinanti avvia un processo di trasformazione industriale di cui l’Italia ha urgente bisogno, anche perché nei prossimi anni, grazie alla norma che prevede il graduale divieto di circolazione dei van e degli autobus euro 1, 2 e 3 entro il 2023 e al nuovo fondo pluriennale per la mobilità sostenibile inserito nel ddl della Legge di bilancio, intendiamo accelerare il ricambio dei mezzi esistenti per migliorare la qualità dell’aria nelle aree urbane. Grazie alle risorse del Pnrr possiamo recuperare il tempo perduto per far sì che l’industria del nostro Paese possa agganciare il nuovo paradigma della mobilità sostenibile e sia in grado di soddisfare la crescente domanda di mezzi ecologici per il trasporto pubblico.

TRENI ELETTRICI E A IDROGENO

Ci sono poi 200 milioni di euro assegnati a Trenitalia che serviranno per acquistare treni elettrici o ad idrogeno che andranno a sostituire quelli obsoleti ed inquinanti. Nello specifico, 60 milioni saranno utilizzati per l'acquisto di 7 treni bimodali per i collegamenti intercity Reggio Calabria-Taranto e 140 milioni di euro per l’acquisto di 70 carrozze per i servizi intercity notte da e per la Sicilia. I nuovi treni bimodali dovranno essere messi a disposizione entro il 31 dicembre del 2024, mentre le nuove carrozze entro il 30 giugno del 2026.

Il miglioramento dei servizi ferroviari nelle regioni del Sud è un tassello fondamentale dell'impegno del Ministero per il rilancio del Mezzogiorno, per incentivare le persone a fare un uso minore dell’auto privata e utilizzare il treno negli spostamenti di media e lunga percorrenza, contribuendo alla transizione ecologica. Il nostro impegno non è rivolto soltanto all’alta velocità ferroviaria. I nuovi treni di ultima generazione, a emissioni zero, impiegati nelle tratte a media e lunga percorrenza miglioreranno la qualità anche dei servizi intercity, che hanno un costo del biglietto più contenuto e sono utilizzati per gli spostamenti quotidiani da studenti e lavoratori.


60

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
BerlusconiFica

Lecce

BerlusconiFica

i filobus all'improvviso non vanno piú bene

Alex

chi se li papperà stavolta?

NaXter24R

Con la TAV si. Con altri treni non è detto. Oh io sarò sfortunato, ma nel 2019 a dicembre andai a Milano in treno, ed in quel caso un accettabilissimo 10m di ritardo (frecciabianca o argento non ricordo).
Nel 2018 ebbi la felicissima idea di andare a Malpensa come ti dicevo in treno "così non parcheggio la macchina". Mii sto maledicendo ancora adesso. Partenza alle 7.25 di mattina, arrivo Milano previsto per le 9.10. Frecciabianca.
Son arrivato alle 9.30, ed il treno partiva già in ritardo eh. Ho dovuto correre per prendere quello di trenord che doveva partire ai 25, ma era in ritardo e son riuscito a prenderlo. Vabè, arrivo previsto a Malpensa alle 10:16, son arrivato alle 10:40.
9.90+13€ per ora, e dici, vabè ho risparmiato dai.
Il ritorno due settimane dopo: trenord sempre in ritardo (memore della volta precedente non avevo fatto il biglietto in modo da decidere sul posto).
Anche in questo caso 1h e 10 per arrivare a Milano Centrale da Malpensa. 13€.
Poi l'altro frecciabianca o argento non ricordo, 35 bombe, 1h e 50 per arrivare. Anche in questo caso era in ritardo dalla partenza ed ha recuperato, ritardo netto di 10m.
Totale:23+35+13=71€, ed hanno pure tentato di ciularmi il resto alla macchinetta dei biglietti. E tieni presente le 12h di volo prima.
Da li, ho deciso che il treno non lo prendo in Italia a meno che non sia la TAV.

Migliorate Apple music

La tav viene ancora bloccata dalla gente del posto come molte altre grandi opere.
Non ho mai detto che al Nord vada tutto bene, ma se devo andare a Bologna non ci metto 5 ore, se devo andare a Milano non mi devo perdere mezza giornata, se devo andare a Roma ce ne metto 3 di ore.

NaXter24R

Si, però non dobbiamo fare sti paragoni. Io corro più veloce di un bimbo di 5 anni, ma non sono Bolt.
La TAV la abbiamo fatta e la stiamo facendo bene, sarebbe ora di guardare anche il resto.
Poi si, al sud la situazione è decisamente peggiore, ma non dobbiamo commettere l'errore di pensare che al nord vada tutto bene perchè non è così

Migliorate Apple music
NaXter24R

Non è la Sicilia, è quello che c'è sotto a Roma, e non che le tratte regionali del nord siano meglio. L'ultima volta che ho preso un aereo da Malpensa partendo da Milano centrale, il treno aveva mezz'ora di ritardo, e mi è costato "solo" 13€

R_mzz

Quindi nella tua città i filobus sono belli ed efficienti?
https://uploads.disquscdn.c...
Non renderti ridicolo.

R_mzz

Decine di amministrazioni comunali italiane combattono per dismettere le linee filobus, ci sarà un motivo.

R_mzz

Le linee per i filobus sono estremamente costose da costruire e da mantenere, inoltre sono le eccessivamente invasive dal punto di vista estetico.
Non c’è da stupirsi se in decine di comuni italiani si parla di dismissione delle linee filobus.

L’elettricità proviene dalla rete elettrica in entrambi i casi.
In entrambi i casi è possibile utilizzare energia da fonti rinnovabili.
È molto più semplice ed economico installare delle stazioni di ricarica nel deposito dei mezzi.

Migliorate Apple music

Sono 300 milioni non 30 miliardi, si parla di scale di investimento che se va bene faranno acquistare meno di un migliaio di bus (sempre se non avranno costi più alti di quelli normali)
Per dire da me compreranno 50 nuovi bus e pagheranno 14 milioni di euro, 300 milioni sono una frazione di quello che bisognerebbe spendere per spingere questi tipi di mezzi.
L’aspettò visivo è importante anche perché i centri storici diventano quello che tendenzialmente non si vorrebbe, ma vabbè non è che i filobus sono soltanto li.
In secondo luogo se si toglie l’elettrificazione di tutte le strade di tutte le città italiane (e mi pare una cosa abbastanza impossibile) i filobus puoi usarli soltanto su tratte prestabilite, dentro i confini cittadini e senza dare flessibilità al sistema di di trasporto cittadino.

Migliorate Apple music

Ripeto che c’entra l’Italia? La Sicilia non è l’Italia, ma una regione che evidentemente in tutti questi anni non è riuscita a creare un buon sistema ferroviario

Ennio

La Jonica è la linea Taranto-Reggio Calabria

NaXter24R

Si appunto. Cito l'Italia perchè se ne parla appunto nell'articolo, di che paese avrei dovuto parlare scusa? Te l'ho detto, da buon italiano, io non mi fido per niente degli italiani

NaXter24R

E dire che sarebbero le cose che darebbero comunque tanto lavoro oltre che tanto favore da parte delle persone.

NaXter24R

Il rischio di avere uno del territorio però c'è. A me sta bene responsabilizzarli, ma serve anche che ci siano controlli continui altrimenti sulla fiducia e basta non si va da nessuna parte

Vae Victis

Bisogna responsabilizzare gli amministratori locali.
Considerando che un decennio fa la Sicilia aveva un governatore affiliato alla mafia, oggi è già migliorata. Potrebbe migliorare ancora di più se l'opinione pubblica facesse un po' pressione.
I commissari super partes non funzionano perché non sono mai responsabili di nulla.

flagor

ma infatti alcune città europee(esempio amsterdam) hanno sia uno che l'altro. tram a filo(i miei preferiti, comodi, abbastanza silenziosi e capienti, con corsia loro dedicata), bus a filo(non amsterdam, che io sappia) , bus normali misti urbani/interurbani,treni per connettere punti lontani tipo areoporto/stazione centrale, metropolitane,. puntare tutto su una tecnologia secondo me è un rischio. quali sarebbero i limiti della tecnologia (a prescindere dall'aspetto visivo)? come vengono alimentati i filobus/tram?

Vae Victis

Al Sud purtroppo propongono solo cattedrali nel deserto, come un inutile ponte a Messina. Proporre acquedotti, depuratori, strade, porti e ferrovie non porta voti.

Vae Victis

Te la addebitano direttamente sulla bolletta di casa. Inutile stare a fare complicazioni con i biglietti.

Chicco Bentivoglio

Tu sei terribile!

Vae Victis

Su fronte dei trasporti pubblici erano molto forti i sovietici. Un altro settore in cui erano forti era il teleriscaldamento, che ora gli stiamo copiando.
Tutto il resto faceva schifo ma alcune cose buone le avevano anche i sovietici.

flagor

non sono in grado di capire come mai sono economicamente insostenibili, potrebbero spiegarlo magari, io penso che per lo meno siamo in grado riusare le linee che ci sono già e vedere come va. l'energia si crea a monte e si immette nelle linee e volendo si possono creare parchi solari che immettono energia di giorno per rientrare negli obbiettivi "green", mentre di sera/notte si usa la rete pubblica . forse le vecchie linee funzionavano con centrali a gas/carbone e non va bene per i canoni odierni.

Vae Victis

In Emilia Romgana ormai stanno elettrificando tutte le linee ferroviarie (intendo quelle regionali, le ferrovie dello stato sono tutte elettriche da decenni).
Non so esattamente cosa sia la ionica ma penso che prima o poi la elettrificheranno.

Vae Victis

E' arrivato il venditore di batterie...

Vae Victis

Si, è nettamente più economico.
Infatti i filobus ci sono ovunque e si stanno costruendo anche molte linee di Tram.

Vae Victis

Nelle città padane i filobus si usano molto, così come nel resto d'Europa. Il tutto tenendo i bilanci comunali perfettamente in regola.
Lecce è una città africana, se tu pensi di ergerla ad esempio fai pure, io spero che nella mia città si prendano come esempio i migliori, non i peggiori.

Vae Victis

Io ne vedo molti in tante le città. Anche nuovi.
Ovviamente coprono solo le direttrici principali, non le viuzze periferiche.

giovanni

A Roma il comune è talmente squattrinato che verranno riesumati pare vecchi tram elettrici degli anni quaranta e cinquanta, ripristineranno la vecchia gloriosa Circolare Rossa.

R_mzz

È oggettivamente terribile.
https://uploads.disquscdn.c... https://uploads.disquscdn.c...

R_mzz

Proprie fare decine di esempi:
https://uploads.disquscdn.c...
“Una delle maggiori problematiche è rappresentata dal filobus, la più grande e costosa infrastruttura cittadina per la mobilità (23 milioni di euro spesi ad oggi), sulla quale era prevista, per raggiungere l’equilibrio economico, una frequentazione di circa 13 mila passeggeri al giorno e sulla quale, invece, si contano circa 650 persone/giorno. Il filobus produce purtroppo ogni anno perdite ingenti a carico delle casse comunali.”

Ed è da considerare anche il terribile impatto estetico delle linee.

Chicco Bentivoglio

Ma la finisci di dire fesserie su ogni articolo?

flagor

ah si, scemi all'estero, grandi capitali europee , che li usano ancora oggi( e spaccano l'orologio per quanto sono puntuali)

Migliorate Apple music

Che c'entra l'Italia adesso? Ripeto se serve un commissario straordinario ogni qual volta che bisogna fare una mezza infrastruttura siete veramente messi male

Migliorate Apple music

Non prenderei spunto dall'unione sovietica per la mobilità sinceramente.
Guarda se vuoi te lo dico dato che credi di aver scoperto l'acqua calda, abito in una città che ha chilometri e chilometri di filobus nel centro storico/dintorni e i limiti della tecnologia si vedono tutti. Non è una cosa che puoi fare su tutte le linee e gli autobus normali li devi comunque comprare in qualsiasi caso che siano a metano o eletrici

R_mzz

“facevano tanto schifo?”
Sì, fanno tanto schifo e sono estremamente costosi.
In diversi comuni si parla di dismissione di linee filobus poiché troppo onerose da mantenere.

R_mzz

Esattamente il contrario.
Basta filobus, sono terribili dal punto di vista estetico, hanno un’infrastruttura estremamente costosa (specialmente su tratte poco frequentate) e sono odiati dai residenti.
Meglio puntare su dei semplici autobus elettrici.

Oogway

Spendere soldi per il Sud equivale a buttarli nel cesso. Arrangiatevi.

R4gerino

Shhh, non dirlo a nessuno. Poi magari un domani qualche genio inventa il filobus wireless, sotterrando i cavi, dimezzando l'efficienza.

flagor

Ma i vecchi autobus con filo, SENZA BATTERIA(che inquina ) , facevano tanto schifo? Siamo fortissimi a complicare le cose semplici.

R4gerino

L'unione sovietica aveva la mobilità elettrica 80 anni fa, con filobus su brevi tratte extraurbane. Infilare grosse batterie ovunque non è sempre la soluzione migliore.

R4gerino

Ho visto diverse città con filobus e/o tram. E' molto meno tragica di come la descrivi, anzi.

Perche dovresti cambiare le tratte? Ho frequentato università a Bologna, e ci vado da 15 anni. Le linee rimangono più o meno quelle.

Oltre al fatto che i filobus in genere hanno un piccolo motore/batteria per percorrere piccole tratte fuori dalla linea.

Fare autobus con grosse batterie che costano un sacco ed inquinano altrettanto da produrre, sicuramente è meno ecologico che fare dei filobus o tram.

NaXter24R

Italia. Io che sono italiano, non mi fiderei di un italiano nemmeno sotto tortura. "buonsenso degli italiani" per me è un ossimoro.
Gli italiani sono bravissimi quando fanno le cose da controllati, guarda le aziende private che vanno. Ma vanno controllati, e sinceramente dopo decenni di fiducia e gli stessi risultati, penso sia giunto il momento di dire basta con gli sprechi.

Antsm90

Insomma... A parte che devi tirare le linee in buona parte della città, ma oltre ad essere un pugno in un occhio poi dovresti investire nuovamente ogni volta che vuoi cambiare le tratte...
Con le batterie invece hai autobus che vanno ovunque senza toccare nulla

Migliorate Apple music

Se per fare delle ferrovie serve un commissario super partes siete messi molto male.

NaXter24R

Non mi pare abbia funzionato negli ultimi anni. Ste cose vanno fatte seguire da commissari superpartes

Ennio

Se non finiscono di elettrificare la Jonica dubito servano a qualcosa i treni elettrici..

Migliorate Apple music

credo che siano molto meno flessibili come autobus e più usarli soltanto in città in quelle specifiche linee.

Capisco che c'è la moda di fare anceh i c3ssi a batteria, ma almeno un'po di buon senso dalle amministrazioni..

Le amministrazioni fanno bene ad andare sulla mobilità elettrica

Torpilla

Ottimo, altri passi in avanti

Auto elettriche 2022: modelli in commercio e in uscita in Italia, prezzi e autonomia

Recensione Volkswagen ID.4 GTX: sportività "elettrizzante"

Italia, stop alla vendita delle auto endotermiche nel 2035

Arrival Van: furgone elettrico che cambia tutto. Tesla dei veicoli commerciali? | Video